Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

COMPORTAMENTO DI UNA MASSA

DI PARTICELLE SOLIDE ALLA

COMPRESSIONE

SE SI APPLICA UNA FORZA DI COMPRESSIONE AD UN LETTO

DI POLVERE SI HA UNA INIZIALE RIDUZIONE DI VOLUME

DELLA MASSA DI PARTICELLE, A CAUSA DEL

RIARRANGIAMENTO DELLE PARTICELLE E DELLA RIDUZIONE

DELLA POROSITA’. QUESTO FENOMENO SI VERIFICA PER

FORZE DI COMPRESSIONE ABBASTANZA BASSE E PERMETTE DI

RAGGIUNGERE UNA SITUAZIONE IN CUI LE SINGOLE

PARTICELLE DI POLVERE NON SONO PIU’ IN GRADO DI

MUOVERSI LE UNE RISPETTO ALLE ALTRE.

COMPORTAMENTO DI UNA MASSA

DI PARTICELLE SOLIDE ALLA

COMPRESSIONE

UNA ULTERIORE COMPRESSIONE PORTA AD UNA

DEFORMAZIONE ELASTICA DELLE PARTICELLE (E IN QUESTO

CASO CESSATA LA FORZA DI COMPRESSIONE LE PARTICELLE

TORNANO ALLA FORMA INIZIALE) OPPURE PLASTICA (LE

PARTICELLE RESTANO COESE FORMANDO LA COMPRESSA).

AUMENTANDO LE FORZE DI COMPRESSIONE LE PARTICELLE

SOLIDE SI FRANTUMANO, GENERANDO NUOVE SUPERFICI. IN

FRANTUMANO

QUESTO MODO SI FORMANO NUOVI LEGAMI TRA LE PARTICELLE

(FASE DI CONSOLIDAMENTO).

EFFETTI DELLA COMPRESSIONE

SU UN LETTO DI POLVERE

COMPRIMITRICI

ALTERNATIVE

LE MACCHINE COMPRIMITRICI AD ECCENTRICO O

ALTERNATIVE SONO CARATTERIZZATE DA UNA PRODUZIONE

DI COMPRESSE DISCONTINUA, CIOE’ TUTTE LE FASI DI UN

DISCONTINUA

CICLO DI COMPRESSIONE DEVONO ESSERE COMPLETATE PRIMA

CHE POSSA ESSERE INIZIATO UN NUOVO CICLO.

LE PARTI ESSENZIALI DI UNA COMPRIMITRICE ALTERNATIVA

SONO:

PUNZONI (INFERIORE E SUPERIORE)

MATRICE CON UNO O PIU’ FORI

TRAMOGGIA (CHE CON LA SCARPA ALIMENTA LA MATRICE E

CONTEMPORANEAMENTE ESPELLE LA COMPRESSA)

MOTORE

MATRICI E PUNZONI DI

COMPRIMITRICI ALTERNATIVE

LE MATRICI POSSONO AVERE UN SOLO FORO CENTRALE PASSANTE

O PIU’ FORI, CIASCUNO ESATTAMENTE CORRISPONDENTE AD UNA

COPPIA DI PUNZONI. SI USANO MATRICI AD UN FORO PER

COMPRESSE NORMALI O GRANDI, QUELLE A PIU’ FORI PER

COMPRESSE PICCOLE. NON E’ OPPORTUNO AUMENTARE TROPPO IL

NUMERO DEI PUNZONI PERCHE’ LA MATRICE PERDE RESISTENZA.

MATRICI E PUNZONI DI

COMPRIMITRICI ALTERNATIVE

MATRICI E PUNZONI DEVONO ESSERE COSTRUITI CON ACCIAIO

TEMPERATO; DEVONO ESSERE RESISTENTI AL LOGORIO ED ALLA

TEMPERATO

FRATTURA. L’ACCIAIO E’ TANTO PIU’ RESISTENTE AL LOGORIO

QUANTO PIU’ E’ DURO, MA LA DUREZZA E’ INVERSAMENTE

PROPORZIONALE ALLA RESISTENZA ALLA FRATTURA. ALCUNI TIPI DI

ACCIAIO LEGATI CON PARTICOLARI METALLI NON RICHIEDONO

TEMPERA E SODDISFANO ENTRAMBI I REQUISITI.

E’ IMPORTANTE LA DIFFERENZA DI DIAMETRO TRA PUNZONI E

FORO DELLA MATRICE, CHE DEVE ESSERE DELL’ORDINE DEI

CENTESIMI DI MILLIMETRO. UN GIOCO ECCESSIVO PUO’

MILLIMETRO

PORTARE AL BLOCCO DEI PUNZONI PER ACCUMULO DI POLVERE.

REGOLAZIONE DELLE

COMPRIMITRICI ALTERNATIVE

IL PESO DELLA COMPRESSA E’

DETERMINATO DALLE DIMENSIONI

DELLA CAMERA DI COMPRESSIONE E

QUINDI DALLA CORSA DEL

PUNZONE INFERIORE,

INFERIORE

REGOLABILE MEDIANTE UN

DISPOSITIVO A VITE.

LA PRESSIONE ESERCITATA E

QUINDI LA DUREZZA DELLA

COMPRESSA SONO INVECE

DETERMINATE DALLA CORSA DEL

PUNZONE SUPERIORE, CHE E’

SUPERIORE

ANCH’ESSA REGOLABILE.

MEDICAMENTA

TRATTO DA

FASI DELLA COMPRESSIONE CON

UNA COMPRIMITRICE

ALTERNATIVA I = RIEMPIMENTO

CAMERA

II = DISCESA PUNZONE

SUPERIORE

III = COMPRESSIONE

IV = RISALITA DEI

PUNZONI

V = ALLONTANAMENTO

DELLA COMPRESSA

VI = RIPRESA DEL

CICLO

FASI DELLA COMPRESSIONE CON

UNA COMPRIMITRICE ALTERNATIVA

COMPRIMITRICI ALTERNATIVE

COMPRIMITRICE

ALTERNATIVA KORSCH,

MODELLO EK II-G;

PRODUZIONE ORARIA

MASSIMA 3000 COMPRESSE

/ORA

COMPRIMITRICI ALTERNATIVE

COMPRIMITRICE ALTERNATIVA COMPRIMITRICE ALTERNATIVA

CADMACH MOD. SSF3 CADMACH MOD. CSM15

COMPRIMITRICI ROTATIVE

LE COMPRIMITRICI ROTATIVE PRESENTANO NOTEVOLI DIFFERENZE

RISPETTO A QUELLE ALTERNATIVE:

HANNO UN NUMERO DI PUNZONI MOLTO MAGGIORE

LA PRESSIONE VIENE ESERCITATA SIA DAL PUNZONE

INFERIORE CHE DA QUELLO SUPERIORE

LE VARIE FASI DELLA COMPRESSIONE AVVENGONO

CONTEMPORANEAMENTE

NELLE COMPRIMITRICI ROTATIVE SONO PRESENTI ALCUNE PARTI

COMUNI ANCHE ALLE ALTERNATIVE: PUNZONI INFERIORI E

SUPERIORI, MATRICI, TRAMOGGIA DI CARICO, MOTORE

SUPERIORI MATRICI CARICO

ELETTRICO.

ELETTRICO

PARTI CARATTERISTICHE DELLE COMPRIMITRICI ROTATIVE SONO I

TAMBURI ROTANTI ED IL SISTEMA DI LUBRIFICAZIONE.

LUBRIFICAZIONE

COMPRIMITRICI ROTATIVE

1 = TRAMOGGIA DI CARICO

2 = CONVOGLIATORE

3 = PUNZONI SUPERIORI

4 = PUNZONI INFERIORI

5 = VOLANO A MANO

6 = SCIVOLO PER LE COMPRESSE

7 = TAMBURO ROTANTE

8 = PIANO DI LAVORO

9 = CAMME REGOLAZIONE CORSA

PUNZONI SUPERIORI

Da Ceschel

MATRICI E PUNZONI PER

COMPRIMITRICI ROTATIVE

LE MATRICI DELLE COMPRIMITRICI

Da Ceschel ROTATIVE SONO SIMILI A QUELLE DELLE

MACCHINE ALTERNATIVE, MENTRE I

PUNZONI SONO DIVERSI NELLA PARTE

TERMINALE.

LA PARTE DI PUNZONE CHE COMPRIME

IL MATERIALE PRENDE IL NOME DI

FUNGHETTO

, MENTRE IL SUO SUPPORTO

CANDELA

.

PRENDE IL NOME DI

QUESTE DUE PARTI POSSONO ESSERE

COSTRUITE SEPARATAMENTE E POI

1=TESTA PUNZONE SUPERIORE; 2=CORPO PUNZONE

SUPERIORE; 3=PUNZONE SUPERIORE; 4=PUNZONE FISSATE L’UNA ALL’ALTRA MEDIANTE

INFERIORE; 5=MATRICE; 6=TESTA PUNZONE INFERIORE; VITI, OPPURE POSSONO COSTITUIRE UN

7=CORPO PUNZONE INFERIORE PUNZONE

UNICO BLOCCO DETTO

INTEGRALE

.

MATRICI E PUNZONI PER

COMPRIMITRICI ROTATIVE

PUNZONI E

MATRICI

MANESTY

PARTI DI PUNZONI E

MATRICI

STANDARD DI PUNZONI E

MATRICI

PUNZONI COMPRIMITRICI

ROTATIVE

FORME DELLE COMPRESSE

COMPRESSE DIVISIBILI

FUNZIONAMENTO

COMPRIMITRICE ROTATIVA

12=PIATTO SUPERIORE CON PUNZONI SUPERIORI (2); 13=PIATTO ROTANTE (15-20 GIRI AL MINUTO)

CON MATRICI INSERITE (11); 14=PIATTO INFERIORE CON PUNZONI INFERIORI (1); 7=RULLI PER LA

COMPRESSIONE; 5=CAMMA DI REGOLAZIONE DEL DOSAGGIO

MOLTE COMPRIMITRICI ROTATIVE – NON TUTTE – PREVEDONO UNA FASE DI

PRECOMPRESSIONE

FUNZIONAMENTO

COMPRIMITRICE ROTATIVA

TORRETTE DI

COMPRIMITRICI ROTATIVE

ZONA DI COMPRESSIONE DI COMPRIMITRICE

ROTATIVA COURTROY (IN ALTO) E FETTE (A

SINISTRA)

COMPRIMITRICI ROTATIVE

INDUSTRIALI

COMPRIMITRICE ROTATIVA

KORSCH, MODELLO XL800;

PRODUZIONE 1 MILIONE

COMPRESSE/ORA

COMPRIMITRICI ROTATIVE

INDUSTRIALI

COMPRIMITRICE ROTATIVA

KORSCH, MODELLO XL-400

PER COMPRESSE A DOPPIO

STRATO.


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

58

PESO

2.71 MB

AUTORE

Moses

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Tecnica Farmaceutica della professoressa Ventura sulla compressione e compresse con analisi dei seguenti argomenti: tipi di compresse, vantaggi delle compresse, ottenimento di compresse, fasi della compressione (riempimento, compressione, espulsione), metodi di produzione, granulazione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in chimica e tecnologia farmaceutiche
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Moses di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Tecnica farmaceutica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Ventura Cinzia Anna.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Tecnica farmaceutica

Tecnica farmaceutica - Appunti
Appunto
Tecnica farmaceutica - legislazione farmaceutica
Appunto
Tecnica farmaceutica - stupefacenti
Appunto
Tecnica farmaceutica - liofilizzazione
Appunto