Tutor 48116 punti

Testo poesia Signora Rima di Moretti, dalla raccolta di poesie Il giardino dei frutti, 1915


Signora Rima, qual fiore
aprendo i petali lisci
fiorì come tu fiorisci
in fondo a un verso d’amore?

quale farfalla che vola
scende su rosa o giaggiolo
come tu fermi il tuo volo
sulla più dolce parola?

Tu cadi sulle mie carte
come perline in un vaso
più per un semplice caso
che per capriccio o per arte.


Non più regina, su lidi
sempre più scialbi e più tristi,
or solo dama tu acquisti
nuove ingerenze, e sorridi.

Anzi, tu ridi. E ancor più
faceta sembri se tronca
quasi che l’esser tu monca
fosse una gaia virtù;

e anche ridi se sdrucciola
ti snodi, allunghi e poi scivoli
con certa grazia di rivoli,
con certo fare di cucciola.

Talor ti senti men pura
e ti ribelli e non sai
se l’assonanza sia mai
della tua stessa natura;

ma poi più forte ti senti
per quei tuoi modi più rozzi
poiché vi avverti i singhiozzi
e le aritmìe delle genti;

vi trovi i motti superbi
e l’umiltà dell’amore,
le angosce del peccatore
e le bugie dei proverbi.


Ridi, e non dici di no
a una parola d’addio.
Ridi e non sai. Forse anch’io,
bella Signora, non so.



Parafrasi Signora Rima


Signora rima qual è il fiore che
aprendo i petali lisci 
fiorì nello stesso modo in cui tu 
compari alla fine di un verso d’amore?

qual è la farfalla che vola
e scende su una rosa o su un iris 
nello stesso modo in cui tu 
ti soffermi sulle parole più dolci [dei versi]?

Tu capiti sui miei componimenti
come fanno le perline in un vaso
più per un semplice caso
che per un dispetto o per arte. 


Non sei più la regina, in testi poetici 
sempre più spenti e poveri, 
sei solo una comparsa  
he si conquista degli spazi, e sorridi. 

Anzi tu “ridi” e sembri ancora 
più buffa se abbreviata 
quasi come se il tuo essere incompleta
fosse una lieta qualità; 

e anche “ridi” se cadi su una parola sdrucciola
ti articoli, allunghi e poi scorri
con una certa grazia simile a quella dei ruscelli,
con un certo fare di cucciola.  


Talvolta ti senti meno pura
e ti ribelli a questa cosa e non sai
se l'assonanza (poetica) può essere 
paragonata a una rima vera e propria.

ma poi comprendi di essere [così] più vitale
a causa del tuo stile più grossolano
in quanto ne capti i sussulti
e la mancanza di ritmo espressi dai poeti.

vi trovi le parole aristocratiche 
e la semplicità dell’amore, 
le angosce del peccatore
e le menzogne tipiche dei proverbi. 

“Ridi” e non sai dire di no
a una parola tipica d’addio. 
Ridi e non ne sei a conoscenza. Forse anche io,
bella Rima, non ne sono a conoscenza.

A cura di Giorgia, con affinamento testuale di Suzy90.

Vita ed Opere di Marino Moretti
La prima pioggia di Marino Moretti, parafrasi
Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email