Che materia stai cercando?

Strategie aziendali (competitive e sociali)

All’interno delle aziende è sempre presente un profilo strategico di fondo, ossia un insieme di idee, valori e atteggiamenti che costituiscono il disegno strategico dell’impresa. In questi appunti saranno analizzate dettagliatamente le strategie aziendali (sociali e competitive), gli obiettivi strategici, il posizionamento competitivo, l'analisi del rischio imprenditoriale ed in... Vedi di più

Esame di Imprenditorialità e strategie di sviluppo docente Prof. D. Dell'Anno

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

2. Strategie competitive di area di affari

A livello competitivo, bisogna sviluppare accanto ad una strategia competitiva

globale, una strategia per ogni area d’affari. Tali strategie si dividono in:

Copertura del mercato. Tali strategie mirano alla definizione della clientela obiettivo

attraverso attività di segmentazione del mercato, finalizzate ad individuare la

localizzazione geografica e le caratteristiche di acquisto e consumo dei clienti.

 mira a suddividere e classificare i consumatori in gruppi

SEGMENTAZIONE:

omogenei che abbiano le stesse caratteristiche e che abbiano bisogni di

consumo più o meno simili; inoltre, definisce il target obiettivo;

 comporta una selezione dei canali di distribuzione e

PRESIDIO TERRITORIALE:

vendita, le politiche di presidio territoriale e delle risorse interne ed esterne

dedicate alla vendita.

Focalizzarsi su un gruppo di consumatori con determinate caratteristiche porta in

genere a un numero di consumatori limitato, che si definisce nicchia di mercato.

Operare in un determinato segmento garantisce all’impresa la creazione di confini

competitivi maggiormente difendibili, ma la selezione di una nicchia di mercato

risulta economicamente conveniente solo se il segmento preso in esame sia al

contempo significativo e accessibile.

Strategia di offerta. Tali strategie mirano a definire le caratteristiche dell’offerta in

modo da riuscire a soddisfare i bisogni della clientela target e in modo da avere

caratteri distintivi rispetto ai prodotti-servizi dei concorrenti. Una simile strategia fa

leva su due dimensioni dell’offerta:

1. scelta delle caratteristiche fisiche e funzionali

FUNZIONI DI PRODOTTO (SERVIZIO):

dei prodotti che andranno a soddisfare i bisogni principali ( beneficio di base )

e secondari ( caratteristiche accessorie ) della clientela;

2. fa riferimento a servizi accessori che integrano l’offerta e

LIVELLO DI SERVIZIO:

che sono più o meno rilevanti nella decisione di acquisto.

Queste due dimensioni definiscono il livello di standardizzazione/personalizzazione

fisica e dunque il livello di specializzazione dell’offerta da perseguire in termini

produttivi. Possiamo quindi dire che suddividere l’azione competitiva dell’impresa in

distinte aree di affari risulta molto utile, in quanto , consente di implementare

strategie focalizzate e concrete. Inoltre, i risultati conseguiti dall’azienda a livello

competitivo possono essere scomposti nei singoli risultati conseguiti nelle varie aree

competitive in modo da intervenire in quelle dove si registra un basso rendimento.

Strategie sociali

Un’azienda persegue una strategia sociale nel caso in cui, volontariamente, mette in

atto iniziative che ricevano un consenso sia dalla comunità esterna ( tutti gli

interlocutori con cui l’impresa interagisce) sia da quella interna all’impresa ( i

dipendenti e gli azionisti/soci) ; in altri termini, una strategia che abbia come

obiettivo quello di conseguire un beneficio per la collettività. Occorre fare una

distinzione e capire se l’iniziativa è legata a istanze sociali dell’ambiente interno o

esterno all’organizzazione o se ha semplicemente il fine strumentale di ottenere un

vantaggio imprenditoriale. Questa distinzione comporta la classificazione della

strategia sociale in : strategia integrata e opportunistica. Soltanto la strategia

integrata viene accolta nell’accezione ristretta di strategia sociale, ed è definita tale

in quanto legata alla dimensione invisibile dell’azione imprenditoriale ( profilo

strategico di fondo ). Una strategia sociale opportunistica fa invece riferimento a

quelle azioni compiute dall’impresa spinta da motivazioni competitive od

opportunistiche. In questo ultimo caso, la strategia sociale diviene una leva

competitiva da utilizzare per raggiungere obiettivi specifici. La strategia sociale si

rivolge sia agli attori interni sia esterni all’impresa.

a. è compito di chi guida l’impresa creare una struttura che

SOCIALITA’ INTERNA:

valorizzi il personale e coinvolga il singolo lavoratore nella vita dell’azienda.

Risulta , quindi, fondamentale implementare un sistema interno di confronto

e di dialogo efficace ed efficiente. Importante è anche la gestione dei rapporti

con i soci o azionisti che devono essere improntati sulla fiducia e credibilità.

b. tutte le imprese di successo devono cercare di costruirsi

SOCIALITA’ ESTERNA:

una reputazione fondata su valori condivisi dalla comunità in cui operano

attraverso l’instaurazione di corretti rapporti commerciali, basati sulla fiducia

di lungo periodo, con gli interlocutori economici e sociali. Anche in questa

area, legata ai rapporti sociali, l’impresa agisce in funzione della visione

imprenditoriale , nel rispetto però di vincoli “esogeni” che limitano la sua

sfera di azione. Tali vincoli possono identificarsi nelle aspettative della

comunità così come in consuetudini di mercato.

POSIZIONAMENTO COMPETITIVO

A questo punto dell’analisi è utile evidenziare i tratti distintivi della propria azione

imprenditoriale rispetto ai concorrenti : studiare il mercato della domanda e le sue

esigenze, e il comportamento delle imprese presenti nel settore. Ciò permette

all’imprenditore di determinare non solo l’efficacia o l’inadeguatezza di una

determinata strategia, ma anche l’esistenza di opportunità di mercato latenti. Un

metodo molto efficace di analisi è la costruzione di schemi grafici a due variabili. Le

variabili devono essere scelte attentamente, in quanto non possono essere

impiegate due variabili con lo stesso grado di correlazione. L’impiego della mappa

consente di individuare raggruppamenti di imprese con le stesse combinazioni di

strategie, ed inoltre, saper leggere bene un raggruppamento di imprese significa

saperne prevedere con buona approssimazione, i percorsi dinamici di spostamento

nella mappa. Si tratta quindi di un’analisi che, partendo dalla situazione attuale,

proietta nell’immediato futuro il percorso di cambiamento o quello di

consolidamento delle strategie in atto. Infine, il fenomeno delle alleanze tra

imprese , definita come una strategia di crescita aziendale finalizzata allo scambio

di competenze, è in grado di alterare l’equilibrio corrente tra imprese e introdurre

significativi mutamenti nel posizionamento delle stesse.

ANALISI DEL RISCHIO IMPRENDITORIALE

Una volta presentata l’azienda ( o il progetto ) occorre effettuare l’analisi del rischio

d’investimento. Il rischio viene qui inteso come il rischio di successo o di insuccesso

dell’investimento, ossia il raggiungimento di un adeguato ritorno del capitale.

Emergono le seguenti tipologie di rischio:

 Di contesto;

 Di business;

 Economico;

 Finanziario.

Un’attività di pianificazione consente di minimizzare tale rischio in quanto fornisce

un quadro completo del contesto, delle caratteristiche del progetto ed effettua delle

simulazioni sulle sue potenzialità di successo. Durante la redazione del business plan

è possibile impiegare una serie di tecniche di analisi e di indicatori specifici che si

focalizzano sulla valutazione di una o più tipologie di rischio. Tali strumenti di analisi

sono: Swot, Test di prodotto, Break-even economico, Budget di tesoreria, Payback

period, Sensitività.

1. Rischio di contesto

Il rischio di contesto è il rischio legato ai fattori macro-economici del mercato, ma

comprende anche i rischi legati all’evoluzione della domanda o del settore. Si tratta,

dunque, di tutte quelle componenti esogene che sono fuori dal controllo del

management dell’impresa, e che possono comunque rappresentare sia dei fattori

positivi sia negativi al suo sviluppo: sono per questo definite minacce e opportunità

, e fanno arte della swot analysis, la tecnica di indagine che analizza i punti di forza e

di debolezza (rischio di business) di un’impresa. Lo studio del settore e della

domanda è fondamentale per comprendere i fattori di contesto che impattano

sull’attività economica dell’impresa. Le minacce e le opportunità sono componenti

esogene che determinato situazioni di pericolo/crescita del business che l’azienda

deve fronteggiare per migliorare la sua posizione competitiva. Questo tipo di

indagine è molto vantaggiosa per l’azienda in quanto impone una costante e

periodica verifica del contesto che non si limita ai concorrenti , ma è estesa anche ai

più generali fattori macro-economici del mercato.

2. Rischio di business

Nell’avvio di una nuova attività o nel valutare diverse alternative di investimento,

l’imprenditore si pone il problema della validità del proprio progetto e

dell’attendibilità delle stime redatte. In questa analisi gioca un ruolo fondamentale il

rischio di business, inteso come quel rischio che la proposta commerciale della

nuova iniziativa non sia accettata dalla domanda. La verifica del modello di business

viene effettuata con l’analisi dei punti di forza e di debolezza dell’impresa rispetto ai

competitors.

- I punti di forza sono quelle caratteristiche tangibili e intangibili che

permettono ad un competitore di differenziarsi positivamente dai propri

concorrenti. Tali competenze distintive si tramutano poi in un vantaggio

competitivo;

- I punti di debolezza sono quei punti in cui i competitori hanno un’offerta più

vantaggiosa in termini di qualità e convenienza. Bisogna, quindi, pianificare un

percorso di miglioramento progressivo.


PAGINE

11

PESO

496.35 KB

AUTORE

illy991

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

All’interno delle aziende è sempre presente un profilo strategico di fondo, ossia un insieme di idee, valori e atteggiamenti che costituiscono il disegno strategico dell’impresa. In questi appunti saranno analizzate dettagliatamente le strategie aziendali (sociali e competitive), gli obiettivi strategici, il posizionamento competitivo, l'analisi del rischio imprenditoriale ed in particolare le seguenti tipologie di rischio: di contesto, di business, economico, finanziario. Sarà quindi analizzato il business plan come documento strategico


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in economia e management
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher illy991 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Imprenditorialità e strategie di sviluppo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Dell'Anno Davide.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Imprenditorialità e strategie di sviluppo

Il business plan
Appunto
Piano operativo del business plan
Appunto
Il business plan
Appunto
Piano operativo del business plan
Appunto