Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Le fasi della Gestione della

Produzione

Lungo Pianificazione

periodo Program-

mazione

Controllo

Breve

periodo Informazione disaggregata Informazione aggregata

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE: FUNZIONE DELLA GESTIONE IL CUI

COMPITO E’ DI SELEZIONARE GLI OBIETTIVI,

STABILIRE LE STRATEGIE, LE POLITICHE, I

PROGRAMMI E LE PROCEDURE;

PROGRAMMAZIONE: ATTIVITA’ CHE DEFINISCE COSA

DEVE ESSERE EFFETTUATO, IN CHE QUANTITA’ E A

QUALI SCADENZE TEMPORALI;

CONTROLLO: FUNZIONE DELLA PRODUZIONE CHE

CONTROLLA L’ANDAMENTO DELLE OPERAZIONI,

EVIDENZIA GLI SCOSTAMENTI DAL PROGRAMMA DI

PRODUZIONE E ATTUA LE OPPORTUNE CORREZIONI

Gli strumenti di pianificazione e

programmazione sono

I PIANI DI PRODUZIONE

PIANO STRATEGICO AZIENDALE

E’ IL PIANO DI LUNGO PERIODO

(3-10 ANNI)

RAPPRESENTA LA GUIDA DI TUTTA

L’AZIENDA

COMPRENDE LE SEGUENTI

PROBLEMATICHE: tipo di prodotti, processo

di marketing e vendite, tipo di mercato, tipo di

distribuzione, metodi di finanziamento.

IL PIANO STRATEGICO AZIENDALE

Il piano strategico aziendale è un piano di lungo

periodo (3-10 anni) e rappresenta la guida di tutta

l’azienda in quanto comprende problematiche

quali:

il tipo di prodotti;

– il processo di marketing e vendite;

– il tipo di mercato;

– il tipo di distribuzione;

– i metodi di finanziamento ed il fabbisogno

finanziario.

In particolare, il Piano strategico

aziendale è formato dai seguenti

piani:

PIANO FINANZIARIO: che stabilisce il piano

di autofinanziamento e ricorso al credito;

PIANO R&S: che fissa quali nuovi prodotti

introdurre e quali miglioramenti apportare;

PIANO DI PRODUZIONE: che provvede al

reperimento delle risorse umane e materiali per la

produzione.

PIANO STRATEGICO DELLA

PRODUZIONE

E’ UN PIANO DI PRODUZIONE DI LUNGO

PERIODO (3-5 ANNI)

DERIVA DIRETTAMENTE DAL PIANO

STRATEGICO AZIENDALE

VALUTA LE RISORSE NECESSARIE (tipi di

impianti, capacità professionali, localizzazione

degli stabilimenti, mezzi finanziari) PER

CONSEGUIRE GLI OBIETTIVI PREVISTI

DAL PIANO STRATEGICO AZIENDALE

PIANO AGGREGATO

E’ UN PIANO A MEDIO TERMINE CON

ORIZZONTE TEMPORALE MINIMO DI 1 ANNO

PER TENERE CONTO DELLA STAGIONALITA’ ED

E’ COSTRUITO SULLA BASE DI PREVISIONI

DELLE VENDITE E/O ORDINI DEI CLIENTI

AGGREGATO PER FAMIGLIE DI PRODOTTO

VARIABILI SU CUI AGIRE:

LIVELLO DI IMPIEGO DELLA MANODOPERA

LIVELLO DELLE SCORTE

DECENTRAMENTO PRODUTTIVO

INVESTIMENTI IN IMPIANTI


PAGINE

18

PESO

139.54 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia
SSD:
Docente: Non --
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Tecnologia dei cicli produttivi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Non --.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia

Riassunto esame Economia Aziendale, prof. Bianchi, libro consigliato Corso di economia aziendale, Airoldi, Brunetti, Coda
Appunto
Ragioneria - domande di teoria
Appunto
Ragioneria - domande di teoria
Esercitazione
Modelli autoregressivi vettoriali
Dispensa