Ominide 281 punti

Tipologie di bar


Esistono moltissimi tipi di bar, tra cui:
- i bar tradizionali, come i bar caffe, i bar gelaterie e i bar pasticcerie;
- i bar specializzati, come i wine bar o i pub;
- i bar di intrattenimento, come gli American bar;
- i bar a tema, come gli Internet bar.
I bar di tendenza che si sono affermati nel corso degli anni sono:
- Auto café, cioè locali che hanno gli arredi, i colori e le luci in sintonia con le automobili di una casa automobilistica;
- Beach bar, cioè i bar di ritrovo sulla spiaggia;
- Buddha bar, un locale che mette insieme bar, ristorante e night club, con uno stile esclusivo e curato con atmosfere orientali.
Propone ambientazione, cucina e musica etniche e orientali;
- Full enjoy bar, che fornisce servizi a fascia oraria, cioè per ogni momento della giornata;
- Happy hour bar, specializzato nel servizio di aperitivi;
- Lounge bar, cioè un elegante bar con musica dal vivo e che offre cocktails, vini e stuzzichini;
- Microbirreria, cioè un locale che produce birra e che può essere consumata nel locale stesso e in accompagnamento alle birre offre stuzzichini, panini e piatti freddi;
- Sushi bar, locale specializzato in preparazioni a base di pesce crudo, tipiche della cucina giapponese;
- Snack bar, locale specializzato in snacks da consumare velocemente;
- Tapas bar, locale specializzato nell’offerta di piccoli stuzzichini per accompagnare un bicchiere di vino o di birra prima di cena;
- Tea room, che offre un servizio di tè e pasticceria in un ambiente rilassante.

Nuove tendenze ristorative!

Food Service: il servizio ristorativo proposto è integrato ad attività commerciali per intrattenere la clientela o attirarne di nuova. Queste attività sono limitate all’orario di apertura del negozio.
Food Court: sono le aree ristorative situate all’interno dei centri commerciali.
Vending: la vendita di prodotti alimentari preconfezionati e bevande attraverso la distribuzione automatica.

Organizzazione aziendale!

Nelle aziende medio-piccole a conduzione familiare il modello organizzativo è monofunzionale, cioè tutte le funzioni sono svolte da una o poche persone. Nelle aziende di dimensione medio-grandi invece gli operatori vengono selezionati in base alle loro conoscenze e alle loro competenze. Un buon professionista deve avere un insieme ben equilibrato di conoscenze basate su:
- il sapere, cioè deve avere una buona cultura generale di base;
- il saper fare, cioè deve avere le giuste competenze e saperle utilizzare in modo adeguato.
Il numero degli operatori addetti allo svolgimento dei diversi compiti varia in base a:
- la dimensione dell’azienda;
- la tipologia dell’azienda.
Le nuove figure professionali sono:
- l’assistente di sala che si occupa delle prenotazioni e di tutte le comunicazioni con il cliente, dell’accoglienza del cliente e li accompagna al tavolo;
- il bar manager che si occupa delle pianificazione degli eventi;
- il catering manager che si occupa dell’intera organizzazione di un evento di cui conosce i cibi, gli abbinamenti e di cura la logistica, gli allestimenti e la comunicazione;
- lo chef tecnologo che si occupa della preparazione delle derrate alimentari e garantisce la qualità e la genuinità degli alimenti;
- l’executive chef che supervisiona, organizza, dirige e controlla il lavoro di tutta la cucina;
- il wedding planner che si occupa di organizzare matrimoni;
- il wine manager che è responsabile della cantina, degli abbinamenti e dell’acquisto dei vini.
Hai bisogno di aiuto in Sala Bar?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email