Ominide 7283 punti

Il Bolide, Canti di Castelvecchio – Giovanni Pascoli

“Il bolide” è un componimento poetico, scritto dal poeta Giovanni Pascoli e contenuto in Canti di Castelvecchio.
“Canti di Castelvecchio” è una raccolta di poesie, è una continuazione ideale di Myricae: è la
ripresa della poetica delle piccole cose ma caratterizzata da un maggiore approfondimento e sviluppo tematico, in particolare per quanto riguarda la tematica del mistero della natura,
Nella prima parte del componimento poetico, Pascoli medita in maniera morbosa sulla sue disgrazie personali. In particolare, rievoca un episodio avvenuto quando aveva 20 anni, il paesaggio, infatti, è quello in cui è avvenuto l’assassinio del padre.
Il poeta è da solo, l’unica presenza è quella del fumo RioSalto (utilizza uno dietro l’alto l’imperfetto

latineggiante “udiva” in tono solenne e il normale “udivo” ritorna alla normalità). Egli sente solo il
gracidare delle rane.
Quando allora aveva 20 anni, il poeta pensava che anche lui sarebbe morto in un agguato come il padre. Solo, a notte fonda, passeggiava lento con la paura che tra i cespugli si nascondesse qualcuno che vuole ucciderlo. S’immagina addirittura i pensieri dell’assassino.
Pascoli continua la sua fantasia: ci sarebbe stato uno scoppio, uno schianto e lui ora sarebbe da
solo sulla strada a rantolare. Ma non sarebbe solo; lì vicino vi è infatti un cimitero che definisce
“fioca lampada di vita” - per lui sembra proprio là la vita, poiché vi è la madre, la sua famiglia, che
lo porterebbero con loro.
Mentre pensavo a tutto ciò e già sentiva un bisbiglio truce e uno scoppio preceduto da un lampo,
ecco che all’improvviso (rapidità conferita da un susseguirsi di verbi) un globo d’oro, che per poco
illumina il paesaggio.
Quello che prima gli sembrava appartenesse alla Terra, ora capisce che è immerso nel cielo -
l’apparizione del bolide gli fa capire che la Terra fa parte del cielo ed egli afferma di camminare su
un corpo celeste tra gli altri corpi celesti. Per la prima volta non vi è contrapposizione tra Terra e
cielo: vi è un grande spazio in cui si trovano la Terra e gli altri corpi celesti.

Hai bisogno di aiuto in Giovanni Pascoli?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: come si fa il saggio breve? La guida completa