Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

PROCOPIO DI CESAREA

VITA

Nato a Cesarea (ultimi del V o primi del VI sec. d.C.), compie i suoi studi letterari e degli storici

antichi Erodoto e Tucidide a Gaza. Si acquista una certa fama a Costantinopoli e nel 527 d.C. il

generale Belisario lo sceglie come consigliere e assessore nelle sue campagne. Egli accompagnò

Belisario in Africa, e dopo di questi, vi rimase accanto al generale Solomone nel 536 d.C. Insieme a

lui raggiunge Belisario a Siracusa, che aveva già tolto la Sicilia agli Ostrogoti e con lui seguì tutta la

campagna in Italia fino alla presa di Ravenna (540 d.C.). Tornato a Costantinopoli, nel 542 d.C.

infuria la peste e ne divenne testimone oculare. Da questa data in poi non si hanno più notizie sicure

e la sua morte va inserita tra il 560 e 570 d.C.

OPERE MAGGIORI

LIBRI SULLE GUERRE

L’opera in 8 libri è una narrazione continuata delle guerre di Giustiniano:

I e II: guerre contro i Persiani dal tempo di Anastasio I;

III e IV: guerra in Africa dall’invasione dei Vandali fino al 548 d.C.;

V, VI e VII: campagne contro gli Ostrogoti e varie invasioni barbariche nei Balcani fino al 551

d.C.;

VIII: eventi della seconda guerra persiana, delle regioni danubiane e la resa ostrogota in Italia (552

d.C.).

INEDITI o STORIA SEGRETA

È una velenosa requisitoria contro il governo di Giustiniano, a cui l’autore attribuisce le calamità

dell’impero, l’esosità del fiscalismo, la crudeltà delle persecuzioni, le invasioni barbariche e persino

i cataclismi naturali, conseguenze dell’ira divina. Procopio crede che Giustiniano e Teodora siano

demoni incarnati per mandare in rovina l’umanità. Dice di Teodora che prima che salisse al trono

sarebbe stata una prostituta, e di Belisario che è una marionetta nelle mani della sua infedele e

corrotta moglie.

SULLE COSTRUZIONI

Composto in 6 libri descrive le opere pubbliche elevate per volere di Giustiniano in tutto il territorio

dell’impero ed anche opere che esprimevano lo zelo religioso dell’imperatore. Particolarmente

importante è il I libro, dove spicca la descrizione di Santa Sofia, ricostruita dopo la rivolta di Nica

del 532 d.C. Quest’opera esprime un panneggio di lode verso l’imperatore e delle sue opere così

belle da affermare che la sua penna non può descrivere tanta bellezza.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

2

PESO

79.69 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in beni culturali
SSD:
Università: Palermo - Unipa
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Joseph Raimondo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Civiltà Bizantina e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Palermo - Unipa o del prof Caruso Fulvia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Civiltà bizantina

Civiltà bizantina - Eusebio di Cesarea
Esercitazione
Riassunto esame Storia Romana, prof. Messana, libro consigliato Storia Romana, di Geraci, Marcone
Appunto
Riassunto esame Rilievo dei Monumenti Antichi, prof. Terranova, libro consigliato Manuale di Rilievo e Documentazione Digitale, Bianchini
Appunto
Tesi - Origini ed evoluzione del gatto domestico nel Mediterraneo
Tesi