Postita di Postita
Ominide 13 punti

Si può iniziare lo studio del pensiero di Machiavelli dalla sua celebre frase "L'uomo può governare metà della sua vita, il resto lo governa il fato".
Il fato, è appunto, sinonimo di fortuna, inteso come potere superiore incontrollabile che influenza la vita dell'uomo in modo sia positivo che negativo.
La novità in questo concetto è evidenziata nella prima parte della frase, in cui si spiega come l'uomo abbia un controllo (anche se limitato) della sua vita. Questo concetto si collega infatti alla nuova concezione dell'epoca: l'antropocentrismo; ovvero il ritenere l'uomo protagonista della propria vita.
Questione quindi importante per l'essere umano , è quella di sapere gestire il potere dl lui posseduto.
Nella descrizione del Principe, Machiavelli racconta di come l'unico scopo per un governatore sia quello di mantenere lo stato in piedi (ed evitarne perciò la "ruina")
Per fare questo, è necessario fare prima un'analisi del contesto nel quale ci si trova (realtà effettuale) per poi decidere i mezzi per raggiungere la propria finalità (il fine giustifica i mezzi).

Il Principe, e allo stesso momento l'uomo, deve quindi essere leone e volpe, forte e astuto. Deve infatti saper comportarsi come la situazione lo richiede, anche nel caso in cui debba adottare un atteggiamento malvagio.
Peggior caratteristica è dunque quella di usare sempre le stesse metodologie, indipendentemente dalla situazione in cui ci si trova.

Hai bisogno di aiuto in Vita e opere di Machiavelli?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove