Video appunto: Italo Calvino

Biografia di Italo Calvino



Italo Calvino nacque a Santiago de Las Vegas de La Habana, Cuba, nel 1923. Poco dopo la sua nascita, la sua famiglia tornò nella loro nativa Italia. Calvino è cresciuto nella fattoria di famiglia a Sanremo mentre il padre insegnava all’Università di Torino. La vegetazione lussureggiante dell'area di Sanremo e la conoscenza della flora locale da parte sua, si riflettono in molti scritti del poeta.

Dopo la scuola preparatoria, Calvino si iscrisse alla Facoltà di Scienze dell'Università di Torino ma poco dopo Calvino ricevette l'ordine di arruolarsi nell'esercito italiano. Fuggì prontamente sulle colline e si unì alla resistenza. Durante i due anni in cui la Germania occupò l'Italia (1943-1945), Calvino visse come partigiano nei boschi della regione delle Alpi Marittime combattendo sia i fascisti tedeschi che quelli italiani.
Alla fine della guerra, nel 1945, Calvino si unì al Partito Comunista. Tornò anche all'università però alla facoltà di lettere. Ha iniziato a scrivere per giornali e riviste di sinistra. Calvino iniziò anche a registrare le sue esperienze di guerra in storie che alla fine divennero il suo acclamato primo romanzo, “Il sentiero dei nidi di ragno”(1947). Qui ha rivelato la guerra vista attraverso gli occhi di un giovane soldato innocente.Considerato membro della scuola di neo-realismo, Calvino fu incoraggiato a scrivere un altro romanzo in questa tradizione dai suoi amici letterari, in particolare gli scrittori Natalia Ginzburg e Cesare Pavese. Lo hanno anche invitato a unirsi allo staff della loro nuova casa editrice, Einaudi. Ha accettato ed è rimasto affiliato con Einaudi per tutta la vita.

vita ed opere di Italo Calvino

La sua attività letteraria



Tuttavia, i prossimi libri di Calvino furono molto diversi. Ne “Il visconte dimezzato” (1952) Calvino raffigura un soldato diviso in due da una palla di cannone durante una crociata. Le sue due metà tornano a recitare ruoli opposti nel suo villaggio natale. Ne “ Il Cavaliere inesistente” (1959) racconta in dettaglio le avventure di un'armatura occupata dalla volontà di un cavaliere altrimenti incorporeo. E ne “Il barone rampante” (1957) racconta la saga di un ragazzo che, ribellandosi all'autorità di suo padre, trascorre il resto della sua vita vivendo tra i rami di una foresta. Tutte e tre le opere, ambientate in tempi remoti, si basano su fantasia, favola e commedia per illuminare la vita moderna.
A metà degli anni '50 Calvino trascorse gran parte del suo tempo a Roma, il centro letterario e politico della vita italiana. Si dimise dal Partito Comunista, stanco di scrivere volantini per periodici comunisti Con il passare degli anni, Calvino divenne sempre più scettico nei confronti della politica.
La pubblicazione de “I racconti” nel 1956 fu molto importante per garantire la reputazione di Calvino. Egli compilò una raccolta completa e autorevole di 200 racconti popolari di tutte le regioni e dialetti d'Italia.
Nel 1959 Calvino visitò l'America per sei mesi e nei primi anni '60 si trasferì a Parigi. Lì incontrò Chichita Singer, una donna argentina e si sposarono nel 1964 da cui più avanti ebbero una figlia che chiamarono Giovana.Nella sua scrittura Calvino ha continuato a cercare nuove forme per soddisfare le realtà ignorate dalla maggior parte degli scrittori. Nel fumetto ha trovato l'ispirazione sia per “ti con zero” (1967) che per “Cosmicomiche” (1968). In questi pezzi, che ricordano la fantascienza, un essere simile a un blob di nome Qfwfq narra le origini astronomiche del cosmo e lo sviluppo della specie nel corso dei millenni.
Negli anni 70 pubblicò “Le città invisibili” 1972), la storia del viaggio di Marco Polo da Venezia a Cathay, comprese le descrizioni di molte città di fantasia; “Il castello dei destini incrociati” (1973), organizzato attorno alle immagini di tarocchi medievali.
Calvino tornò a Roma nel 1980. Durante questi anni Calvino visitò di nuovo gli Stati Uniti. Nel 1975 divenne membro onorario dell'American Academy and Institute of Arts and Letters; nel 1980 Folktales italiani fu incluso nella Notable Booklist dell'American Library Association; nel 1984 gli è stato conferito un titolo onorario dal Mount Holyoke College; e nel 1985 avrebbe tenuto le conferenze Norton ad Harvard. Tuttavia, Calvino morì nel 1985 a Siena a causa di un'emorragia cerebrale.
Italo Calvino ha ridefinito le forme letterarie e così facendo ha dato nuova vita al romanzo, alla favola e al racconto popolare.

A cura di Anny.

per approfondimenti vedi anche:
Vita ed Opere di Italo Calvino