Ominide 2487 punti

S'i' fosse foco, arderei 'l mondo - Parafrasi e Commento


Parafrasi

Se io fossi fuoco, brucerei il mondo;
Se io fossi vento, scatenerei la tempesta su di esso;
Se io fossi acqua, lo farei sprofondare;
Se io fossi papa, sarei contento di mettere i cristiani nei guai;
Se io fossi imperatore, taglierei la testa a tutti;
Se io fossi morte, andrei da mio padre,
il contrario se io fossi vita;
e nello stesso modo con mia madre
Se io fossi Cecco
prenderei soltanto le donne giovani e belle;
e le brutte le lascerei.


Commento

La poesia è contestualizzata nel periodo tra il 1200 e il 1300, l'autore è Cecco Angiolieri e fa parte della corrente poetica comica. Questa poesia è un sonetto organizzato in due quartine e due terzine. In questa poesia è arrabiato col mondo, ha un potere distruttivo; "Se fosse";"Sarebbe"; sarebbe la cattiveria, la punizione, la nemesi. Questa poesia viene da recitarla ogni volta che subiamo ingiustizie, ogni volta che veniamo traditi. E' un grido di disperazione e di rivolta, ma anche una richiesta d'aiuto, di dolore, di solitudine, di disperazione, è l'ultimo grido per dire: Ho bisogno d'amore!

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità