Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

 

Allo  stesso  modo,  Nietzsche  non  concepisce  un  essere  ideale  al  di  fuori  del  mondo  in  

quanto,   come   si   specificherà   dopo,   il   mondo,   la   natura   è   retta   totalmente   dal   caso.   In  

più  passi  dell’opera  ribadisce  questo  concetto:  

  “Nel  concetto  di  conformità  a  fini   [dopo   aver   sostenuto   che   è   vita]   non  è  presente  

il  riconoscimento  della  razionalità”   (pag  105)  

“Negli  organismi  conformi  a  fini  dunque  non  si  rivela  una  ragione”    

(pag  99)

“L’accantonamento   della   teleologia   possiede   un   valore   pratico.   Si   tratta  

semplicemente   di   rifutare   il   concetto   di   “ragione   più   alta”:   così   siamo   già  

soddisfatti”    

(pag  73)

 

  La   seconda   speculazione   è   quella   che   si   rifà   a   Schopenhauer,   definita   da   Nietzsche  

• “metafisica”:  

Secondo   Schopenahuer   esiste   un   finalismo   in   natura,   poiché   questa,   incosciamente,  

inconsapevolmente,  crea  oggetti  conformi  a  fini.  Il  finalismo  è  dunque  immanente  nella  

natura:  

  “l’altra   [delle   tre   soluzioni]   fugge   in   un   mondo   intellegibile   in   cui   il   fine   è  

immanente  nelle  cose”  

 

La  terza  soluzione  si  rifà  ad  Empedocle,  definita  da  Nietzsche  “casualistica”:  

• È   quella   che   riprende   Nietzsche,   il   quale   crede   con   fermezza   che   non   esista   una  

conformità  a  fini  in  natura,  riprendendo  a  tal  proposito  le  teorie  di  Empedocle.    

  “ciò   che   è   conforme   a   fini   appare   unicamente   come   un   caso   in   mezzo   ad   una  

moltitudine  di  ciò  che  non  è  conforme  a  fini”   (pag  67)      

 

Quindi  è  un  caso  che  alcuni  organismi  siano  conformi  a  fini,  questo  non  dimostra  però  

la  presenza  di  un’intelligenza  o  ragione  superiore.    

E  se  la  conformità  a  fini  esterna,  che  per  gli  enti  organici  poteva  essere  data  in  quanto  

facenti   parte   della   catena   alimentare,   viene   vista   come   una   illusione,   Nietzsche  

rincarerà  la  dose  nei  confronti  della  conformità  a  fini  per  eccellenza,  quella  interna:  

  “noi  conosciamo  il  metodo  della  natura,  in  che  modo  sorge  un  tale  corpo  conforme  

a   fini:   secondo   un   metodo   senza   senso.   Dunque   la   conformità   a   fini   si   mostra  

soltanto  come  capacità  di  vivere.  Il  caso  può  scoprire  la  melodia  più  bella.”   (pag  71)  

“Il  caso,  cioè  l’opposto  della  conformità  a  fini,  domina  incondizionatamente  nella  

natura.  La  tempesta  che  fa  girare  le  cose  è  il  caso”   (pag  97)  

 

-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  

   

 

CONFUTAZIONE  CONFORMITÀ  A  FINI  

 

Che  Nietzsche  non  creda  affatto  ad  una  conformità  a  fini  in  natura  è  testimoniato  da  numerosi  

passi  all’interno  della  Teleologia,  tra  cui:  

  “Le  forze  cieche  agiscono  senza  intenzioni  e  dunque  non  possono  produrre  nulla  di  

conforme  a  fini”    

(pag  85)

 

La   tesi   empedoclea   è   solo   il   presupposto   della   confutazione   che   Nietzsche   farà   della  

conformità   a   fini   (“un’arma   contro   la   teleologia   in   generale:   dimostrazione   di   ciò   che   non   è  

conforme  a  fini”   ):    il  fulcro  viene  infatti  individuato  nella  lotta  tra  specie.  Tale  concetto  è  

(pag  65)  

derivato   dalla   kantiana   lotta   fra   sessi,   presentato   nell’Antropologia   Pragmatica   e   in   diversi  

carteggi   con   Schiller,   come   presupposto   della   generazione.   In   questa   lotta   tra   specie,   per  

Nietzsche,   come   per   Kant   nella   lotta   tra   sessi,   noi   possiamo   solo   constatare   gli   effetti,   ma   ci  

risulta  impossibile  risalirne  alle  cause:  da  ciò  l’assurdità  della  teleologia.  

Nietzsche   fa   poi   un   passo   avanti,   differenziando   la   conformità   a   fini,   ipotizzandone   una  

esterna   ed   una   interna:   quella   esterna   ricade   nell’ambito   della   catena   alimentare,   ma   è  

scartata  da  Nietzsche  in  una  asserzione  contenuta  nella  Teleologia:  

  “Un’esterna  conformità  a  fini  è  solo  un’illusione”      

(pag  71)

 

Per   quanto   riguarda   la   conformità   a   fini   interna,   questa   ricade   nell’ambito  

dell’autoconservazione,  dell’esistenza,  ovvero,  della  capacità  di  vivere:  

  “La  conformità  a  fini  si  mostra  soltanto  in  quanto  capacità  di  vivere”   (pag  71)  

 

Ma,  nel  momento  in  cui  un  determinato  ente  esiste,  significa  che  devono  esserci  le  condizioni  

di   esistenza   per   un   tale   ente:   ma   se   è   la   vita,   ovvero   l’esistenza,   il   presupposto   al   finalismo,  

come  può  essere  finale  essa  stessa?  

  “Le  cose  esistono  [ovvero   vivono]  dunque  esse  devono  poter  esistere  cioè  devono  

possedere  le  condizioni  per  l’esistenza”   (pag  75)  

“La   vita   stessa   non   può   essere   pensata   in   quanto   fine,   dal   momento   che   essa   viene  

presupposta  per  agire  secondo  fini”    

(pag  99)

 

Il   finalismo   non   è   altro   che   un   giudizio   riflettente   posto   dal   nostro   intelletto   sugli   enti  

organici,  quindi  non  esiste.  È  un’idea  illusoria.  

 

-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  

CONOSCENZA  

 

Strettamente   legato   al   discorso   sulla   conformità   a   fini   è   il   discorso   intorno   la   Conoscenza.  

Nietzsche   crede   fortemente   che   le   nostre   capacità   conoscitive   siano   limitate,   che   il   nostro  

intelletto  sia  limitato,  e  nella  Teleologia  va  proprio  a  definirne  i  limiti.  Sarà  proprio  Nietzsche  

a  scrivere:  

  “La   conformità   a   fini   di   ciò   che   è   organico,   la   conformità   a   leggi   di   ciò   che   è  

inorganico  viene  introdotta  nella  natura  dal  nostro  intelletto”    

(pag  67)

 

Quindi  è  il  nostro  intelletto  che  ci  porta  a  vedere  in  natura  qualcosa  che  nella  stessa  è  assente,  

tra  cui  la  finalità.  

  “La   conformità   a   fini   della   cosa   può   valere   sempre   soltanto   in   relazione   a  

un’intelligenza  alla  cui  intuizione  la  cosa  si  accorda”   (pag  77)  

 

Alla   base   di   ogni   conoscenza   vi   è   l’organizzazione   psico-­‐fisica   dell’uomo   (lo   dice   Nietzsche  

stesso  in  una  lettera  del  1866),  il  quale  ragiona  per  analogie  (tema  che  troverà  fortuna  con  la  

famosa  dicitura  “il  mobile  esercito  di  metafore”):  è  per  analogia  con  se  stesso  che  l’uomo  pone  

negli  enti  organici  una  conformità  a  fini.  

  “Anche   il   concetto   di   ciò   che   è   organico   è   soltanto   umano:   occorre   richiamare  

l’attenzione  all’analogo”   (pag  81)  

“Perciò   egli   definisce   anche   le   condizioni   di   esistenza   delle   cose   [inorganiche]  

conforme   a   fini:   ciò   vale   soltanto   ammettendo   che   esse   siano   sorte   allo   stesso  

modo  delle  opere  umane”   (pag  75)  

“Le  cause  finali,  esattamente  come  il  meccanismo,  sono  modi  umani  di  vedere”   (pag  

 

89)

 

Da   quest’ultima   citazione   si   capisce   come   la   finalità   dell’organico   e   la   regolarità  

dell’inorganico   sono   introdotte   in   natura   dal   nostro   intelletto.   Di   conseguenza   anche   la  

scienza  diviene  un  modo  umano  di  vedere  la  natura.  

Perciò   i   giudizi   determinanti   che   stanno   alla   base   della   scienza   non   sono   altro   che   giudizi  

riflettenti,  quindi  soggettivi.  

Sia   la   spiegazione   meccanicista,   il   cui   oggetto   è   il   meccanismo,   che   porterebbe   ad   avere   un  

mondo  vero  identico  per  tutti  i  viventi  muove  da  cause  esterne  e  si  suole  chiamarla  scienza,  

che   la   spiegazione   finalista,   il   cui   oggetto   è   l’organismo,   che   muove   da   cause   interne   e   si   suole  

chiamarla   teleologia,   sono   soltanto   modi   umani   di   vedere,   e   per   questo   non   possono   essere  

inscritti  all’interno  del  cerchio  della  conoscenza.  

 

Per   Nietzsche,   invece,   ciò   che   è   realmente   conoscibile   è   solo   il   matematico,   ovvero   si   può  

aspirare  ad  avere  solo  una  conoscenza  della  realtà  di  tipo  formale  

  “In  modo  puro  l’uomo  conosce  solamente  ciò  che  è  matematico”   (pag  89)  

“Nella  natura  è  spiegabile  soltanto  ciò  che  è  rigorosamente  matematico”    

(pag  89)

“Dunque   si   può   capire   soltanto   ciò   che   è   matematico   (dunque   comprensione  

formale).  Per  il  resto  ci  si  trova  di  fronte  all’ignoto”   (pag  89)  

 

Questo   si   trova   in   totale   disappunto   con   la   visione   kantiana,   in   quanto   Kant   sosteneva   che  

anche  la  fisica  e  la  morale  sono  scienze.    

 


ACQUISTATO

16 volte

PAGINE

8

PESO

110.63 KB

AUTORE

Fasloos

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti chiari e molto discorsivi del testo "La Teleologia a partire da Kant" di Nietzsche, a cura di Maurizio Guerri. Vengono riproposti i passi salienti del libro e indicate anche la pagine da dove essi vengono presi, accompagnati di seguito da una limpida esposizione del pensiero del filosofo tedesco. Il riassunto è suddiviso in base ai principali temi che possono essere estrapolati dall'opera.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Fasloos di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della filosofia moderna e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Giordanetti Piero.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della filosofia moderna

Illuminismo e Rousseau - Mappe concettuali
Appunto
Hobbes - Mappe concettuali
Appunto
Riassunto esame Antropologia culturale,prof.  Allovio, libro consigliato Antropologia culturale, i temi fondamentali, Allovio, Ciabarri, Mangiameli
Appunto
Riassunto esame storia della filosofia antica, prof Bonazzi, libro consigliato Il platonismo, Mauro Bonazzi
Appunto