Che materia stai cercando?

Teoria e tecniche dei test - test psicologici Appunti scolastici Premium

Appunti con descrizione dettagliata di 12 test per l'esame di Teoria e tecniche dei test del professor Miragliotta: la batteria di prove attitudinali è uno strumento costituito da una serie di prove volte a valutare alcune attitudini di base.
Viene utilizzato per:
- l’orientamento scolastico e professionale;
- la programmazione didattica.

Esame di Teoria e tecniche dei test dal corso del docente Prof. A. Miragliotta

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Infine bisogna sommare i punteggi parziali di ogni dimensione e scrivere i risultati nella

tabella totali della colonna P.G.

I punteggi grezzi vanno trasformati in punti stanine consultando la tabella di conversione

relativa al sesso del soggetto, dopodichè si ottiene un profilo di caratteristiche

individuali.

Nell’interpretazione del profilo vanno considerati:

i PUNTEGGI ALTI in quanto riguardano gli interessi significativi del soggetto

o i PUNTEGGI BASSI in quanto riguardano un netto rifiuto per determinate

o professioni o perché possono essere limitanti nel raggiungimento dei propri

obiettivi scolastici e professionali

i VALORI della SCALA DI CONTROLLO e indagati i motivi per cui il soggetto tende

o ad accentuare le proprie caratteristiche negative, o a percepirsi o presentarsi sotto

una luce estremamente positiva

STANDARDIZZAZIONE

Il campione normativo è composto da 1280 soggetti ( 610 maschi e 670 femmine ) di età

compresa tra i 17 e i 19 anni frequentanti le ultime classi della scuola media superiore

della Lombardia.

Dall’analisi dei dati risulta una differenza significativa in base al sesso: in particolare, il

gruppo femminile ha ottenuto punteggi significativamente elevati nella scala della

Disponibilità relazionale e in misura minore nella scala della Flessibilità mentale; mentre

il gruppo maschile ha ottenuto punteggi significativamente inferiori nella scala della

Stabilità emotiva, Autostima e di Controllo.

CARATTERISTICHE METROLOGICHE

L’attendibilità è stata calcolata con l’ alpha di Cronbach e il test - retest.

L‘ alpha di Cronbach è stata calcolata sull’intero campione di 1280 studenti delle ultime

due classi di scuole superiori della Lombardia.

Per il test retest sono stati utilizzati 120 studenti di 3°liceo classico ai quali il Q.A. è stato

somministrato a 5 mesi di distanza.

La validità di tipo concorrente è stata verificata rispetto ai punteggi del Big five

questionnaire. 10

QUESTIONARIO D’INTERESSI PROFESSIONALI

Q. I. P.

( Castelli, Lubelli, Mancinelli )

Il Questionario d’interessi professionali è destinato agli studenti al termine della scuola

dell’obbligo e della scuola media superiore ed è volto:

ad aiutare gli adolescenti a conoscere meglio se stessi

o ad individuare il corso di studi più adeguato, in rapporto non solo alle capacità

o ma anche alle preferenze e agli interessi professionali

STRUTTURA

Il questionario è composto da 128 quesiti che descrivono alcune attività professionali

suddivise in 8 aree, ognuna delle quali è costituita da 16 quesiti, in modo da dare uguale

peso a tutte le tipologie professionali:

1. AMBIENTALE in quest’area sono compresi quei lavori che si svolgono a contatto con

la natura e in difesa dell’equilibrio ambientale ( giardiniere, ambientalista )

2. AMMINISTRATIVO - COMMERCIALE in quest’area sono compresi quei lavori che

riguardano attività di tipo amministrativo, commerciale e di consulenza finanziaria

( commercialista, ragioniere )

3. ARTISTICO - ARTIGIANALE in quest’area sono compresi quei lavori che riguardano le

arti visive o che richiedono l’uso di materiali per la creazione di oggetti che abbiano

un significato estetico ( architetto, fotografo, stilista )

4. LETTERARIO in quest’area sono compresi quei lavori che riguardano la letteratura,

l’informazione e la pubblicità ( giornalista, traduttore )

5. SCIENTIFICO in quest’area sono compresi quei lavori che riguardano la

sperimentazione e la ricerca di nuovi metodi per la soluzione di problemi ( biologo,

ingegnere, fisico )

6. SOCIALE - EDUCATIVO in quest’area sono compresi quei lavori che riguardano la

presenza quotidiana con le persone per aiutarle, curarle, istruirle ( medico,

infermiere,psicologo )

7. TECNICO in quest’area sono compresi quei lavori che riguardano la conoscenza e

l’uso di strumenti per l’elaborazione dei dati ( operatore informatico, geometra,

meccanico ) 11

8. TURISTICO - LINGUISTICO in quest’area sono compresi quei lavori che riguardano

alcune attività connesse con i servizi e le organizzazioni del tempo libero ( guida

turistica, cameriere, interprete )

SOMMINISTRAZIONE

La somministrazione può essere individuale e collettiva; non vi sono limiti di tempo e

generalmente non sono necessari più di 20 minuti.

Per ogni area si richiede di esprimere la propria preferenza con un SI/NO e di segnare le

risposte nell’apposito foglio di risposta.

RILEVAZIONE DEL PUNTEGGIO

L’insieme delle preferenze espresse nei confronti delle diverse attività fornisce 8

punteggi, tanti quante sono le aree.

Non occorrono griglie di correzione, basta contare le risposte affermative per ogni riga e

scrivere i risultati parziali accanto alla sigla che definisce l’area.

Si sommano i punteggi parziali di ogni area e si riportano i risultati in fondo al foglio di

risposta sulla riga del punteggio grezzo.

I punteggi grezzi vanno trasformati in punti stanine mediante l’uso di apposite tabelle di

conversione, in base al sesso del soggetto; dopodichè si ottiene un profilo individuale.

Nell’interpretazione del profilo vanno considerati:

i PUNTEGGI ALTI in quanto riguardano gli interessi significativi

o i PUNTEGGI BASSI in quanto riguardano un netto rifiuto per determinate

o professioni

la relazione tra gli interessi INVENTARIATI ( cioè gli interessi nei confronti di una

o determinata professione ) e gli interessi ESPRESSI ( cioè gli interessi risultanti dal

punteggio ): se esiste una relazione si può pensare ad una sufficiente stabilità

degli interessi, altrimenti si deve cercare di comprendere i motivi sottostanti alla

loro scarsa chiarezza ( per ex. conoscenza inadeguata delle professioni,

indifferenza nei confronti della scelta )

inoltre bisogno discutere e approfondire con il soggetto le aree professionali con

o un punteggio più elevato per verificare se possono essere tradotte in una scelta

realistica e adeguata al soggetto

STANDARDIZZAZIONE

Il campione normativo è composto da soggetti di 13/14 anni frequentanti la scuola

media.

Non sono emerse differenze statisticamente significative rispetto al livello

socio-economico per la scelta professionale, mentre sono emerse differenze significative

dal confronto tra le medie dei maschi e quelle delle femmine: i maschi sono più portati

per il settore Tecnico, mentre le femmine per i settori Artistico-artigianale, Letterario,

Sociale-educativo e Turistico; mentre non sono emerse differenze per i settori

Ambientale, Commerciale e Scientifico.

CARATTERISTICHE METROLOGICHE

L’attendibilità è stata calcolata con l’ alpha di Cronbach e il test - retest.

L’alpha di Cronbach è stat calcolata sui dati di un gruppo di 200 soggetti di età compresa

tra i 13 e i 14 anni frequentanti la 3° media di scuole di Milano.

Il test retest è stato calcolato a distanza di 3 mesi su un nuovo gruppo di 120 soggetti

(74 maschi e 46 femmine).

La validità di tipo discriminante è stata verificata calcolando i punteggi ottenuti nelle

diverse scale da 116 soggetti iscritti a diverse facoltà universitarie: tali dati confermano

la capacità di discriminare tra gruppi contrastanti per interesse professionale, cioè

suscita risposte diverse da parte di gruppi accademici diversi e risposte omogenee da

parte di soggetti che seguono indirizzi di studi simili. 12

QUESTIONARIO D’INTERESSI ACCADEMICO – PROFESSIONALI

Q. I. A. P.

( Caradonna, Lubelli )

Il Questionario d’interessi accademico - professionali è destinato agli studenti al termine

della scuola media superiore ed è volto ad offrire ai ragazzi la possibilità di esprimere le

loro preferenze in rapporto ai corsi universitari.

STRUTTURA

Il questionario è composto da 110 quesiti che descrivono alcune attività professionali

suddivise in 11 aree.

Le aree sono le seguenti:

1. AGRARIA - VETERINARIA in quest’area sono comprese attività lavorative nei settori

della ricerca, della libera professione, dell’insegnamento, della pubblica

amministrazione e nel settore privato.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse verso la natura allo scopo di

utilizzarne le risorse.

2. GRAFICA - ARCHITETTONICA in quest’area sono comprese attività lavorative nei

settori della libera professione, dell’insegnamento, della pubblica amministrazione e

del privato.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse verso le arti figurative, la

valorizzazione del patrocinio artistico e la progettazione urbanistica.

3. GIURIDICO - POLITICA in quest’area sono comprese attività lavorative nei settori

della libera professione, dell’insegnamento, della pubblica amministrazione.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse per lo studio del diritto e per

l’analisi e l’attuazione di strategie politiche.

4. SCIENTIFICA - AMBIENTALE in quest’area sono comprese attività lavorative nei

settori della ricerca, dell’insegnamento, dell’impresa pubblica e privata. 13

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse per la natura al fine di

salvaguardarne l’equilibrio.

5. ECONOMICA in quest’area sono comprese attività lavorative nei settori

dell’impresa pubblica e privata e del settore terziario.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse per la gestione di attività

economico-commerciali e per lo studio e il funzionamento di sistemi

economico-sociali.

6. MEDICO - SANITARIA in quest’area sono comprese attività lavorative nei settori

della ricerca, della libera professione, nel settore sanitario nazionale e nell’industria.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse per la cura e l’assistenza dei

malati, e per la ricerca a scopo preventivo e terapeutico.

7. MATEMATICO - INFORMATICA in quest’area sono comprese attività lavorative nei

settori della libera professione, dell’insegnamento, della pubblica amministrazione e

del privato.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse per l’uso sistematico del metodo

ipotetico- deduttivo e per la programmazione e la gestione dei sistemi di calcolo.

8. EDUCATIVO - PSICOLOGICA in quest’area sono comprese attività lavorative nei

settori della libera professione, dell’insegnamento, in strutture scolastiche ed

extrascolastiche pubbliche e private.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse di tipo sociale sia in ambito

relazionale che educativo.

9. SCIENTIFICA in quest’area sono comprese attività lavorative nei settori della ricerca,

dell’insegnamento, dell’impresa pubblica e privata.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse per l’applicazione del metodo

scientifico allo studio dei fenomeni chimici e fisici.

10. LINGUISTICO - UMANISTICA in quest’area sono comprese attività lavorative nei

settori dell’insegnamento, del giornalismo e delle pubbliche relazioni.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse per la cultura, in particolare per la

conoscenza della letteratura e della storia delle popolazioni italiane e straniere.

11. TECNICO - INGEGNERISTICA in quest’area sono comprese attività lavorative nei

settori civile, industriale, informatico, terziario e della pubblica amministrazione.

Un elevato punteggio in quest’area indica interesse per la progettazione e il controllo

di impianti tecnologicamente avanzati e per la gestione organizzativa dei processi di

produzione.

SOMMINISTRAZIONE

La somministrazione può essere individuale e collettiva; non vi sono limiti di tempo e

generalmente non sono necessari più di 20 minuti.

Per ogni area si richiede di esprimere la propria preferenza secondo una scala di

valutazione del punteggio e di segnare le risposte nell’apposito foglio di risposta:

0= per nulla

o 1= poco

o 3= abbastanza

o 5= molto

o

RILEVAZIONE DEL PUNTEGGIO

L’insieme delle preferenze espresse nei confronti delle diverse attività fornisce 11

punteggi, tanti quante sono le aree.

Non occorrono griglie di correzione, basta sommare i valori numerici per ogni riga e

scrivere il risultato totale nella colonna contrassegnata dalle sigle.

Dai punteggi totali si ottiene un profilo individuale indice della direzione e dell’intensità

degli interessi accademico-professionali del soggetto.

Nell’interpretazione del profilo vanno considerati:

i PUNTEGGI ALTI in quanto riguardano gli interessi significativi

o 14

i PUNTEGGI BASSI in quanto riguardano un netto rifiuto per determinate

o professioni

inoltre ai valori numerici delle singole aree possono essere attribuiti i seguenti

o livelli o sotto-livelli:

- basso se il punteggio è compreso tra 0 e 10

- medio basso se il punteggio è compreso tra 11 e 20

- medio se il punteggio è compreso tra 21 e 30

- medio alto se il punteggio è compreso tra 31 e 40

- alto se il punteggio è compreso tra 41 e 50

CARATTERISTICHE METROLOGICHE E STANDARDIZZAZIONE

Il campione normativo è composto da studenti frequentanti le ultime classi delle scuole

medie secondarie.

L’attendibilità è stata calcolata con l’alpha di Cronbach e ha dimostrato che il test ha

un’adeguata coerenza interna.

La validità di tipo discriminante ha dimostrato che il test ha un’elevata validità

discriminante, in quanto vi è un’elevata corrispondenza tra il settore nel quale viene

svolta la professione e il punteggio prevalente nelle rispettive aree del questionario.

E’ stata fatta anche l’analisi fattoriale sulle preferenze espresse da tutto il campione,

prendendo in considerazione le 11 aree del questionario; è stata verificata un’elevata

correlazione fra le aree con percorso accademico-professionale analogo, evidenziando 3

fattori di saturazione:

1. fattore scientifico-tecnico

2. fattore economico-finanziario

3. fattore umanistico-sociale TEST D’INTELLIGENZA

WECHSLER ADULT INTELLIGENCE SCALE – REVISED

W. A. I. S. - R.

( Wechsler, 1981 )

Il test nasce sulla scia di precedenti tentativi di valutazione dell’intelligenza:

la Scala Binet-Simon secondo la quale l’intelligenza è espressa con il termine di

o età mentale

la Scala Stanford-Binet che introduce il concetto di quoziente di intelligenza come

o il rapporto tra età mentale ed età cronologica x100

la Scala Wechsler, elaborata dallo stesso nel 1939, 1949, 1955, 1967, 1974 che

o introduce il concetto di quoziente intellettivo di deviazione ( con μ=100 e σ=15 ):

in pratica il quoziente intellettivo definisce l’intelligenza attraverso il confronto

delle prestazioni del soggetto di una certa età con il punteggio medio ottenuto dai

soggetti della stessa età.

Secondo Wechsler l’ INTELLIGENZA è una capacità globale o complessa dell’individuo di

agire per uno scopo determinato, di pensare in maniera razionale, di avere rapporti utili

con il proprio ambiente.

In pratica consente all’individuo di predisporsi alla comprensione del mondo e di

affrontarne le sfide.

La Scala di intelligenza Wechsler per adulti non viene usata solo per la misurazione

dell’intelligenza generale, ma anche come ausilio nella diagnosi psichiatrica in quanto

fornisce informazioni utili sulla modalità del funzionamento mentale. 15

STRUTTURA

La Scala di intelligenza Wechsler per adulti è costituita da 11 sub-test organizzati in

maniera alternata e suddivisi in:

6 verbali

o 5 di performance

o

Prove verbali saggiano la componente più teorica dell’intelligenza e sono tutte senza

limiti di tempo, tranne la prova di Ragionamento aritmetico:

1. INFORMAZIONE dà indicazioni sulla cultura generale del soggetto

è composta da 29 item

o si inizia dall’item n° 5

o l’interruzione avviene dopo 5 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 1

o Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: alcuni item sono stati eliminati perché

obsoleti, alcuni sono stati variati nella forma e sono stati aggiunti 9 item.

2. MEMORIA DI CIFRE dà indicazioni sulla capacità mnemonica del soggetto

è composta da 14 item

o l’interruzione avviene dopo 2 insuccessi

o Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: viene attribuito 1 punto ad ogni serie

ripetuta correttamente.

3. VOCABOLARIO dà indicazioni sulla capacità intellettuale correlata con la capacità di

apprendimento

il soggetto deve dare la definizione del vocabolo

o è composta da 35 item

o si inizia dall’item n° 4

o l’interruzione avviene dopo 5 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 2

o

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: viene diminuito il numero degli item, alcuni

sono stati modificati e 2 sono stati aggiunti.

4. RAGIONAMENTO ARITMETICO dà indicazioni sulla capacità di concentrazione

il soggetto deve risolvere mentalmente brevi problemi aritmetici

o è composta da 14 item

o si inizia dall’item n° 3

o l’interruzione avviene dopo 4 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 2

o

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: sono stati modificati alcuni item e ne è

stato aggiunto 1

5. COMPRENSIONE dà indicazioni sull’esame di realtà e la capacità di giudizio

il soggetto deve trovare un perché a fatti o azioni comuni

o è composta da 16 item

o l’interruzione avviene dopo 4 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 2

o

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: il n° degli item è stato aumentato.

6. ANALOGIE dà indicazioni sulla logicità del pensiero

il soggetto deve dire in cosa si somigliano oggetti comuni

o è composta da 20 item

o l’interruzione avviene dopo 5 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 1

o

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: il n° degli item è stato diminuito e alcuni

sono stati modificati. 16

Prove di performance saggiano la componente più pratica e manuale

dell’intelligenza e sono tutte con i limiti di tempo:

1. COMPLETAMENTO DI FIGURE dà indicazioni sulla capacità di concentrazione su

materiale percepito visivamente

il soggetto deve nominare o descrivere o indicare la parte mancante di una figura

o è composta da 20 item

o l’interruzione avviene dopo 5 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 1

o

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: il n° degli item è stato diminuito e alcuni

sono stati modificati.

2. RIORDINAMENTO DI STORIE FIGURATE dà indicazioni sulla capacità di

progettazione in un lavoro che implica anche attenzione e giudizio

il soggetto deve riordinare alcune vignette in modo che la storia abbia un senso

o compiuto

è composta da 10 item

o l’interruzione avviene dopo 4 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 2

o

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: gli item sono stati aumentati ed è cambiata

l’attribuzione del punteggio.

3. DISEGNO CON CUBI dà indicazioni sulla capacità di coordinazione visuo-motoria

imitativa

è composta da 9 item

o l’interruzione avviene dopo 3 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 7

o

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: gli item sono diminuiti.

4. RICOSTRUZIONE DI OGGETTI O FIGURE dà indicazioni sulla capacità di organizzare

e anticipare visivamente un oggetto e di riprodurlo utilizzando il solo modello mentale

il soggetto deve mettere insieme dei pezzi in modo da comporre alcune figure

o è composta da 4 item

o viene assegnato 1 punto per ogni accostamento esatto e dei punti supplementari

o sulla base del tempo impiegato

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: nessuno.

5. ASSOCIAZIONE DI SIMBOLI A NUMERI dà indicazioni sulla capacità di coordinazione

psicomotoria e di apprendimento rapido

il soggetto deve associare ai numeri alcuni simboli grafici

o è composta da 93 item

o il punteggio varia da 0 a 1

o il tempo a disposizione è di 90 secondi

o

Cambiamenti rispetto alla Wais del 1955: nessuno.

CAMBIAMENTI RISPETTO ALLA SCALA WAIS DEL 1955

La maggior parte della Scala è rimasta invariata, alcuni item che sembravano obsoleti

sono stati eliminati e ne sono stati aggiunti dei nuovi.

Inoltre è stato modificato l’ordine di somministrazione delle prove: infatti, nella scala del

1955 le prove verbali venivano somministrate prima di quelle di performance, mentre in

questa scala la somministrazione delle prove è alternata.

SOMMINISTRAZIONE

La Scala può essere somministrata individualmente a soggetti di età compresa tra i 16 e

i 74 anni.

Il tempo di somministrazione va dai 60 ai 90 minuti, ed è preferibile somministrarla in

un’unica seduta. 17

Le prove verbali e di performance possono essere somministrate sia singolarmente (per

dare un quoziente intellettivo verbale o di performance), sia insieme (per dare un

quoziente intellettivo totale): questa caratteristica permette di somministrare solo le

prove di performance a soggetti con deficit del linguaggio, oppure solo le prove verbali a

soggetti con deficit visuo-motori; ma è importante l’uso di entrambe le prove perché

fornisce ai soggetti esaminati più prove per dimostrare le loro capacità, e agli

esaminatori una maggiore opportunità per valutare le abilità che le prove si propongono

di misurare.

RILEVAZIONE DEL PUNTEGGIO

I punteggi vengono registrati nella scheda di notazione e trasformati in punti ponderati;

le somme dei punti ponderati sono convertite per ciascun gruppo in quoziente

intellettivo verbale, quoziente intellettivo di performance, quoziente intellettivo totale:

dopodichè è possibile tracciare un profilo del soggetto, che mostra i suoi punti di forza e

di debolezza ai sub-test della Scala in rapporto al gruppo di riferimento.

CARATTERISTICHE METROLOGICHE

L’attendibilità è stata calcolata con la tecnica dello split-half per tutti i sub-test, tranne

per le prove di Velocità, Memoria e cifre e Associazione di simboli a numeri per le quali è

stata utilizzata la tecnica del test-retest: tali tecniche hanno dimostrato che la Scala ha

un’adeguata coerenza interna.

La validità di tipo concorrente è stata calcolata rispetto al Q.I. della Scala Stanford-Binet

e ha dimostrato che la Scala ha una buona validità strutturale.

WECHSLER INTELLIGENCE SCALE FOR CHILDREN – REVISED

W. I. S. C. - R.

( Wechsler, 1974 )

La scala di intelligenza Wechsler per bambini differisce dagli altri test di intelligenza per

bambini in quanto ha abbandonato il concetto di età mentale come misura di intelligenza

a favore del quoziente intellettivo di deviazione: in pratica il quoziente intellettivo è

ottenuto non dal confronto delle prestazioni del soggetto con il punteggio medio ottenuto

dai soggetti di tutte le età, ma esclusivamente dal confronto delle prestazioni del

soggetto con il punteggio medio ottenuto dai soggetti della stessa età.

Secondo Wechsler l’ INTELLIGENZA è una capacità globale o complessa dell’individuo di

agire per uno scopo determinato, di pensare in maniera razionale, di avere rapporti utili

con il proprio ambiente.

In pratica consente all’individuo di predisporsi alla comprensione del mondo e di

affrontarne le sfide. 18

La Scala di intelligenza Wechsler per bambini non viene usata solo per la misurazione

dell’intelligenza generale, ma anche come ausilio nella diagnosi psichiatrica in quanto

fornisce informazioni utili sulla modalità del funzionamento mentale.

STRUTTURA

La Scala di intelligenza Wechsler per bambini è costituita da 12 sub-test organizzati in

maniera alternata e suddivisi in:

5 verbali

o 5 di performance

o 2 supplementari ( 1 verbale e 1 di performance ) che si applicano quando c’è del

o tempo a disposizione o come prove sostitutive quando non può essere

somministrato o risulti invalido uno degli altri test; inoltre, il loro punteggio non

viene considerato per il calcolo del quoziente intellettivo

Prove verbali saggiano la componente più teorica dell’intelligenza e sono tutte

senza limiti di tempo, tranne la prova di Aritmetica:

1. INFORMAZIONE è la prima prova poiché fornisce il contatto con il soggetto e dà

indicazioni sull’ambiente educativo e scolastico, sugli interessi culturali; inoltre dà

indicazioni circa un eventuale arresto precoce nella maturazione o problemi di

adattamento

è composta da 30 item

o si inizia con item differenti a seconda dell’età ( 1, 5, 7, 11 )

o l’interruzione avviene dopo 5 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 1

o Cambiamenti rispetto alla Wisc del 1949: sono stati eliminati gli item insoliti e

aggiunti item attinenti al quotidiano.

2. SOMIGLIANZE dà indicazioni sulla logicità del pensiero e sulla formazione dei

concetti

è composta da 17 item

o si inizia con l’ item n°1 per tutti

o l’interruzione avviene dopo 3 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 1 per gli item 1 e 4, mentre varia da 0 a 2 per gli item 5 e

o 17

3. ARITMETICA dà informazioni sull’abilità di calcolo ed è l’unica prova a tempo

è composta da 18 item

o si inizia con item differenti a seconda dell’età ( 1, 5, 8, 10 )

o l’interruzione avviene dopo 3 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 1 e può essere di mezzo punto negli item 2 e 3

o si utilizza un cartoncino con una fila di 12 alberi, un cartoncino bianco e 3

o cartoncini su cui sono stampati i problemi 16, 17, 18

non è consentito l’uso di carta per l’esecuzione dei calcoli

o

Cambiamenti rispetto alla Wisc del 1949: sono stati cambiati i materiali ( figurine al

posto dei sigari ) e non ci sono più gli item dell’autobus e della partita di carte.

4. VOCABOLARIO dà indicazioni sulla capacità intellettuale correlata con la capacità di

apprendimento

è composta da 32 item

o si inizia con item differenti a seconda dell’età ( 1, 4, 6, 8 )

o l’interruzione avviene dopo 5 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 2

o

Cambiamenti rispetto alla Wisc del 1949: sono state eliminate le parole obsolete,

difficili o ambigue

5. COMPRENSIONE dà indicazioni sull’esame di realtà e la capacità di giudizio

è composta da 17 item

o si inizia con l’ item n°1 per tutti

o 19

l’interruzione avviene dopo 4 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 2

o

Cambiamenti rispetto alla Wisc del 1949: sono stati eliminati item considerati per

adulti

- prova supplementare: MEMORIA DI CIFRE dà indicazioni sulla capacità mnemonica

del soggetto

è composta da 2 sub-test: cifre in avanti e cifre all’indietro

o si inizia con l’ item n°1 per tutti

o l’interruzione avviene in caso di errore in entrambe le prove

o il punteggio varia da 0 a 2

o

Cambiamenti rispetto alla Wisc del 1949: nessuno

Prove di performance saggiano la componente più pratica e manuale

dell’intelligenza e sono tutte con i limiti di tempo:

1. COMPLETAMENTO DI FIGURE dà indicazioni sulla capacità di concentrazione su

materiale percepito visivamente

è composta da 26 item

o si inizia con item differenti a seconda dell’età (1, 5 )

o l’interruzione avviene dopo 5 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia da 0 a 1

o

2. STORIE FIGURATE dà indicazioni sulla capacità di progettazione in un lavoro che

implica

anche attenzione e giudizio

è composta da 12 item

o si inizia con item differenti a seconda dell’età (1, 5 )

o l’interruzione avviene dopo 3 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia in base alla rapidità e all’esattezza dell’esecuzione

o

3. DISEGNO CON CUBI dà indicazioni sulla capacità di coordinazione visuo-motoria

imitativa

è composta da 11 item

o si inizia con item differenti a seconda dell’età (1, 3 )

o l’interruzione avviene dopo 2 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia in base alla rapidità e all’esattezza dell’esecuzione

o

4. RICOSTRUZIONE DI OGGETTI dà indicazioni sulla capacità di organizzare e

anticipare visivamente un oggetto e di riprodurlo utilizzando il solo modello mentale

è composta da 4 item ( bambina, cavallo, auto, volto )

o si inizia con l’ item n°1 per tutti

o non c’è interruzione

o il punteggio varia in base alla rapidità e all’esattezza dell’esecuzione

o

5. CIFRARIO dà indicazioni sulla coordinazione visuo-motoria imitativa ed è una prova

di associazione fra simboli grafici e oggetti

è divisa in due parti. A e B

o la prova dura 60 minuti

o il punteggio varia da 0 a 1

o

- prova supplementare: LABIRINTI

è composta da 9 item

o si inizia con item differenti a seconda dell’età (1, 4 )

o l’interruzione avviene dopo 4 insuccessi consecutivi

o il punteggio varia in base agli errori e al tempo

o

CAMBIAMENTI RISPETTO ALLA SCALA WISC DEL 1949

I cambiamenti riguardano la gamma di età: da 5 anni a 15 anni si è passati da 6 anni/0

mesi a 16 anni/11 mesi perché l’età inferiore coincideva con l’età di un altro test, il WIPSI

20

per cui per evitare la sovrapposizione si è effettuato questo cambiamento; si è

mantenuto il maggior numero dei contenuti; si è avuta la modificazione o eliminazione di

item desueti o ambigui; si è passati all’ordine di somministrazione alternato.

SOMMINISTRAZIONE

La Scala può essere somministrata individualmente a soggetti di età compresa tra i

6anni/0 mesi e i 16 anni/11 mesi

Il tempo di somministrazione per la batteria normale ( 10 test ) è di 50/70 minuti.

I test aritmetici e di performance hanno precisi limiti di tempo e richiedono l’uso di un

cronometro.

RILEVAZIONE DEL PUNTEGGIO

Sul manuale vi sono i criteri di attribuzione del punteggio per tutti i test, tranne per le

prove Somiglianze, Vocabolario e Comprensione.

I punteggi grezzi devono essere convertiti in punteggi ponderati appropriati all’età:

questi punteggi vanno da 1 a 19, da ciò si ottengono 3 tipi di punteggi ponderati che

devono poi essere convertiti in quoziente intellettivo:

1. il punteggio verbale verrà convertito in quoziente intellettivo verbale

2. il punteggio di performance verrà convertito in quoziente intellettivo di performance

3. il punteggio totale verrà convertito in quoziente intellettivo totale

CARATTERISTICHE METROLOGICHE E STANDARDIZZAZIONE

Il campione è costituito da 2200 soggetti normali degli Stati Uniti, di età compresa tra i 6

e i 16 anni.

L’attendibilità è stata calcolata con la tecnica dello split-half per tutti i sub-test, tranne

per il Cifrario e la Memoria e cifre per le quali è stata utilizzata la tecnica del test-retest:

tali tecniche hanno dimostrato che la Scala ha un’adeguata coerenza interna, con

coefficienti elevati.

La validità di tipo concorrente è stata calcolata rispetto al Q.I. della Scala Stanford-Binet

e ha dimostrato che la Scala ha una buona validità strutturale, con coefficienti elevati.

TEST DELLA FIGURA UMANA

T. F. U.

( Goodenough, 1926; Harris, 1963 )

Il DISEGNO è stato preso in considerazione da molti studiosi come facile mezzo

attraverso cui cogliere la modalità espressiva del bambino e la sua evoluzione: esso,

infatti, è un mezzo semplice per comunicare. 21

La Goodenough fu la prima ad elaborare un metodo per poter valutare analiticamente il

disegno.

Il primo problema che le si presentò fu la scelta dell’oggetto da disegnare, che doveva

possedere i alcuni criteri:

doveva essere ugualmente familiare a tutti i bambini

o non doveva subire variazioni nelle sue caratteristiche generali ( in modo che anche i

o bambini più piccoli fossero in grado di disegnarlo ) e nello stesso tempo doveva essere

ricco di dettagli ( per dare la possibilità ai bambini più grandi di manifestare appieno le

loro capacità )

doveva suscitare l’interesse di tutti i bambini così da motivarli ad eseguire il disegno

o secondo le loro capacità

La Goodenough ritenne che il disegno della FIGURA UMANA soddisfacesse questi criteri,

e in particolare scelse la FIGURA DELL’UOMO data l’uniformità dei vestiti maschili: infatti,

la figura della donna avrebbe presentato maggiori difficoltà per il ricco e svariato

abbigliamento.

Per decidere come valutare il disegno, la Goodenough estrasse 100 disegni da 4000

lavori eseguiti da bambini della scuola materna ed elementare.

I disegni scelti furono confrontati in base all’età cronologica e allo sviluppo intellettuale

dei soggetti: da questa analisi furono ricavati 40 elementi riguardanti la figura disegnata,

i quali dovevano soddisfare 2 criteri:

1. dovevano essere in rapporto con l’età

2. dovevano differenziare i soggetti della stessa età

Oggi viene utilizzata la revisione del Test della figura umana effettuata da Harris nel

1963 che:

introduce una valutazione quantitativa oltre a quella già esistente qualitativa

o oltre alla figura dell’uomo, prende in considerazione la FIGURA DELLA DONNA e

o l’AUTORITRATTO DEL SOGGETTO

tali elementi devono essere correlati ad un test d’intelligenza

o i soggetti con un punteggio totale alto devono essere discriminati dai soggetti con

o un punteggio totale basso

Il Test della figura umana nasce come test d’intelligenza, anche se in realtà è stato

ampiamente utilizzato per ottenere informazioni sulla personalità.

Oggi viene utilizzato per diagnosticare:

lo sviluppo intellettuale del bambino

o problemi e disturbi tipici dell’adolescenza

o problemi emotivi dei soggetti e atteggiamenti verso i familiari

o le dimensioni della personalità

o il grado di socializzazione dei soggetti

o

E’ destinato:

secondo la forma originale a soggetti di età compresa tra i 3 e i 15 anni

o 

secondo l’adattamento italiano a soggetti di età compresa tra i 4 e i 11 anni

o 

inoltre a persone adulte, ritardati mentali e persone anziane

o

STRUTTURA

Il test è composto da:

un foglio in cui vi sono stampate brevi istruzioni per l’esecuzione del test e i dati

o che vanno completati con le notizie personali del soggetto: a sinistra vi è il

22

riquadro in cui il soggetto deve disegnare la figura umana, a destra vi sono i

numeri corrispondenti agli elementi descritti nelle istruzioni analitiche per la

valutazione della figura: 73 per il disegno dell’uomo e 71 per il disegno della

donna

2 fogli distinti per il disegno dell’uomo e della donna

o

SOMMINISTRAZIONE

Il Test della figura umana possiede dei vantaggi rispetto agli altri test d’intelligenza:

può essere somministrato sia individualmente che collettivamente: la

o somministrazione collettiva è preferibile con i bambini piccoli della scuola

dell’infanzia

richiede poco tempo per la somministrazione

o è un test carta e matita

o la motivazione alla prova è facile in quanto i bambini sono portati al disegno che è

o un mezzo espressivo a loro familiare e che non suscita resistenze, come può

avvenire in altri test

le consegne sono molto semplici e anche i bambini con sviluppo ritardato le

o comprendono facilmente: si invitano i soggetti a compilare la scheda personale, si

chiede loro di fare due disegni, uno alla volta, nei fogli contrassegnati dalla lettera

U per la figura dell’uomo e dalla lettera D per la figura della donna,

raccomandando loro di fare del proprio meglio

non deve mai essere utilizzata la parola OMINO: infatti i bambini devono essere

o invitati a disegnare un uomo reale e non una figura fantastica

nella prova il soggetto dovrà obbligatoriamente disegnare per primo la figura

o dell’uomo, poi quella della donna e poi l’autoritratto, considerato da Harris

necessario per scoprire le caratteristiche di personalità del soggetto

il test può essere corretto anche da non esperti

o l’esaminatore non deve mai esprimere giudizi sui disegni

o nel caso in cui si notano nel disegno parti poco chiare, l’esaminatore dovrà

o chiedere spiegazioni al bambino

RILEVAZIONE DEL PUNTEGGIO

L’esaminatore deve tenere in considerazione quelle che vengono definite ISTRUZIONI

ANALITICHE DEL DISEGNO DI UN UOMO E DI UNA DONNA, che si riferiscono ai criteri

secondo cui si devono accettare o rifiutare gli elementi presenti nel disegno del bambino:

73 elementi per l’uomo, tra cui testa, collo, occhi, orecchie, naso, bocca, mento,

o fronte, capelli, braccia, mani, gambe, vestiario

71 elementi per la donna tra cui, oltre a quelli citati per l’uomo, collana, orecchini,

o anca, scarpe, stile, vita, gonna, scollatura

Per l’attribuzione del punteggio si assegnerà:

1 punto per ogni elemento accettato

o 0 punti per ogni elemento rifiutato

o inoltre, su un certo numero di disegni è possibile trovare alcuni elementi che sono

o difficili da valutare: questo capita soprattutto per i disegni eseguiti dai bambini

maggiori di 5 anni: in tal caso conviene riapplicare il test oppure somministrarne

un altro

Si avranno così 2 punteggi grezzi, dati dalla somma delle risposte corrette ( uno per il

disegno dell’uomo, l’altro per il disegno della donna ): tali punteggi verranno trasformati

in punti standard rappresentati dal quoziente intellettivo ( con μ=100 e σ=15 ) e da

punti stanine ( con μ=5 e σ=2 ). 23

Inoltre, una serie di ricerche hanno portato a delle conclusioni:

i soggetti con difetti fisici, con disturbi affettivi e con disturbi motori possono

o essere facilmente sottovalutati, a causa del fatto che i disegni si presentano

incompleti per blocchi affettivi

gli estroversi ottengono facilmente risultati superiori alle loro effettive capacità, a

o causa della loro spontaneità e della loro scioltezza nel disegnare

nel caso di soggetti con disturbi nevrotici o con difficoltà di apprendimento, il Test

o della figura umana esprime effettivamente le loro reali capacità

STANDARDIZZAZIONE

Il campione è formato da 1045 soggetti, maschi e femmine, divisi in livelli di età

compresa tra i 3 e i 13 anni frequentanti le scuole materne, elementari e medie di Roma

e appartenenti a tutti i livelli socio-economici.

CARATTERISTICHE METROLOGICHE

L’attendibilità è stata calcolata attraverso:

l’oggettività di valutazione cioè quanto sono fedeli i risultati riscontrati dallo stesso

o 

correttore è stato riscontrato un accordo tra le valutazioni di due o più correttori

la costanza di espressione cioè quanto l’espressione del bambino è costante nella

o 

riapplicazione del test utilizzando la tecnica del test-retest sono stati rilevati

discreti coefficienti di costanza se il test è applicato dopo poco tempo, e moderati

coefficienti di costanza se il test è applicato dopo un anno

l’equivalenza tra i due disegni cioè in che misura il disegno dell’uomo è

o 

equivalente al disegno della donna i dati indicano un moderato rapporto tra i

risultati dei due disegni

Per quanto riguarda la validità l’autrice, a quanti sostenevano l’invalidità del test in

quanto poteva risentire delle capacità artistiche del bambino, rispondeva che ciò non

poteva accadere in quanto la sua valutazione non era di tipo qualitativo ma quantitativo.

Infatti osservava il numero degli elementi presenti nel disegno.

La validità di tipo concorrente è stata verificata attraverso 2 criteri:

1. test d’intelligenza Harris ha trovato coefficienti moderati tra il Test della figura

umana, la Batteria fattoriale delle attitudini mentali e primarie di Thurstone, la Scala

Wechsler e la Scala Stanford-Binet

2. test di sviluppo della percezione visiva Harris ha trovato coefficienti moderati tra il

Test della figura umana e il test della Frostig 24

TEST DI PERSONALITA’

BIG FIVE QUESTIONNAIRE

B. F. Q.

( Caprara, Barbaranelli, Borgogni, 1993 )

Il Big Five Questionnaire è stato elaborato da Caprara, Barbaranelli e Borgogni nel 1983 e

rappresenta un miglioramento del questionario proposto da Costa e McCrae nel 1985 per

la misura del BFQ.

Il BFQ è un test di personalità che individua 5 DIMENSIONI fondamentali per la

descrizione e valutazione del profilo di personalità: queste dimensioni si pongono ad un

livello intermedio rispetto ai modelli che fanno riferimento a poche dimensioni generali 8

per ex. i 3 fattori di Eysenck ) e rispetto ai modelli che fanno riferimento a molte

dimensioni specifiche ( per ex. i 16 fattori di Cattell, i 13 fattori di Guilford, gli 8 fattori di

Comrey ).

Il BFQ è utilizzabile in una vasta gamma di situazioni: dalla psicologia organizzativa, alla

psicologia clinica, alla psicologia dello sviluppo ed è somministrabile a persone con

normale intelligenza e cultura di età compresa tra i 15 e i 64 anni che siano in grado di

leggere le affermazioni e capire le istruzioni.

STRUTTURA

Il BFQ è costituito da 132 item che derivano da 10 sottoscale di 12 item ciascuna ( 6

formulati in senso positivo e 6 formulati in senso negativo ) più la scala LIE.

I 5 grandi fattori sono:

1. ENERGIA o ESTROVERSIONE

2. AMICALITA’ o GRADEVOLEZZA

3. COSCIENZIOSITA’

4. STABILITA’ EMOTIVA

5. APERTURA MENTALE

La dimensione dell’ ENERGIA misura quanto una persona è dinamica, attiva,

energica, loquace.

Tale dimensione è definita dalle 2 sotto-dimensioni:

1. DINAMISMO che riguarda aspetti legati al dinamismo, all’entusiasmo, alla facilità di

parola

2. DOMINANZA che riguarda aspetti legati alla capacità di imporsi, di primeggiare, di

fare valere la propria influenza sugli altri

La dimensione dell’ AMICALITA’ misura quanto una persona è cooperativa, cordiale,

altruista, amichevole, generosa, empatica.

Tale dimensione è definita dalle 2 sotto-dimensioni:

1. COOPERATIVITA’/EMPATIA che riguarda aspetti legati al saper capire e venire incontro

alle necessità altrui, alla capacità di cooperare

2. CORDIALITA’/ATTEGGIAMENTO AMICHEVOLE che riguarda aspetti legati alla fiducia e

all’apertura verso gli altri

La dimensione della COSCIENZIOSITA’ misura quanto una persona è riflessiva,

scrupolosa, ordinata, accurata, perseverante.

Tale dimensione è definita dalle 2 sotto-dimensioni:

1. SCRUPOLOSITA’ che riguarda aspetti legati all’affabilità, all’amore per l’ordine, alla

cura per le cose 25

2. PERSEVERANZA che riguarda aspetti legati alla tenacia nel portare a termine le

attività intraprese e nel rispettare gli impegni

La dimensione della STABILITA’ EMOTIVA misura quanto una persona è ansiosa,

emotiva, impulsiva.

Tale dimensione è definita dalle 2 sotto-dimensioni:

1. CONTROLLO DELL’EMOZIONE che riguarda aspetti legati al controllo degli stati di

tensione connessi all’esperienza emotiva

2. CONTROLLO DEGLI IMPULSI che riguarda aspetti legati alla capacità di mantenere il

controllo del proprio comportamento, anche in situazioni di disagio e pericolo

La dimensione dell’ APERTURA MENTALE misura quanto una persona è colta,

informata, interessata alle cose e alle esperienze nuove, aperta al contatto con culture e

usanze diverse.

Tale dimensione è definita dalle 2 sotto-dimensioni:

1. APERTURA ALLA CULTURA che riguarda aspetti legati all’interesse a tenersi informati,

l’interesse per la lettura e l’acquisizione di nuove conoscenze

2. APERTURA ALL’ESPERIENZA che riguarda aspetti legati ad una disposizione favorevole

verso le novità, alla capacità di considerare le cose da prospettive diverse,

all’apertura verso i valori, i modi di vita e le culture diverse

La scala LIE misura la tendenza del soggetto a fornire un profilo di sé falsamente

positivo o negativo.

Essa è formata da item che fanno riferimento a comportamenti socialmente molto

desiderabili e che sono formulati in modo che la risposta di completo accordo o

disaccordo risulti altamente improbabile.

SOMMINISTRAZIONE

La somministrazione può essere individuale e collettiva.

Non vi sono risposte giuste o sbagliate, né vi è un profilo di personalità che sia in

assoluto desiderabile o meno, quindi non ha alcun senso il tentativo di falsificare il

proprio profilo.

La modalità di risposta è a scala likert a 5 punti, da 1 che corrisponde ad assolutamente

falso per me a 5 che corrisponde ad assolutamente vero per me.

RILEVAZIONE DEL PUNTEGGIO

Per il calcolo del punteggio si utilizzano delle apposite griglie di correzione, sia per le 10

sotto-dimensioni che per la scala LIE.

Per facilitare il compito di correzione del test viene fornito un foglio di conteggio che

consente di ottenere il punteggio totale grezzo nelle 5 dimensioni principali, nelle 10

sotto-dimensioni e nella scala LIE.

Se un soggetto non risponde a qualche domanda e lascia uno spazio vuoto sul foglio di

risposta, tale risposta deve essere codificata con il n°3, che corrisponde al valore medio

nella scala di risposta.

I punteggi grezzi vengono convertiti in punti t ( con μ=50 e σ=10 ) utilizzando le tabelle

di conversione che sono 2:

una relativa alle dimensioni principali e alla scala LIE

o una relativa alle sotto-dimensioni

o

Il profilo viene ottenuto costruendo l’istogramma, corrispondente ai punti t ottenuti dal

soggetto in ciascuna dimensione.

L’interpretazione dei punteggi può riferirsi sia alle singole scale, sia al profilo

complessivo risultante da tutte le dimensioni: infatti il punteggio di una singola scala

assume significato soprattutto in relazione ai punteggi nelle altre scale ( per ex. un

punteggio basso nella dimensione Coscienziosità associato a punteggi bassi nelle

26


PAGINE

38

PESO

281.50 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della educazione (AGRIGENTO, PALREMO)
SSD:
Università: Palermo - Unipa
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher marilu1312 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Teoria e tecniche dei test e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Palermo - Unipa o del prof Miragliotta Antonino.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Teoria e tecniche dei test

Teoria e tecniche dei test - teoria dei test
Appunto
Psicologia dello sviluppo e dell'educazione - Appunti
Appunto
Riassunto esame Psicologia Fisiologica, prof. Olivieri, libro consigliato Principi di Neuroscienze, Kandel
Appunto
Riassunto esame Psicologia, prof. Maltese, libro consigliato Psicologia della disabilità,Soresi
Appunto