Video appunto: Universo


In questo appunto viene descritto l'universo, che viene descritto come composto da tutti i suoi elementi principali. L’universo può essere definito come l’insieme di tutto ciò che esiste, ed è formato da: stelle, galassie, pianeti, materia, energia, purtroppo però alla vista ad occhio nudo, senza l’uso di specifici strumenti uno dei quali è il telescopio, appare solo una piccola parte.
Sempre in questo appunto si descrivono le stelle, le galassie, la via lattea, l'origine dell'universo, il Big Bang, con alcune curiosità all'interno.

Indice
Le stelle
Le galassie
La distribuzione delle galassie
La Via Lattea
Il Big Bang
Alcune curiosità

Le stelle



Nell'universo ci sono per esempio le stelle.


  • Le stelle sono dei corpi celesti formati da gas, come idrogeno ed elio che sono legati dall’attrazione gravitazione. la loro caratteristica principale è la loro luminosità Esse hanno luce propria ed energia che producono attraverso delle reazioni termonucleari.

  • Le stelle sono molto distanti dalla Terra e, e ai nostri occhi possono sembrare dei punti luminosi circondati da un debole alone.

  • Lo spazio presente all’interno delle stelle è spesso formato da ammassi di gas densi detti nebulose interstellari.

  • La formazione di una stella avviene quando i gas cominciano a coagulare e la nube collassa. Le stelle visibili dall’uomo ad occhio nudo fanno parte della Via Lattea.



Le galassie



Ecco le galassie che fanno parte dell'universo:


  • Le galassie corrispondono a dei sistemi costituiti da stelle, pianeti, polveri e gas , sempre legati dalla forza di gravità. Le dimensioni delle galassie sono variabili e dipendono dal numero di stelle presenti che sono molto distanti tra loro e sono distanziate da gas e polveri. solamente 3 galassie nell’Universo sono visibili senza l’uso di strumenti ovvero le due Nubi di Magellano e la Galassia di Andromeda

  • Esse vengono suddivise secondo la forma che assumono;

  • galassie ellittiche sferiche e costituite da stelle più vecchie e hanno un colore tendente al rosso.

  • galassie a spirale caratterizzate da una grande luce centrale e hanno nella parte più interna le stelle vecchie mentre in quella esterna quelle giovani con la forma di disco e dei bracci con la forma di spirale dove nascono le stelle, esse costituiscono la maggior parte delle galassie presentii nell’universo e la loro colorazione tende dal blu al rosso
    galassie irregolari.

  • Le galassie irregolari sono quelle a cui manca una forma definita e sono formate da stelle giovani, nubi e polveri di gas in notevoli quantità.



La distribuzione delle galassie




  1. La distribuzione delle galassie sulla non è casuale e in alcuni può capitare la presenza di ammassi in cui esse sono più presenti.

  2. La Via Lattea, ad esempio, fa parte di un piccolo ammasso.



La Via Lattea



Nell'universo è presente anche la Via Lattea. definizione generale dell'universo con ricerca


  • La Via Lattea fu scoperta da Galileo Galilei con l’ausilio del telescopio (fatto proprio da Galileo), con il quale ha potuto notare la forma piatta e il gran numero di stelle. inoltre è possibile anche osservarla ad occhio nudo La Via Lattea, famosa per via delle sue grandi dimensioni ed è compresa nella categoria delle galassie a spirale. nella zona centrale presenta un grande rigonfiamento con una forma che è il motivo dell’emissione dei raggi x e delle onde.

  • La Via Lattea è composta anche da un disco dal quale prendono forma i diversi bracci a spirale e intorno al quale si può ben notare un alone quasi sferico, composto per di più da stelle “vecchie” e da ammassi.

  • Nel 2012 gli astronomi hanno scoperto una galassia molto simile alla Via Lattea chiamata NGC 1073, caratterizzata da due piccole galassie satelliti che le orbitano intorno, esattamente come le Nubi di Magellano intorno alla Via Lattea.



Il Big Bang




  1. Molto spesso abbiamo sentito parlare del Big bang che secondo molti diede origine all’universo attraverso una forte e violenta esplosione dell’atomo primordiale che sarebbe una sfera piccolissima con una altissima densità ed un elevata temperatura.

  2. Il primo ad utilizzare tale terminologia fu G.Gamow, ovvero un fisico russo che sosteneva che l'universo originariamente fosse particolarmente denso e caldo e che si fosse raffreddato dopo la famosa esplosione del Big Bang, la quale aveva portato all’aggregazione di particelle di materia, alla formazione di nuclei, stelle e galassie, e l’inizio della sua evoluzione.

  3. L’Universo secondo questa teoria dell’esplosione del Big Bang ebbe origine circa 20 miliardi di anni fa, iniziò tutto con la separazione delle quattro forze fondamentali (nucleare forte e debole, gravitazionale ed elettromagnetica) e la formazione di protoni, elettroni e neutroni. L’abbassamento della temperatura avrebbe portato ad una conseguente formazione dei nuclei di elio, di quelli di deuterio e degli gli atomi.

  4. A. A. Penzias e R. Woodrow come prova dell’esistenza dell’esplosione del Big Bang captarono una radiazione nel 1965 , la quale consisteva nell’insieme di radiazioni elettromagnetiche che provenivano dai diversi punti dell’Universo, che loro identificarono come un residuo “fossile” che era rimasto dell’esplosione iniziale.

  5. In questa fase l’Universo continuava a raffreddarsi e ad espandersi, creando le giuste condizioni per la formazione di galassie e stelle.



Alcune curiosità




  • Nel 2012 gli astronomi hanno scoperto una galassia molto simile alla Via Lattea chiamata NGC 1073, caratterizzata da due piccole galassie satelliti che le orbitano intorno, esattamente come le Nubi di Magellano intorno alla Via Lattea.

  • “Cannibalismo galattico”: secondo cui le galassie possono “mangiarsi” tra di loro come per esempio succede con Andromeda che si trova vicino alla Via Lattea.



A cura di Giulia.