Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Complessità.  

Tale  Preferenza  è  superata  quando  il  bambino  è  in  grado  di  discriminare  i  volti  in  quanto  viene  preferita  la  familiarità  

del  volto  umano.  (cioè  quando  è  attivato  il  Riconoscimento  dei  Volti).  

 

Nitidezza  dei  Contorni.  

Prima  dei  2  mesi:  neonato  orienta  primariamente  la  sua  attenzione  percettiva  ai  contorni,  preferendo  contorni  

Marcati  e  Nitidi.  Non  è  ancora  in  grado  di  Differenziare  i  Volti.(Percezione  Volti)  

 

(Dopo  i  2  mesi:  neonato  comincia  a  concentrarsi  sulle  parti  interne  del  viso  in  particolar  modo  sugli  occhi  e  la  bocca.  

Raggiunto  questo  Stadio  è  in  grado  di  differenziare  i  volti.)(Riconoscimento  Volti)  

 

N.  B.  queste  teorie  si  fondano  sull’ipotesi  che  l’esplorazione  sia  analoga  a  quello  delle  forme  geometriche;  

cioè  l’opposto  dell’Ipotesi  Strutturale:  partendo  dai  singoli  elementi  e  non  considerandolo  come  un  Tutto  

 

Intorno  ai  2  mesi  

Avviene  un’importante  transizione  per  la  conoscenza  del  Volto:  

 

il  neonato  scopre  il  partner  sociale  riconoscendo  il  volto  materno  da  quello  di  estranei  

 (passando  da  Percezione  a  Riconoscimento  del  Volto)  

Passando  da  un  Pattern  di  Esplorazione  visiva  

Che  si  concentrava  sulle  singole  caratteristiche  che  lo  attraggono  e  non  sull’insieme  

 

Ora  il  bambino  prende  in  considerazione  ad  un  elevato  numero  di  caratteristiche  tenendo  conto  

sia  dei  Dettagli  Esterni  (=  Contorni  e  la  Forma  ai  quali  è  inizialmente  attratto)  

Sia  dei  Dettagli  Interni:  in  particolare  Occhi  e  Bocca  che  diventano  elementi  salienti  del  volto  e  per  la  discriminazione  

tra  i  volti.  

 

Raggiunge  così  intorno  al  terzo  mese  la  

Capacità  di  Discriminare  i  volti  

è in grado di differenziare il volto della madre da quello di un'altra persona e di distinguere tra loro 2 persone estranee

con caratteristiche differenti

 

 

È  così  in  grado  discriminare  differenti  pattern  facciali  che  esprimono  diverse  emozioni  

 

In  questa  Capacità  predilige  i  visi  attraenti  perché  considerati  proto  tipici  della  rappresentazione  del  volto  sulla  base  

dell’esperienza  

 

 

4.  Coordinazioni  Intermodali  

 

Nella  vita  quotidiana,  

raramente  gli  organi  di  senso  agiscono  separatamente.  

 

È  necessario  quindi  comprendere  

Quando  i  Bambini  iniziano  a  combinare  le  diverse  informazioni  provenienti  dagl’organi  di  senso.  

 

Da  un   Modello  Multimodale  passiamo    

Ad  un   Modello  Unificato  caratterizzato  da  Coordinazioni  Multimodali.  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Abbiamo  2  principali  posizioni:  

 

A.  Piaget.  

 

Coordinazione  Multimodale  non  è  possibile  prima  di  un  anno.  

Inizialmente  si  creano  le  prime  coordinazioni  disgiunte  (visione-­‐udito;  visione-­‐tatto)  dalle  altre  e  in  seguito  da  queste  

prime  coordinazioni  ne  scaturisce  una  nuova  che  ingloba  le  prime.  

 

B.  Gibson.  

 

Coordinazione  Multimodale  inizia  a  costituirsi  subito  dopo  la  nascita  

Poiché  i  diversi  sensi  agiscono  insieme  e  sono  ugualmente  importanti  nell’acquisizione  delle  Inf.  Per  Bambino.  

 

Le  Ricerche  

 

Hanno  confermato  il  punto  di  vista  di  Gibson  e  hanno  ulteriormente  ipotizzato  che  

 

L’Obiettivo  evolutivo  sia  

Discriminare  (più  che  associare)  le  informazioni  provenienti  dai  sensi.  

 

-­‐  Preferenza  precoce  per  la  voce  e  il  volto  umani  

Favorisce  il   coordinamento  audio-­‐visivo  orientato  verso  la  madre.  

 

-­‐  in  particolare  si  sviluppa  anche  il  

coordinamento  tattile  -­‐visivo  

Esplorando  gli  oggetti  portandoli  alla  bocca  

Emerge  in  questo  caso  anche  una  forma  di   transfer  intermodale  

Che  consente  ad  un  organo  di  senso  di  conoscere  attraverso  le  percezioni  di  un  altro  senso  (il  visivo  attraverso  il  

tattile)  e  che  indica  inoltre  la  presenza  di  una  rappresentazione  mentale  rudimentale.    

 

5.  Costanze  Percettive  e  Percezione  di  Profondità.  

 

La  conoscenza  dell’ambiente  non  avviene  solo  attraverso  le  informazioni  ottenute  dalle  percezioni  sensoriali  olfattive  

visive  etc.  

 

Infatti  ad  esempio  per  la  percezione  visiva:  

Le  stimolazioni,  che  informano  sulla  dimensione,  forma,  colore  degl’oggeti,  

che  si  proiettano  sulla  retina  sono  continuamente  differenti!  

 

La  percezione  dell’ambiente  resta   Stabile  

Grazie  alle   Costanze  Percettive!!    

=    processi  in  base  ai  quali  percepiamo  gli  oggetti  dell’ambiente  come  invarianti  e  costanti.  

 

L’acquisizione  delle  Costanze  Percettive  è  un  processo  lungo  e  graduale  e  di  notevole  importanza.  

MA  esistono  anche  Forme  Precoci  ed  eementari  di  percezione  di  stimoli  che  permettono  una  certa  stabilità.  

 

Particolarmente  importanti  sono:  

 

-­‐  Forma  e  Dimensione.  (Percezione  Visiva)  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Sembra  che  fin  dalla  nascita  

 Costanza  della  Forma  =  identificare  come  forme  identiche  2  sagome  ad  angolatura  diversa  

 

 e  Costanza  della  Dimensione  =  percepire  della  stessa  dimensione  un  oggetto  la  cui  immagine  sulla  retina  si  

rimpicciolisce  o  ingrandisce  allontanandosi  o  avvicinandosi.  

 

siano  presenti  In  forme  parziali  e  che  nei  successivi  mesi  si  perfezionino.  

 

-­‐  Distanza/Profondità.  

     

Permette  di  muoversi  nello  spazio!  

 Possiamo  solo  SUPPORRE  che  si  manifesti  precocemente  

Infatti  questo  aspetto  è  stato  studiato  tramite:  

 

Precipizio  Visivo  (Visual  Cliff)  di  Gibson,  Walk  

 

Bambino  è  collocato  su  un  piano  rialzato  che  viene  prolungato  con  un  vetro  trasparente  al  di  sotto  del  quale  viene  

posto  un  tessuto  dello  stesso  colore  del  piano  rialzato,  creando  così  l’effetto  di  un  precipizio  o  un  baratro.  SE  Il  

bambino  giunge  sino  al  punto  in  cui  comincia  il  vetro  e  si  ferma    è  in  grado  di  percepire  la  profondità  

 

 Risultati:  a  partire  dai  6  mesi  si  fermano  

 

Tale  metodo  però  non  è  applicabile  su  bambini  incapaci  di  muoversi!!  

Per  essi  sono  stati  utilizzati  altri  paradigmi  di  ricerca  che  forniscono  però  solo  indici  indiretti  (battito  cardiaco  etc)  

Dai  quali  non  è  possibile  dedurre  con  certezza  la  capacità  di  percepire  la  profondità.  

 

6.  Conclusione.  

 

Bambini  vivono  in  un  mondo  percettivo  che    

Sebbene  sia  diverso  da  quello  degl’adulti  

È  articolato  in  stimoli  e  oggetti  stabili  e  costanti.  

Sono  inoltre  attratti  da  stimolazioni  uditive  soprattutto  se  collocate  nella  gamma  di  frequenza  del  linguaggio  umano  

E  da  stimolazioni  visive  se  si  muovono  o  hanno  contorni  ben  distinti  e  in  particolar  modo  dal  volto  umano  per  il  quale  

posseggono  una  specifica  attrattiva.  

 

 

3.  LO  SVILUPPO  PERCETTIVO  NELL’INFANZIA  E  NELLA  FANCIULLEZZA.  

 

La  maturazione  del  Sistema  Nervoso,    

che  prosegue  negl’anni  seppur  ad  un  ritmo  meno  accelerato,  

e  l’arricchimento  dovuto  alle  nuove  esperienze  fornite  dall’esplorazione  dell’ambiente,  

permettono  lo  Sviluppo  o  (il  Perfezionamento)  di  Nuove  Capacità  Percettive.  

 

1.Percezione  delle  Forme.  

 

Nella  Percezione  delle  Forme  assumono  notevole  importanza  le  leggi  della  percezione  gestaltica  

Che  si  sviluppano  nel  tempo:  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Legge  di  Chiusura  della  Forma.  

 

Percezione  di  una  Forma  Chiusa  prevale  sulla  percezione  della  continuità  delle  linee.  

 

Anche  nel  Riconoscimento  della  Forma  si  una  progressione  legato  allo  Sviluppo.  

Essa  si  nota  soprattutto  nella  

 

Incapacità  di  Colmare  Percettivamente  i  Contorni  Lacunosi.  

 

Nelle  Figure  dal  Contorno  Lacunoso  (=oggetti  col  contorno  tratteggiato)  

Il  bambino  non  riesce  a  cogliere  il  significato  dell’immagine  

SE  non  possiede  la  capacità  di  anticipare  il  Significato  della  Forma  

 

Tanto  il  bambino  è  più  piccolo  tanto  più  non  sarà  in  grado  di  anticipare  il  significato  della  forma  tratteggiata  e  non  

riuscirà  di  conseguenza  a  interpretare  il  significato  dell’immagine.  

 

Colore  e  Forma.  

 

Tra  forma  e  colore  quale  dei  2  elementi  viene  percettivamente  preferito?  

 

Inizialmente  la  forma,  

dai  3  ai  4  anni  il  colore,    

e  successivamente  di  nuovo  la  forma.  

 

2.  Sincretismo  Percettivo  Infantile.  

 

Sincretismo  Percettivo  Infantile  =  

Incapacità  di  passare  dal  tutto  alle  singole  parti  dello  stimolo,  

in  quanto  la  percezione  del  tutto  ostacola  la  scomposizione  nelle  singole  parti.  

 

Tale  fenomeno  è  riscontrato  (esperimento  di  Heiss  e  Sander)  

Dal  fatto  che  il  bambino  è  in  grado  di  riconosce  più  facilmente  un  elemento  particolare  che  compone  una  forma  

Se  esso  appartiene  ad  una  forma  non  organizzatta  rispetto  ad  una  forma  organizzata  

In  quanto  quest’ultima  spinge  l’attenzione  percettiva  ad  una  dimensione  unitaria  

 

Da  cosa  è  dovuto?  

 

Il  Sincretismo,  

non  è  dovuto  ad  un  problema  di  visione,  

MA  

All’influenza  delle  proprietà  strutturali  dello  stimolo,  

che  generano    il  prevalere  di  un’organizzazione  percettiva  globale  o  analitica.  

 

SE  l’insieme  strutturale  

Corrisponde  ad  una  Forma  Semplice  e  Forte  

Tenderà  ad  imporsi  un’organizzazione  globale  

 

SE  però  le  singole  parti  che  compongono  la  struttura  

Corrispondono  ad  oggetti  familiari  o  particolarmente  vistosi  

Tenderà  ad  imporsi  una  visione  analitica.  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Conclusione.  

Ferma  restando  una  propensione  a  percipire  un’Organizzazione  Globale,  

le  proprietà  strutturali  di  un’immagine  possono  far  prevalere  un’organizzazione  globale  o  analitica  

 

e  quindi    

il  sincretismo  infantile  corrisponde  

ad  una  carenza  di  organizzazione  articolata  e  flessibile  (analitica)  del  campo  percettivo.  

 

3.Percezione  Visiva  nella  Fanciullezza.  

 

-­‐  intorno  ai  6  anni  

Si  realizza  un’evoluzione  percettiva  dovuta  allo  sviluppo  delle  capacità  cognitive    

Che  consentirà  una  subordinazione  della  percezione  alle  attività  cognitive  

 

-­‐  tra  i  6  e  i  9  anni  

Si  assiste  anche  al  superamento  del  Sincretismo  Infantile.  

Emerge  così  una  migliore  capacità  di  analisi  dell’immagine.  

Contrastando  i  fattori  di  unificazione,  si  assiste    

alla  articolazione  gerarchica  del  campo  fenomenico  

 e  alla  capacità  di  adottare  una  prospettiva  reversibile  

 

-­‐  con  il  pensiero  operatorio  

Viene  acquisita  la  capacità  di  Esplorazione  Esaustiva    

Utilizzando  principi  di  classificazione  percettiva  

 

-­‐  la  costanza  di  grandezza  progredisce    

E  si  raggiunge  la  cosiddetta  “costanza  perfetta”    

E  può  anche  raggiungersi  la”  cosiddetta  supercostanza”  

=  tendenza  a  per  cepire  un  oggetto  distante  leggermente  più  grande  di  quello  che  è.  

 

 

4.LO  SVILUPPO  COGNITIVO.  

 

1.JEAN  PIAGET.  

 

Biologo  di  formazione.  Cominciò  a  studiare  la  psicologia,  interessato  alla  “embriologia  dell’intelligenza”.  

Si  dedicò  quindi  alla  Epistemologia  Genetica:  

Epistemologia  =  settore  delle  filosofia  che  si  occupa  della  conoscenza  

Genetica  =  NON  innata  ma  nel  senso  di  Genesi,  Sviluppo  

Quindi  Studio  delle  Origini  della  Conoscenza  

 

Si  pose  quindi  l’obiettivo  

Formalizzare  Teorie  in  grado  di  descrivere  i  Processi  Cognitivi:    

Acquisizione  di  Nuove  Competenze  e  perfezionamento  di  quelle  già  esistenti.  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

1.  Gli  Assunti  Base  della  Teoria.  

 

P.  fondò  la  propria  Teoria  sulla  Sviluppo  Cognito  su  alcune  idee  base  da  lui  individuate:  

 

Rispetto  alle  altre  teorie  

Respinge  ipotesi  innatista  (strutture  cognitive  hanno  solo  origine  interna)  

Respinge  ipotesi  ambientalista  (strutture  cognitive  hanno  un’origine  ambientale)  

 

 E  propone  

 

Teoria  Organismica.  

 

L’individuo    

non  è  un  passivo  recettore  di  influenze  ambientali,  

né  un  veicolo  di  idee  innate,    

ma  un  attivo  costruttore  delle  proprie  conoscenze  

 

i  cui  assunti  base  sono:  

 

a.  Lo  Sviluppo  è  comprensibile  all’interno  della  storia  evolutiva  della  specie  

b.  l’Organismo  si  modifica  attraverso  gli  scambi  con  l’ambiente.  

c.    Sviluppo  consiste  nella  trasformazione  di  Strutture  che  non  sono  innate,  ma  si  costruiscono  attraverso  le  attività  

dell’individuo.  

d.  Intelligenza  è  caratterizzata  da  Compresenza  di  Strutture  Variabili  e  Funzioni  Invarianti.  

 

Particolarmente  importante  è  quest’ultimo  aspetto  poiché  mette  in  evidenza:  

 

Processo  di  Sviluppo  Cognitivo  secondo  Piaget:  

Continuità  =  Funzioni  Invarianti  (Adattamento  ed  Equilibrio)  

Discontinuità  =  Strutture  Variabili  (Stadi  di  Sviluppo)  

 

2.  Sviluppo  come  Equilibrio  e  Adattamento  (Continuità/Funzioni  

Invarianti)  

 

Lo  Sviluppo  Cognitivo  è  l’esito  di  2  Processi:  

 

-­‐   Assimilazione  =  incorporazione  nei  propri  schemi  i  dati  dell’esperienza  

Tende  quindi  alla  Conservazione  

 

-­‐  Accomodamento   =  Modifica  dei  propri  schemi  per  adattarli  ai  nuovi  dati  

Tende  quindi  alla  Novità  

 

I  quali  garantiscono:  

 

-­‐   Equilibrio  tra  continuità  e  cambiamento  

(tra  Conservazione  e  Novità  di  Schemi  Mentali)  

 

-­‐   Adattamento  dell’organismo  all’Ambiente  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

(costruendo  nuove  strutture  mentali  funzionali  all’ambiente)  

 

Intelligenza  (Sviluppo  Cognitivo)   è  quindi  un  caso  particolare  di  adattamento  biologico!    

Anzi  è  la  sua  forma  più  Alta!!  

 

3.  Stadi  di  Sviluppo  (Discontinuità/Strutture  Variabili)  

 

Concezione  stadiale  di  Piaget.  

 

1  Ciascuno  stadio  prevede  una  particolare  forma  di  organizzazione  psicologica  

 

2  Il  passaggio  da  uno  Stadio  al  successivo  può  essere  graduale  e  può  variare  l’età  in  cui  avviene.  

 

3  Ogni  stadio  è  Qualititativamente  diverso  dal  precedente,  

presenta  forma  e  regole  proprie.  

 

4  Acquisizioni  di  uno  stadio  non  si  perdono  al  passaggio  allo  stadio  successivo,  

ma  vengono  integrate  in  strutture  più  evolute.  

 

Metodo  D’Indagine:  

 

che  ha  permesso  l’individuazione  degli  stadi:  

 

Osservazioni  Sistematiche  sui  figli  

Nelle  quali  lo  studioso  

Crea  delle   Situazioni  Critiche  

Per  verificare  la  reazione  del  bambino  

 

Si  è  verificata  una  tecnica  cruciale  per  lo  studio  dello  sviluppo  cognitivo  soprattutto  quando  non  è  possibile  ottenere  

delle  risposte  verbali  dal  bambino.  

 

4  Stadi  Principali:  

 

1.  Stadio  Sensomotorio.  Dalla  Nascita  ai  2  anni.  

 

Intelligenza  attraverso  Sensazione  e  Movimento.  

 

In  questo  stadio:  

 

Intelligenza    consiste  in    

Schemi  d’Azione  Pratici  

Attraverso  i  quale  (seguendoli)  può  interagire  con  l’Ambiente  

Tali  schemi  vengono  coordinati  per  comporre  sequenze  comportamentali  più  complesse  

 

Inoltre  è  caratterizzato  dal  fatto  che:  

La  risposta  è  immediata  e  di  tipo  sensoriale  e  motorio.  

NON    possiede  rappresentazioni  mentali  degl’oggetti  e  NON  fa  progetti.  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Ha  a  sua  volta  individuato  

6  sottostadi:  

 

A.  Esercizi  dei  Riflessi  (0-­‐1  mese)  

Bambino  esercita  i  riflessi  innati  (suzione  prensione  etc)    

In  situazioni  sempre  più  numerose  e  differenti  

 

Sono  i  primi  schemi  d’azione  

 

Emerge  un’iniziale  capacità  di  riconoscimento  degl’oggetti.  

 

Bambino  è  in  una  condizione  di    

EGOCENTRISMO  RADICALE  =  non  ha  consapevolezza  di  sé  stesso  e  del  mondo  circostante.  

 

B.  Reazioni  circolari  primarie  e  primi  adattamenti  acquisiti  (1-­‐4  mesi)  

Comparsa  di  REAZIONE  CIRCOLARE  PRIMARIA  =    

Il  bambino  tende  a  ripetere  e  a  conservare  le  azioni  che  in  modo  fortuito  hanno  avuto  un  esito  per  lui  piacevole  

Definita  primaria  perché  incentrata  sul  proprio  corpo  

 

(Essa  realizza  una  sintesi  fra  assimilazione  e  accomodamento)  

E  costituisce  nuovi  schemi  d’azioni  (prime  abitudini)  

 

Non  si  parla  ancora  di  “Intelligenza”  perché  scoperte  vengono  operate  in  modo  fortuirto.  

 

C. Reazioni  circolari  secondarie  (4-­‐  8  mesi)  

Comparsa  di  REAZIONE  CIRCOLARE  SECONDARIA  =  

Azione  che  produce  una  reazione  interessante   nell’ambiente  viene  conservata  e  ripetuta  più  volte  

Fino  allo  stabilirsi  di  una  schema  d’azione  consolidato  

 

Bambino  mostra  così  un  primo  interesse  per  la  realtà  esterna  spostandolo  dal  proprio  corpo  

 

Non  si  parla  ancora  di  intelligenza  perché  le  scoperte  avvengono  sempre  in  modo  casuale  e  fortuito  

 

Viene  inoltre  contemporaneamente  acquisita  la  capacità  di  coordinare  gli  schemi  di  visione  e  prensione  

 

D. Coordinazione  degli  schemi  secondari  e  loro  applicazione  alle  situazioni  nuove  

Apprende  la  capacità  di  Applicare  gli  schemi  secondari,  che  già  possiede,  in  situazioni  nuove  

 

Compare  così  l’Intelligenza  Sensomotoria:  è  infatti  in  grado  di  differenziare  mezzi  e  fini  

 

Scopre  inoltre  che  esiste  un  mondo  al  di  fuori  di  sé  e  si  interessa  alle  novità  

 

E. Reazioni  circolari  terziarie  e  scoperta  di  mezzi  nuovi  mediante  sperimentazione  attiva  

Comparsa  di  REAZIONI  CIRCOLARI  TERZIARIE:  

Impara  a  variare  e  modulare  i  comportamenti  e  ne  valuta  l’effetto  (vere  e  proprie  esperienze  di  verifica)  

 

Vi  è  una  vera  Ricerca  di  Novità  e  non  un  semplice  comportamento  “conservatore”.  

 

È  lo  stadio  più  alto  di  intelligenza  senso  motoria  

 

Esistono  3  condotte  tipiche  di  questo  stadio:  supporto  (avvicinare  un  oggetto  attirando  il  supporto  su  cui  è  poggiato)  

cordicella  (usare  cordicella  come  prolungamento  di  una  mano)  bastone  (utilizzato  per  raggiungere  oggetti)  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

F. Invenzione  di  mezzi  nuovi  mediante  combinazione  mentale  

Non  procede  più  per  tentativi  ed  errori    

Ma  INVENTA  le  soluzione  

 

Compare  cosi  la  Rappresentazione:  

le  azioni  sono  interiorizzate  e  non  è  più  necessario  eseguirle  per  verificarne  le  conseguenze  

 

Permanenza  dell’Oggetto.  

 

La  Situazione  Critica  che  permette  di  verificare  l  sviluppo  dei  sottostadi  senso  motori  

È  lo  sviluppo  della  nozione  di  Permanenza  dell’Oggetto:  

 

=  Attribuzioni  condivise  circa  la  natura  degli  oggetti  e  le  loro  caratteristiche    

In  particolare  concepire  gli  oggetti  esistenti  anche  quando  scompaiono  dal  campo  visivo  

(cioè  quando  non  siamo  più  in  interazione  con  essi)  

 

Infatti  essa  occupa  tutto  lo  stadio  senso  motorio  e  segue  i  6  sottostadi:  

 

il  bambino  segue  l’ogg.  E  quando  scompare  dal  campo  visivo  

1.  perde  interesse  rapidamente  

2.  guarda  più  a  lungo  nella  direzione  in  cui  è  scomparso  

3.  esplora  con  lo  sguardo  il  punto  in  cui  è  scomparso  

4.  cerca    attivamentel’oggetto  nel  punto  in  cui  è  scomparso  

5.  segue  visivamente  il  percorso  dell’oggetto  che  scompare  varie  volte,  cercandolo  però  nell’ultimo  posto  in  cui  l’ha  

visto  scomparire.  

Acquisizione  Permanenza  dell’Oggetto  

6è  in  grado  di  fare  inferenze  sul  movimento  dell’oggetto  dalle  informazioni  visive  ottenute  

E  quindi  

.è  in  grado  di  immaginare  l’oggetto  scomparso  e  persino  i  diversi  luoghi  in  cui  può  essere  collocato  

 

L’acquisizione  della  Rappresentazione  mentale  segna  l’inizio  dello  

 

2.  Stadio  Preoperatorio  (2-­‐  6/7  anni)  

 

Conquista  della  Rappresentazione  permette  di  utilizzare:  

simboli  immagini  parole  giochi  che  rappresentano  altre  cose  

Quindi  

Principali  Manifestazioni  sono  

Attività  che  si  riferiscono  ad  una  realtà  non  percepita  in  quel  momento  ma  evocata  mentalmente:  

 

-­‐  Imitazione  Differita  

Riproduzione  di  un  modello  acquisito  in  precedenza  

-­‐  Gioco  Simbolico  

Gioco  di  finzione:  Utilizzare  un  oggetto  come  se  fosse  qualcosa  di  diverso  

-­‐  Linguaggio  

Utilizzo  di  schemi  verbali  per  riferirsi  ad  una  realtà  mentalmente  rappresentata  

 

(Linguaggio  dipende  da  Pensiero  

E  in  particolare  dalla  capacità  simbolica  che  compare  nel  sesto  stadio  senso  motorio  e  segna  il  passaggio  

dall’intelligenza  senso  motoria  all’intelligenza  rappresentativa.)  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

In  questo  stadio  inoltre  si  manifestano:  

 

A.  Egocentrismo  Intellettuale  

Incapacità  di  immaginare  la  realtà  che  si  presenta  ad  altri  in  modo  diverso  da  come  appare  a  lui  

 

A  testimoniare  questo  aspetto  

Compito  delle  3  Montagne.  

Si  chiede  al  bambino  di  scegliere  tra  alcune  immagini  quelle  che  corrispondo  ad  una  prospettiva  dalla  sua.  

 

Risultati:  sono  incapaci  di  scegliere  l’immagine  giusta  fino  agl’8  anni:  

inizialmente  scelgono  a  caso  

poi  scelgono  quella  che  corrisponde  alla  sua  prospettiva  

ha  consapevolezza  dei  punti  di  vista  ma  non  sceglie  l’immagine  appropriata  

sceglie  l’immagine  appropriata  

 

B.  Un  Pensiero  Prelogico  e  Intuitivo  

le  azioni  mentali  sono   rigide  ed  irreversibili    

rimangono  così  isolate  e  non  coordinate  con  le  altre  

e  di  conseguenza  

Schemi  mentali  possono  essere  utilizzati  solo  uno  per  volta  

 (e  l’attività  mentale  non  è  coordinata  in  sistemi  unitari).  

 

A  testimoniare  questo  aspetto  

Compito  dei  Gettoni.  

Si  mostra  una  fila  di  gettone  e  si  chiede  di  costruirne  un’altra  uguale  

Fino  a  5  anni:  stessa  lunghezza  numero  qualsiasi,  Uguaglianza  in  base  allo  spazio  occupato  

Fino  a  6  anni:  mette  i  gettoni  vicini:  Uguaglianza  in  base  alla  corrispondenza  tra  termini.  

Dimostra  che  le  sue  azioni  mentali  sono  Rigide  ed  Irreversibili.  

 

3.  Stadio  Operatorio  Concreto.  (7-­‐12  anni)  

 

Azioni  mentali  diventano  

Operazioni  Concrete  

Caratterizzate  da   Reversibilità  :  ad  ogni  operazione  corrisponde  un’operazione  inversa.  

 

Reversibilità  delle  operazioni  concrete  segna  

La  Genesi  del  Pensiero  Logico  

In  quanto  permette  che  le  azioni  mentali  si  coordinino  fra  loro,  essendo    in  grado  di  conservarle  

 

A  testimoniare  (Situazione  Critica  che  testimonia)  il  raggiungimento  di  questo  stadio  

È  la  risoluzione  di  

 

Compiti  di  Conservazione  

 

Compito  della  Conservazione  della  sostanza    

Una  pallina  di  plastilina  è  schiacciata  a  tubetto:  ha  lo  stesso  volume?  

Compito  della  conservazione  del  vollume    

Un  bicchiere  ‘acqua  viene  versato  in  un  recipiente  più  stretto:  c’è  la  stessa  quantità  d’acqua?  

Compito  delle  Conservazione  del  Numero  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

2  file  di  5  gettoni,  una  viene  allungata  allargando  lo  spazio  fra  gettoni:  hanno  lo  stesso  numero?  

 

Infine  vengono  acquisite  le  strutture  operatorie  che  permettono  di  formare  i  

Raggruppamenti  Logici.  

Le  Classi  (ogg  che  condividono  le  stesse  proprietà)    

le  serie  (ogg  che  possiedono  proprietà  diverse  in  una  determinata  serie).  

 

4.Lo  Stadio  Operatorio  Formale.  

 

Il  Pensiero  diviene   Ipotetico  Deduttivo:  

Consente  di  compiere  operazioni  logiche  su  premesse  puramente  ipotetiche  e  ricavarne  le  conseguenze  appropriate.  

 

-­‐    Ipotetico:    Consente  di  variare  in  modo  sistematico  i  fattori  per  verificare  quali  causino  un  fenomeno.  

 

-­‐  Deduttivo:  Consente  di  stabilire  le  appropriate  relazioni  logiche  fra  i  fenomeni    

 

 

A  testimoniare  (Situazione  Critica  che  testimonia)  il  raggiungimento  di  questo  stadio  

È  la  risoluzione  del  

 

Compito  del  Pendolo:  

Si  danno  al  bambino  una  serie  di  pesi  e  una  cordicella  appesa  ad  un  gancio  

 gli  si  dice  che  può  variare  la  lunghezza  della  cordicella,  cambiare  il  peso  e  variare  la  forza  della  “spinta”.    

Il  compito  consiste  nello  scoprire  quale  di  questi  fattori  determina  la  durata  di  una  oscillazione  del  pendolo  

 

Risultati  

Stadio  preoperatorio:  rilevante  solo  spinta  

Operatorio  concreto:  prova  ad  analizzare  i  diversi  fattori  ma  sistematicamente  

Operatorio  formale:  verifica  dei  fattori  in  modo  sistematico  formulando  ipotesi  e  deduzioni  

 

conclusioni    

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

 

 

2.  CRITICHE  ALLA  TEORIA  DI  PIAGET  

   

Analisi  dei  Compiti  Piagetiani

 I  compiti  piagetiani  risultano  troppo  difficili  per  il  bambino  

Non    per  l’inadeguatezza  evolutiva  ma  per  la  Modalità  di  Presentazione  

 

Le  capacità  dei  bambini  risultano  infatti  più  avanzate  se:  

 

Viene  riformulata  la  consegna  in  maniera  più  semplice  

Vengono  modificati  gli  aspetti  criteriali  del  compito  

Vengono  presentate  situazioni  più  realistiche  

In  generale  se  i   Compiti  sono  Vicini  all’Esperienza  Quotidiana  

 

E  quindi  le  prestazioni  inadeguate  non  rispecchiano  una  non  Competenza  nello  sviluppo  Ma  :  

Limiti  di  memoria  

Scarso  Interesse/Attenzione  

Cattiva  Comprensione  del  Compito.  

 

A  dimostrazione  di  ciò:  

Compito  su   “il  ragazzo  e  il  poliziotto”  di  Hughes  

Compito  delle  3  Montagne  in  una  situazione  realistica  aumenta  drasticamente  la  percentuale  di  rip  corrette  in  età  

prescolare.  

 

Esistenza  degli  Stadi  

Per  verificare  l’esistenza  o  meno  degli  stadi,  

il  test  più  diretto  è  verificare  

Coerenza  di  Tipo  Orizzontale  :  costanza  della  prestazione  di  un  bambino  nell’eseguire  diversi  compiti  appartenenti  ad  

uno  stesso  stadio  

Ricerche  documentano  che  non  vi  è  alcuna  stabilità.  

Soluzione:  

 I  Livelli  di  Sviluppo  di  k.  Fisher  

Livelli  di  Sviluppo  a  differenza  degli  stadi  di  sviluppo  

Esprimono  il  livello  ottimale  della  prestazione  

Che  aumenta  con  l’età  in  maniera  discontinua  

 

In  sintesi  

È  riconosciuto  che  lo  sviluppo  cognitivo  proceda  secondo  una  sequenza  che  è    

Universale:  tutti  i  bambini  seguono  un  determinato  ordine  

Ma  P.  aveva  torto  nel  considerare  gli  stadi  come  strutture  coerenti  e  definite.  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

Ruolo  dell’Esperienza  Sociale.  

 

Secondo  P.  bambino  costruisce  le  sue  esperienze  

Senza  essere  influenza  dal’esperienza  sociale  

 

Recenti  studi  hanno  evidenziato  a  sua  capacità  di  favorire  il  processo  cognitivo.  

 

Willem  Doise  

 

Conflitto  Sociocognitivo.  

Interazione  sociale  induce  una  perturbazione  cognitiva  che  innesca  una  riorganizzazione  mentale  superiore.  

(quindi  oltre  al  conflitto  intraindividuale  ipotizzato  da  P.  anche  conflitto  interindividuale  genera  sviluppo  cognitivo)  

 

Vedi  a  riguardo  anche  compito   Torre  di  Hanoi!!  

 

3.  VYGOTSKIJ:  SVILUPPO  COGNITIVO  COME  INTERIORIZZAZIONE  DI  

FORME  CULTURALI.  

 

Vygotskij  

 

Fondatore  della  scuola  storico-­‐culturale  (Istituto  di  psicologia  di  Mosca)  

2  temi  principali:  

Sviluppo  delle  funzioni  Psichiche  superiori  

Influenza  della  Cultura  sui  Processi  Cognitivi  

 

 

Interiorizzazione  di  Forme  Culturali:  

 

Sviluppo  storico-­‐culturale  ha  prodotto  l’evoluzione  dell’umanità  

Attraverso  Mediatori  Simbolici  (lingua,  scrittura,  disegno  etc)  

Che  consentono  agl’individui  di  entrare  in  relazione  tra  loro  in  una  stessa  cultura  

 

Sviluppo  Ontogenico  (sviluppo  biologico  del  singolo  individuo)  

Consiste  nell’    

-­‐  Acquisire  questi  mediatori  simbolici  (per  poi)  

-­‐  Interiorizzare  i  Significati  della  Cultura  

Favorendo  così  la  mediazione  sociale.  

 

Sviluppo  dipende  quindi  dal  contesto  storico  socioculturale  

In  quanto  è  esso  che  fornisce  gli  strumenti  che  possono  essere  acquisiti  o  interiorizzati  dal  bambino  

 

Zona  di  Sviluppo  Prossimale.  

 

=  distanza  tra  livello  di  sviluppo  effettivo  e  il  livello  di  sviluppo  potenziale  

E  quindi  

=  differenza  tra  ciò  che  il  bambino  può  fare  da  solo  e  ciò  che  può  fare  aiutato  da  un  individuo  più  competente  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Apprendimento  di  Nuove  Abilità  

Si  crea  anche  in  questo  dislivello.  

Cioè  

L’adulto  competente  fornisce  il  supporto  necessario  

Affinchè  il  bambino  sia  in  grado  di  produrre  l’abilità  (che  già  coprende).  

Quando  il  bambino  sarà  in  grado  di  produrre  l’abilità  da  solo  allora  sarà  interiorizzata.  

Infatti  bambini  con  lo  stesso  sviluppo  effettivo  

Ma  con  una  Zona  di  Sviluppo  Prossimale  differente  

Ricavano  un  vantaggio  diverso  dall’insegnamento.  

 

Rapporto  tra  Pensiero  e  Linguaggio.  

 

In  questo  tema  entrò  in  aperta  polemica  con  Piaget.  

 

P:  

Linguaggio  dipende  da  Pensiero  

E  in  particolare  dalla  capacità  simbolica  che  compare  nel  sesto  stadio  senso  motorio  e  segna  il  passaggio  

dall’intelligenza  senso  motoria  all’intelligenza  rappresentativa.  

 

nelle  prime  fasi  Pensiero  e  Linguaggio  sono  Egocentrici  

non  comunicabili  agl’altri    

 

V:  

Il  primo  uso  del  linguaggio  è  di  tipo  sociale  e  comunicativo.  

 

In  seguito  il  linguaggio  attraversa  una  fase  egocentrica  (il  bambino  commenta  verbalmente  le  proprie  azioni).  

 

 Infine,  si  trasforma  in   linguaggio  interiore  o  pensiero  verbale  (intrapersonale)  

 

Quindi  già  nelle  prime  fasi  bambino  è  protagonista  attivo  nelle  relazioni  sociali  

 

4.  JEROME  BRUNER.  

 

Influenzato  da  Vygotskij  e  dalla  Scienza  Cognitiva  a  cui  lui  aderisce.  

Sottolinea  l’importanza  di  studiare:  

non  i  prodotti  della  conoscenza  

ma  piuttosto  l’effettivo  svolgersi  del’atti  mentali.  

 

Le  3  Forme  di  Rappresentazione.  

 

Nel  corso  dell’acquisizione  del  Pensiero  maturo  

Il  bambino  attraversa  3  forme  di  rappresentazione  

A  seconda  che  essa  si  basi  sull’azione,  sull’immagine  o  sul  linguaggio  

 

-­‐  Esecutiva:  

Realtà  viene  codificata  attraverso  l’Azione  

 

Es.  giocando  con  un  Oggetto,  la  sua  rappresentazione  interno  dell’oggetto  divento  il  giocare  con  esso.  

Continua  a  funzionare  anche  dopo:  tutte  quelle  attività  che  impariamo  facendo.  

(1  anno)  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

-­‐  Iconica:  

Realtà  è  codificata  attraverso  immagini  (visive  uditive  olfattive  etc)  

(fino  a  6/7  anni)  

 

-­‐  Simbolica:  

Realtà  è  codificata  attraverso  sistemi  simbolici,    

in  particolare  il  Linguaggio  

 

Sistema  di  Codifica  più  potente  e  flessibile  perché  consente  di  creare  Rappresentazioni  Simboliche  (Astratte)  

Che  consentono  di  andare  al  di  là  delle  informazioni  decodificate  dalla  realtà.  

 

Sulla  base  di  questa  suddivisione  Bruner  

Modifica  il  Compito  di  Conservazione  del  Volume  di  Piaget  

B.  blocca  la  rappresentazione  Iconica  del  Compito  (non  permette  di  fondare  un  giudizio  sulla  base  della  percezione)  

Ottenendo  così  un  notevole  aumento  di  risposte  corrette.  

 

Basi  Sociali  e  Influenza  della  Cultura  nello  sviluppo.  

 

Bruner  riprende  di  V.  

l’Influenza  della  Cultura  sullo  sviluppo    

 

Come  avviene?  

 

esso  si  realizza   attraverso  le  relazioni  sociali  

 in  cui  il  ruolo  dell’adulto  è  caratterizzato  come  

 

Scafolding  =  fornire  l’impalcatura  

L’”impalcatura”  fornita  dall’adulta  serve  a  compensare  il  dislivello  tra  le  abilità  richieste  e  le  limitata  capacità  del  

bambino.  

 

All’interno  di  quest’ottica  

 

-­‐Kenneth  Kaye  propone  

Sviluppo  =  Apprendistato  

Dove  il  bambino    viene  introdotto  gradualmente  ai  contenuti  della  cultura  grazie  all’adulto  

In  un  rapposrto  apprendista-­‐maestro  

 

-­‐  Narrazione  

Assume  in  particolar  modo  un  ruolo  di  

Strumento  Privilegiato  della  Trasmissione  Culturale.  Costruisce  e  trasmette  significati  

 

-­‐  Pensiero  Narrativo  

Particolare  Modalità  Conitiva  di  organizzare  l’esperienza  

Diversa  dal  pensiero  logico-­‐razionale  

In  quanto  si  basa  su  una  logica  intrinseca  alle  interazioni  tra  individui.  

 

5.  APPROCCIO  DELL’ELELABORAZIONE  DELL’INFORMAZIONE  (HIP)  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Approccio  dell’elaborazione  dell’infromazione  HIP  

Non  è  una  teoria  dell  Sviluppo  

Ma  è  un  Approccio  allo  studio  del  Pensiero.  

Nasce  dal  solco  della  rivoluzione  legata  all’intelligenza  artificiale  e  adottala  metafora  della  mente  umana  come  simile  

ad  un  computer:  si  concentra  quindi  sull’elaborazione  delle  informazioni  proveniente  dall’ambiente  e  la  loro  

conservazione  in  memoria.  

 

Questo  approccio  quindi  si  fa  carico  di  una:  

 

Analisi  del  Compito.  

 

Consiste  nell’individuare  le  operazioni  (spesso  indipendenti  fra  loro)  

 che  compie  un  soggetto  nell’esecuzione  di  un  Compito.  

In  questo  processo  vi  sono  dele  limitazioni  nel  numero  di  informazioni  a  cui  il  sogg.  Può  prestare  attenzione  

simultaneamente.  

 

Confronto  con  Approccio  Piagetiano.  

 

HIP:  

-­‐  pone  enfasi  sulla  Prestazione  

Anziché  sulla  Competenza  

 

-­‐  vede  i  cambiamenti   come  Quantitativi  

Anziché  qualitativi  

 

-­‐  tali  cambiamenti  sono  caratterizzati  da  Continuità  

Anziché  Discontinuità  

 

-­‐  vede  le  capacità  cognitive   specifiche  per  domino  

Anziché  generali  

 

-­‐  pone  enfasi   su  come  si  sviluppa  intelligenza  

Anziché  sul  che  cosa  si  sviluppa  dell’intelligenza  

 

 

 Strategie  di  Elaborazione  

 

Hip  identifica  i  processi  di  sviluppo    

 

-­‐Sia  con  Capacità  di  Base  di  Elaborazione,  che  diventano  più  esaustive  con  l’età  

 

-­‐Sia  con  Vere  Strategie  Di  Elaborazione,  che  diventano  più  complesse  con  l’età  

Inizialmente  nessuna  strategia  e  in  seguitano  ne  utilizzano  spontaneamente  in  modo  flessibile  

 

Strategie  nella  Risoluzione  di  Problemi.  

 

Nella  Risoluzione  di  problemi,  

al  crescere  dell’età,  

corrisponde  un  utilizzo  di  regole  sempre  più  efficaci  per  la  risoluzione  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Questa  progressione  non  dipende  solo  dall’età,  perché  il  bambino  più  grande  è  in  grado  di  prendere  in  considerazione  

più  di  una  dimensione  alla  volta,  

 ma  anche  dall’Esperienza  nel  risolvere  certi  problemi.  

 

Metaconoscenza  e  Metamemoria.  

 

Altro  settore  che  ha  suscitato  interesse  

 

Metaconoscenza  =  consapevolezza  circa  il  proprio  pensiero  

Metamemoria  =  consapevolezza  circa  la  propria  memoria  

 

Queste  2  capacità  vengono  inserite  all’interno  del  

 

Sistema  Esecutivo  Centrale    

Che  controlla  in  modo  sempre  più  flessibile  ed  efficiente  i  processi  cognitivi.  

 

6.  TEORIA  DELLA  MENTE.  

 

Alla  fien  degl’anni  80  

Studiosi  cominciano  ad  interessarsi  a    

 

Come  un  bambino  costruisca  una  propria  

Teoria  della  Mente  

=  teoria  su  come  funzionano  gli  esseri  umani  in  quanto  diversi  dagli  oggetti  inanimati  

 

E  quindi:  desideri,  scopi,  motivazioni,  emozioni,  credenze,  pensieri.  

 

Il  Ragionamento  Desiderio  –  Credenza.  

 

Punto  di  partenza  sono:  

 

-­‐  Emozioni  Fondamentali  e  Stati  Fisiologici  (fame,  sete,  dolore,  eccitazione)  

Che  generano  i  Desideri  

 

-­‐  Percezioni  e  Sensazioni  

Che  generano  le  Credenze  

 

Il  Desiderio  dunque  risulta  uno  stato  mentale  più  semplice  della  Credenza!  

(Lui  vuole  una  mela  è  più  elementare  di  lui  pesa  che  questa  sia  una  mela)  

 

Credenze  e  Desideri  vanno  a  generare  determinate  Azioni  che  a  loro  volta  generano  Reazioni  Emotive  

 

Così  

A  2  Anni:  troviamo  una  

 Psicologia  del  Desiderio:  Spiega  le  azioni  in  base  ai  desideri  e  le  reazioni  emotive  in  base  alla  loro  soddisfazione.  

 

A  3  anni:  

Psicologia  della  Credenza  –  Desiderio:  azioni  e  reazioni  emotive  sono  guidate  e  spiegate  non  soltanto  in  fuznione  dei  

desideri  ma  anche  dlle  credenze.  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Un  Cambiamento  importante  nello  sviluppo  è    

La  Comprensione  della  Falsa  Credenza:  

comprendere  che  le  azioni  possano  essere  determinate  da  credenze  erronee  

(compito  della  Biglia  nascosta)  

 

Precursori  Della  Teoria  della  Mente.  

 

-­‐  Gioco  simbolico:  esprime  la  capacità  di  rappresentare  una  realtà  diversa  da  quella  percepita.  

 

-­‐  Comunicazione  Dichiarativa:  richiamare  l’attenzione  dell’adulto  per  condividere  l’attenzione  con  lui:  intende  

influenzare  il  suo  stato  mentale  

 

La  teoria  della  Mente  e  Modulare.  

 

Lo  sviluppo  delle  TdM  

Dipende  dai  meccanismi  dello  sviluppo  cognitivo  che  sono  altamente  modulari:  specializzati  in  Moduli  

 

Moduli  =  unità  deputate  ad  elaborare  informazioni  possedendo  un  dominio  specifico  rispetto  alle  informazioni  

Essi  si  sviluppano  in  determinati  momento  dello  sviluppo.  

Possono  essere:  

Modulo  specializzato  nel  cogliere  le  intenzionalità,  nel  consentire  meta  rappresentazioni  etc  

 

Fattori  che  promuovono  la  Teoria  della  Mente.  

 

-­‐  competenze  linguistiche  

-­‐  relazioni  con  i  fratelli  

-­‐  giochi  di  finzione  etc  

 

Teoria  della  Mente  e  Autismo.  

 

TdM  ha  offerto  un’importante  chiave  di  comprensione  per  malattie  come  l’autismo:  

per  superare  l’idea  che  consista  in  un  disturbo  della  relazione  affettiva  

per  individuare  specifiche  difficoltà  nello  sviluppo  di  processi  cognitivi.  

Infatti  Autismo  implica  un  delicit  nella  capacità  di  Comprendere  la  Mente  

 

 

7.  LA  VALUTAZIONE  DELL’INTELLIGENZA.  

 

Teorie  sui  processi  cognitivi  sono  interessate  ai  processi  comuni  a  tutti  gli  individui  

 

Ad  analizza  invece  le  Differenze  Individuali  abbiamo  invece  le  

Misurazioni  dell’Intelligenza.  

 

Evoluzioni  delle  Scale  di  Intelligenza.  

 

1904  la  pubblica  istruzione  francese  istituisce  una  commissione  presieduta  da  Binet  di  costituire  un  test  che  valuti  

l’intelligenza  da  somministrare  ad  alunni  delle  elementari.  

 

Con  le  successive  revisioni  arriviamo  alla    

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Scala  Binet  –  Simon:  

 

calcola  il  QI  :  

rapporto  tra  età  cronologica  e  età  mentale.  

100  media.  

 

Le  scale  oggi  maggiormente  usate  sono  la  

 

Scala  Standford  –  Binet  

Wechsler  Intelligence  Scale  for  Children.  

 

Critiche.  

 

Queste  scale  presuppongono  una  

 concezione  dell’  intelligenza  Unitaria  Stabile  e  con  una  Potenzialità  Finita.  

 

Superamento  di  queste  Scale.  

 

Gardner  

Propone  il  concetto  di  Intelligenza  Multipla.  

8  tipi  di  intelligenza  di  cui  solo  2  misurabili  da  scale.  

 

Sternberg  

Propone  una  Teoria  Triarchica  dell’Intelligenza.  

Esistono  3  aspetti  dell’intelligenza:    

Componenziale  (quella  misurata  dai  test)  

Esperienziale  (intuitiva  originale)  

Contestuale  (per  un  buon  adattamento  sociale)  

 

Predittività  dei  test.  

 

Problema:  i  test  si  basano  sempre  sul  linguaggio.  Come  valutare  i  bambini  al  di  sotto  dei  3  anni?  

 

Furono  ela  borati  (anni  30  e  40)  

Dei  test  di  intelligenza  infanile  

Che  però  non  dimostrarono  alcuna  validità  predittiva!!!  

 

Tali  Risultati  spinsero  ad  una  

Rivisitazione  radicale  della  Nozione  di  Intelligenza  fin’ora  applicata.  

 

L’incapacità  predittiva  dei  test  evidenzia  che  

Intelligenza  NON  è  UN  FATTORE  UNITARIO  

Ma  è  un  insieme  di  capacità  che  si  sviluppano  nel  tempo  anche  in  funzione  dell’ambiente  e  non  solo  in  fuzione  di  

potenzialità  predeterminate.  

 

Nasce  così    

 

Approccio  Ordinale.  

 

Alternativo  all’approccio  psicometrico  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

-­‐  invece  di  considerare  Intelligenza  come  oggetto  di  Cambiamenti  Quantitativi  

Scale  ordinali  considerano  l’Intelligenza  come  oggetto  di  Cambiamenti  Qualitativi.  

 

-­‐  rispetto  ai  test  tradizionale  

Considerano  inoltre  i  rapporti  tra  le  diverse  acquisizioni.  

 

-­‐  test  tradizionale  considerano  come  unica  causa  dello  sviluppo  dell’intelligenza  la  programmazione  Genetica  

Approccio  ordinale  la  individua  nell’interazione  tra  la  stessa  e  le  Influenze  Ambientali  

Di  conseguenza  è  necessario  studiare  anche  influenze  ambientali.    

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

5.  LO  SVILUPPO  DEL  LINGUAGGIO  E  DELLA  

COMUNICAZIONE.  

 

1.  IL  LINGUAGGIO.  

Imparare  a  parlare:  capacità  appresa  in  un  tempo  relativamente  breve  (entro  i  3  anni)  nonostante  la  sua  

enorme  complessità.  

 

Il  bambino  deve:  

-­‐  analizzare  le  unità  linguistiche  (fonemi,  parole,  frasi)  

-­‐  produrre  i  fonemi  o  sequenze  di  fonemi  

-­‐  acquisire  un  vocabolario  

-­‐  padroneggiare  regole  morfologiche  e  sintattiche  

-­‐  imparare  a  conversare  

 

Linguaggio:  

 

inserito  nella   Capacità  Comunicativa!  

 

SI  distingue  e  specifica  all’interno  di  esso  grazie  a  2  proprietà:  

Creatività  ed  Arbitraietà.  

 

2.  TEORIE  SULL’ACQUISIZIONE  DEL  LINGUAGGIO.  

 

Varie  teorie  tentano  di  dare  una  spiegazione  a  3  domane:  

-­‐  peso  della  componente  innata  e  appresa  

-­‐  rapporti  con  capacità  cognitive  e  sociali  

-­‐  relazione  linguaggio-­‐  comunicazione.  

 

A.  Spiegazione  Innatista.  

 

Chomsky.  Anni  60.  

 

Linguista  statunitense  

 

Ipotizza   un  Dispositivo  Innato  per  l’Acquisizione  del  Linguaggio.  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

=   Base  Biologica  grazie  a  cui  si  sviluppa  il  linguaggio.  

Essa  è   strutturata  secondo  una  Grammatica  Universale  

 

Quindi  

Linguaggio  =    

Insieme  di  Regole  che  il  bambino  deve  scoprire  

Attraverso  un  processo  attivo  di  verifica  e  scoperta,  partendo  da  un  numero  limitato  di  regole  presenti  nella  

conoscenza  innata  del  linguaggio.  

 

Apprendimento  per  Imitazione  ed  Insegnamento.  

Non  hanno  alcun  ruolo;  

infatti  il  bambino  impara  secondo  un  processo  creativo  ed  è  in  grado  di  produrre  espressioni  mai  sentite.  

 

Critica.  

Poco  convincente:  

-­‐  linguaggio  indipendente  da  intelligenza  

-­‐  competenza  linguistica  (conoscenza  regole)  precede  l’esecuzione  linguistica  (uso  delle  regole)  

 

B  .Ipotesi  Cognitiva  (Spiegazione  Interazionista).  

 

Anni  70  

In  crisi    idea  che  il  linguaggio  si  sviluppi  

indipendentemente  da  capacità  Cognitive  

 

Ipotesi  Cognitiva  

 

Sviluppo  del  Linguaggio  inserito  all’interno  dello  Sviluppo  Cognitivo    

 

Recupera  infatti  Piaget:  

Linguaggio  dipende  da  Pensiero  

E  in  particolare  dalla  capacità  simbolica  che  compare  nel  sesto  stadio  senso  motorio  e  segna  il  passaggio  

dall’intelligenza  senso  motoria  all’intelligenza  rappresentativa.  

 

Di  conseguenza:  

Sviluppo  Cognitivo  precede  ed  è  autonomo  rispetto  al  Linguaggio  

Mentre  

Il  Linguaggio  dipende  e  deriva  dallo  Sviluppo  Cognitivo  

 

Contrapponendosi  a  Chomsky:  

bambino  Impara  Facendo;  

per  cui   l’Esecuzione  viene  prima  della  Competenza.  

 

3.  Ipotesi  Funzionalista  (Sviluppo  del  Linguaggio  e  Contesto  Sociale).  

 

Approccio  Funzionalista  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Imparare  a  parlare  significa:  

saper  utilizare  il  lInguaggio  

MA  ANCHE  

Utilizzarlo  in  modo  contestualmente  appropriato.  

 

(di  conseguenza)  

 

Competenza  Comunicativa  

 

tale  approccio  

Sostituisce  la  nozione  di  Competenza  Linguistica  (di  origine  chomskiana)  

Con  un  più  Ampio  Concetto   di  Competenza  Comunicativa.  

 

Alla  luce  della  Competenza  Comunicativa,  

tra  Comunicazione  Prelinguistica  e  Comparsa  del  Linguaggio    

non  vi  è  Soluzione  di  Continuità.  

 

Inoltre  con  la  Nozione  di  Competenza  Comunicativa  

Si  differenziano  tra  loro:  

-­‐  Contenuto  Proposizionale  =  l’informazione  contenuta  nella  comunicazione  

-­‐  Intenzione  =  l’intenzione  contenuta  nella  comunicazione  

 

 Linguaggio  utilizzato  dagl’adulti  ai  bambini,  

 

NON  è  un  input  scorretto  e  impoverito  come  suggerito  da  Chomsky  

MA  è  un  linguaggio  molto  adatto  per  le  capacità  ancora  limitate  del  piccolo.  

 

 Ruolo  dell’Interazione  Sociale,  

 

è  un’importante  matrice  di  Significati  Condivisi  che  confluiscono  nella  genesi  del  Codice  Linguistico.  

 

attraverso  

Formati  di  Attenzione  Condivisa  (Bruner)  

 

prodotti  dall’interazione  sociale  nel  contesto  familiare.  

 

3.LA  FASE  PRELINGUISTICA.  

 

Sviluppo  Comunicativo  

Che  precede  e  prepara  la  Comparsa  del  Linguaggio  

 

1.  I  Primi  Suoni  e  Prime  Vocalizzazioni.  

 

Primi  Suoni.  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

-­‐  Di  Natura  Vegetativa  (sbadigli  ruttini)  

 

Oppure  

 

-­‐  Legati  al  Piano,  

che  svolge  un  ruolo  importante  nel  regolare  l’Interazione  con  Gli  Adulti.  

 

Sono  stati  individuati  diversi  tipi  di  pianto:  di  fame  di  irritazione  di  dolore  

 

Vocalizzazioni  

 

Tra  i  2  e  i  6  mesi  

Compaiono  i  Suoni  Vocalici.  

 

Troviamo  Protoconversazioni:  

vocalizzazioni  si  inseriscono  tra  i  turni  verbali  del  genitore  come  se  rispondessero.  

 

Lallazione  Canonica  

 

Tra  i  6  e  i  7  Mesi  

Compare  la  Lallazione  Canonica  

=  sillabe  ripetute  2  o  più  volte.  

 

L’ampiezza  fonetica  comincia  a  ridursi  e  si  consolidano  solo  i  suoni  della  lingua  materna  

 

Lallazione  Variata  e  Protoparole.  

 

Tra  i  10  e  i  12  Mesi  

Compaiono  

 

-­‐  Lallazione  Variata   =  sequenze  sillabile  complesse  (bada  dadu)  

 

-­‐  Protoparole    

Che  assumono  un  significato  in  determinati  contesti.  

 

Protoparole  sono  In  Continuità  con  Lallazione  

In  quanto  bambino  utilizza,  nel  formare  le  prime  parole,  le  sequenze  fonetiche  sperimentate  nella  

lallazione.  

 

Da  questo  momento  sviluppo  fonologico  interagisce  con  Sviluppo  Lessicale  e  Grammaticale.  

 

Bambini  differiscono  fra  loro  

 esprimendo  delle  Preferenze  Fonetiche  

e  organizzando  in  maniera  differente  il  Sistema  Fonologico.  

 

Gesti  Comunicativi.  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

Gesti  Deittici.  

 

Tra  i  9  e  i  12  Mesi.  

Comincia  ad  utilizzare   Gesti  Deittici  

=    Gesti  che  

-­‐  esprimono  un’intenzione  comunicativa  

-­‐  sono  convenzionali  

-­‐    e  si  riferiscono  ad  un  oggetto/evento.  

 

Vengono  prodotti  a  distanza  (distali)  e  non  implicano  alcun  contatto  col  destinatario.  

 

Possono  essere  Utilizzati  come:  

Richiesta:  Per  chiedere  un  intervento  dell’adulto  (Richiesta)  

Dichiarazione:  Per  attirare  l’attenzione  verso  un  evento  

 

Gesti  Referenziali.  

 

Tra  i  11  e  12  Mesi.  

Compaiono   Gesti  Referenziali.  

=  Gesti  che  

Non  soltano  esprimono  una  Intenzione  Comunicativa  

Ma  rappresentano  anche  un  referente  specifico  =  Non  varia  sulla  base  del  Contesto!!  

 

I  Gesti  Comunicativi  

 

Nascono  all’interno  di  Routini  Sociali  o  Giochi  con  l’adulto  

E  vengono  appresi  per  Imitazione.  

 

In  seguito  essi  vengono  utilizzati  al  di  fuori  dei  contesti  e  sempre  più  per  scopi  comunicativi  

 

4.  PRIME  PAROLE.  

 

Comparsa  di  Prima  Parole  varia  considerevolmente  

Ma  in  generale  si  colloca  tra  gli  11  e  i  13  mesi  di  età.  

 

Tendenzialmente  bambini  iniziano  a  parlare  delle  stesse  cose:    Oggeti  Familiari  Azioni.  

 

Uso  Non-­‐  Referenziale,  Usa  Referenziale.  

 

Inizialmente  compaiono  a  seguito  di  un  

Uso  Non-­‐Referenziale:  in  un  contesto  specifico  e  spesso  ritualizzato  

 

Solo  più  tardi  emerge  un  Uso  Referenziale.  

A    seguito  di  un  processo  di  Decontestualizzazione  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Che  si  ritrova  anche  nella  Comprensione  del  linguaggio.  

 

Comprensione  del  Linguaggio.  

 

Essa  precede  SEMPRE  e  influenza  la  produzione  Linguistica:  

bambino  comprende  espressioni  e  soltanto  in  un  secondo  momento  sarà  capace  di  produrre.  

 

1.  L’Esplosione  del  Vocabolario.  

 

Nel  Secondo  Anno  di  vita,  

troviamo  2  fasi:  

 

Fase  Iniziale:  

ampiezza  del  vocabolario  si  attesta  sulle  50  parole  

 

Fase  in  cui  (è  possibile  che  )  si  attesta  Esplosione  del  Vocabolario:  

dove  il  vocabolario  cresce  esponenzialmente.  

 

Il  passaggio  alla  seconda  fase  è  determinato  dalla  Capacità  di  Attribuire  alle  Parole  anche  Status  Simbolici.  

 

N.B.  L’Esplosione  del  Vocabolario  non  è  una  tappa  universale!!  

Alcuni  bambini  possono  continuare  ad  apprendere  in  maniera  graduale.  

 

Infatti  la  Variabilità  rispetto  

Sia  come    Ampiezza  del  Vocabolario  è  molto  alta  

Sia  come  presenza  o  meno  di  una  fase  di  accelerazione  di  apprendimento.  

 

2.  L’Evoluzione  del  Significato  delle  Parole.  

 

Significato  delle  Parole  

Riflette  nel  bambino  

La  Categorizzazione  della  Realtà  che  il  bambino  padroneggia  In  Quel  Determinata  Momento!!  

 

Errori  

 

Per  questo,  rispetto  ai  significati  attribuiti  dagl’adulti,  

possono  verificarsi  degl’errori:  

-­‐  Sovraestensione  =  cane  tutti  i  quadrupedi  

-­‐  Sottoestensione  =  bambola  solo  la  sua  bambola  

-­‐  Sovrapposizione  =  aprire  non  solo  per  porta  ma  anche  per  luce  

 

Criteri  di  Riferimento  nell’Identificare  Categorie.  

 

Nella  Costruzione  dei  Significati  delle  Parole,  l’Identificazione  delle  Categorie  vengono  stabilite  in  funzione  

di    

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

Secondo  Alcuni  studiosi:    

Somiglianze  Percettive  

 

Secondo  altri  

Somiglianze  Funzionali.  

 

Invece  secondo  l’Ipotesi  del  Nucleo  Funzionale:  

inizialmente  secondo  somiglianze  funzionali  alle  quali  vengono  aggiunti  attributi  percettivi.  

Quindi  utilizzano  entrambi  e  possiamo  osserva  un  passaggio  dal  Funzionale  al  Percettivo.  

 

Livelli  di  Generalità  

 

Generalmente  i  bambini  imparano    

Inizialmente:  parole  che  si  situano  ad   un  Livello  Base  di  Generalità  

In  seguito:  parole  che  appartengono  a   categoria  Subordinate  o  Sovraordinate  di  Generalità  

 

Convenzionalizzazione.  

 

Evoluzione  del  Sistema  Semantico  evolve  sempre  più  verso  una    

Convencionalizzazione  =  uso  delle  parole  sempre  più  vicino  ai  significati  attribuiti  convenzionalmente  

 

5.  SVILUPPO  DELLA  GRAMMATICA.  

 

Sviluppo  della  Grammatica  si  divide  in:  

 

-­‐  Morfologia  =  

 Acquisizione  di  Suffissi  e  Prefissi  (singolare/plurale  maschile/femminile  etc)  

Acquisizione  di  particelle  (pronomi  articoli  etc)  

 

-­‐  Sintassi:    

Capacità  di  costruire  combinazioni  di  parole  che  rispettino  le  regole  della  lingua.  

 

1.  Prime  Combinazione  di  parole  (sintassi).  

 

Intorno  ai  20  mesi.  

Comparsa  dipende  più  dall’ampiezza  del  vocabolario  che  dall’età.  

 

Classi    di  parole.  

In  esse  è  possibile  individuare  una  certa  regolarità  

Che  le  divide  in  due  classi  di  parole:  

-­‐  classe  perno:  piccolo  numero  di  parole  a  cui  si  ricorre  frequentemente  in  posizione  iniziale  della  frase.  

-­‐  classe  aperta:  tutte  le  altre  paroleche  ricorrono  meno  frequentemente  e  non  hanno  una  posizione  fissa.  

 

Tale  suddivisione  è  stata  criticata:  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 -­‐dallo  studio  di  altre  lingue  diverse  dall’inglese.  

-­‐Dallo  studio  che  utilizza  al  posto  un’analisi  sintattica,  

un’analisi  semantica  delle  prime  frasi:  si  è  visto  che  due  frasi  sintatticamente  uguali  possono  essere  

differenti  semanticamete.  

 

Nell’Italiano  

Sono  stati  individuati  2  stadi  di  sviluppo  sintattico  dei  bambini  che  imparano  l’italiano:  

Primo  Stadio:  Prime  Combinazioni  di  Parole  che  contengono  una    

Struttura  Nucleare.  

Secondo  Stadio:  Struttura  Nucleare  minima  si  amplia  includendo  strutture  facoltative.  

 

2.  Sviluppo  Morfosintattico.  

 

Per  illustrare  le  caratteristiche  di  sviluppo  morfosintattiche  è  necessario  fare  riferimento  ad  una  specifica  

lingua,  in  quanto  ciascuna  lingua  presenta  caratteristiche  difficoltà.  

 

Periodo  tra  i  2  e  i  3  anni  è  caratterizzato  da  

Esplosione  Morfologica.  

 

Morfologia  Verbale:  

l’accordo  soggetto-­‐  verbo  comincia  ad  essere  utilizzato  intorno  ai  3  anni,  acquisendo  gran  parte  della  

morfologia  verbale  

 

Morfologia  Nominale:  

padroneggiata  anch’essa  intorno  ai  3  anni.  

 

Morfologia  Pronominale:  

invece  viene  padroneggiata  intorno  ai  3-­‐4  anni.  

 

3.  Grammatica  interfrasale.  

 

Alcuni  autori  ritengono  che  intorno  ai  4-­‐6  anni  

Avvenga  una  riorganizzazione  grammaticale,  

passando  

da  una  grammatica  intrafrasale  (della  frase)  

ad  una  grammatica  interfrasale  (del  discorso)  per  coordinare  le  varie  frasi  del  discorso.  

 

6.  DIFFERENZE  INDIVIDUALE  DELLO  SVILUPPO  DEL  LINGUAGGIO.  

 

Nell’imparare  a  parlare  tutti  i  bambini  condividono  le  tappe  evolutive  

MA  con  un  ritmo  Differenze  e  Stili  Differenti  

1.Differenze  nel  Ritmo.  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

Comparsa  prime  parole:  

 

in  media  tra  11  e  13  mesi  

precocemente  8  mesi  

tardivamente  18  mesi.  

Comparsa  Prime  Frasi  

In  media  20  mesi  

Precocemente  14  mesi  

Tardivamente  24  mesi.  

2.Differenze  Nello  Stile.  

 

Katherine  Nelson  

 

Ha  individuato  Diversi  Stili  Individuali  nell’imparare  a  parlare  

 

E  ha  caratterizzato  questi  stili  come  

-­‐Referenziale:  sviluppo  lessicale  più  rapido  

-­‐  Espressivo:  sviluppo  sintattico  più  rapido  

 

L’Autrice  mostra  inoltre  come  esistano  altre  differenze  specifiche  dei  2  stili  relative  a:  

 

Stili  Cognitivi  

referenziale:  più  interessati  agl’oggetti  

espressivo:  più  interessati  alle  relazioni  sociali  e  ai  sentimenti  

 

Variabili  Contestuali  

Identificate  principalmente  nelle  relazioni  madre-­‐bambino:  

referenziale:madri  tendono  a  fare  commenti  sugl’oggetti  

espressivo:madri  tendono  a  coinvolgere  i  figli  in  routine  e  giochi  

 

Altre  Recenti  Ricerche    

 

Hanno  trovato  differenze  individuali  in  dimensioni  simili  

 

In  particolare  stili   Analitico-­‐Olistico:  

-­‐  Analitico:  segmentare  il  linguaggio  

-­‐  Olistico:  Riprodurre  unità  linguistiche  

Entrambi  sono  presenti  solo  che  differiscono  tra  un  individuo  e  l’altro  per  intensità  di  utilizzo  

 

Infine  Alcuni  Studiosi  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Hanno  evidenziato  una  Iniziale  Preferenza  per  l’acquisizione  dei  verbi  piuttosto  che  per  i  nomi  

(ad  esclusione  della  lingua  inglese)  

 

7.GLI  USI  DEL  LINGUAGGIO.  

 

Pragmatica.  

 

Per  diventare  parlanti  e  ascoltatori  competenti  

NON  bastano  regole  sintattiche  e  semantiche  

 

MA  è  Necessaria  anche  la  Competenza   Pragmatica  

=    imparare  L’USO  DEL  LINGUAGGIO  

Appropriatamente  al  Contesto  Sociale  e  agl’Interlocutori.  

 

Essa  include  2  Aspetti:  

-­‐  Capacità  di  Conversare  

-­‐  Capacità  di  tener  conto  del  punto  di  vista  dell’ascoltatore  

 

1.  Capacità  di  Conversare.  

 

 Precocemente  il  bambino  impara  ad  utilizzare:  

 

L’Intonazione  

E  un  limitato  numero  di  Frasi  Fatte  (conversazioni  telefoniche)  

 

Già  a  4  anni  sanno  adattare  il  proprio  stile  di  conversazione  all’interlocutore  

 

Bambini  in  età  Prescolare  si  rivolgono  ai  coetanei  soprattutto  in  forma  di  

Comando  

Espressioni  di  Possesso  

Richieste  di  Conferma  

Per  quanto  riguarda  le  Conversazioni  su  Eventi  Passati/FUturi  o  Eventi  in  corso  

 

Si  osserva  un  incremento  dei  temi  relativi  al  Passato/Futuro  tra  i  2  e  5  anni.  

 

2.  Capacità  di  tener  conto  del  punto  di  vista  dell’ascoltatore  

 

 

Linguaggio  Egocentrico.  Piaget:  

 

=  fino  a  7  anni  bambino  è  incapace  di  considerare  il  punto  di  vista  dell’ascoltatore  

Sembra  piuttosto  parlare  per  sé  con  un  ascoltatore  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

Più  Recenti  Ricerche  (Anni  70)  

 

Hanno  evidenziato  come  i  bambini  in  realtà  siano  assai  più  consapevoli:  

in  età  prescolare  il  bambino  è  in  grado  di  comunicare  efficacemente  se  il  compito  è  semplice  

 

perde  invece  di  efficacia  se  il  compito  è  influenzato  da   un  forte  carico  cognitivo  del  compito  

Tale   fallimento  è  dovuto  ad  uno  o  più  fattori:  

-­‐  abilità  percettive  

-­‐  abilità  di  confronto  

-­‐  abilità  di  memoria  

-­‐  abilità  linguistiche.  

 

Ambiguità  Comunicativa.  

Per  quanto  riguarda  l’Ascoltatore  invece  

Per  rispondere  adeguatamente  è  necessario:  

 

Capacità  di  Rendersi  conto  dell’  

Ambiguità  Comunicativa  

Per  chiedere  ulteriore  informazione  al  fine  di  risolverla.  

 

I  bambini  infatti  tendono  a  prendere  per  buoni  i  messaggi  ambigui  senza  chiedere  ulteriori  informazioni.  

Una  possibile  spiegazione  è  che  non  si  rendano  conto  che  la  fonte  di  ambiguità  è  il  messaggio.  

 

Nei  Compiti  di  Comunicazione  Referenziale.  

Fino  agl’8  anni  hanno  prestazioni  piuttosto  scarse,  producendo  messaggi  scarsamente  informativi  o  

ambigui.  

 

8.  CONSAPEVOLEZZA  METALINGUISTICA  

 

Metalinguistica.  

 

Le  forme  del  linguaggio  sono  

 Trasparenti  :  quando  ci  fanno  guardare  al  significato  che  trasmettono  

Opache:  quando  le  trattiamo  come  un  oggetto  di  analisi  

 

Consapevolezza  Metalinguistica  =  

Capacità  di  rendere  opache  le  forme  del  linguaggio.  

 

Prima  forma  di  Consapevolezza  Metalinguistica:  

2  anni:  bambino  utilizza  linguaggio  

 anche  in  assenza  di  stimoli  comunicativi  

Divertendosi  a   giocare  coni  suoni  e  le  parole  

 

Mentre  produce  questi  Giochi  di  Parole,  si  concentra  infatti  sulla  forma  e  non  sul  contenuto!  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

Metalinguaggio  

=  verbi  e  termini  che  si  riferiscono  ad  atti  linguistici  

Bambino  piccolo  ha  difficoltà  a  comprendere  il  metalinguaggio  

Si  ritiene  che  l’alfabetizzazione  aiuti  la  sua  comprensione  e  padronanza.  

 

Apprendimento  della  Lingua  Scritta.  

 

È  molto  più  facile  e  veloci  per  i  bambini  che  posseggono  un’alta  Consapevolezza  Metalinguistica.  

 

Imparare  a  leggere  e  scrivere  è  un  processo  conoscitivo  in  cui  il  bambino  fa  mano  a  mano  delle  ipotesi  che  

vengono  vagliate  e  abbandonate  quando  risultano  essere  in  conflitto  con  i  dati  dell’esperienza.  

 

Vi  sono  4  fasi  principali  a  partire  dall’età  prescolare.  

-­‐  fase  presillabica:  non  differenzia  scrittura-­‐disegno  

-­‐  fase  sillabica:  impara  che  segno  scritto  non  idica  un  oggetto  ma  un  suono  

-­‐  fase  alfabeto-­‐sillabica  

-­‐  fase  alfabetica:  deve  risolvere  difficili  problemi  relativi  al  passaggio  da  sillaba  a  lettera  

 

Padronanza  della  scrittura  consente  nuove  capacità  di  riflettere  sul  Linguaggio  

E  consente  inoltre  l’accesso  al  mondo  della  letteratura  modificando  così  le  sue  attività  cognitive.  

 

9.CONCLUSIONI.  

 

(CAPITOLO  4  e  prima  parte  del  5)  

 

Entro  i  3  Anni  di  vita  

Bambino  impara  a  parlare  con  un’incredibile  rapidità.  

 

Risulta  infatti  padroneggiata  Competenza  Semantica  e  Sintattica    

 

(DAL  CAPITOLO  5  ALL’8)  

 

MA  lo   sviluppo  COMPLETO  del  Linguaggio  

Si  sviluppa  in  un  periodo  di  tempo  assai  più  lungo   (dai  5  anni  fino  all’adolescenza).  

 

Si  devono  sviluppare  infatti    

L’uso  di  Regole  Morfosintattiche  Complesse  

 Passaggio  dalla  Grammatica  Intrafrasale  all  Grammatica  Interfrasale  

Capacità  di  produrre  e  capire  Discorsi  Complessi  

Capacità  di  Individuare  Ambiguità  deo  messaggi  e  risolverli  

Capacità  di  Riflettere  sul  Linguaggio  

Apprendimento  della  Lettura  e  Scrittura  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

6.  LO  SVILUPPO  SOCIALE.  

 

1.  L’AMBITO  DI  STUDIO:  LO  SVILUPPO  SOCIALE.  

Non  molti  anni  fa,  

il  Termine  Sviluppo  Sociale  ha  preso  il  posto  del  Termine  Socializzazione.  

 

Socializzazione  =  

S’intendeva  che  il  bambino,    

considerato  una  Tabula  Rasa  da  plasmare,  

veniva  Modellato  dall’Adulto,  

affinché  controllasse  le  sue  innate  pulsioni  (spinte  egoiche),  

e  prendesse  il  proprio  ruolo  sociale.  

 

Sviluppo  Sociale  =    

Bambino  è  fin  da  subito  un  essere  sociale,  

e  l’adulto  è  un  Co-­‐costruttore  delle  sue  competenze  sociali,  

che  diventano  sempre  più  complesse  e  funzionali.  

Quindi    

È  l’Interazione  con  l’Adulto    

che  ha  la  funzione  di  guidare  lo  sviluppo  sociale.  

 

(Le  Relazioni  Affettive  Primarie  costituiranno  la  Base  per  l’importante    

Sviluppo  del  Sé.)  

 

2.  COMPRENSIONE  DI  Sé  E  DEGL’ALTRI.  

Per  lo  sviluppo  delle  Competenze  Sociali,  

La  comprensione  della  Distinzione  tra  il  Sé  e  gli  altri,  

è  un  requisito  fondamentale.  

 

Essa  si  basa  sul  processo  di  

Rappresentazione  del  Sé  come  Entità  Oggettiva,  

anche  pensata  come  esterna.  

 

1.  La  Coscienza  di  Sé.  

 

Alla  nascita  il  bambino  non  posside  Coscienza  di  Sé  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

Perché  la  comprenda  è  necessario  uno  sviluppo  di:  (Lewis)  

 

A.  un  Sé  Esistenziale(1  anno)  

 =  Componente  IMPLICITA  del  Sé  

 

B.  Sé  Categorico  (2  anni)  

=  Componente  ESPLICITA  del  Sé  ,  

che  deriva  dall’autoconsapevolezza.  

 

Ltri  autori  indicano  invece  la  distinzione  tra:  

 

A.  Consapevolezza  Primaria    

=  Percezione  immediata  derivante  dalle  Sensazioni  

 

B.  Consapevolezza  Secondaria  

=  derivante  dell’Autoconsapevolezza  e  della  Capacità  di  Rappresentazione.  

 

Riconoscimento  Allo  Specchio.  

 

Passaggio  da  Sé  Esistenziale  a  Categorico  avviene  con  Autoconsapevolezza.  

 

Fattori  che  indicano  Autoconsapevolezza:  

 

-­‐  Usa  di  Termini  Verbali  che  indicano  Sé  stesso.  

 

Ma  come  possiamo  indagare  il  periodo  preverbale?  

 

-­‐  Paradigma  di  Ricerca  dell’Autoriconoscimento  allo  Specchio.  

Utilizzato  inizialmente  con  gli  scimpanzé,  applicando  una  macchia  rossa  sil  naso,  il  bambino  deve  cercare  di  

cancellarla.  

In  tal  caso  sarà  provato  che:  

Il  bambino  si  Autoriconosce  stabilmente  nel  tempo  e  nello  spazio.  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

2.  Coscienza  degl’Altri.  

 

Paura  dell’Estraneo  

Un’  Indicazione  indiretta  che  può  essere  presa  

Come  segno  di  Riconoscimento  gli  Altri  è  

Paura  dell’Estraneo  

 

Numerosi  studi  però  hanno  mostrato  come  esistano  numerosi  fattori  che  concorrono  a  determinare  

risposte  positive  o  negati  verso  qualcuno.  

 

Schemi  Relativi  al  Sé  

Lewis  presuppone    

Connessione  tra  Sviluppo  del  Sé  e  Coscienza  degl’Altri.  

 

Cioè  i  bambini  utilizzano  Schemi  Relativi  al  Sé  per  comprendere  gli  Altri:  

valutano  gli  Altri  come  “simili  a  me”  non  simile  a  me”  

 

Rappresentazione  mentale  

Per  una  vera  Coscienza  del  Sé  non  basta  una  semplice  percezione  dell’Altri  

MA  è  necessaria  anche  una  Rappresentazione  Mentale  dell’Altro  

 

Essa  è  afermanta  quando  abbiamo:  

 

-­‐  Permanenza  della  Persona  =    

Stabilità  nel  tempo  e  nello  spazio  indipendentemente  dalle  informazioni  sensoriali  

 

-­‐  Riconoscimento  e  Comprensione  delle  Emozioni  =  

Comprendere  gli  altri  come  dotati  di  stati  Psicologici  Interni  diversi  dai  propri  

 

-­‐  Teoria  della  Men e  =  

t

Rappresentazione  dello  Stato  mentale  Altrui;  Pensare  a  come  pensano  e  percepiscono  gli  altri  

 

*  La  Coscienza  degl’altri  è  favorita  dallo  svilupop  del  canale  verbale.  

 

3.  Evoluzione  del  Concetto  di  Sé  e  degl’Altri.  

Il  Concetto  e  la  Coscienza  che  il  bambino  ha  di  Sé  e  degl’altri  

Non  è  statica  ma  si  sviluppa  dinamicamente  nel  corso  dello  Sviluppo  di  tutte  le  altre  competenze.  

 

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Le  Componenti  che  determinano  l’  Evoluzione  del  Concetto  di  Sé  e  degl’Altri  sono:  

 

A.  Confronto  con  gli  Altri  

Confronto  Con  gli  altri  e  Competizione  alimentano  lo  Sviluppo  del  Sé,  

per  permettere  il  Superamento  del  Senso  d’Inferiorità.  

 

B.  Legame  di  Attaccamento  

Attaccamento  costituisce  Modelli  Operativi  Interni  

Che  determinano  una  rappresentazione  si  Sé  e  degl’altri  (in  particolare  del  caregiver)  

 

C.  Approvazione  degl’Altri.  

Bambini  sentono  particolarmente  Esigenza  di  Essere  Accettati,  

e  per  questo  motivo  sentono  fortemente  la  Necessità  dell’Approvazione  degl’Altri,  

in  particolare  dell’Adulto.  

 

Da  essa  ne  dipende  fortemente  lo  sviluppo  dell’Autostima!  

 

 

D.  Role-­‐  Taking.  

Lo  Sviluppo    della  Capacità  di  assumere  la  prospettiva  degl’altri  

Determina  necessariamente  l’immagine  degl’Altri.  

 

E.  Descrizioni  Verbali  

La  Capacità  di  fornire  Descrizioni  Verbali  di  Sé  e  degl’Altri,  

focalizza  in  maniera  differente  le  caratteristiche  Fisiche  e  Psicologiche.  

 

4.  Identità  e  Tipizzazione  Sessuale.  

Bambino  crescendo  impara  a  Riconoscere  gli  Altri  in  base  a  Categorie  a  cui  ciascuno  appartiene  

 

Una  Categoria  particolarmente  saliente  è  quella  dell’  Identità  Sessuale!  

 

Identità  Sessuale  nasce  dal  Riconoscere  le  Stesse  proprie  Caratteristiche  negl’Altri:  

a  forza  di  riconoscerle  si  apprende  quali  sono  le  Caratteristiche  e  i  Comportamenti  tipici  della  propria  

Identità  Sessuale  e  per  contrasto  quella  Opposta.  

 

Tipizzazione  Sessuale  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

Stereotipi  Sociale  sulle  Identità  di  Genere  

Assumono  un  notevole  peso  in  questo  processo  

Determinando  dei  canoni  tipici  per  ciascun  sesso.  

 

In  realtà  gli  studi  dicono  fra  maschi  e  femmino  sono  più  le  somiglianze  che  le  differenze;  

quest’ultime  infatti  si  limitano  ad  essere:  

-­‐Scelta  dei  Giocattoli  

-­‐  SCleta  dei  Compagni  (coetanei  dello  stesso  sesso)  

-­‐  Stile  Relazionale  (maschi:  gerarchia;  femmine:  collaborazione)  

 

Origine  della  Tipizzazione  Sessuale.  

Essa  può  essere  spiegata  come  l’esito  di  Interazione  fra  

Fattori  Biologic:  Differenze  Anatomiche  e  Ormoni  etc  

Fattori  Sociali:  ruolo  socializzante  degli  adulti  e  identificazione  con  l’adulto  dello  stesso  sesso.  

 

 

3.  SVILUPPO  MORALE.  

 

Sviluppo  Morale  e  l’Acquisizione  del  Senso  di  Giustizia  

È  un  processo  che  comprende  3  dimensioni  fondamentali:  (confronta  con  b.  maltrattato  che  dice  3  cose  

diverse)  

 

1.  Significato  Affettivo  Emotivo  (b.  maltrattato:  empatia)  

Capacità  di  comprendere  come  dovrebbesentirsi  qualcuno  

 

2.  Norma  come  Guida  per  la  Condotta  

Prescrizione  di  comportamenti  socialmente  desiderabili.  

 

3.  Conoscenza  delle  Norme  

Comprendere  i  significati  espliciti  e  impliciti  di  una  norma.  

 

Piaget  e  Kohlberg  si  sono  occupati  di  Sviluppo  Morale  

Nei  termini  di  Acquisizione  di  Criteri  di  Ragionamento.  

 

Piaget.  

Dai  suoi  studi  ha  desunto  la  comprensione  delle  norme  attraversa  2  fasi:  

 

A.  Periodo  Premorali.  

Anomia  o  assenza  di  regole.  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  

Successivamente  si  vengono  organizzando  2  Distinte  Moralità:  

 

B.1  Realismo  Morale  Eteronoma.  

Norme  vengono  giudicate  in  base  alle  conseguenze  per  il  soggetto  stesso.  

E  di  conseguenza    sono  Legittimati  dall’Autorità  e  dalle  punizioni  che  promulga  

 

la  Responsabilità  Oggettiva  prevale  sulla  Responsabilità  Soggettiva,  

e  quindi  conseguenze  delle  azioni  sono  più  importanti  delle  Intenzioni  di  chi  le  compie  

 

B.2  Realismo  Morale  Autonoma  

Norme  sono  frutto  di  un  accordo  

E  quindi  

Responsabilità  Soggettiva  prevale  su  Responsabilità  Oggettiva  

 

Kohlberg.  

Riprende  Piaget  

E  cerca  di  individuare  il  tipo  di  ragionamento  che  sta  alla  base  dello  Sviluppo  Morale.  

 

Individua  così  

 3  Livelli  Di  Giudizio  Morale  

nei  quali  si  verifica  un  passaggio  da  strutture  cognitive  più  elementari  a  strutture  cognitive  più  complesse  

 

questi  Livelli  ruotano  attorno  al  concetto  di  

Convenzionale  =  si  riferisce  all’atto  di  Conformarsi  alle  Regole  e  alle  Aspettative  della  Società  e  della  

Autorità  

 

A.  Livello  Preconvenzionale.  (=  Morale  Eteronoma  di  Piaget)  

Norme  vengono  giudicate  in  base  alle  conseguenze  per  il  soggetto  stesso.  

 

Vengono  rispettate  per  l’Autorità  e  prevale  una  responsabilità  oggettiva.  

 

B.  Livello  Convenzionale  

Norme  vengono  giudicate  in  base  ai  Rapporti  Interpersonali  

 

Vengono  rispettate  per  essere  conformi  alle  aspettative  della  propria  cerchia  sociale  

 

C.  Livello  Post  Convenzionale  

Riassunti  di  Enrico  Serafini  


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

86

PESO

1.07 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche (BRESCIA - MILANO)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher enrico.serafini di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dello sviluppo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Di Blasio Paolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dello sviluppo

Riassunto esame Psicologia dello Sviluppo, docente Di Blasio, libro consigliato Contesti relazionali e processi di sviluppo, Di Blasio
Appunto
Appunti di Psicologia dello sviluppo
Appunto
Vie visive
Dispensa
Sistema nervoso centrale e periferico
Dispensa