Che materia stai cercando?

Riassunto esame "Mente, corpo e coscienza nelle discipline psicologiche", docente Antonelli, libro consigliato "Il luogo della mente", Antonietti

Sunto "Mente, corpo e coscienza nelle discipline psicologiche", docente Antonelli, libro consigliato "Il luogo della mente", Antonietti.
Appunti riassuntivi con tutto il materiale necessario per prendere un 30 e lode. Dall'epistemologia della psicologia, della psicoanalisi e delle scienze cognitive a tutto quel che c'è da sapere sul problema mente-corpo. Con utili integrazioni... Vedi di più

Esame di Mente, corpo e coscienza nelle discipline psicologiche docente Prof. M. Antonelli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

senza che fra i due ci siano relazioni di collegherebbe al corpo attivando dei campi

causa-effetto). spazio-temporali di influenza, e le reti neurali

sarebbero sintonizzate per recepirne l’azione.

Epifenomenismo. Una forma di dualismo La mente, pertanto, presenta essa stessa

interazionista unidirezionale è caratteristiche spazio temporali, e secondo

l’epifenomenismo, che toglie alla mente il l’autore esercita un ruolo di integrazione,

suo potere causale sul corpo ma mantiene la interpretazione e controllo sui risultati

causalità inversa. Secondo l’epifenomenismo dell’attività cerebrale. Più precisamente, si

il mentale è un byproduct, un prodotto afferma la possibilità che la mente eserciti

secondario, un effetto collaterale dei processi un’azione – concepita inizialmente come un

cerebrali. Una delle prime formulazioni di lieve apporto di energia – su alcune regioni

questa dottrina si deve a Pierre Cabanis. della corteccia cerebrale. Insomma, la mente

Penfield: un esempio di dualismo agirebbe sul cervello come un musicista sui

interazionista. Penfield è stato un tasti del pianoforte. In un secondo momento,

neuroscienziato celebre per aver scoperto tuttavia, Eccles ha suggerito che la

che la stimolazione di specifiche aree della comunicazione mente-cervello non fosse uno

corteccia cerebrale determina il ricordo di scambio di energia, bensì di informazione,

precisi eventi del passato (flashback). Il per cui il cervello fornirebbe alla mente

flashback presenta due caratteristiche specifici pattern di attività da interpretare.

psicologiche notevoli: Eccles ipotizza inoltre che il mondo mentale

sia un aggregato di eventi elementari e

a) il contenuto del flashback non indipendenti che definisce psiconi: ciascuno

cancella né si confonde con psicone è collegato a un neurone e in

l’esperienza cosciente in corso; si corrispondenza dello stimolo inviato dalla

verifica uno sdoppiamento della mente aumenta la probabilità dell’esocitosi

coscienza; nel bottone sinaptico. Il processo immaginato

b) il soggetto, pur riconoscendo nel da Eccles avviene in cinque fasi:

flashback una scena del proprio 1. lo psicone corrispondente al tipo di

passato, vive questa esperienza come esperienza percettiva attesa fa

qualcosa di estraneo, di imposto. eccitare il correlato neurone;

Poiché la stimolazione dell’area temporale

produce un’esperienza psichica anomala, per 2. a tale attivazione si aggiunge quella

la quale non è possibile indicare in modo che parte dallo stimolo sensoriale;

preciso i meccanismi cerebrali implicati, 3. aumenta nel neurone il numero di

Penfield trae la conclusione che la mente non vescicole pronte per l’esocitosi;

dipende dal cervello, ma è una sostanza

separata che si serve dei meccanismi e 4. aumenta la probabilità di produrre

dell’energia cerebrale per esplicare la propria l’esocitosi desiderata;

azione sul mondo. Il punto critico nel 5. tale aumento produce l’esperienza

ragionamento di Penfield risiede nel fatto che, percettiva inviando allo psicone un

anziché ammettere i limiti della propria segnale di successo che viene

ricerca e dichiarare di aspettare ulteriori trasmesso alla mente. Più

sviluppi neurofisiologici per prendere una precisamente, vi dovrebbero essere

decisione, preferisce colmare in anticipo tale risposte di successo in parecchi

lacuna effettuando così un salto logico psiconi adiacenti affinché si abbia

ingiustificato dal piano scientifico al piano un’esperienza percettiva.

interpretativo-filosofico. Critiche

Eccles: una teoria dualistico- • La teoria di Eccles è impregnata di

interazionista. Eccles ha ipotizzato

l’esistenza di due ordini di realtà: quella metafisica, e la nozione di psicone ne

fisico-corporea e quella psichico-spirituale; è un esempio.

secondo tale teorizzazione, la mente si

• costituita da una porzione di ciascuno

Lo psicone è un’entità ibrida: da un dei due sistemi: dal lato cerebrale

lato è portatore di intenzioni mentali, l’interfaccia sul Mondo 2 è costituita

dall’altro è collocato in una struttura da un insieme di aree corticali dette

fisica. aree di collegamento, o moduli; dal

• Quello di Eccles è un dualismo lato mentale l’interfaccia sul Mondo 1

metafisico che, pur conservando i è rappresentata da quella porzione

caratteri esterni di una teoria tipicamente umana della vita mentale

scientifica, si è ormai interamente che è la mente autocosciente.

distaccato dal terreno della scienza, Da qui l’interazione si estende alla totalità dei

anche a causa delle credenze due sistemi. L’azione della mente sul SNC

religiose dell’autore. non si esercita a livello di singole cellule, ma

La teoria dei tre mondi di Popper ed di moduli che presentano un sufficiente

Eccles. Secondo gli autori possiamo grado di attivazione. Un’obiezione alla teoria

distinguere: della mente di Eccles è che essa, alla pari di

• mondo 1, ovvero la realtà degli ogni altra forma di dualismo interazionistico,

oggetti e stati fisici; viola il primo principio della termodinamica,

• mondo 2, ovvero la realtà degli stati ovvero il principio di conservazione

di coscienza; dell’energia. Eccles risponde tuttavia che

• l’azione del mentale sul cerebrale non viola il

mondo 3, che corrisponde alla realtà primo principio della termodinamica: infatti, se

della conoscenza in senso oggettivo. teniamo conto che il cervello funziona sulla

Eccles intende descrivere l’interazione tra base della fisica dei quanti, e del fatto che la

Mondo 1 e Mondo 2, e nel far questo parte da fisica dei quanti è indeterministica senza

due constatazioni: violare il primo principio della termodinamica,

1. gli stati mentali formano un flusso si può pensare che la mente determini ciò

continuo; che la fisica quantistica lascia indeterminato.

2. gli esseri umani sperimentano Funzionalismo

costantemente la possibilità di agire La funzionalizzazione della mente e del

sul proprio cervello (quando compiono problema mente-corpo. Con Locke, Hume e

azioni volontarie, pensano, ricordano Kant avviene la dissoluzione del concetto di

ecc.). anima come sostanza, per cui avviene un

Egli intende rendere conto di questi dati di passaggio dalla ricerca di qualcosa che

fatto dimostrando: svolge operazioni mentali a quella delle

1. che l’unità dell’esperienza si operazioni stesse. Secondo gli autori, non si

costituisce a livello mentale e non deve più parlare dell’entità mentale, bensì di

cerebrale: non esiste infatti una teoria attività, stati o funzioni mentali. Si tratta di un

capace di ricondurre l’unità punto di vista già presente in Aristotele e che

dell’esperienza a un’attività di sintesi ha conosciuto rinnovato vigore con il

tra le diverse strutture cerebrali. materialismo e il funzionalismo. Tale svolta

Queste ultime si riducono a un affronta alla radice le difficoltà del

insieme di strutture di trasmissione e cartesianesimo, derivanti tutte dal concepire

di ricezione, le cui azioni non possono la mente come un’entità, una sostanza

raggiungere da sole uno stato di diversa dal corpo.

integrazione coerente. L’unità • Locke. Locke critica il concetto di

dell’esperienza deriva quindi dal sostanza mentale, che è quanto meno

carattere di integrazione della mente inconoscibile. Lo studio della mente

autocosciente; non può dunque riguardare la

2. che la mente è in grado di interagire sostanza mentale, ma solo le sue

con il SNC. Tra il Mondo 1 (sistema attività o funzioni. Locke concepisce lo

cerebrale) e il Mondo 2 (sistema studio della mente come studio

mentale) esiste infatti un’interfaccia •

dell’Understanding, della funzione compatibilità con l’identità di

conoscitiva, e individua nella occorrenze, in quanto non esclude

continuità del flusso dell’esperienza che gli stati psichici possano essere

cosciente, garantita dalla memoria, il stati fisici e che le causazioni mentali

nucleo fondante dell’identità possano essere causazioni fisiche;

personale. • considerazione del metodo della

• scomposizione funzionale, secondo

Hume. Anche Hume critica il concetto cui il funzionamento del tutto viene

di sostanza mentale, e afferma che ricostruito a partire da quello delle

così come non cogliamo mai il mondo parti;

esterno indipendentemente dai suoni,

colori ecc., così non cogliamo mai il • chi aderisce alla prospettiva

nostro io indipendentemente da funzionalista in genere ritiene che le

questi. L’io è per Hume un fascio di funzioni mentali siano sostenute da

sensazioni, e non una sostanza. una base fisica, non essendovi alcuna

necessità di postulare l’esistenza di

• Immanuel Kant. Kant afferma che a un’entità immateriale.

garantire l’unità delle nostre Causalità nel funzionalismo. In senso

esperienze e della coscienza, e stretto, uno stato mentale non possiede

dunque la nostra identità personale, proprietà causali (un oggetto astratto non può

non è una sostanza, ma una funzione avere proprietà causali); sono gli stati fisici

denominata Io penso, o sottostanti ad essere causalmente efficaci. In

appercezione trascendentale. Kant tal senso il funzionalismo è una forma di

ha proposto obiezioni contrarie alla materialismo. Distinguiamo un

psicologia razionale ed empirica a funzionalismo metafisico, in cui gli stati

causa dell’impossibilità di applicare al mentali sono ruoli causali, e un

dominio dello psichico la matematica funzionalismo epistemologico, secondo cui

e la sperimentazione e a causa della il modo più efficace per spiegare il

fallibilità dell’introspezione. comportamento di un sistema complesso è

Funzionalismo. Il funzionalismo (da non individuarne i sottosistemi funzionali.

confondere con la scuola psicologica legata Popolarità. La popolarità del funzionalismo

al nome di Williams James) è interessato a dipende dal fatto che:

descrivere l’attività mentale in termini di • fornisce una cornice teorica

funzioni e ruoli causali, prescindendo dalla

sua realizzazione fisica. I funzionalisti non si appropriata alle scienze cognitive,

chiedono “Che cos’è?”, ma “Come agisce?”. laddove il sodalizio tra queste e il

L’attività mentale può dunque essere funzionalismo si fonda sull’idea

concepita come un insieme di complesse secondo cui gli stati mentali sono

catene causali. Consideriamo tre tipi stati computazionali;

principali di relazioni causali: • adotta l’antiriduzionismo pur

restando all’interno del fisicalismo:

1. tra ambiente e stati interni (relazioni tale possibilità si basa sulla

percettive, o di input); nozione di realizzabilità multipla e

2. tra stati interni e stati interni (relazioni su quella ad essa imparentata di

cognitive); sopravvenienza.

3. tra stati interni e comportamento Critiche al funzionalismo

(relazioni comportamentali, o di

output). 1. il problema dei qualia: il

funzionalismo non rende conto delle

Caratteristiche: esperienze fenomeniche di stati

• antiriduzionismo : la mente e il qualitativi. Replica da parte dei

linguaggio mentalista non vengono funzionalisti: il funzionalismo non deve

eliminati; prendersi carico dei qualia perché

essi non sono un oggetto di di simboli che vi vengono passate

conoscenza scientifica: le teorie dall’esterno siano delle domande. Chi

scientifiche indagano fenomeni starà nella stanza accanto avrà

osservabili e oggettivi, in terza l’impressione di conversare con una

persona, mentre le esperienze pure, persona che comprende la lingua

essendo in prima persona, non cinese, mentre in realtà voi state

ricadono in questa categoria; semplicemente combinando dei

simboli che non hanno per voi alcun

2. l’eccessiva liberalità, nel senso che significato. Vi è quindi differenza tra

secondo Block il funzionalismo un’elaborazione formale di simboli e

classifica come menti sistemi che un’elaborazione che avviene

molto verosimilmente non lo sono; attraverso la comprensione del loro

3. concetti centrali nella teoria, quali significato.” L’esempio della stanza

quelli di simbolo, programma e cinese servirebbe a confutare l’idea

computazione, sono mal definiti; che l’attività mentale consista di

4. uno stesso stato mentale può essere trasformazione di simboli. C’è

identificato funzionalmente in molti qualcos’altro, oltre ai simboli, afferma

modi, senza che vi siano criteri atti a Searle: ci sono i contenuti, perché la

scegliere la definizione più idonea; mente è intenzionale. L’obiezione del

5. esistono aspetti del pensiero e della robot: per ottenere un sistema

comunicazione umana che non artificiale genuinamente intenzionale

possono essere ritrascritti con gli basta dotare il computer di

strumenti concettuali del connessioni percettive e motorie,

funzionalismo; ovvero un robot. Secondo Searle tale

6. il funzionalismo non renderebbe conto obiezione è infondata: percezione e

della storia evolutiva della mente né motricità in versione computazionale

in senso ontogenetico, né filogenetico, sono anch’esse elaborazioni

dato che si assume che le regole che sintattiche, e non si può far scaturire

presiedono all’elaborazione delle la semantica dalla mera sintassi. Per

rappresentazioni simboliche siano Searle nessun sistema artificiale potrà

fissate nel sistema cognitivo una volta mai produrre significati; per i suoi

per tutte; critici è invece possibile che gli umani

7. l’intenzionalità degli stati mentali, procedano allo stesso modo delle

cioè il loro vertere su oggetti del macchine, se non altro perché in un

mondo reale, non può essere certo senso anche gli esseri umani

catturata da un sistema formale quale sono programmati (dall’evoluzione).

sarebbe la mente secondo il La tesi di Searle non va tuttavia

funzionalismo; i processi cognitivi non confusa con la diffusa idea secondo

possono essere computazioni perché cui la mente, a differenza di una

il cervello non manipola simboli. Si macchina, è libera e creativa. Searle

prenda ad esempio l’argomento della accetta infatti l’idea che gli esseri

stanza cinese di Searle. “Immaginate umani siano macchine; soltanto che

di essere in una stanza in cui vi sono sono macchine biologiche, non

numerosi cesti contenenti caratteri macchine sintattiche;

della lingua cinese. Immaginate di 8. antibiologia: il funzionalismo

non sapere nulla del cinese, ma di considera i fatti neurofisiologici

avere a disposizione un libro di regole irrilevanti per lo studio della mente;

che vi dicano, quando ricevete dalla

stanza accanto dei simboli cinesi, da 9. non-scientificità: il funzionalismo

quali ceste attingere dei simboli e in promuove una concezione della

quale sequenza metterli per poi relazione mente-corpo inadeguata a

mandarli a chi sta nella stanza sostenere una visione scientifica e

accanto. Supponete che le sequenze materialistica dei fenomeni mentali.

Causalità mentale partire da una certa complessità di

organizzazione. Per l’emergentismo, tuttavia,

Realizzabilità multipla: ogni stato mentale i vissuti mentali, pur dipendendo dalle

può essere realizzato da molteplici stati correlate basi cerebrali, non sono a queste

cerebrali differenti e da strutture fisiche riducibili: infatti, ciò che sta al livello superiore

diverse (cervelli, computer ecc.). contiene qualcosa di più rispetto a ciò che sta

Il connessionismo. Alla base del in quello inferiore. In altre parole, tra mentale

connessionismo, un orientamento nello studio e corporeo esistono rapporti di derivazione

dei processi mentali e nella costruzione di genetica, ma la mente non è riducibile al

macchine intelligenti, sta l’idea che per corpo. Allo stesso modo, per gli emergentisti

spiegare le facoltà cognitive dell’uomo è la psicologia non può essere ridotta alle

indispensabile emulare la fisiologia del scienze materiali, così come la geologia non

cervello. Il connessionismo, che tende, senza può essere ridotta alla chimica. Un’ulteriore

necessariamente convergere, verso differenza tra emergentismo ed

l’eliminativismo, fa uso di reti neurali, che epifenomenismo è data dal fatto che il primo

possono essere addestrate: la rete impara contempla la possibilità di potere causale

cioè a produrre il risultato voluto regolandosi degli stati mentali: i fenomeni emergenti

sulla base di un meccanismo di retroazione. agiscono infatti causalmente sui sistemi a cui

La rete neurale, diversamente da un sistema sono associati. L’emergentismo, infine, può

computazionale classico, prevede essere considerato una forma di anti-

un’elaborazione parallela, non sequenziale e riduzionismo linguistico o metodologico cui è

distribuita. Il termine connessionismo, sotteso un materialismo ontologico.

introdotto da Thorndike e ripreso da Hebb, è Il primo emergentismo, o British

considerato oggi una prospettiva Emergentism, presenta tre fonti:

emergentista. Gli strumenti concettuali a) l’evoluzionismo;

impiegati dai connessionisti sono invece

forniti dalla teoria fisico-matematica dei b) la letteratura filosofica relativa alla

sistemi dinamici complessi: il cervello controversia dualismo-materialismo;

sarebbe appunto un tal tipo di sistema e il c) l’idea secondo cui una totalità può

postulato è che la mente possa essere essere uguale o superiore alla somma

studiata attraverso il medesimo apparato delle proprie parti.

concettuale applicato al cervello.

L’architettura mentale è concepita come una Broad espone le tesi principali del British

rete di unità di elaborazione sub-simboliche Emergentism:

relativamente semplici e dotate di proprietà 1. ogni sostanza soprannaturale va

fisiche. Alcune unità della rete fungono da esclusa dall’ontologia;

elementi di input della rete stessa, altre unità 2. i fenomeni emergenti sono nuovi e

fungono da output e le restanti unità, non prevedibili a partire dalla

denominate unità nascoste, mediano il conoscenza delle componenti da cui

passaggio degli stimoli dall’input all’output. originano;

Tutte le unità sono collegate da nessi

attraverso i quali passano le attivazioni, le 3. il tutto è superiore alla somma delle

quali possono eccitare o inibire i nodi della parti e irriducibile ad esse;

rete e modificare la rispondenza delle varie Argomento dell’esclusione causale di Kim

unità. 1) Se M1 causa M2, allora esistono P1 e

L’emergentismo. Le teorie emergentiste, P2 tali che P1 causa P2.

così come quelle epifenomeniste, affermano 2) Si prospettano quindi due soluzioni: o

che le esperienze psichiche emergono dalla M1 causa M2 in virtù di qualche

materia e pertanto poggiano su basi aspetto mentale intrinseco (opzione

biologiche; le proprietà emergenti, come la d1), o M1 causa M2 solo per procura,

mente o la vita, sono proprietà che un

sistema fisico può manifestare soltanto a

cioè in virtù del fatto che P1 causa P2 ampiamente elaborati nel cervello. Tali

(opzione d2); fenomeni rendono molto concreta

l’eventualità che la coscienza sia

Se accettiamo d1, P2 è causato sia da M1 epifenomenica. Tale ipotesi deriva da due

che da P1 (sovradeterminazione causale e circostanze:

downward causation); Se accettiamo d2, 1. oltre il 90% degli stati mentali non

allora non c’è vera causalità mentale emerge alla coscienza;

(epifenomenismo). Kim non accetta

nessuna di queste soluzioni, per cui propone 2. le spiegazioni delle scienze cognitive

che M1 e M2 siano identici a P1 e P2 (teoria non necessitano della coscienza.

dell’identità di tipo). Infine, è necessario esplicitare che non

La coscienza: teorie e modelli sembra esistere un centro della coscienza;

alla luce delle attuali conoscenze ci sono

L’explanatory gap (lacuna esplicativa) di buone ragioni di pensare che il manifestarsi

Levine: la lacuna lasciata dai fisicalisti nello di un rendimento fenomenico richieda

spiegare come le proprietà fisiche diano l’attivazione simultanea di diverse aree

luogo all’esperienza sensibile. Colmare la cerebrali.

lacuna esplicativa significa risolvere l’hard

problem, ovvero il problema di stabilire come La Global Workspace Theory di Baars

e perché abbiamo i qualia: il correlato neurale (Teoria dello Spazio di Lavoro Globale) è

di uno stato cosciente ne determina il una teoria neurocognitiva secondo cui la

carattere, mentre un diverso stato mentale coscienza è uno spazio di lavoro al quale

richiederebbe un processo neurofisiologico possono accedere diversi sottosistemi di

differente. Ma perché tale processo dà luogo elaborazione. Quando un sottosistema vi

proprio a quello stato mentale? Non avrebbe accede, le informazioni che elabora

potuto dar luogo ad un altro tipo di diventano disponibili a molti altri elaboratori di

esperienza, o non dare affatto luogo ad informazione. La funzione della coscienza

un’esperienza? Anche se riuscissimo a consiste dunque nel rendere disponibili le

scoprire sistematiche correlazioni tra informazioni elaborate da un sottosistema ad

un’esperienza e uno stato neurofisiologico, il altri sottosistemi (per questo è definita

secondo non chiarirebbe la questione del globale). La coscienza ha quindi a che fare

perché esistano fenomeni coscienti. con processi di accesso: l’input viene filtrato e

distribuito alle diverse strutture specializzate.

Il concetto di coscienza. Generalmente si Inoltre, più un compito richiede un accesso

identifica la coscienza con l’autocoscienza cosciente, minori capacità attenzionali ci

(ovvero la coscienza intesa come stato saranno per altri compiti. Solo quando un

tipicamente introspettivo); in realtà, compito verrà automatizzato si sarà in grado

l’autocoscienza rappresenta un caso di eseguire un altro compito. La teoria di

particolare di coscienza, quello in cui si Baars presenta infine numerose affinità col

rivolge verso sé stessa. Block ha distinto una concetto di teatro cartesiano di Dennett.

coscienza d’accesso (ovvero la disponibilità

del contenuto all’elaborazione cognitiva), La Global Neuronal Workspace Theory di

definita da Chalmers coscienza Dehaene. Nel cervello sono presenti due

psicologica, da una coscienza fenomenica spazi computazionali caratterizzati da diversi

(i qualia). Abbiamo casi di coscienza pattern di connettività. Il primo è costituito da

fenomenica senza coscienza d’accesso sottosistemi modulari di elaborazione

quando, completamente assorti in un specializzati nel trattare determinati tipi di

compito, non sentiamo un rumore, salvo poi informazioni. Le loro connessioni sono locali

diventarne pienamente consapevoli in seguito e di medio raggio. Il secondo è lo spazio di

(se il rumore continua). Due casi di coscienza lavoro globale neuronale ed è costituito da

d’accesso senza coscienza fenomenica sono neuroni distribuiti, tenuti assieme da

i fenomeni del blindsight e del neglect, in connessioni di lunga distanza. L’input in

cui manca un’esperienza in prima persona questo spazio è il correlato neurale

del vedere, ma i contenuti visivi sono dell’accesso alla coscienza. Tale teoria ha

ricevuto una serie di importanti conferme Quesiti fondamentali. Ci si è domandati

sperimentali: è stato dimostrato con studi cosa sia la psicoanalisi: una disciplina

fMRI che l’elaborazione cosciente recluta scientifica includibile entro il campo delle

risorse cerebrali distribuite, mentre scienze naturali oppure un sapere e una

l’elaborazione inconscia è più localizzata. pratica qualitativa, non quantificabile nei suoi

effetti e indissolubilmente legata alle

La teoria delle molteplici versioni peculiarità individuali del soggetto

(multiple drafts) di Dennett. I contenuti comprendente? L’epistemologia ha cercato di

consci sono quelli che conquistano una verificare la scientificità della psicoanalisi con

celebrità cerebrale, ovvero quelli che di volta le stesse procedure utilizzate nella verifica

in volta sono i vincitori della competizione tra degli enunciati delle scienze fisicalistiche.

microagenti cerebrali (o agenzie cognitive Tale esigenza portava con sé il problema di

subpersonali). Tali microagenti entrano determinare che cosa si dovesse sottoporre a

infatti in competizione all’interno di una verifica: la metapsicologia o l’efficacia

struttura, detta a pandemonio, in cui si terapeutica?

compete per le risorse energetiche,

attenzionali e di azione del soggetto. L’esito La psicoanalisi e il neopositivismo logico.

della competizione dipende esclusivamente Il neopositivismo formulò inizialmente un

dalla forza delle coalizioni che si giudizio positivo verso la psicoanalisi come

costituiscono. L’obiettivo di Dennett è quello scienza e tentò una traduzione sistematica

di smontare l’immagine della coscienza come delle proposizioni psicoanalitiche nel

una sorta di centro attentivo che mette a linguaggio proposizionale fisicalista del

fuoco di volta in volta i contenuti, facendoli comportamentismo. La teoria psicoanalitica

diventare coscienti (immagine che qualifica divenne in tal modo verificabile.

ironicamente come teatro cartesiano). Non Teorie ermeneutiche della psicoanalisi.

esiste dunque un centro della coscienza, che Habermas e Ricoeur hanno sostenuto le

è invece distribuita. teorie ermeneutiche della psicoanalisi.

Il darwinismo neurale di Edelman. Habermas elabora un’interpretazione

Edelman distingue una coscienza primaria antiscientista della psicoanalisi: occorre

(ovvero la capacità di integrare gli eventi sottrarre quest’ultima al paradigma

osservati con la memoria per creare una positivistico delle scienze fisicaliste, fra le

consapevolezza del presente) e una quali è stata inclusa a causa di un

coscienza di ordine superiore (che autofraintendimento scientista operato dallo

comprende passato, futuro e identità stesso Freud, e ricollocarla nella tradizione

personale). La coscienza primaria costituisce ermeneutica. Habermas sancisce inoltre

la precondizione per il manifestarsi della l’illegittimità delle verifiche extracliniche (cosa

coscienza di ordine superiore, che si che peraltro avviene in qualunque altra

manifesta nella comunicazione e consente di scienza naturale) in psicoanalisi, in quanto il

recuperare le informazioni memorizzate per paziente è l’unico giudice della validità delle

pianificare azioni future. La tesi di Edelman è interpretazioni.

quella secondo cui le funzioni cerebrali, che Il pensiero di Grünbaum. L’attacco più

coincidono con le funzioni cognitive, si consistente alle pretese di scientificità della

formano secondo un processo selettivo; psicoanalisi successivo a Popper è stato

infatti, il cervello è organizzato in popolazioni quello di Grünbaum, con il suo volume del

cellulari le cui strutture e funzioni vengono 1984 I fondamenti della psicoanalisi.

selezionate durante lo sviluppo ontogenetico. Contro Habermas. Innanzitutto, l’autore

Pur avendo un’origine genetica, pertanto, muove una critica all’ermeneutica. Contro

tanto l’architettura quanto l’intera popolazione Habermas, afferma che:

neuronale vengono selezionate soprattutto a) Freud non cadde in errore attribuendo

grazie al modo in cui il cervello esplora il lo statuto di scienza naturale alla

mondo. psicoanalisi, in quanto, ad esempio,

Psicoanalisi ed epistemologia secondo la concezione freudiana

dell’eziologia della nevrosi la A queste premesse si dovrebbe aggiungere

rimozione ha un vero e proprio ruolo una conclusione secondo cui:

causale per l’instaurarsi del disturbo, 3. Se c’è psicoanalisi, c’è cura durevole.

proprio come accade nelle scienze Grünbaum definisce la terza affermazione

naturali; Tesi della Condizione Necessaria (TCN), o

b) è possibile, ad esempio con studi Proposizione Principale di Freud. Se tale

epidemiologici, verificare la validità di tesi risultasse vera darebbe alla psicoanalisi

determinati interventi o interpretazioni lo statuto di scienza e implicherebbe che le

anche in situazioni extracliniche. interpretazioni concordano con la realtà e che

solo la terapia psicoanalitica guarisce la

Contro Popper. In secondo luogo, l’autore si nevrosi. Sfortunatamente, dice Grünbaum, la

oppone alle critiche mosse da Popper alla TCN non regge, in quanto le sue premesse

psicoanalisi. Secondo Popper, una teoria è sono empiricamente false. Infatti:

scientifica se falsificabile, ossia se presenta

delle ipotesi che, se smentite, la a) il trattamento analitico non sempre

renderebbero falsa. La psicoanalisi non è induce una remissione dei sintomi;

falsificabile in quanto non rispetta il principio b) anche quando ciò accade, la

di falsificabilità. Secondo Grünbaum, non è remissione non sempre è

dal lato della falsificabilità che la teoria di permanente;

Freud può essere invalidata; né mostrare che

essa è falsificabile ci fornisce garanzie c) una remissione sintomatica si può

sufficienti dal punto di vista epistemologico. È ottenere anche con altri trattamenti

invece al livello della verifica degli effetti della terapeutici o in modo spontaneo,

pratica clinica che Grünbaum nega alla quindi non esistono prove che la

psicoanalisi uno statuto scientifico; per remissione si abbia grazie al

determinare lo statuto della psicoanalisi è trattamento analitico.

necessario verificarne epistemologicamente i

risultati, non la metapsicologia. Non è vero, Contro l’Argomento della Confluenza.

infine, che la psicoanalisi, come afferma Freud affrontò l’obiezione secondo cui

Popper, non può essere una scienza: essa l’interpretazione di un analista non può

può essere una scienza che al momento essere ricusata dal paziente, dal momento

attuale non trova conferma nei fatti. che se il paziente è d’accordo, allora avrà

Il Tally Argument e la TCN. Grünbaum accettato l’interpretazione, mentre se non è

afferma che vi è un solo argomento centrale d’accordo, questo sarà considerato un segno

in psicoanalisi, formulato dallo stesso Freud, della sua resistenza. A tale obiezione Freud

che possa garantirne la fondatezza risponde che non sono l’assenso o il rifiuto a

scientifica: il famoso Tally Argument, o costituire il criterio di conferma, bensì la

argomento della concordanza: le tonalità affettiva che caratterizza la risposta e

interpretazioni dell’analista devono contenere la confluenza del dato costituito

qualcosa di vero, che corrisponda (tally) con dall’accettazione o dal rifiuto con ulteriori dati

ciò che vi è di vero nel mondo interiore del confirmatori o di disconferma che emergono

paziente. L’argomento della concordanza è successivamente in analisi. Grünbaum

costituito dalla congiunzione di due condizioni sorvola sul primo punto e critica il secondo,

causalmente necessarie: definito Argomento della Confluenza, in

quanto i dati clinici possono essere

1. Solo il metodo psicoanalitico di fortemente influenzati dall’analista, per cui gli

interpretazione e di trattamento può ulteriori dati confirmatori o di disconferma

trasmettere al paziente una corretta citati da Freud possono essere un prodotto

visione della patogenesi inconscia della relazione che si instaura tra il paziente e

della sua psiconevrosi. il terapeuta. Lo stesso accade con le libere

2. La corretta visione che il paziente ha associazioni.

dell’eziologia del suo disturbo è Epistemologia della psicologia

causalmente necessaria per la cura

durevole della sua nevrosi.

L’epistemologia. L’epistemologia si occupa criteri interconnessi: la finalità della disciplina,

di problemi quali i fondamenti, la natura, i il suo oggetto di studio e lo schema

limiti e le condizioni di validità del sapere esplicativo e il metodo adottati.

scientifico, tanto delle scienze esatte (logica e Il fine. La psicologia è una scienza dalla

matematica) quanto delle scienze empiriche duplice valenza:

(fisica, chimica, biologia, psicologia, • teoretica (conoscitiva): la psicologia

sociologia, storiografia ecc.). L’epistemologia produce infatti conoscenze sui

è da un lato una branca della teoria generale fenomeni mentali, come avviene negli

della conoscenza (gnoseologia), dall’altro esperimenti di laboratorio o nella

parte della filosofia della scienza. La formulazione di una diagnosi;

riflessione epistemologica è diversa da quella •

metodologica in quanto è metametodologica pratica (trasformativa): la psicologia

e metateorica. Solo grazie a una ricerca predispone interventi atti a provocare

epistemologica aderente al lavoro delle cambiamenti ritenuti auspicabili (come

singole scienze si possono trarre la psicoterapia).

generalizzazioni plausibili nell’ambito L’oggetto. A distanza di oltre un secolo dalla

dell’epistemologia generale. nascita della psicologia scientifica, non c’è

Thomas Kuhn. Kuhn introdusse il concetto di ancora una risposta comunemente accettata

paradigma scientifico, una visione generale su quale sia il suo oggetto. Ciò è dovuto

sul mondo che precede e fonda le teorie e le anche al pluralismo metodologico, in quanto

tecniche. Secondo Kuhn esistono periodi di l’oggetto di una scienza è strettamente relato

scienza normale e periodi rivoluzionari: i primi al metodo. A sua volta, il metodo è

sono quelli in cui domina un paradigma, influenzato dal punto di vista assunto dalla

mentre i secondi si verificano nel momento in disciplina: dal momento che la mente è

cui, di fronte a problemi insolubili, si afferma polivalente, essa permette di essere descritta

un nuovo paradigma (ad esempio il e modellizzata da diverse prospettive, anche

passaggio dalla visione geocentrica tra loro incompatibili, che escludono o

dell’universo a quella eliocentrica). ridimensionano alcuni aspetti della stessa.

Lo statuto epistemologico della Gli schemi esplicativi e i metodi. La

psicologia. Mettere a fuoco lo statuto psicologia deve utilizzare i metodi in uso nelle

epistemologico della psicologia è un compito scienze fisiche o rivendicare una sua

reso difficile da due ostacoli: specificità? Due tradizioni metodologiche

hanno risposto a tale quesito:

• il pluralismo (in psicologia convivono •

orientamenti e modelli epistemologici il monismo metodologico

diversificati in funzione dell’ambito di (positivismo e neopositivismo) afferma

studio). Per aggirare il pluralismo, in la necessità di una psicologia di

psicologia sono state sviluppate varie carattere nomotetico, volta a

strategie: presentazione per temi, per individuare leggi generali che

metodi e storica; spiegano i fenomeni. L’uomo è un

essere naturale, fisicamente

• l’assenza di una tradizione di determinato;

indagini epistemologiche. •

In alcuni ambiti di ricerca la psicologia è il pluralismo metodologico

riuscita a conseguire lo statuto di scienza (storicismo, ermeneutica, tradizione

empirica, capace di fondare la teoria su wittgensteiniana) afferma che la

solide ricerche sperimentali. Altrove si mira psicologia non è una scienza naturale,

ad indagare la condotta soggettiva e le ma riguarda l’uomo in quanto

ragioni ad essa sottese, e dunque a individuo dotato di soggettività e

comprendere, e non per forza spiegare, il storicamente determinato. Queste

mondo interiore dell’individuo. Il problema caratteristiche non consentono di

dello statuto epistemologico della psicologia pervenire ad alcuna forma di

può essere affrontato in riferimento a tre


PAGINE

21

PESO

60.69 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Sunto "Mente, corpo e coscienza nelle discipline psicologiche", docente Antonelli, libro consigliato "Il luogo della mente", Antonietti.
Appunti riassuntivi con tutto il materiale necessario per prendere un 30 e lode. Dall'epistemologia della psicologia, della psicoanalisi e delle scienze cognitive a tutto quel che c'è da sapere sul problema mente-corpo. Con utili integrazioni a partire dal libro "Il luogo della mente" (Antonietti), comunque non necessario per la preparazione dell'esame. Sono presenti utili approfondimenti basati sulla registrazione delle lezioni, tutte presentate in maniera precisa e sistematica.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in psicologia clinica dello sviluppo e neuropsicologia
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher paulweston di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Mente, corpo e coscienza nelle discipline psicologiche e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Antonelli Mauro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in psicologia clinica dello sviluppo e neuropsicologia

Riassunto esame Psicologia dello Sviluppo Socio-affettivo, prof. Riva, libro consigliato Il Bambino e le Sue Relazioni di Riva Crugnola
Appunto
Riassunto esame Neuropsicologia, prof. Papagno, libro consigliato Manuale di Neuropsicologia, Vallar, Papagno
Appunto
Riassunto esame Psicologia Dinamica Avanzata, prof. Amadei, libro consigliato Psicoterapia e Teoria dell'Attaccamento, Wallin
Appunto
Riassunto esame Configurazioni Familiari a Rischio, prof. Carli, libro consigliato Psicologia delle Relazioni di Coppia
Appunto