Che materia stai cercando?

Tesina Lingua e Letteratura Angloamericana

Appunti di lingua e letteratura angloamericana sulla Tesina sul programma di Emerson, in particolare si tratta di Mary Moody Emerson basata su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Tattoni dell’università degli Studi La Sapienza - Uniroma1. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Lingua e letteratura angloamericana docente Prof. I. Tattoni

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Introduzione

Ralph Waldo Emerson viene considerato il massimo esponente della cultura americana della sua

epoca, un trascendentalista che abbandonò, seppur non completamente, la vita religiosa, e che

scrisse opere meravigliose.

Come nasce un personaggio simile a questo? Cosa o chi è stato così fondamentale nella sua vita per

renderlo quello che fu?

Pilastro fondamentale della vita dell’uomo fu sua zia, Mary Moody Emerson, donna dalle

incredibili risorse, che influenzò il suo pensiero, il suo modo di vedere le cose, la sua concezione

religiosa.

Cosa sarebbe stato del giovane Ralph Waldo senza una donna di tale importanza?

Biografia

Mary Moody Emerson nacque a Concord nel 1774, durante il periodo della Rivoluzione americana,

quarta figlia di Phoebe Bliss e del Reverendo William Emerson; entrambe le famiglie erano migrate

nel Massachussets con la prima ondata di Puritani negli anni ‘60 del 1800.

Sia nella famiglia della madre che in quella del padre vi erano molti uomini di Chiesa, infatti fin dal

bis-bis nonno di Moody Emerson almeno un uomo di ogni generazione venne ordinato pastore;

fatto interessante fu che il prozio, Joseph Emerson, presentandosi nella sua congregazione con un

velo, fu d’ispirazione per il protagonista di “The Minister’s Black Veil” di Nathaniel Hawthorne.

Per quanto riguarda l’istruzione, molti appartenenti alla famiglia studiarono ad Harvard, ma non le

donne.

Si comprende quindi che la famiglia era molto apprezzata e distinta, sebbene non ricca, e

completamente integrata nella vita dei Calvinisti del Massachussets.

Ma, a soli due anni, Mary, in seguito alla morte del padre, venne spedita fuori da Concord, a

Malden, presso la nonna, con una non felice condizione economica, e la zia, affetta da malattia

mentale. Di questi anni scrisse «slavery of poverty & ignorance & long orphanship […and]

lonesome solitude» (Cole, “Advantage”); e spesso ricorderà nelle sue lettere la solitudine e

l’indigenza di quel periodo in cui la sua dieta si basava su pane e acqua, senza poter studiare e

ricevendo dieci sterline l’anno per vestiti e libri.

Nonostante la condizione familiare, i compiti domestici e il dovere di prendersi cura della nonna

indigente e della zia malata, Mary sviluppò una curiosità brillante, leggendo voracemente la Bibbia,

poeti inglesi, come Milton e Young, scrittori religiosi, come Samuel Clark e Jonathan Edwards,

filosofi, come Platone, Plotino, Spinoza, Russeau, e poeti, come Shakespear, Coleridge e

Wordsworth.

Essendole negata la possibilità di studiare ad Harvard, mentre venne accordata agli uomini della sua

famiglia, sia più grandi che più giovani, intraprese uno studio personale, cercando una sua verità e

una conoscenza che avesse un ruolo centrale nella sua vita; in seguito, il nipote, Ralph Waldo

Emerson, affermò che lei, come lui, faceva parte della “Sect of the Seeker”, senza menzionare i suoi

svantaggi: per entrambi la conoscenza non aveva barriere.

Visse a Malden fino al 1791, anno in cui andò a vivere presso una sorella per aiutarla con i suoi

dieci figli; passò la giovinezza nelle case dei suoi parenti, spostandosi spesso, andando dove si

aveva bisogno di lei, in particolare presso la famiglia del defunto fratello, William Emerson (padre

di Ralph Waldo). Si può dire che passò la sua infanzia prendendosi cura dei più anziani, e la sua

giovane età di chi era più giovane di lei; ricevette anche una proposta di matrimonio in questo

periodo, ma rifiutò: non considerava questo legame, come del resto qualsiasi altro, come un

vantaggio nella vita di una donna, che doveva semplicemente cercare sé stessa e la propria verità.

1

Nel 1809 comprò 150 ettari di terra vicino alle White Mountains, nel Main, dove costruì la sua

fattoria; ne fece il suo santuario, il luogo di ritiro in cui potersi dedicare alla lettura e alla scrittura,

anche se visse lì solo sporadicamente. Infatti dovette sostenere diverse dispute in relazione alla

proprietà, doveva affrontarne i costi, e lavorò spesso come volontaria, ma in particolar modo aveva

continuo bisogno di stimoli, che potevano essere trovati solamente nel viaggio e nel visitare sempre

posti nuovi, incontrare sempre persone nuove.

Durante l’età adulta scrisse molto, in particolare lettere e studi su testi sacri, e intraprese una florida

corrispondenza con il nipote, Ralph Waldo, fin dalla sua adolescenza, consigliandogli letture e

insegnandogli più di quanto non apprendesse a scuola; negli ultimi anni della sua vita, su consiglio

dello stesso nipote, prese l’abitudine di dormire in un letto a forma di bara, vestita come nel giorno

del suo funerale. Spesso Moody Emerson affermava che la morte, questa presenza sempre vicina,

era in realtà la sua miglior Musa, pur rimanendo comunque molto attaccata alla vita; morì quasi a

90 anni, e venne sepolta presso il cimitero di Sleepy Hallow.

Pensiero

Mary Moody Emerson fu una forte figura femminile, uno spirito mai sazio di conoscenza, che ebbe

influenza non solo sui nipoti, ma anche su molti altri scrittori e pensatori, tra cui Thoreau.

Il modo particolare, un po’ eccentrico forse, che aveva di pensare, di vedere il mondo, viene da lei

spiegato all’interno delle sue lettere, dirette ad amici e parenti, ma anche, e specialmente, nel suo

Almanacco. Quest’ultimo, senza data ma probabilmente in stesura per quasi l’intera vita della

scrittrice, viene descritto come una lettera per sé stessa quando non è in grado di pensare, una

conversazione con la propria camera, una preghiera per la propria anima.

Essenzialmente l’opera fu la massima espressione del tema che caratterizzò la sua produzione, la

sua ossessione: «My life I would occupy only in the study of its wonders—in arranging my ideas of

its real character».

Mary Moody Emerson: gli occhi rivolti verso il Cielo

La religione era per Moody Emerson una sorta di padre e di madre adottivi; considerava tutto ciò

che le accadeva in vita, la povertà, la condizione di orfana, semplicemente come un dono di Dio,

una parte del suo grande piano, accettandolo come avrebbe fatto un angelo.

La famiglia a cui apparteneva era principalmente Calvinista, seguendone la forma introdotta da

Jonathan Edwards nel XVIII secolo; Mary invece non poteva considerarsi solo tale, dal momento

che questa etichetta sarebbe riduttiva per la sua visione religiosa.

Emerson descrisse la zia come «no statute-book of practical commandments, nor orderly digest of

any system of philosophy, divine or human, but a Bible, miscellaneous in its parts, but one in its

spirit» (Letture).

Mary Moody Emerson sosteneva di essere un’adepta della Bibbia, che intraprendeva con tutta sé

stessa e con entusiasmo la via della pietà; grazie alle sue letture liberali e per via della natura dei

suoi circoli, sviluppò una fede ortodossa, caratterizzata da tendenze evangeliche e razionali.

Non rientrava quindi né nella sfera del Calvinismo né in quella dell’Unitarismo, considerando il

primo sprovvisto di basi solide ed eccessivamente improntato alla dannazione, e il secondo come

troppo timido e facile.

La sua visione di fede si basava principalmente sulla libertà, sulla possibilità di trovare la propria

strada all’interno delle Sacre Scritture; da questo punto di vista potrebbe essere accostata alla lettura

puritana della Bibbia, basata sull’interpretazione.

Ma anche dal Puritanismo Mary Moody Emerson si allontanò, dal momento che la Chiesa

privilegiava gli uomini e scostava le donne; queste non ricercavano la formazione di loro stesse, ma

2


PAGINE

6

PESO

34.40 KB

AUTORE

Muriko95

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere moderne
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Muriko95 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Lingua e letteratura angloamericana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Tattoni Igina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Lingua e letteratura angloamericana

Ralph Waldo Emerson
Appunto
Dispense esame Dialettologia italia, prof. Ugo Vignuzzi, A.A. 2014/2015
Dispensa
Riassunti esame Storia romana I, prof. Thornton, libro consigliato Storia di Roma dalle origini alla tarda antichità, Arcuri, Caliri, Giuffrida, Lewin, Marino, Mastrocinque, Mecella, Molè, Motta, Pinzone, Roberto, Sassu, Thornton
Appunto
Riassunto esame Letteratura italiana, prof. Zancan, libro consigliato Breve storia della letteratura italiana II, L’Italia della Nazione, Asor Rosa
Appunto