Che materia stai cercando?

Teatro d'Arte di mosca, Checov e Pirandello

Per il programma di esame di storia del teatro e dello spettacolo (beni culturali) con la prof.ssa Cambiaghi della Statale di Milano.
Questi appunti fanno parte del Modulo A e sono sul teatro d'arte di Mosca, opere di Checov come il Gabbiano e opere di Pirandello come Sei personaggi in Cerca di Autore.

Esame di Storia del teatro e dello spettacolo docente Prof. M. Cambiaghi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Lavorare sulla situazione senza conoscere il testo

Introdurre il dialogo

IL TEATRO DI LUIGI PIRANDELLO (1867-1936)

L’unico di rilevanza internazionale, la cui opera è in grado di arrivare all’attenzione dei palcoscenici

internazionali. Figura molto nota nella cultura e nella letteratura italiana, arriva al teatro solo negli anni 10

del 900, quando ha gia ottenuto grande notorietà come narratore e romanziere, dopo il 1904 anno

dell’uscita del fu mattia pascal.

Una vera carriera teatrale inizia solo dal 1910, e inizia per ragioni pratiche ed economiche. Si accosta al

teatro attirato dalla possibilità di aumentare le proprie entrate con una professione costruita a partire dalla

trasposizione in teatro delle sue novelle.

Offerta di un drammaturgo catanese, nino martoglio, fondatore di una compagnia detta del teatro minimo,

che aveva l’intenzione di promuovere, lo sviluppo di un repertorio verista di ambiente siciliano. Chiede a

Pirandello una serie di brevi drammi, atti unici, partendo da alcune novelle, restituissero sul palco il

folclore, le caratteristiche e alcuni tratti linguistici dell’ambiente siciliano.

Teatro che si avvicina al dialetto, ma non tutti in siciliano.

Teatro verista della rappresentazione d’ambiente. Grazie a martoglio e alla compagnia, conosce il primo

attore angelo musco, che era il più importante attore dialettale italiano del tempo, recitava in siciliano e

riusciva a tenere d’esto l’interesse del pubblico, grazie alle sue capacità ironiche. Era un attore comico.

Intuisce la possibilità di avere nuove testi, chiede a Pirandello di scrivere per lui, e scrive i primi testi tradotti

in siciliano:

- Lumie di Sicilia diventa commedia in siciliano, che musco trasformava in una pf di grande efficacia

scenica, grazie alla sua capacità di improvvisatore e al gioco mimico.

- A giarra, liolà, pensaci giacumin, a britta

Musco usa il copione come base e ad allargarlo sulla base del proprio talento. Pirandello impara da lui,

infatti i primi testi presentano varianti in cui Pirandello registra le invenzioni dell’attore.

Contemporaneamente Pirandello pensa di avere le forze per cimentarsi con un teatro più serio, usando il

palco come mezzo per trasmettere tematiche proprie della sua poetica, espresse già nei romanzi.

Il teatro è l’elemento congeniale per esprimere il tema della sua poetica, la dicotomia tra la vita e la forma,

impulso vitale dell’individuo mutevole e difficile da definire e le sue cristallizzazioni esterne momentanee,

che vengono spesso identificate come la vera personalità dell’individuo.

A partire dalla fine del 15, prende le distanze da musco, rivendica il diritto di scrivere versioni italiane,

pensaci Giacomino, e l’ultimo testo diventa più famoso nella versione italiana, il berretto a sonagli. È

Pirandello che appassionato al teatro come campo di espressione cerca di promuoverlo in modo nazionale.

Rimanere vincolati all’aspetto folclorico è limitativo. Cerca di conquistare a partire da Milano, con un teatro

che possa essere al passo con la drammaturgia straniera.

La II fase: il teatro borghese

Per 4-5 anni dedica tutto a scrivere una serie di commedie, drammi, che sono il corrispondente italiano

della grande drammaturgia di Hisben e Cechov.

Introduce il suo pensiero e la sua poetica dentro il dramma borghese e dentro le trame.

Testi ambientati nel salotto e tratta i temi della vita borghese, il matrimonio, il patrimonio, pettegolezzi,

adulterio..

Nuova tecnica di scrittura e di costruire intrecci e personaggi. Vengono esasperati, portati a un grado di

tensione tale che li rende poco credibili, Pirandello presenta dei casi limiti, che sfuggono al buon senso e

alla norma comune, al contrario, si presentano come uno strano insieme di finzione e realtà.

Le vicende sono paradossali, che è impossibile determinare la verità oggettiva, conta il relativismo dei punti

di vista. Ogni personaggi sostiene la propria verità, in un intrico impossibile da sciogliere, come sostiene un

personaggio che inserisce del raisonner, il ragionatore, una figura che viene dal teatro francese ed è quel

personaggio dotato di una fine ironia e grande capacità discorsiva che rappresenta le posizione dell’autore.

Prende le distanze dal gruppo dei personaggi coinvolti e esprime un punto di vista dell’autore.

Novità: 1917, così è se vi pare. È un dramma manifesto rappresenta una prima parte dell’oggettività del

reale subito negata, è data ma messa in discussione dal punto di vista personale.

Il dramma prende le mosse da una novella, racconta una vicenda paradossale, la signora Frola e il signor

Ponzo, suocera e genero, sono andati ad abitare in un palazzo della borghesia bene suscitando i

pettegolezzi dei vicini. Congetture all’interno del palazzo, che vengono messe in crisi dal punto di vista dei

protagonisti. Il signor ponza dice che la moglie è la sua seconda moglie, e la tiene lontana dalla signora

Frola, pazza per la morte della figlia e la crede ancora viva. Al contrario lei racconta che il pazzo è lui, la

figlia è davvero sua figlia, ma lui la tiene reclusa e non la vuol far vedere a nessuno.

La situazione si esaspera, e i vicini chiedono la verità alla signora Ponza, e pronuncia l’ultima battuta, dice io

sono colei che mi si crede. Non risolve il giallo e lascia la comunità sospesa nel relativismo delle opinione.

Opera mandata a diverse compagnie e pensa a un attore molto bravo per fare il raisonner, tutti rifiutano.

L’unico che accetta è virgilio talli, direttore di compagnie capocomico interessato a un rinnovamento della

scena che passasse attraverso il progetto dello spettacolo. Quello che piace a talli e uno spettacolo in un cui

gli attore hanno peso uguale, inizialmente a talli si pone il problema, di che parte dare alla prima attrice, la

signora Ponza, che dice una battuta sola. Allora da alla prima attrice la parte della signora Frola. Slittamento

ruoli dalla prima attrice alla mare nobile.

Intenzione originaria di Pirandello è di far recitare a Ruggero Ruggeri, era il più grande attore italiano di

quei anni, ma ruggeri non è disposto a fare una parte secondaria. Nel 18 gli scrive due testi in cui la figura

del raisonner diventa protagonista e ruggeri li mette in scena e sono: il piacere dell’onestà e il gioco delle

parti. Anche ernico IV, scritto per lui.

Ruggeri: attore diverso da musco, non improvvisa, è legato al copione, ha il suo massimo punto espressivo

nella resa delle parti monologiche. Ruggeri era grande affabulatore, interessando il pubblico anche con

battute lunghissime, una voce insolita, bassa ma capace di arrivare fortemente alla fine della platea.

In linea con il modello di teatro che Pirandello aveva in mente, drammi borghesi, cardinati dalla figura del

raisonner, che l’uomo che ha capito la distanza tra vita e forma e smantella il sistema delle convenienze del

mondo borghese.

Testo più significativo per ruggeri è il gioco delle parti, che rappresentò uno spina nel cuore di Pirandello e

infatti è la commedia che provano all’inizio dei sei personaggi.

Punto più alto del suo teatro borghese, non capito dal pubblico italiano.

Leone gala come molti borghesi si trova di fronte all’adulterio della moglie, un triangolo, per lui basta il

ruolo del marito e lascia la sostanza all’amante, lascia la casa alla moglie ma va a trovarla ogni sera per

mantenere un controllo formale. Non lo sopportano più, leone riduce tutto a un gioco di regole e forme,

una serie per un equivoco in casa della moglie entra un gruppo di ubriachi che la insultano, lei vede la

possibilità di liberarsi di quest’uomo e si inventa il delitto perfetto. Leone non fa una piega, perché il gioco

delle regole è fatto dal marito, la mattina del duello non si presenta. Non va perché lui è la forma ma guido

la sostanza, che va a combattere e rimane ucciso. Pubblico rimane spiazzato. Personaggio troppo freddo e

meccanico, dopo due recite ruggeri lo toglie e non lo riprenderà mai più. Il gioco delle parti sarà riscoperto

negli anni 60. Pirandello lo riprende come punto d’arrivo del suo teatro e lo mette alla base del suo esto più

importante, 1921 di sei personaggi in cerca d’autore.

Testo della svolta, capitale del 900, Pirandello liquida tutte la tecnica drammaturgica del tempo e tutta la

modalità tradizionale di fruizione che si basa sull’illusione di quanto avveniva a teatro. Novità: ne atti ne

scene, sottotitolo, dramma da pazzi.

La storia non è pronta, mette a nudo i meccanismo della finzione teatrale. Espediente del teatro nel teatro.

Presenta un gruppo di attori che recitano qualcos’altro. In una sala teatrale vuota, una compagnia sta

provando la commedia del gioco delle parti, quando arriva un gruppo, in cerca di un autore, vanno da un

capocomico a chiedere che il dramma che incarnano possa venir tradotto in scena dagli attori. Il tema vero

è quello dell’opera d’arte creata in rapporto alla messa in scena concreta. Personaggi sono creature

artistiche, non attori, ma vanno dagli attori e gli chiede di metter loro vita. Pirandello discute e sviluppa la

difficoltà che l’opera d’arte venga realizzato sulla scena, gli attori non riescono a restituire il dramma dei

personaggi, e la conclusione è pessimista. L’opera non può esser messa in scena in modo autentico.

LA TRILOGIA DEL TEATRO NEL TEATRO: CRONOLOGIA collezione maschere nude 1933

- 1921 sei personaggi: sono molto diversi dai sei del 25, varianti che cambiano.

- 1924 ciascuno a suo modo, prima versione

- 1925 sei personaggi

- 1930 questa sera si recita a soggetto, rimane uguale a se stesso perché ultimo del progetto.

- 1933 ciascun a modo suo, seconda versione, varianti sostanziali, parti cambiante, impostazione

cambiate

SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE: LA VICENDA

9 maggio 1921 al teatro valle di Roma, compagnia di dario niccodemi, lo spettacolo è un fiasco, a metà

dell’ultima parte, il pubblico grida manicomio manicomio. Pirandello scappa dal teatro e il pubblico è

arrabbiato. Niccodemi lo toglie dal repertorio. Pirandello rivede il testo e taglia molte parti, come quella

della terza parte e la priva di molti aspetti del pirandellismo ma mantiene l’impianto simile a quello della

prima.

A settembre Nicodemi lo rimette in scena a Milano, e stavolta il pubblico accoglie la commedia. La svolta

quando nel 1923, fa vedere i suoi sei personaggi a Parigi. Un regista russo a Parigi, jorge pitoeff, allestisce i

suoi sei personaggi, concede i diritti, ma pitoeff gli spiega che ci sono cose sbagliate da ritoccare, il difetto è

che il gruppo dei personaggi e degli attori si confondono. All’inizio i personaggi entrano da una porta sul

palcoscenico questo fa si che si mescolano agli attori. Bisogna distinguerli, pitoeff si inventa l’idea che i

personaggi scendono dal montacarichi e sono vestiti di nero tranne la bimba, restano sul palco in contrasto

con gli attori vestiti di chiaro. Gestualità fissa e rigida per distinguersi visivamente. E cambia il finale, nel 21

chiude con il capocomico che si dispera sul giovano ucciso, ora lo chiude sui personaggi, sul montacarichi e

li fa salire in alto. Pirandello capisce di riscriverlo, la novità è la messa in scena, nella rottura dell’asse fra

attori e personaggi, fa un passo in più. Lo riscrive nel 1925 per il suo teatro, diventa un direttore.

Alla fine modifica la struttura e decide di assecondare pitoeff, cosi i personaggi rimasti vivi restano sul

fondo mentre la figliastra scende di nuovo mentre sul fondale si proietta luce verde.

Pirandello diventa uomo di teatro.

III FASE: TEATRO D’ARTE DI ROMA 1925-28

Tre anni d’impegno, anche economico, perché ci mette soldi suoi, finanzia la ristruttura del teatro degli

Odescalchi per chiamare il teatro d’arte come quello di mosca. Compagnia semistabile, punta sulla

stanzialità per la cura e la realizzazione insolita degli spettacoli.

La sala: piccola e dedicata alle marionette, virgilio marchi, architetto, adegua la sala a quella delle sale

innovative straniere. Non c’è più la parete dei palchi, c’è una platea digradante di sedie e una scena

collegata attraverso le scalette alla platea. Prevede la rottura della 4 parete.

Fine del teatro all’italiana. La compagnia mette in scena spettacoli pirandelliani, e si dedica alla scrittura, il

lavoro non può che riflettersi sulla drammaturgia.

Peso delle didascalie fondamentali. Fini descrittivi per aiutare il lettore a immaginarsi la figura,

l’ambientazione, dal 25 le cose cambiano, si interessa della tecnica e della parte operativa, le sue didascalia

sono note di regia. Usa tutti i codici non più solo la parola.

PIRANDELLO E MARTA ABBA

Diventerà sua musa, storia d’amore, attrice di riferimento per creazione di personaggi femminili dopo il 25.

Per lei scrive un gruppo di commedie in cui Marta è protagonista, personaggi ricalcati su di lei.

- L’amica delle mogli


PAGINE

7

PESO

140.79 KB

AUTORE

verdena6

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dei beni culturali
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher verdena6 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del teatro e dello spettacolo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Cambiaghi Mariagabriella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia del teatro e dello spettacolo

Riassunto esame Teatro, prof. Bentoglio, libro consigliato Il teatro dell'elfo, Tisano, Rondelli
Appunto
Riassunto esame Storia del Teatro e dello Spettacolo, prof. Bentoglio, libro consigliato Il Teatro dell'Elfo (1973-2013) di Rondelli e Tisano
Appunto
Lezioni, Storia del Teatro e Dello Spettacolo
Appunto
Storia del teatro e dello spettacolo - Appunti
Appunto