Che materia stai cercando?

Esercitazione di didattica generale: la mia lezione efficace (libro di riferimento "Come fare una lezione efficace") Appunti scolastici Premium

Esercitazione a distanza per il corso di didattica generale di Davide Parmigiani. L'esercitazione consisteva nel preparare una lezione efficace su un argomento a scelta basandosi sul testo "Come fare una lezione efficace". Con la mia lezione efficace ho ottenuto un punteggio di 30/30, perciò spero possa servirvi da riferimento per la preparazione delle vostre.

Esame di Didattica generale docente Prof. D. Parmigiani

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

rilevanti) e manifestare passione ed entusiasmo, in modo che egli riesca ad

esercitare un contagio positivo sulla classe.

• Per evitare il sovraccarico cognitivo l’insegnante deve dare massima evidenza alle

conoscenze di maggior rilievo, cercando l’essenzialità e la chiarezza, eliminando

ogni elemento, anche dal filmato scelto sull’apparato respiratorio, che sia estraneo

al compito o che possa distogliere da informazioni rilevanti.

Svolgimento (aspetto cognitivo e strategico):

• Per far emergere le preconoscenze e condurre lo studente ad un apprendimento

significativo occorre che le nuove conoscenze trovino adeguate connessioni con il

fondamento di preconoscenze depositato nella memoria a lungo termine. Per

facilitare l’allievo in questo processo cognitivo occorre renderlo consapevole di

“quanto già sa” e di come questo sapere possa essere modificato: a tal proposito

utilissime sono “le mappe concettuali, attraverso le quali l’alunno prende

consapevolezza del proprio progressivo arricchimento cognitivo”cit. Novak.

L’insegnante che svolge questa lezione utilizza quindi mappe concettuali riguardanti

l’apparato respiratorio e il suo funzionamento.

• L’insegnante non deve vedere l’errore negativamente, ma vederlo come

un’occasione per migliorare, alleggerendo così il contesto educativo dall’ansia del

giudizio (se l’insegnante vuole dialogare con gli studenti in maniera costruttiva,

come fa in fase di avvio, di svolgimento e nella conclusione di questa lezione, è

necessario che questi si sentano liberi di esprimere le loro idee senza sentirsi

giudicati negativamente). Per mantenere un carattere sfidante alla lezione

l’insegnante propone un “diagramma cloze”, volto a verificare quanto gli studenti

abbiano appreso del processo respiratorio (il diagramma potrebbe essere proposto

loro in più livelli di complessità e tra un “nucleo concettuale” e l’altro come

suggerisce la strategia sequenziale interattiva o alla fine dell’intera spiegazione: per

questo tipo di lezione suggerisco il primo approccio, atto a ridurre il carico cognitivo

con la tecnica della scomposizione (chunking) e della messa in sequenza del

compito in fasi (sequencing)).

Svolgimento (aspetto gestionale e interattivo):

• Affinché in aula vi sia un buon “classroom management” è necessario che vi sia un

chiaro sistema di norme e di rinforzi che devono essere condivisi e accolti

dall’intera scuola. L’insegnante che sta svolgendo questa lezione deve quindi

avvalersi di tutte quelle norme già chiarite ed esplicitate che sono normalmente in

uso in questa classe: il tempo della lezione che viene utilizzato per promuovere

comportamenti positivi negli alunni non è mai tempo sprecato. L’insegnante deve

inoltre saper cogliere le cause che portano un alunno a comportarsi in maniera

indisciplinata e provocatoria perché solamente riflettendo sulle cause è possibile

scegliere soluzioni che possano distogliere l’interesse dal comportamento di

disturbo.

• L’insegnante che fa rispettare le regole durante lo svolgimento di questa lezione

dimostra anche di avere un controllo su quanto accade nella classe. Se un

compagno sta esprimendo le sue idee in merito alla respirazione (o a qualsiasi altro

argomento) gli altri devono ascoltarlo senza interromperlo ed in maniera non

giudicante, tutti devono avere il diritto di parola durante le discussioni.

• Per dissuadere i comportamenti negativi l’insegnante, durante questa lezione come

in tutte le altre, deve utilizzare formule di alleggerimento quali “mi sembra che

ancora non siate pronti ad iniziare, aspetto 30 secondi che siate pronti” oppure

“regoliamo il volume del rumore al livello 0 durante la visione dei filmati, regoliamolo

a livello più alto quando dobbiamo discuterne”.

Svolgimento (aspetto partecipativo):

• L’insegnante deve valorizzare l’errore dell’alunno (indipendentemente che si tratti di

un errore commesso oralmente o di un errore di compilazione del diagramma cloze)

per orientare gradualmente gli alunni verso la soluzione del compito, indirizzando

verso questi un feedback che permetta loro di comprendere se stanno procedendo

in maniera corretta. La valutazione formativa è quindi presente durante questa

lezione.

• L’insegnante, utilizzando i diagramma cloze in maniera gradualizzata, si rende

conto di ciò che effettivamente gli alunni stanno acquisendo, riuscendo così a

governare i tipi di attività. “È solamente mettendo gli alunni in situazioni operative

che ci si rende conto di quanto essi stiano apprendendo”. Cit. Calvani

• Per favorire la partecipazione collettiva l’insegnante e gli studenti devono

necessariamente rispettare il patto educativo di compiere un ascolto non

giudicante. Durante un’introduzione di tipo euristico proposta da questa lezione

l’insegnante induce ed invoglia gli alunni a partecipare, egli non può però

costringere i più riservati a farlo o etichettare come timidi i bambini che non

intervengono: se etichettiamo un bambino con l’appellativo di timido egli si

comporterà come tale.

Conclusione:

• Al termine di questa lezione l’insegnante tirerà le fila dialogando con gli studenti e

facendo brevemente riemergere le conoscenze più importanti tra quelle apprese

riguardo l’apparato respiratorio e i danni provocati dal fumo, confrontando queste

con le preconoscenze espresse inizialmente dagli studenti (“Che cosa pensavate

all’inizio? Che cosa sapete ora?”). Alla fine della lezione ogni studente deve essere

consapevole di “quello che sa” e “per quale motivo gli serve saperlo” (in questo

caso specifico avere una conoscenza di come funziona la respirazione promuove la

riflessione attorno a quali comportamenti è bene adottare per non danneggiare i

nostri polmoni).


PAGINE

5

PESO

21.75 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze della formazione primaria
SSD:
Università: Genova - Unige
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher lorenza.talocchi di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Didattica generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Genova - Unige o del prof Parmigiani Davide.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Didattica generale

Riassunto esame di didattica generale, libro consigliato "L'evento didattico"
Appunto
Riassunto esame di didattica generale, libro consigliato "L'evento didattico"
Appunto
Appunti di pedagogia generale, libro consigliato "Trattato di pedagogia generale" di Mario Gennari
Appunto
Presentazione su power point del progetto del laboratorio di geografia richiesto dal prof. De Boni
Esercitazione