Ominide 36 punti

I carboidrati


Le categorie biologicamente più importanti dei carboidrati sono quattro:
    monosaccaridi: sono molecole di piccole dimensioni che contengono da 7 a 3 atomi di carbonio (un esempio è il glucosio);

    disaccaridi: sono formati da due monosaccaridi tenuti insieme da un legame covalente;

    oligosaccaridi: essi contengono da tre a venti monosaccaridi;

    polisaccaridi: sono polimeri di grandi dimensioni, formati da centinaia o migliaia di monosaccaridi (es. amido e cellulosa).

I carboidrati svolgono quattro compiti principali:

    sono la fonte principale di energia delle cellule;
    sono impiegati per accumulare energia di riserva;
    forniscono scheletri carboniosi che possono essere riorganizzati in nuove molecole;
    sono i materiali strutturali per il sostegno e il rivestimento delle cellule.

I monosaccaridiI


i monosaccaridi (o zuccheri semplici) sono prodotti da organismi autotrofi attraverso la fotosintesi; gli organismi eterotrofi (es gli animali) assumono direttamente o indirettamente tali molecole dalle piante.

I monosaccaridi hanno:

    -una catena carboniosa che contiene da 3 a 7 atomi di carbonio;
    -un atomo di carbonio porta il gruppo carbonillico (C=O);
    -tutti gli altri atomi di carbonio portano un gruppo ossidrillico (-OH).

Alcuni monosaccaridi sono isomeri strutturali con lo stesso tipo e numero di atomi, ma disposti in modo diverso: gli esosi contengono sei atomi di carbonio e hanno tutti la stessa formula, C6H12O6, e il più diffuso è il glucosio. Le cellule demoliscono il glucosio attraverso la respirazione cellulare, che liberano l'energia contenuta nella molecola producendo acqua e diossido di carbonio.
Poi vi sono i pentosi che sono zuccheri a 5 atomi di carbonio. Due di essi, il ribosio e desossiribosio sono componenti fondamentali degli acidi nucleici (RNA e DNA). Non sono isometri perchè nel desossiribosio si è perso un atomo di ossigeno dal carbonio 2.


I legami glicosidici


Disaccaridi, oligosaccaridi e polisaccaridi derivano tutti da monosaccaridi che sono uniti attraverso legami covalenti detti legami glicosidici;
un singolo legame glicosidico tra due monosaccaridi forma un disaccaride.
Gli oligosaccaridi contengono monosaccaridi legati in vari punti sempre da legami glicosidici e comprendono un numero elevato di molecole di vario tipo.


I polisaccaridi


Sono polimeri di grandi dimensioni, costituiti da centinaia di monosaccaridi collegati da legami glicosidici. I polisaccaridi più diffusi sono:
    amido: comprende una famiglia di molecole grandi e ramificate che si accumulano sotto forma di granuli nelle cellule. Gli amidi sono utilizzati come riserva energetica delle piante;

    glicogeno: viene utilizzato come riserva energetica, contenuto nel fegato e nei muscoli, degli animali;

    cellulosa: polisaccaride del glucosio, le sue molecole sono meno ramificate e si uniscono mediante legami a idrogeno formando fibre lunghe e sottili, molto rigide.

Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email