Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

B. Considerare la complicazione della spedizione di merci deperibili

C. Quali e come sono i consumatori di latri paese

D. Problematica delle lingue straniere

E. Aspetti logistici (consegna rapida)

F. Mezzi di pagamento (più efficaci per azienda e consumatore)

G. Protezioni legislative (per garantire azienda e consumatore)

H. Aspetti fiscali

Per attivare un canale di commercio elettronico è necessario:

riunire le persone che possono tirar fuori delle idee che poi riusciremo a

BRAINSTORM:

- concretizzare (come è possibile fidelizzare on-line? - quali strategie sviluppare?)

per rispondere alle mie domande, capire come e perché il nostro progetto

RICERCHE DI MERCATO:

- andrà avanti (chi sono i clienti? – chi sarà la concorrenza?)

Stabilire la TIPOLOGIA di PRESENZA in RETE.

- che vorremmo destinare per il nostro oggetto

RISORSE

-

Come realizzare un sito per il commercio elettronico.

Ci vogliono sia oltre ad

elementi di carattere tecnico un’immagine dell’impresa che attiri e trattenga.

Bisogna considerare: il sito è la sostituzione virtuale di qualcosa di fisico. La virtualità sotto

Scopo del sito certi aspetti è un grosso HANDICAP. Bisogna mantenere una certa

fisicità dell’impresa e dei prodotti: mettere per es. indirizzi, num. Di

telefono. Il 99% dei siti presenta solo un contatto mail.

Presentare l’impresa

Acquisto prodotti on-line e consegna

cosa ci attendiamo dal nostro sito sia se qsto è un canale alternativo

Risultati da (sostituisce un negozio) sia un canale unico.

ottenere tener conto delle caratteristiche e delle esigenze del pubblico che

Pubblico verrà a visitarlo.

Che tipo di INFO dobbiamo/vogliamo presentare

rapida (la concorrenza qui è altissima)

Visualizzazione chiara fin dalle prime righe

Tipo di prodotti/servizi che vogliamo vendere

Tipologie di sito che vogliamo realizzare:

di PRESENTAZIONE: il sito corrisponde a una vetrina, fornisce le caratteristiche e presenta i

prodotti, diffonde la conoscenza di una marca

di MARKETING: acquisisce informazioni su consumatori per poi fare strategie di marketing.

(sito strumentale: acquisizione info tramite registrazione nel sito)

di COMUNICAZIONE: sfruttando le caratteristiche interattive della rete si scambiano info tra

consumatore e impresa e viceversa

per la VENDITA del

PRODOTTO (E-C.) il sito che ha questa funzione, ha un valore aggiunto. Svolgono attività

commerciali nel vero senso della parola, ma non necessariamente si deve

provvedere all’acquisto (transazione) elettronico on-line.

E- MARKETING

Evoluzione del marketing tradizionale, è RELAZIONALE. Relazione tra clienti e impresa, riunisce segmenti di

pubblico al quale possono offrire lo stesso prodotto. La relazione che può stabilire internet è quasi 1:1 1

impresa per 1 consumatore perché ciascun cliente è considerato separatamente dagli altri. Il rapporto è

basato infatti sulle caratteristiche del cliente.

Caratteristiche dell’ E-MARKETING:

1. Opera in un contesto estremamente dinamico

2. Consente la realizzazione di un’elevata quantità di informazioni

3. Interazione continua bidirezionale tra domanda e offerta (consumatore e impresa) fino a

congiungere la domanda con l’offerta

4. Accresciuta importanza del consumatore, qsto può pretendere la personalizzazione del prodotto,

qsta è solo di massa (come era prima la produzione).

5. Sfrutta la comunicazione della rete e per fare qsto deve valutare i nuovi canali della comunicazione

come le nuove modalità di vendita, le nuove possibilità di interazione (e-mail) le nuove possibilità di

comunicazione, possibilità di nuovi interlocutori, ampliamento dei mercati, nuovi tipi di affari.

6. Il punto centrale qui è la ricchezza di INFO, qsta crea fedeltà

7. Vendita senza mediari

8. Realizzazione delle community (comunità virtuali che servono a dibattere argomenti relativi a certi

prodotti/imprese. Quando si parla male si danneggia l’azienda che può risolvere con la censura o

moderando la comunità stessa).

9. Analizza profondamente il cliente

10. Segmentazione del pubblico: individua on-line le abitudini di acquisto dei consumatori per capire il

comportamento di questi relativo all’acquisto dei prodotti. Le segmentazioni sono in gruppi ove si

ricava un insieme di persone che hanno domande simili. Il comportamento del cliente e le relative

info servono a capire cosa qsti vogliono trarre dalla navigazione in rete. Le INFO si recuperano dai

(info di ciò che noi facciamo in rete e che rimangono nel server senza possibilità di un

LOG FILE

nostro controllo) e dai (file piccoli che si memorizzano nel computer dell’utente il quale

COOKIE

può rifiutarli, ma certi siti non permettono l’accesso senza l’accettazione di questi). Attraverso qste

INFO le imprese possono progettare i loro prodotti sulla base delle esigenze captate.

La segmentazione può essere: ha i seguenti obbiettivi:

GEOGRAFICA provenienza degli utenti - massimizzare i profitti

- PSICOGRAFICA conoscenza delle - ottimizzazione delle risorse che

- caratteristiche psico-sociali dell’utente l’impresa destina alle attività mktg

COMPORTAMENTALE esamina il comport. - razionalizzazione del portafoglio

- del navigatore dell’impresa

- conoscenza del cliente che permette

il rendersi conto dell’offerta della

concorrenza, offrendo prodotti migliori.

Strumenti dell’ E-MARKETING:

A. Sito web, Motori di ricerca, Blog

B. Pubblicità on-line (supportata da quella tradizionale)

C. E-mail marketing (sfruttamento economico con efficacia legata all’individuazione del destinatario

giusto)

D. Programmi di sponsorizzazione on-line di determinati siti bidirezionali tra le imprese diverse

LA PUBBLICITA’ ONLINE.

Fin dall’inizio di Internet si è pensato di poter fare in rete ciò che si fa nel mondo reale assimilando lo

strumento internet a alti mezzi come la tv e questo è un grosso errore.

Parlando di pubblicità on-line si devono considerare alcuni aspetti:

1. La tecnologia attuale sta introducendo ora terminali mobili con immagini in

TECNOLOGICO.

movimento (cellulari), sono in atto cambiamenti sociali che caratterizzano qsta epoca rispetto alle

altre (es. con l’introduzione della playstation). Sotto questo aspetto vanno considerati i nuovi adulti

che sono meno pronti a rispondere all’innovazione tecnologica, lo sono invece quelli tra i 30 e 45

anni. Tra i 70-80 anni sono persone più attive rispetto ai vecchi di prima.

Caratteristiche del NUOVO CONSUMATORE:

A. è più DISTRATTO difficile da interessare, si attira solo con qualcosa di veramente

nuovo. La pubblicità tradizionale non ha effetto, infatti oggi stanno prendendo

piede gli EVENTI come forma pubblicitaria

B. è SAZIO di prodotti e novità perciò difficile da soddisfare

C. è NOMADE, MIGRANTE non è stanziale quindi ha necessità di cambiare

D. è orientato verso un’ESPERIENZA TOTALIZZANTE ed è difficile creare su internet

un’esperienza che dia emozioni.

E. Riguardo al turismo è orientato per il LOW COST o le offerte PREMIUM (legate agli

status symbol, danno un valore aggiunto che il LC non ha)

F. è INCLASSIFICABILE (per nessuna categoria di utente)

2. (permette di accedere a Internet in breve, con qsta è il n. utenti)

BANDA LARGA/ADSL

3. (collegamento senza fili che rivoluzionerà il mondo)

WIRLESS

Cosa deve fare la Pubblicità on-line.

A. Ai pubblicitari di qsto settore è richiesta la riflessione del significato di pubblicità in rete con

ricerche per ottenere adeguate strategie di advertising.

B. modalità alternative di pubblicità in rete

C. In questi anni in pubblicità si è passati dal DIRE allo STUPIRE (la pubblicità deve non solo dire,

raccontare, ma anche stupire, dare emozioni.

D. L’elemento guida di qsta è il MARKETING RELAZIONALE e in esso è fondamentale il PASSAPAROLA

E. Bisogna anche organizzare delle pubblicità con degli EVENTI, sono qsti che attirano il cliente

Perché le imprese devono fare pubblicità on-line:

A. Sempre più persone sono in Internet

B. Qsta costa meno della pubblicità a stampa, in Tv ecc.

C. Si riescono ad acquisire immediatamente i risultati della campagna

D. Si diffonde l’immagine dei prodotti/servizi dell’azienda presso un numero crescente di consumatori.

Utente VS Pubblicità on-line

A. L’utente la tollera poco

B. Il 66% degli utenti sostiene che in Internet c’è troppa pubblicità

C. Tanti sostengono che la pubblicità on-line deve essere coerente con il contenuto della pagina in cui

appare

D. Molti trovano fastidiosi i banner in movimento che distraggono e creano stanchezza

Utente VS INFO-COMMERCE

A. Interesse della ricerca e l’acquisto di info in rete è maggiore rispetto alla pubblicità.

B. Emerge una SCHIZZOFRENIA del navigatore perché non siamo abituati al mondo internet, non

siamo abituati ad uno spazio così grande, è un mezzo diverso dagli altri perché qui l’utente è

interattivo e non passivo. Internet richiede un certo sforzo all’utente poiché questo non deve fare

solo una semplice scelta, ma è chiamato e interagire e a pianificare una propria logica di cosa vuole

fare, di stabilire una strategia per le sue attività.

L’ambiente Internet VS L’ambiente in TV

- numero illimitato di siti - numero limitato di stati del

sistema (canali)

- contenuti in multi format - contenuti mono format

(testo, video, immagini..)

- percorso multi dimensionale - percorso mono dimensionale

siamo tutti emittenti e qui l’emittente è la TV e il

riceventi allo stesso tempo ricevente è l’utente

Pubblicità in TV VS Pubblicità on-line

- Il significato di questa è legato al - l’utente è attivo

fatto che all’utente non è richiesto di fare - fa un uso mirato della sua

niente, ha l’esigenza di conquistare attenzione

l’attenzione del consumatore - è il protagonista stesso e

- agisce sugli utenti in forma seduttiva pretende rispetto

perché deve sedurre l’utente che reagisce - non gradisce interruzioni

per riflesso incondizionato - deve avere un suo valore

- è una sorta di narrazione ripetuta contestuale (avere un senso nel

nel tempo (scenette più volte al giorno) sito in cui è inserita)

- deve essere finalizzata agli

obbiettivi dell’utente

L’impresa deve tenere il giusto mix tra pubblicità tradizionale e pubblicità on-line, non deve

eccedere con nessuna delle due.

Strumenti utilizzati nel web per la pubblicità on-line

Above the line Below the line

BANNER: strisce che arricchiscono OPT-IN : messaggi che vengono trasmess

i vari siti e hanno la funzione di trasmettere ad una lista di utenti che hanno prima

un msg e rimandare al sito che viene accettato un manifestato di’interesse a

reclamizzato da qsti. Possono essere di ricevere determinate INFO (permition

varia natura e dimensione in pixel. Possono marketing)

essere dinamici o statici. Sono ospitati in siti NEWSLETTER: circolari che veicolano msg

che non sono i propri, quindi sono inviati ad una lista di contatti di cui

sponsorizzati da qualcuno. Figurano l’impresa dispone. Sono inviate a diversi

sull’home page. segmenti o categorie di persone

JUMP PAGE: pagina pubblicitaria che compare ADEVRTORIAL: collaborazione con l’impresa

a pieno schermo e resta visualizzata per e la redazione dell’editore proprietario

5 secondi, è intrusiva e monopolizza l’attenzione dei contenuti (pubb. redazionale)

dell’utente.

POP-UP questa è simile alla precedente ma può

essere controllata dall’utente

PAGAMENTI on-line e rischio SICUREZZA

La scarsa sicurezza delle modalità di pagamento on-line (invio dati della carta di credito) non è

diversa di quanto non sia il pagamento nella vita reale. Ma la virtualità spaventa.

Ci sono delle REGOLE di SICUREZZA per rendere meno trasparenti i nostri pagamenti on-line:

Cosa deve assicurare l’azienda.

1. colui che avvia la transazione con una certa impresa

IDENTIFICAZIONE DELL’INDIVIDUO:

2. che esegue il pagamento

AUTENTICARE L’INDIVIDUO

3. Garantire il devo essere certo che il mio cliente quando riceve la merce non

NON RIPUDIO:

dica “io non ho chiesto niente”

Punti di debolezza delle tecniche di protezione.

A. Le tecnologie evolvono giorno per giorno quindi occorrerebbe che queste tecniche

evolvessero di conseguenza

B. Queste tecniche sono di tipo reattivo e non preventivo

C. L’aggressione a un sito (se non accuratamente difeso) può avvenire anche passando da un

altro sito

D. Carenza di specialisti della sicurezza che non hanno sufficiente preparazione per far fronte

alle debolezze del PC.

Il mondo di Internet è insicuro per molti aspetti:

1. Inserimento dei dati falsi

2. Possibilità di cancellazione dei dati

3. Persone che leggono dati per i quali non sono autorizzati

4. Protocolli della sicurezza che sono scarsamente sicuri

SICUREZZA

insieme di misure di carattere organizzativo e tecnologico mirate ad

assicurare a ciascun utente o processo – e a nessun altro- tutti e soli i servizi

previsti per quell’utente o processo nei temi e nelle modalità previste.

Il rischio è che qualcuno blocchi

i sistemi inferendo un grave

attacco alla sicurezza

E’ necessario garantire l’accesso ai sistemi solo a chi è autorizzato, lasciare

campo libero indica insicurezza, accedere a dati da terzi o modificarli.

Le componenti della sicurezza sono l’ORGANIZZAZIONE (persone e loro

formazione) e le NORME (manuale della sicurezza che ogni azienda deve

avere)

Requisiti dei sistemi di sicurezza.

A. delle info, a disposizione solo di chi ne ha diritto

RISERVATEZZA

B. nessuno può manipolare un documento digitalizzato

INTEGRITA’

C. essere certi che quel documento provenga da una persona individuabile

AUTENTICAZIONE

D. non si può dover rifiutare un ordine commesso

NON-RIPUDIO


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

12

PESO

139.83 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Teorie e tecniche della comunicazione pubblicitaria e della promozione d'immagine per il corso del professor Greco. Gli argomenti trattati sono i seguenti: il commercio elettronico, l'EDI, le sue caratteristiche, i problemi dell'EDI, i vantaggi delle aziende derivate dall’utilizzo dell’EDI, l’importanza di Internet oggi.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze umanistiche per la comunicazione
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher melody_gio di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Teorie e tecniche della comunicazione pubblicitaria e della promozione d'immagine e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Greco Roberto Sebastiano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Teorie e tecniche della comunicazione pubblicitaria e della promozione d'immagine

Riassunto esame Teorie e Tecniche della comunicazione pubblicitaria e promozione dell'immagine, prof. Cappucci, libro consigliato Il Nuovo Consumatore verso il Postmoderno
Appunto
Riassunto esame Teorie e Tecniche della comunicazione pubblicitaria e promozione dell'immagine, prof. Cappucci, libro consigliato Il Medium è il Messaggio, Mcluhan
Appunto
Riassunto esame Teorie e Tecniche della comunicazione pubblicitaria e promozione dell'immagine, prof. Cappucci, libro consigliato Brand Equity
Appunto
Riassunto esame Teorie e Tecniche della comunicazione pubblicitaria e promozione dell'immagine, prof. Cappucci, libro consigliato People Are Media
Appunto