Ominide 2984 punti

Iliade, III , versi 146-170


Οἳ δ' ἀμφὶ Πρίαμον καὶ Πάνθοον ἠδὲ Θυμοίτην
Λάμπόν τε Κλυτίον θ' Ἱκετάονά τ' ὄζον Ἄρηος
Οὐκαλέγων τε καὶ Ἀντήνωρ πεπνυμένω ἄμφω
ἥατο δημογέροντες ἐπὶ Σκαιῇσι πύλῃσι,
γήραϊ δὴ πολέμοιο πεπαυμένοι, ἀλλ' ἀγορηταὶ
ἐσθλοί, τεττίγεσσιν ἐοικότες οἵ τε καθ' ὕλην
δενδρέῳ ἐφεζόμενοι ὄπα λειριόεσσαν ἱεῖσι·
τοῖοι ἄρα Τρώων ἡγήτορες ἧντ' ἐπὶ πύργῳ.
οἳ δ' ὡς οὖν εἴδονθ' Ἑλένην ἐπὶ πύργον ἰοῦσαν,
ἦκα πρὸς ἀλλήλους ἔπεα πτερόεντ' ἀγόρευον·
οὐ νέμεσις Τρῶας καὶ ἐϋκνήμιδας Ἀχαιοὺς
τοιῇδ' ἀμφὶ γυναικὶ πολὺν χρόνον ἄλγεα πάσχειν·
αἰνῶς ἀθανάτῃσι θεῇς εἰς ὦπα ἔοικεν·
ἀλλὰ καὶ ὧς τοίη περ ἐοῦσ' ἐν νηυσὶ νεέσθω,
μηδ' ἡμῖν τεκέεσσί τ' ὀπίσσω πῆμα λίποιτο.
- Ὣς ἄρ' ἔφαν, Πρίαμος δ' Ἑλένην ἐκαλέσσατο φωνῇ·
δεῦρο πάροιθ' ἐλθοῦσα φίλον τέκος ἵζευ ἐμεῖο,
ὄφρα ἴδῃ πρότερόν τε πόσιν πηούς τε φίλους τε·
οὔ τί μοι αἰτίη ἐσσί, θεοί νύ μοι αἴτιοί εἰσιν
οἵ μοι ἐφώρμησαν πόλεμον πολύδακρυν Ἀχαιῶν·
ὥς μοι καὶ τόνδ' ἄνδρα πελώριον ἐξονομήνῃς
ὅς τις ὅδ' ἐστὶν Ἀχαιὸς ἀνὴρ ἠΰς τε μέγας τε.
ἤτοι μὲν κεφαλῇ καὶ μείζονες ἄλλοι ἔασι,
καλὸν δ' οὕτω ἐγὼν οὔ πω ἴδον ὀφθαλμοῖσιν,
οὐδ' οὕτω γεραρόν· βασιλῆϊ γὰρ ἀνδρὶ ἔοικε.


I compagni di Priamo, di Panto, di Timete, di Lampo, di Clizio e di Iacetaone, stirpe di Ares,
Ucalegonte e Antenore, entrambi uomini saggi,
sedevano, anziani del consiglio, presso le porte Scee;
oramai non combattevano più, per la vecchiaia, ma erano
valenti oratori, simili alle cicale, che, in mezzo al bosco,
posate sugli alberi, con voce acuta friniscono;
cos' sedevano i capi dei Troiani, presso i bastioni.
Quando videro Elena , che veniva verso la torre,
a bassa voce, fra loro, pronunciarono parole alate:

"Non è cosa indegna che i Troiani e gli Achei dai belli chinieri
soffrano da gran tempo pene per una simile donna;
a vederla, somiglia terribilmente alle dee immortali;
tuttavia, pur essendo così bella, se ne ritorni via sulle navi
e non rimanga più qui, sciagura per noi e per i figli, in futuro!".
Cosi divevano; Priamo, invece, chiamò Elena ad alta voce:
"Vieni qua, figlia mia, siediti accanto a me,
per vedere il tuo primo marito e gli alleati e gli amici:
non tu sei responsabile ai miei occhi, gli dei sono responsabili,
che suscitarono contro di me la luttuosa guerra degli Achei,
e per dirmi il nome di quel guerriero di alta statura,
chi sia quell'eroe acheo la, forte e grande.
Certo, ve ne sono altri più alti di lui di tutta la testa,
ma non ho mai visto con i miei occhi uno così bello,
ne così maestoso; infatti ha davvero l'aspetto di un re".

Hai bisogno di aiuto in Versioni del Mese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017