Habilis 2507 punti

Giovanni Verga - La poetica

Verga nacque a Catania nel 1840 e morì sempre a Catania nel 1922. Le sua scrittura è fondata su ciò che ha visto e vissuto: Garibaldi, il passaggio dalla monarchia borbonica ai Savoia, l’emigrazione dei meridionali. Quando si trasferì a Milano, capì che doveva far parte degli scapigliati. Le prime opere le scrisse a Catania e a Firenze dal 1869 al 1872. Le tematiche erano risorgimentali, storicistiche. Egli scrisse anche due opere: “I carbonari della montagna”, in cui descriveva le guerre d’indipendenza e “Sulle lagune”, in cui analizza la Prima guerra d’indipendenza. A Firenze Verga si avvicinò alla letteratura rusticana, ovvero alle condizioni del meridione. Egli ha scritto “Una peccatrice” e “Storia di una capinera”. Verga abbatteva quello che divideva lo scrittore e il personaggio. I romanzi milanesi erano: “Eros”, “Tigre reale”, ed “Eva”. Si trattava di romanzi scapigliati, dove egli criticava la società borghese; essi raccontavano le vicende di un giovane meridionale che si trsferì al nord, venendo rovinato però da una donna fatale. Verga nel 1874 scrisse “Nedda” (raccoglitrice di olive) che fu il primo testo verista.

Nel 1878 scrisse “Rosso Malpelo”. Nel 1880 Verga pubblicò i "Malavoglia". Per Verga la storia doveva sembrare essersi scritta da sola (il narratore si eclissa); il narratore doveva essere impersonale; vi era la regressione (il narratore regredisce come al tempo dei personaggi). Il narratore descriveva i personaggi come se li conoscesse tutti, ma non sarebbe dovuto essere onnisciente. L’autore diventava così una voce popolare. Inoltre in Verga vi era lo straniamento, ovvero il rendere strano ad esempio un luogo in cui il personaggio vive. Era pessimista e per lui la vita era una lotta per la vita. Se l’uomo vinceva, distruggeva la natura e cosi si era costretti a perdere. Secondo Verga, la letteratura non poteva aiutare. Nel 1881 pubblicò il romanzo intitolato il “Ciclo dei Vinti”, dove vi erano: "I Malavoglia", "Mastro Don Gesualdo", "La duchessa di Leyra", "L’onorevole Scipioni", "L’uomo di lusso". In questo ciclo Verga mise in risalto i Vinti, ovvero i meridionali che furono vinti dalle fiumare del progresso, le industrie.

Hai bisogno di aiuto in Giovanni Verga?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove