Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

svalutazione crediti al fine di verificare la correttezza della loro valutazione.

AREA CRITICA PROBLEMA SOLUZIONE

C) Attivo circolante

1)Rimanenze La voce aumenta del 100% Osservazione diretta.

Verifica dell’inventario fisico.

2) Liquidità Differite La voce aumenta del 100% Circolarizzazione, cut off, ricalcolo

del fondo sval. crediti

3) Liquidità Immediate La voce diminuisce del 97% Verificare l’esistenza/consistenza

AREA CRITICA PROBLEMA SOLUZIONE

B) Immobilizzazioni finanziarie La voce è diminuita notevolmente Ottenimento di conferme scritte da

eventuali depositari.

Esame dei documenti significativi.

2. Per quale motivo sia i revisori sia il collegio sindacale sono tenuti a valutare l’efficacia del sistema di

controllo interno? (Si motivi la risposta).

Il soggetto incaricato della revisione legale deve verificare l’efficacia del sistema di controllo interno in applicazione

dei principi di revisione nell’ambito della pianificazione del controllo, al fine di verificare la capacità del SCI nel

raggiungere l’obiettivo dell’attendibilità dell’informativa di bilancio.

Per il Collegio Sindacale l’attività di vigilanza sul SCI costituisce un preciso compito di legge attribuito dall’art. 2403

c.c..

3. Per ciascuna delle seguenti affermazioni, si indichi se trattasi di affermazioni “corrette” ovvero “non corrette”

apponendo una X nella casella corrispondente e si motivi la risposta negli spazi di seguito riportati. NON

AFFERMAZIONI CORRETTA CORRETTA

1. Il revisore può riportare nel giudizio uno o più richiami di informativa. In tali casi, in assenza di x

rilievi, il giudizio viene riportato nel terzo paragrafo.

2. Il giudizio con rilievi si emette solo quando si è in presenza di una deviazione dai principi x

contabili o di una limitazione al processo di revisione, qualora tali rilievi siano significativi.

3. In caso di errori nel bilancio, soltanto quelli che vengono valutati come significativi, qualora non x

siano rimossi dal management, origineranno rilievi nella relazione del revisore

4. Il giudizio di coerenza tra bilancio e relazione sulla gestione può essere positivo anche in x

presenza di una giudizio negativo sul bilancio

1 La domanda è corretta perché in assenza di rilievi il giudizio si riporta nel terzo paragrafo ed i richiami nel quarto.

2 Il giudizio con rilievi si emette anche in presenza di incertezze significative.

3 Infatti, gli errori che non siano giudicati significativi per il bilancio nel suo complesso non vengono segnalati.

4 Se il giudizio sul bilancio è negativo il giudizio di coerenza non può essere positivo perché gli indici calcolati nella relazione

sono di conseguenza sbagliati. 2

4. I :

CREDITI LA VERIFICA DELLA VALUTAZIONE

Sulla base dei dati di seguito riportati, si effettui il ricalcolo del fondo svalutazione.

QUOTA

QUOTA DEDOTTA TASSATA Totale

Fondo svalutazione crediti all’1/1/2015 5.000,00 2.000,00 7.000,00

Utilizzi 2015 - 1.000,00 - -1.000,00

Svalutazione dell’esercizio 3.000,00 500,00 3.500,00

Totale fondo al 31/12/2015 7.000,00 2.500,00 9.500,00

Totale partitario crediti 140.000,00 Crediti verso

Saldo clienti da

Clienti al legale: Percentuali contabile svalutare

- falliti 100,00% 2.000,00 SDG

- crediti inesigibili 100,00% 500,00 KTT

Crediti inviati al legale 50,00% 300 ZQQ

200 FAZ

da meno di 30 giorni 5,00%

Crediti scaduti da più di 30 giorni 20,00% 500 TUB

Inoltre, a conclusione di una complessa valutazione, gli amministratori hanno deciso di svalutare del 20% un credito

scaduto da oltre un anno, pari a euro 3.700. Si tratta di una fornitura che ha determinato il sorgere di un contenzioso

con il cliente a seguito di una consegna tardiva. Al momento della redazione della bozza di bilancio gli amministratori

non hanno ancora trovato un accordo con tale cliente.

Ricalcolo:

Clienti Valutazione credito % di svalutazione Valore fondo

SDG 2000 100 2.000

KTT 500 100 500

ZQQ 300 50 150

FAZ 200 5 10

TUB 500 20 100

Contenzioso 3700 20 740

Totale 3.500

Il valore del fondo ricalcolato (3500) risulta molto inferiore al valore calcolato dagli amministratori, essi hanno commesso l’errore

di confondere il valore della svalutazione con quello del fondo.

Inoltre, la svalutazione del 20% del credito in contenzioso è da ritenere non corretta. Si ritiene che il credito di 3.700 debba

essere svalutato del 60%*, per un importo pari a 2.220 (pertanto superiore di 1.480 rispetto a quanto calcolato dagli

amministratori). Per questo motivo i revisori propongono agli amministratori lo storno da applicare al fondo:

6000 – 4.980 (3500+1.480) = 1.020

* Ipotesi di lavoro, si potrebbero ipotizzare percentuali differenti ma comunque superiori al 20%. 3

F.do al 31/12/20.. 6.000

Prima dell’operazioni di chiusura

- storno F.do svalutazione 1.020

F.do al 31/12/20.. 4.980

La rilevazione contabile da effettuare è la seguente:

_____________________ __________________

Fondo svalutazione crediti a Sopravvenienza attiva 1.020

Fondo proposto dai revisori dopo il ricalcolo: TOTALE

Fondo svalutazione crediti all’1/1/2015 7.000

Utilizzi 2015 (1.000)

Storno 1.020

Totale fondo al 31/12/2015 4.980

5. LA REVISIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

Si illustrino quali sono i principali rischi nella revisione delle immobilizzazioni immateriali.

Le immobilizzazioni immateriali presentano alcuni rischi specifici: innanzitutto il rischio che non sia presente il requisito

dell’utilità pluriennale per quanto riguarda gli oneri pluriennali e l’avviamento. La valutazione di tale rischio, inoltre, è resa più

complessa dalla necessità di verificare l’attendibilità delle previsioni dei benefici futuri, inevitabilmente soggetta a incertezza.

Negli esercizi successi all’iscrizione nell’attivo del bilancio, il principale rischio è rappresentato dall’eventuale esigenza di

effettuare una svalutazione per perdite durevoli di valore, in particolare a causa della riduzione del valore d’uso, considerato

che gli oneri pluriennali e l’avviamento non possono essere recuperati attraverso la cessione sul mercato.

6. La riconciliazione clienti/fornitori.

La procedura di circolarizzazione clienti presenta la necessità di effettuare la riconciliazione del saldo contabile del

cliente “Sirten S.r.l.”, il quale nella risposta non ha confermato il saldo risultante alla società revisionata. Non

essendo stato possibile effettuare la riconciliazione sulla base del solo conto di mastro interno alla società, i revisori

hanno chiesto alla società revisionata di chiedere al cliente “Sirten S.r.l.” l’invio del relativo conto “Debiti verso

fornitore MArketM S.p.A. al 31/12 al fine di consentire la riconciliazione.

Approccio di lavoro.

Sulla base dei conti di mastro di “MArketM S.p.A.” e di “Sirten S.r.l.” si seguito riportati si proceda a:

a) determinare le operazioni non contabilizzate da una delle due società e gli eventuali errori contabili (l’errore

tollerabile definito dalle precedenti procedure ammonta a € 20.000,00);

b) esprimere il conseguente giudizio in merito all’attendibilità ed alla corretta esposizione in bilancio della

posta contabile “Crediti verso clienti”. 4


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

7

PESO

231.60 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia aziendale
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher giordsani.silvia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Revisione aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Bava Fabrizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Revisione aziendale

Revisione aziendale
Appunto
Risposte alle domande della simulazione d'esame
Appunto
Spiegazione caso pratico
Appunto
Riassunto esame Economia, prof. Cugno, libro consigliato Management della distribuzione, Sciarelli
Appunto