Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Tesina per l’esame Storia del Pensiero Scientifico e

Filosofico

Professore Mario Di Gregorio

L’Asservimento delle Donne

JOHN STUART MILL

Uomini illuminati appoggiarono negli anni le rivendicazioni delle donne, innanzi tutto la

parità dei sessi nel diritto di famiglia come pure il suffragio universale.

John Stuart Mill, filosofo ed economista britannico, uno dei massimi esponenti del

liberalismo e dell'utilitarismo, appoggiando le idee innovative e femministe della moglie,

Harriet Hardy Taylor, sostenne che questa nuova strada avrebbe migliorato anche gli

uomini, i quali avrebbero smesso di sentirsi superiori per il solo fatto di essere nati maschi

e avrebbe posto fine anche all’ultimo rigurgito di schiavismo legalizzato,

dopo che gli Stati Uniti avevano abolito quello contro le persone di colore.

Vediamo di inquadrare più nel dettaglio l’autore, la situazione storica e il pensiero che

esprime nella sua opera.

John Stuart Mill è un filosofo ed economista inglese, nasce a Pentonville (Londra) il 20

maggio 1806. Figlio di uno storico e filosofo scozzese, gli viene impartita una rigida

educazione con lo scopo di creare un genio intellettuale. Mill è stato fin da piccolo un

bambino molto precoce. Già dai 3 anni studia matematica e storia; a 10 anni legge spesso

in greco e latino. A 13 anni studia Economia Politica e a 14 anni si trasferisce in Francia.

A causa delle fatiche fisiche e mentali provocato dallo studio, Mill entra in depressione,

anche se poi guarirà in breve tempo.

Accetta un impiego alla British East India Company, sotto consiglio del padre, dove lavora

come impiegato dal 1823 al 1858. Nel 1851 John Stuart Mill sposa Harriet Hardy Taylor,

dopo 21 anni di amicizia.

Dopo pochi anni di matrimonio, la moglie muore: la sua influenza verso Mill sarà

fondamentale per il suo pensiero circa i diritti delle donne.

Tra il 1865 e il 1868 Mill e rettore della University of St. Andrews, e al tempo stesso e

deputato liberale al Parlamento per il collegio londinese di City e Westminster; Mill

sostiene la limitazione delle nascite, propone il diritto di voto alle donne, il sistema

elettorale proporzionale e la legalizzazione dei sindacati e delle cooperative.

Ostile a ogni forma di socialismo che avrebbe limitato la liberta individuale, si pronuncio

per una politica di riforme istituzionali con lo scopo di realizzare una maggiore giustizia e

un governo di tutti e per tutti. Alla base di queste riforme c’è il proposito di arrivare al

massimo benessere per il maggior numero d’individui. Affermando che la realizzazione

della felicità altrui comporta per ciascun individuo un accrescimento di piacere, Mill

giustifica la razionalità di comportamenti guidati dal sentimento dell’unita e della solidarietà

del genere umano che prima Comte aveva teorizzato come Altruismo e lo aveva messo

come base della sua filosofia politica.

John Stuart Mill muore ad Avignone (Francia) il giorno 8 maggio 1873, all'età di 67 anni.

Harriet Hardy Taylor è nata a Londra nel 1807.

A diciassette anni sentendosi oppressa da una famiglia patriarcale, dove il padre aveva

qualunque potere decisionale sulla moglie e i figli, decide di sposare John Taylor, un

borghese influente e molto più grande di lei che le diede tre figli, ma con cui il matrimonio

non fu il coronamento di un amore.

Le prime conoscenze le vennero dalla religione: lei si avvicinò al suo pastore spirituale, e

fu proprio lui a presentarla per la prima volta a Stuart Mill. Nel 1833 Harriet si separò

lentamente dal marito. Durante il periodo di separazione, lei e Mill continuarono a

frequentarsi, ciò porto a diversi scandali nonostante che i due spiegarono che la loro era

una relazione unicamente intellettuale. Dopo la morte del primo marito della Taylor, essa si

sposò con Mill.

Harriet Taylor era una femminista, il suo obiettivo era quello di raggiungere una completa

parità dei sessi su tutti i campi, sull’istruzione, sul matrimonio e sulla giurisprudenza.

Fece molte proteste contro giornali e quotidiani contro i casi di violenza domestica nei

confronti delle donne. Harriet morì ad Avignone nel 1857.

Agli occhi di Stuart Mill sua moglie era a tutti gli effetti una sua pari. La questione

dell'emancipazione viene trattata dai due non solo teoricamente, ma anche considerando i

vantaggi che essa potrebbe portare a un nucleo familiare, come una migliore distribuzione

dei compiti domestici o lavorativi.

Un altro punto importante per Harriet era la dipendenza economica delle donne che solo in

pochi casi avevano la possibilità di guadagnarsi il denaro necessario per sopravvivere o

per contribuire alle spese di casa. Questa forma di dipendenza era degradante per il sesso

femminile, che si vedeva sempre sottomesso. I due coniugi insistevano anche nel cercare

di spiegare che, costruendo una situazione di eguaglianza tra moglie e marito, si

sarebbero potuti diminuire i casi di abuso e violenza tra le mura domestiche, dovuti a una

condizione di subordinazione. Se la donna avesse pari diritti e dignità di un uomo,

probabilmente non si sentirebbe costretta a sopportare in silenzio certe forme di violenza.

Tutti questi concetti, erano difficili da accettare nella società.

Il Novecento ne è stato un esempio: quando le donne ottennero la parità, gli uomini

dell’epoca non accettarono questo riconoscimento.

Perfino nel Ventunesimo secolo, dove il ruolo femminile è ormai riconosciuto al 100% e

dove le donne possono ricoprire tutte le attività degli uomini, ci sono ancora mariti e padri

che costringono le donne in famiglia a mortificazioni.

“L’asservimento delle donne” (The Subjection of Women) è il testo di Mill che più di ogni

altro fornisce una precisa descrizione della condizione di subordinazione subita dalle

donne, tracciando un preciso quadro sociale, familiare e psicologico della situazione

femminile. Il testo viene scritto in una prima stesura nel 1861, ma l’autore decide di

pubblicarlo solo nel 1869, dopo la sua esperienza come parlamentare alla Camera dei

Comuni, ritenendo che quello sia il momento più appropriato per l’uscita dell’opera. Mill ha

voluto presentare l’argomento al pubblico dopo che la questione della parità dei diritti delle

donne era stata affrontata sotto più profili: in sede parlamentare per l’estensione del

suffragio femminile con una petizione appoggiata dallo stesso Mill nel 1866 e nella società

civile che da tempo discuteva dell’accesso alle professioni anche per le donne, per le quali

la totalità delle carriere pubbliche (comprese quelle munite di prestigio sociale) era

preclusa.

Il testo si pone come prima autentica critica al ruolo della donna all’interno del contesto

familiare, evidenziando il rapporto di disuguaglianza esistente tra i due sessi.

L’autore denuncia la cultura dominante, che vuole la donna subordinata al marito, come

espressione di un retaggio feudale non conciliabile con la modernità del XIX secolo.

La vittoria delle rivendicazioni della borghesia, spiega Mill, in contrapposizione all’antico

privilegio aristocratico ha posto definitivamente fine alle teorie e alle istituzioni che

consacrano rapporti di servitù e vassallaggio, ma la condizione della donna e la struttura

patriarcale della famiglia non si sono adeguate al cambiamento e sono invece rimaste

immutate da secoli. L’impostazione tradizionale della famiglia stride con il concetto di

uguaglianza che si afferma con sempre maggiore consapevolezza nelle classi subalterne.

Gli esseri umani non nascono con un posto già assegnato nella vita, incatenati con vincoli

indissolubili all’ambito sociale nel quale sono nati, ma sono liberi di impiegare le proprie

facoltà e di sfruttare le occasioni favorevoli che si presentano per raggiungere il destino

che pare maggiormente desiderabile.


ACQUISTATO

7 volte

PAGINE

13

PESO

31.43 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze psicologiche applicate
SSD:
Università: L'Aquila - Univaq
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Marlene87 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del pensiero scientifico e filosofico e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università L'Aquila - Univaq o del prof Di Gregorio Mario Aurelio Umberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia del pensiero scientifico e filosofico

Tesina esame La Libertà, L'Utilitarismo, L'Asservimento delle Donne
Appunto
Elaborato John Stuart Millo: Appunti di Storia del pensiero
Appunto
Riassunto esame Filosofia della scienza, prof. Cataldi, libro consigliato Scienza e Filosofia, Popper
Appunto
Tesina esame La Libertà, L'Utilitarismo, L'Asservimento delle Donne
Appunto