Giorgjo di Giorgjo
VIP 1228 punti

Canzoniere

La più grande opera di Saba è ovviamente il Canzoniere: esso mutua il nome dalla raccolta di Heinrich Einn che si fonda sull’Io proiettato in una dimensione crepuscolare. Il Canzoniere raggruppa tutte le poesie di Saba e racconta 50 anni della sua vita in 3 volumi che a loro volta si dividono in sezioni. La dimensione spazio-temporale non è lineare ed oggettiva, essendo un tempo discontinuo che guarda al passato e che è legato alle sensazioni provate dal poeta. Alcuni temi della poesia di Saba sono legati ai titoli delle sezioni del Canzoniere: tra queste ricordiamo “casa e campagna”, il titolo di una delle sezioni più importanti del primo volume (composto tra il 1909 e il 1910) che contiene la poesia “Una Capra”. Il secondo volume (composto tra il 1921 e il 1932) comprende 8 sezioni: di queste fanno parte la poesia “A mia moglie” e “L’uomo” la poesia più lunga del Canzoniere che è costituita da più di 800 versi. E’ inoltre presente la sezione “Il piccolo Berto” composta da 16 poesie in cui il tema è il colloquio tra il grande Umberto ed il piccolo Umberto Poli, che cerca un’infanzia che non ha mai avuto. Il terzo volume (composto tra il 1933 e il 1954) è costituito da 9 sezioni e viene definito da Saba come il libro che apre una strana primavera. Torna il tema dell’adolescenza e sono presenti metafore ed analogie. Di questo volume famosa è la poesia “Amai”. Nella sezione “1944” abbiamo l’apertura al campo politico, e tra le poesie di questa sezione è presente “Il teatro degli artigianelli” dove si rievoca la manifestazione dei cittadini per la liberazione dai nazifascisti.

Hai bisogno di aiuto in Umberto Saba?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email