Che materia stai cercando?

Unicità dell'essere umano

Questo appunto si riferisce al corso di Filosofia della mente tenuto dal professor Rocco Pititto. «Gli esseri umani sono unici. Come e perché lo siano ha stimolato per secoli la curiosità di scienziati, filosofi e persino avvocati. Quando cerchiamo di stabilire una distinzione tra animale ed esseri umani nascono controversie e ci si azzuffa sulle idee e sul significato dei dati,... Vedi di più

Esame di Filosofia della mente docente Prof. R. Pititto

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Perché l'uomo è un essere “speciale”, Rocco Pititto « Filosofia della m... http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-della-mente/u...

Home

«

1/9

»

Rocco Pititto » 2) Perché l'uomo è un essere

“speciale”

L'unicità dell'essere umano

«Gli esseri umani sono unici. Come e perché lo siano ha stimolato per secoli la curiosità di scienziati, filosofi e

In riferimento a quali elementi, o risorse, presenti nell'uomo e assenti in altri esseri viventi, è possibile definire

Secondo Susan Langer, a contrassegnare la distanza tra l'uomo e gli altri esseri animali non umani non è tanto

L'uomo: essere speciale o animale "evoluto"?

L'uomo è il "vertice" dell'evoluzione degli esseri viventi? Quali le ragioni, se ci sono, che possano giustificare

La complessità delle questioni in gioco rende difficile una qualsiasi risposta, tale che possa essere considerata

L'affermazione sulla "specialità" dell'essere dell'uomo, contrariamente a quanto potrebbe sembrare, non è cos

L'uomo essere "speciale": una domanda senza risposta?

L'affermazione sulla "specialità" dell'uomo rispetto agli altri esseri viventi, una costante della cultura europea

Lo stesso riferimento alla tradizione umanistica occidentale di origine giudaico-cristiana sembra non bastare p

L'affermazione iniziale si presta a critiche e a contestazioni e da parte dei teorici darwinisti o neodarwinisti e d

La cultura novecentesca, segnata dalla tragedia delle guerre come dal rapido sviluppo della scienza e delle nu

Un animale "singolare"

Perché gli esseri umani, devono essere considerati più "singolari" degli altri animali?

La domanda è ineludibile: o l'uomo è l'essere posto sopra tutti gli esseri animali o è, più semplicemente, uno tr

Come rispondere a questo interrogativo, diventato oggi inevitabile, come fosse una sfida da raccogliere? Su qu

L'uomo parla e pensa; gli esseri animali non umani non parlano e non pensano: è questo il punto decisivo della

Il linguaggio: "specialità" dell'essere uomo vive e costruisce la sua i

Mente e linguaggio segnano il perimetro dell'umanità. Entro questo perimetro l'uomo

La differenziazione dell'uomo rispetto agli altri esseri viventi non umani si colloca, soprattutto, sul piano della

Il piano del linguaggio è strettamente collegato al piano mentale, di cui il linguaggio è la sua espressione più pr

Il linguaggio rappresenta il coronamento di un processo di sviluppo dell'essere dell'uomo, che ha trovato la sua

1 di 3 15/11/2011 11:04


PAGINE

3

PESO

130.19 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Questo appunto si riferisce al corso di Filosofia della mente tenuto dal professor Rocco Pititto. «Gli esseri umani sono unici. Come e perché lo siano ha stimolato per secoli la curiosità di scienziati, filosofi e persino avvocati. Quando cerchiamo di stabilire una distinzione tra animale ed esseri umani nascono controversie e ci si azzuffa sulle idee e sul significato dei dati, e quando il polverone si placa, ciò che resta è una quantità maggiore di dati su cui costruire teorie più forti e stringenti. Stranamente, in questo ambito di ricerca, idee opposte sembrano essere almeno parzialmente corrette» (M.S. Gazzaniga, Human. Quel che ci rende unici, p. 9). In riferimento a quali elementi, o risorse, presenti nell'uomo e assenti in altri esseri viventi, è possibile definire l'unicità dell'essere dell'uomo? Una prima risposta, la più generale, vede nella capacità di simbolizzazione dell'essere dell'uomo la risorsa che differenzia l'uomo dall'animale. Secondo Susan Langer, a contrassegnare la distanza tra l'uomo e gli altri esseri animali non umani non è tanto una sensibilità più alta o una memoria maggiore, ma solo la capacità di trasformare l'esperienza vissuta in simboli e di usarli nella vita quotidiana, traducendoli in parole. «È il potere di usare simboli, il potere del linguaggio che lo fa signore della terra» (S. Langer, Filosofia in una nuova chiave, p. 48).


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in filosofia
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia della mente e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Pititto Rocco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia della mente

Introduzione alla filosofia della mente
Dispensa
Teorie della mente: Dennet e Searle
Appunto
Cervello, mente e linguaggio
Appunto
Neuroni specchio
Appunto