Ominide 1149 punti

La Scuola siculo-toscana

“I siculo-toscani” sono tutti i poeti che operano in Toscana,verso la metà del duecento,chiamati così perché , pur essendo toscani essi riprendono alcune caratteristiche dei modelli siciliani. Anche se alcuni studiosi hanno proposto di definirli “toscano-siculi”,per evidenziare che pur essendosi ispirati a quei modelli,hanno tentato di distanziarsi con una certa innovazione,dando via a caratteristiche proprie.
I temi e lo stile di questi componimenti sono stati influenzati dalla situazione geopolitica dell’epoca: alla corte di Federico II si sostituiscono le città toscane e alla magna curia un municipalismo.Al tema dell’amore se ne aggiungono altri come l’espressione della nuova coscienza cittadina, che a volte assume un ruolo prevalente.Tra i rappresentanti più importanti della scuola siculo-toscana ci sono Bonagiunta Orbicciani, Guittone d’Arezzo, ma anche Chiaro Davanzati,Monte Andrea e la poetessa Compiuta Donzella.
Nelle poesie siciliane, le forme lessicali toscane ritrovate nei manoscritti sono state introdotte dai copisti e “convivono” con le forme siciliane e meridionali.Invece nelle poesie siculo-toscane i tratti siciliani sono stati scelti intenzionalmente, rifacendosi alla tradizione.Infatti il lessico meridionale( come i sicilianismi)è molto importante nella poesia siculo-toscana.La lingua di questi dunque è composta sia da quella siciliana,sia da quella toscana,che convivono senza difficoltà, poi a tutto ciò si aggiunge anche la matrice provenzale e latina. In questo modo i poeti hanno avuto una
più ampia scelta lessicale a disposizione, ponendo anche le basi di quel che sarà l’italiano poetico del trecento con Petrarca.

Bonagiunta Orbicciani

Bonagiunta Orbicciani è vissuto circa tra il 1220 e il 1290 a Lucca e dai pochi documenti risalenti a esso si presume facesse l’attività di giudice e notaio. Di Bonagiunta abbiamo 38 componimenti tra cui canzoni,sonetti e ballate, riprendenti lo stile della produzione siciliana e inoltre,intorno a lui fiorisce anche una piccola scuola legata ai siciliani.Tra i suoi sonetti, uno dei più importanti è: “voi,ch’avete mutata la mainera”.
Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email