Traduzione dal Latino all'Italiano di Satyricon, Petronio

Versioni di latino e traduzione dell'opera Satyricon, scritta in prosimetro dall'autore Petronio Arbitro e di cui ci è pervenuto un testo lacunoso.Il Satyricon, come suggerisce il titolo, è un testo comico-satirico di contenuto licenzioso. L'opera è caratterizzata da un forte realismo nella narrazione delle vicissitudini dei protagonisti: Encolpio, Gitone e Ascilto. Il Satyricon è un "pastiche" di generi letterari e di stili di scrittura. L'autore ricorre nella narrazione a un latino che si può definire "popolare" e a un lessico contenente volgarismi.

Ordina risultati per:

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 27

Nos interim vestiti errare coepimus, immo iocari magis et circulis accedere, cum subito videmus senem calvum, tunica vestitum russea, inter pueros capillatos ludentem pil...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 28

Longum erat singula excipere. Itaque intravimus balneum, et sudore calfacti momento temporis ad frigidam eximus. Iam Trimalchio unguento perfusus tergebatur, non linteis,...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 88

Erectus his sermonibus consulere prudentiorem coepi aetates tabularum et quaedam argumenta mihi obscura simulque causam desidiae praesentis excutere, cum pulcherrimae art...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 1

Num alio genere furiarum declamatores inquietantur, qui declamant: “Haec vulnera pro libertate pubblica excepi, hunc oculus pro vobis impendi: date mihi ducem, qui...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 37

Non potui amplius quicquam gustare, sed conversus ad eum, ut quam plurima exciperem, longe accersere fabulas coepi sciscitarique, quae esset mulier illa, quae huc atque i...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 115 - ( sezioni 9 - 10)

[...]“Hunc forsitan - proclamo - in aliqua parte terrarum secura exspectat uxor,forsitan ignarus tempestatis filius, aut patrem utique reliquit aliquem, cui profici...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 139 - (sezione 2)

“Non solum me numen et implacabile fatum
persequitur, Prius Inachia Tirynthius ira
exagitatus onus caeli tulit, ante profanus
Laomedon,gemini satiavit n...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 115 - (sezioni 17 - 19)

“At enim fluctibus obruto non contingit sepultura: tanquam intersit, periturum corpus quae ratio consumat, ignis an fluctus an mora! Quicquid feceris, omnia haec eo...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 116 - (sezioni 4 - 9)

“o mi – inquit – hospites, si negotiatores estis,mutate propositum aliudque vitae praesidium quaerite.Sin autem urbanioris notae homines sustinetis semp...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 31 - Cena a casa di Trimalcione

Tandem ergo discubuimus pueris Alexandrinis aquam in manus nivatam infundentibus aliisque insequentibus ad pedes ac paronychia cum ingenti subtilitate tollentibus. Ac ne...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 83 - La pinanoteca e l'incontro con Eumolpo (sezioni 7 - 9)

Ecce autem, ego dum cum ventis litigo, intravit pinacothecam senex canus, exercitati vultus et qui videretur nescio quid magnum promittere, sed cultu non proinde speciosu...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 111 - Matrona di Efeso

« Matrona quaedam Ephesi tam notae erat pudicitiae, ut vicinarum quoque gentium feminas ad spectaculum sui evocaret. Haec ergo cum virum extulisset, non contenta vu...

Satyricon - Libro unico - Paragrafo 112 - Matrona di Efeso

Ceterum, scitis quid plerumque soleat temptare humanam satietatem. Quibus blanditiis impetraverat miles ut matrona vellet vivere, iisdem etiam pudicitiam eius aggressus e...

Trova ripetizioni online e lezioni private
Prima volta: le difficoltà dei ragazzi e delle ragazze

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV