Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La  c ompetenza  d el  C onsulente  

 

con  il  metodo  PC,  a  differenza  di  altri  metodi,  la  competenza  specifica  è  meno  importante  

della  capacità  di  coinvolgere  il  cliente  nell’autodiagnosi  

 

Quando  u tilizzare  il  ruolo  d ell’esperto  o  d el  terapeuta  

 

Nel  momento  in  cui  si  scopre  che  il  cliente  vuole  soltanto  informazioni  e  consigli  e  il  consulenti  è  in  grado  di  

fornirglieli,  quest’ultimo  potrà  assumere  il  ruolo  dell’esperto  o  del  terapeuta  

 

la  capacità  che  si  chiede  quindi  al  terapeuta  è  quella  di  avere  in  ogni  momento  l’esatta  percezione  di  

metodo  di  consulenza  è  meglio  utilizzare  

 

In  linea  generale,  è  bene  partire  all’inizio  di  ogni  relazione  con  il  cliente  con  il  modello  PC  

per  scoprire  quali  siano  le  realtà  del  cliente  e  definire  quale  metodo  è  meglio  assumere  

 

I P PC  

  RINCIPI  DELLA  

 

E’  possibile  sintetizzare  la  filosofia  PC  in  10  principi:  

 

1.  Cerca  sempre  di  essere  d’aiuto  

à  costituisce  la  migliore  garanzia  per  una  relazione  orientata  ad  una  diagnosi  congiunta  e  la  collaborazione  

per  lo  sviluppo  di  interventi  opportuni  

 

2.  Rimani  sempre  aderente  alla  realtà  corrente  

à  non  è  possibile  fornire  aiuto  se  non  si  ha  ben  presente  la  realtà  di  quello  che  succede  nell’interiorità  del  

consulente  e  nel  sistema  del  cliente  

 

3.  Riconosci  la  tua  ignoranza  

à  è  necessario  saper  distinguere  tra  quello  che  si  sa,  quello  che  si  presume  di  sapere  e  quello  che  non  si  sa  

e  in  generale  è  più  utile  lavorare  in  settori  in  cui  non  si  sa  niente  

 

4.  Qualsiasi  azione  costituisce  un  intervento  

à  ogni  interazione  porta  conseguenze  sia  al  cliente  sia  al  consulente  

 

5.  Problema  e  soluzione  appartengono  al  cliente  

à  il  compito  del  consulente  è  quello  di  creare  una  relazione  in  cui  il  cliente  possa  essere  aiutato  ad  aiutarsi  

e  quindi  non  quello  di  risolvere  il  problema  

 

6.  Segui  la  corrente  

à  dal  momento  che  il  consulente  non  conosce  fino  in  fondo  la  realtà  del  cliente  

egli  dovrà  seguire  il  naturale  fluire  di  quella  realtà  

 

7.  La  scelta  del  tempo  è  fondamentale  

à  è  necessario  attendere  il  momento  in  cui  il  cliente  è  disposto  a  concedere  la  sua  attenzione  per  

presentare  il  proprio  punto  di  vista  sul  problema  

 

8.  Sappi  approfittare  delle  occasioni  in  maniera  costruttiva  avvalendoti  di  interventi  di  confronto  

à  quando  il  cliente  mostra  di  trovarsi  in  un  momento  di  apertura  a  nuove  idee  

il  consulente  deve  cercare  di  trarne  il  massimo  vantaggio  

3   Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

9.  Tutto  è  fonte  di  dati:  gli  errori  sono  invitabili  –  fanne  occasione  di  apprendimento  

à  il  consulente  può  portare  il  cliente  a  reagire  con  reazioni  inaspettate  e  inevitabili;  

 il  consulente  deve  evitare  atteggiamenti  difensivi  e  sentimenti  di  vergogna  o  colpa,    

ma  anzi  utilizzare  queste  reazioni  come  fonte  di  apprendimento  

 

10.  In  caso  di  dubbio  condividi  il  problema  

à  nel  corso  della  relazione  succederà  che  il  consulente  si  senta  perduto,  frustrato  

in  queste  situazioni  deve  condividere  il  problema,  visto  che  esso  appartiene  al  cliente  

 

P R A  

SICODINAMICA  DELLA   ELAZIONE  DI   IUTO

 

L’asimmetria  iniziale  

 

Il  fatto  di  chiedere  aiuto  porta  ad  uno  stato  di  dipendenza  da  altri  

à  si  crea  così  una  situazione  asimmetrica  

 

Possibili  r eazioni  d el  c liente  

 

1.  Risentimento  e  atteggiamento  difensivo  (contro-­‐dipendenza)  

à  cogliere  tutte  le  occasioni  per  sminuire  il  consulente  

“ci  ho  già  pensato”,  “non  può  funzionare”,  “è  molto  più  complesso”,  …  

 

2.  Sollievo  

à  per  aver  finalmente  condiviso  problemi  è  frustrazioni  

“  sono  così  felice  che  lei  capisca”  

 

3.  Dipendenza  e  subordinazione  

à  ricercando  rassicurazione,  consigli,  appoggio  

“che  cosa  devo  fare?”,  “Lei  è  d’accordo?”  

 

4.  Transfert  

à  proiezione  di  percezioni  e  sentimenti  sul  consulente,  basate  su  esperienze  passate  in  materia  di  

consulenti  

 

Possibili  r eazioni  d el  c onsulente  

 

1.  Utilizzare  il  potere  e  l’autorità  

à  per  dispensare  consigli  prematuri  

“basta  fare  così”  

 

2.  Accettare  la  dipendenza  e  reagire  in  maniera  esagerata  

à  dispensando  appoggio  e  rassicurazione  

“Oh  poverino”  

 

3.  Reagire  ai  meccanismi  di  difesa  aumentando  la  pressione  

“Non  penso  che  lei  abbia  compreso  il  mio  suggerimento”  

 

4.  Rifiutare  di  dar  corso  alla  relazione  

“in  realtà  non  so  come  potrei  aiutarla”  

4   Riassunti  di  Enrico  Serafini  

 

5.  Contro-­‐transfert  

à  proiezioni  sul  cliente  di  sentimenti  e  percezioni,  basate  su  esperienze  passate  con  altri  clienti  in  passato  

 

Costruzione  d ella  R elazione  a ttraverso  l’Accettazione  R eciproca  

 

Il  metodo  per  creare  una  Relazione  di  aiuto  come  quella  prevista  dalla  PC  è  

 

l’Accettazione  Reciproca  =  

una  serie  di  test  reciproci  intesi  a  controllare  fino  a  che  punto  ognuna  delle  due  parti  possa  accettare  l’altra  

 

Da  una  parte  il  cliente,  quando  espone  la  sua  storia,  dovrebbe  controllare  molto  attentamente  fino  a  che  

punto  il  consulente  lo  ascolta  attivamente  

à  se  l’adesione  del  consulente  è  buona,  il  cliente  potrà  passare  ad  un  livello  più  profondo  

 

Dall’altra  il  consulente  soppesa  la  reazione  del  cliente  alle  sue  domande  e  suggerimenti  

e  verifica  il  grado  di  dipendenza  

à  Con  il  rafforzarsi  della  disponibilità  del  cliente  ad  accettare  la  propria  responsabilità  nella  relazione  e  ad  

ascoltare  i  suggerimenti  del  consulente,  il  consulente  potrà  rivelare  qualcosa  di  più  del  suo  pensiero  latente  

 

In  senso  pratico  è  necessario  continuare  a  chiedersi  

“Stiamo  collaborando?”,  “Questa  conversazione  è  utile?”,  “Stiamo  comprendendo  il  problema?”  

 

I P E R A ’A A  

  ROCESSI   QUILIBRATORI  DELLA   ICERCA   TTIVA  E  DELL SCOLTO   TTIVO

 

Con  lo  s copo  d i  r i-­‐equilibrare  l’asimmetria  d ella  relazione  C liente-­‐Consulente:  

 

Ascolto  A ttivo  =  

attraverso  domande,  rilanci,  interventi  del  consulente,  

la  relazione  tra  consulente  e  cliente  deve  diventare  un  “contenitore”  sicuro    

al  cui  interno  è  possibile  trattare  questioni  ansiogene  e  profonde  

 

Ricerca  A ttiva  =  

processo  di  ricerca  volto  a  ripristinare  l’autostima  dell’interlocutore    

dandogli  l’impressione  di  essere  in  rado  di  capire  meglio  il  problema  

 

Si  sviluppa  in  tre  fasi:  

 

1.  Ricerca  di  base  

 

il  cliente  controlla  sia  il  processo,  sia  il  contenuto  

il  consulente  ha  il  compito  di  stimolarlo  a  raccontare  la  sua  storia  

“Mi  può  spiegare  che  cosa  sta  succedendo?”  “Che  cosa  posso  fare  per  Lei”  

  lo  scopo  è  concentrarsi  su  quello  che  succede  in  modo  da  permettere  al  cliente  di  strutturare  la  sua  

• storia  come  preferisce  

il  silenzio  e  il  linguaggio  del  corpo  sono  molto  importanti  in  questa  fase  

•  

2.  Ricerca  diagnostica  

 

5   Riassunti  di  Enrico  Serafini  


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

8

PESO

104.94 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in psicologia delle organizzazioni e del marketing
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher enrico.serafini di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Metodi e tecniche della consulenza di processo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Maritan Nicoletta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in psicologia delle organizzazioni e del marketing

Riassunto esame Fondamenti filosofici della psicologia applicata, docente Corvi, libro consigliato La teoria della conoscenza nel Novecento, Corvi
Appunto
Riassunto esame Psicologia clinica dei gruppi e delle organizzazioni, docente Ripamonti, libro consigliato Teoria dell'Organizzazione
Appunto