Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Psicologia generale – Percezione

Percezione visiva - aspetti di base

Con percezione si intende dare significato agli stimoli provenienti dagli organi di senso ed

attribuirgli proprietà fisiche. Il motivo per cui percepiamo è il fatto che ricerchiamo la buona

forma, ovvero l'organizzazione percettiva in funzione della:

Propria struttura anatomo-fisiologica: Ovvero come una percezione si adatta alle

• caratteristiche fisiche del nostro corpo

Regole che governano l'organizzazione percettiva

• Esperienza

Percepire inoltre è indispensabile per la sopravvivenza e per la realizzazione nella vita.

Ciò che percepiamo non è quello che esiste veramente nella realtà, come crede il realismo

ingenuo. La realtà è invece, fredda ed incolore, composta da luce proiettata ai nostri organi di

senso sotto forma di lunghezze d'onda. La nostra costruzione visiva della realtà è data da una

trasformazione della luce proiettata sulle nostre retine.

Lo stimolo possiede le seguenti proprietà:

Stimolo distale: Essa è la stimolazione fisicamente generata dall'oggetto presente

• nell'ambiente

Stimolo prossimale: Essa è la stimolazione fisica che effettivamente arriva ai nostri

• recettori sensoriali

Percetto: Essa è la percezione fenomenica che sperimentiamo

Il passaggio dallo stimolo distale al percetto, è chiamato catena psicofisica. Questo processo crea

una discrepanza tra realtà fisica e realtà percepita, ciò può indurci a fare errori di valutazione

riguardo le nostre percezione:

Errore dello stimolo: Consiste nel descrivere quello che si sa e non quello che si vede

• Errore dell'esperienza: Consiste nell'attribuire proprietà fenomeniche che normalmente

• si attribuirebbero ai percetti, agli stimoli distali o prossimali.

Le conseguenze di questi errori sono le seguenti:

1. Si vede quello che non c'è: Nell'ambiente fenomenico esistono oggetti che non esistono

nell'ambiente reale. Alcuni esempi:

Triangolo di Kanizsa: Percezione di un triangolo che in realtà

▪ non esiste

Contrasto di chiarezza: Percezione di un quadrato o un

▪ cerchio più chiaro degli altri quando in realtà non è così

Contorni illusori: Percezione di forme dotate di contorno che

▪ in realtà non esistono

2. Non si vede quello che c'è: Nell'ambiente fenomenico non esistono oggetti che esistono

nell'ambiente reale. Alcuni esempi:

Figura reversibile: Volto di vecchia e volto di giovane

3. Si vedono più cose in una e da diversi punti di vista

4. Si vede quello che non può esistere in base alle leggi della fisica: Ad esempio il bidente

tridentato

5. Si vedono cose differenti da quelle che sono: come nel caso in cui si vede qualcosa di

reale e allo stesso tempo illusorio, questi effetti sono chiamati illusioni ottiche.

Tutto ciò conferma che la percezione non è una registrazione sensorale come sostiene il senso

comune, ma una complessa interpretazione della realtà, essa perciò è anche un processo

cognitivo oltre che sensoriale.

Teorie della percezione

Le teorie della percezione si possono classificare secondo 2 criteri:

1. In base al ruolo assegnato alle caratteristiche fisiche del pattern di stimolazione nel

determinare ciò che viene percepito:

Teorie basate sulle stimolo: Il percetto è determinato solo dalle

▪ caratteristiche del pattern di stimolazione

Teorie basate sui fattori interni: Il percetto dipende dalle

▪ caratteristiche interne del soggetto

2. In base al tipo di processo che accompagna la percezione:

Teorie a stadi: Il processo si compone come un susseguirsi di stadi di

▪ elaborazione

Teorie olistiche: Il processo si verifica in un singolo passo

Le teorie su cui solitamente si basa la progettazione di sistemi di visione artificiale, sono

caratterizzate dal susseguirsi di 3 stadi:

1. Stadio di analisi primitiva: In questo stadio il materiale viene acquisito ed analizzato

grossolonalmente in modo da capire a grandi linee dove si trova l'oggetto ed i suoi

contorni.

2. Stadio di analisi dettagliata: In questo stadio viene analizzato il materiale prodotto dallo

stadio precedente in modo da capire dettagliatamente i contorni, la forma, la dimensione

ed il movimento dell'oggetto

3. Stadio di riconoscimento: In questo stadio si cerca di riconoscere l'oggetto ed associarlo

ad un nome e ad un significato.

Teoria empiristica

Secondo questa teoria la percezione è una somma delle sensazioni elementari, integrate dalle

informazioni apprese in precedenza. I precursori di questa teoria sono Von Helmholtz e Wundt.

Nel dettaglio ogni impulso genera sensazioni elementari, le quali vengono integrate attraverso

meccanismi di associazione, infine attraverso giudizi inconsapevoli fondati su esperienze passate

si traducono in percezione.

Teoria della Gestalt – Teoria olistica basata sui fattori interni

Proposto negli anni '30, questo approccio è definito come olistico, ovvero nell'immediato,

rifiutando la frammentarietà dell'approccio empirista. La percezione perciò non è cumulativa

ne influenzata dal passato, ma viene compiuta all'istante, sulla base degli stimoli, alle relazioni

fra gli elementi che li costituiscono ed ai principi di unificazione. Le forme create sono definite

gestalten e le leggi ed i principi sono:

Principio del “tutto è più della somma delle parti”: Condizione mostrata nel triangolo di

• Kanizsa dove la gli elementi che costituiscono la figura se presi ed ordinati in un

determinato modo danno vita ad un triangolo bianco

Principio del minimo o della semplicità: Le rappresentazioni che percepiamo sono le più

• semplici che si possono interpretare cognitivamente e percettivamente. Perciò

l'organizzazione degli elementi si basa su caratteristiche pregnanti: come la simmetria, la

stabilità, l'ordine, la regolarità ecc. Definita anche legge della pregnanza.

Leggi dell'organizzazione percettiva:

• Legge della vicinanza: Elementi vicini vengono vissuti come costituenti

▪ di un'unità

Legge della chiusura: Elementi che formano figure chiuse tendono a

▪ costituire un'unità, questo spiega anche il fenomeno dell'articolazione

senza resti

Legge della somiglianza: Elementi che si somigliano tendono ad

▪ unificarsi formando un'unità

Legge della continuità: Elementi vengono uniti in balla alla continuità

▪ della loro direzione

Legge dell'esperienza passata: L'esperienza passata viene usata per


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

6

PESO

33.03 KB

AUTORE

Lavir

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Psicologia generale, basato su appunti personali e studio autonomo dei testi consigliato dal docente Eliano Pessa:
"Manuale di scienza cognitiva", Eliano Pessa, M. Petronilla Penna.
"Psicologia Generale", Luigi Anolli, Paolo Legrenzi.
Gli argomenti principali trattati sono i seguenti:
Aspetti base percezione
Teorie percezione visiva


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche
SSD:
Università: Pavia - Unipv
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Lavir di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pavia - Unipv o del prof Pessa Eliano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia generale

Riassunto esame Psicologia generale della sezione Attenzione, Docente Eliano Pessa
Appunto
Riassunto esame Psicologia generale della sezione Immagini mentali, Docente Eliano Pessa
Appunto
Riassunto esame Psicologia generale della sezione Logica e ragionamento, Docente Eliano Pessa
Appunto
Riassunto esame Psicologia generale della sezione Memoria, Docente Eliano Pessa
Appunto