Ominide 4479 punti

Tradizione e modernità

▪ Ariosto è considerato un classico soprattutto per la propria capacità di rappresentazione armonica di una realtà complessa. Nella sua opera egli diventa una sorta di creatore di dubbi grazie alla propria capacità di avvicinare la realtà e le sue potenzialità. Ariosto realizza una nuova forma letteraria,questo avviene soprattutto grazie alla continua alternanza tra lo studio dei modelli e la sperimentazione di forme e intonazioni nuove. Questo è un atteggiamento tipico dell’Umanesimo che tende ad assorbire le forme espressive classiche e a riplasmarle.
▪I Carmina latini sono le poesie giovanili che Ariosto assorbe nella propria scrittura,soprattutto nel Furioso. Essi trattano temi contemporanei spesso attraverso allegorie.
▪Le rime volgari trattano il tema amoroso e Ariosto si ispira alle scelte metriche e linguistiche di Petrarca,ma cerca di acquistare comunque una propria autonomia. Con la “medietà” sostituisce a un amore tormentato il senso concreto dell’esistenza.

▪Nelle Satire,scritte dal 1517 al 1525 è riscontrabile un atteggiamento umanistico affiancato dall'ironia. Ariosto inventa la satira volgare,rappresentando il proprio rapporto critico con la realtà attuale.
▪Inoltre rinnova le forme classiche e quelle romanze soprattutto nelle Commedie,le quali saranno molto importanti per la storia del teatro poichè contribuiscono alla rinascita cinquecentesca della commedia classica.
Nel Furioso
L'Orlando Furioso è l'opera alla quale Ariosto lavora per circa 30 anni. Le satire del poema presentano un'io autobiografico dedito all'indagine interiore,in contrapposizione alla scrittura in terza persona del poema. L'Obizzeide è il primo esempio di poema cavalleresco di Ariosto,abbandonato realizzato su dei pilastri che sosterranno il Furioso.

Hai bisogno di aiuto in Vita e opere di Ariosto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email