Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1 Monarchie e imperi tra XV e XVI secolo (Cap. 6)

1.1 I regni di Fancia, Spagna, Inghilterra e l’Impero germanico

? Ogranizzazione delle maggiori potenze all’inizio dell’età moderna:

? Francia

· sotto Carlo VIII, Luigi XII, Francesco I

∗ continuò la tendenza di accentramento del potere nelle mani del re e dei collaboratori da lui scelti

∗ rafforzò l’ammisnistrazione finanziaria, impreniata sull’esazione della taglia e sulla suddivisione del

Paese in circostanze fiscali dette gènèralitès (1542)

∗ crebbe l’autorità del Consiglio del re; si riuniscono sempre con meno frequenza gli stati generali

∗ funzionari e magistrati dei Parlamenti venivano reclutati in misura crescente attraverso il meccanismo

della vendita delle cariche pubbliche

· nel 1516 Francesco I stipulò con Papa Leone X un concordato a Bologna: veniva lasciata cadere l’af-

fermazione della superiorità del concilio sul potefice; in cambio il re di Francia si vedeva riconoscere il

diritto di nomina a tutti i vescovati nel proprio territorio

· feudatari mantennero un cosiderato potere locale

? Spagna:

· matrimonio tra Isabella di Castiglia con Ferdinando D’Aragona (1496) preparò il regno congiunto dei

due sovrani

∗ fu soprattutto la Castiglia a costituire oggetto delle cure di governo dei due monarchi

∗ anarchia feudale e il banditismo furono repressi con la riorganizzazione della Santa Hermandad

∗ sottomissione della nobitlà fu agevolato dalla politica di concessioni e di favori di Ferdinando: oltre

a farsi proclamare Gram Maestro dei potenti ordini militari, ottenne dal papa la facoltà di conferire

i saggi episcopali e altri benefici ecclesiastici

∗ nel consiglio militare furono nominati soprattutto guiristi di origine borghese

· 3 province componenti il Regno D’Aragona (Aragona, Catalogna e Valenza) mantennero invece inalterati

i proprio privilegi e le proprie autonomie

· Ferdinando risiedeva normalmente in Castiglia (Aragona), venne nominato un vicerè

· 1494 Consignio di Aragona

· principali elementi in cumune tra i due regni:

1. tradizione della Riconquista

2. intransigente difesa dell’Ortodossia religiosa

· Inquisizione Spagnola(1478) sottoposta all’autorità regia (non pontificia): unico organo di giuris-

dizione che si estende uniformemente alla Castiglia e all’Aragona

· 1492: con riconquista di Granada fu confermata la tradizione militare spagnola che sosteneva la fede

cristiana

· nascente monarchia spagnola cementava la propria unità religiosa

· 1504: muore Isabella (figla di re cattolici, Filippo d’Asburgo); crisi dinastica in Castiglia

· Ferdinando riprende in mano le redini fino alla sua morte (1516)

∗ conquiste italiane

∗ annessione del regno prireneico di Navarra (1512)

? Inghilterra:

· Enrico VII Tudor: vincitore della guerra delle Due Rose tra le case di Lancaster e di York (1455 -

1585); cosolidò il proprio potere: 5

∗ stroncando varie congiure e ribellioni nobiliari

∗ rafforzando gli organi centrali del governo regio

∗ →

il Parlamento fu convocato sempre più raramente 1 volta negli ultimi 12 anni di regno

· questo indirizzo assolutistico venne proseguito dal figlio e successore Enrico VIII (1509 - 1547)

∗ politica estera

∗ politica interna nelle mani del cancelliere Thomas Wosley

∗ distacco da Roma della Chiesa d’Inghilterra

∗ Atto di Supremazia:

1. rafforzamento ulteriore delle strutture di governo

2. riaffermazione del ruolo del Parlamento (interprete della volontà del popolo)

? Impero germanico:

· 1493 muore Federico III d’Asburgo: Impero era un mucchio ingovernabile di Stati territoriali, prin-

cipati ecclesiastici, libere città, feudi di popoli e lingue diverse

· duplice qualità del sovrano

1. reggeva a titolo ereditario gli Stati della casa d’Asburgo

2. doveva la dignità imperiale alla designazione della Dieta composta dai sette Grandi Elettori

· Regno di Massimiliano I (1493 - 1519), sposato con Maria di Borgogna:

→notevole successo diplomatico: Pace di Senlis con la Francia (1493): riconosceva agli Asburgo il

possesso dei Paesi Bassi, dell’Artois e della Franca Contea

· Dieta di Worms (1495): dare maggiore compattezza all’Impero germanico e di estrarne regolari risorse

→ →

finanziarie successo molto parziale creazione di un tibunale imperiale (Reichkammergericht) e di

un consiglio comporta da 17 membri (Reichsrat): il sistema di rivelò incapace di funzionare

· accentramento del potere fu conseguito solo negli stati ereditari asbirgici (Consiglio aulico [Hofsrat])

· la volontà di Massimiliano di opporsi alle mire italiane dei re di Francia (2nde nozze con Bianca Maria

Sfroza) rimase puramente valleitaria →

tentativo di ridurre all’obbedienza i cantoni elvetici naufragò (disfatta di Dornach 1499) inzio dell’ef-

fettiva indipendeza svizzera

1.2 La prima fase delle guerre d’Italia

? nel 1492 scomparvero Papa Innocenzo VIII, a cui succedette Rodrigo Borgia con il nome di Alessandro

VI (1492 - 1503), e Lorenzo De’ Medici

? la stabilità della penisola era inoltre minacciata dalle mire espansionistiche di Venezia e dalla ambizioni del

Signore di Milano, Ludovico Sforza (detto il Moro) erano tutti prnti ad invocare le potenze straniere per

raggiungere i propri scopi

? re di Francia Carlo VIII intendeva far valere sul Regno di Napoli i diritti che di derivavano dalla discendenza

angioina; incoraggiamenti e aiuti da Milano e Venezia

? 1494: Carlo passò le alpi ⇒

? 1495 entrò a Napoli, accolto come un liberatore dai nobili a quel punto gli stati italiano si resero conto del

comune perocolo; a fine marzo venne stipulata a Venezia una Lega

? maggio 1495: l’esercito della Lega cercò inutilmente di chiudere il passo a Carlo

? intanto Ferdinando II d’Aragona (1495-96) riusciva a recuperare il regno con l’appoggio degli spagnoli e dei

veneziani; l’impresa di Carlo si concludeva con un nulla di fatto, aveva però dimostrato la fragilità dell’assetto

politico italiano e aperto la via a successive invasioni

6

? predicazione di un frate domenicano Geronimo Savonarola, che si scagliava contro la corruzione della Chiesa:

invocava una riforma costituzionale e morale destinata a fare di Firenza la nuova Gerusalemme i seguaci

di Savonarola, i piagnoni, iposera l’adozione di un sistema di governo popolare; il Papa scomunicò il frata nel

1497 e nel 1498 venne processato e giustiziato

? Venezia continuava con i suoi piani espansionistici

? aprile 1498: la REbbublica di San AMrino concluse con Luigi XII, successore di Carlo VIII, un trattato di

alleanza che le garantiva Cremona e la Ghiara d’Adda in cambio del suo appoggio alla conquista francese dello

Stato di Milano

? spedizione fu allestita nel 1499 e si concluse rapidamente con l’occupazione di Milano; Ludovico il Moro fu

portato prigioniero in Francia →

? un altro conflitto tra Spagna e Francia regolò il destino del Regno di Napoli Spagna rimase l’unica padrona

come già lo era di Sicila e Sardegna

? Cesare Borgia , detto il Valentino e figlio naturale del ponefice Alessandro VI, giunse a ritagliarsi un dominio

personale nella Romagna e nelle Marche; la morte di Alessandro VI nel 1503 fece abortire l’ipresa

? il nuovo Papa, Giulio II (1503 - 1512): animato dal proposito di restaurare il dominio temporale della Chiesa:

organizzò spedizioni militari contro i signori di fronte al rifiuto di Venezia di ritirarsi da Rimini e Faenza,

il pontefice si fece promotore di un’allenaza antiveneziana Cambarai 1508: Massimiliano, re di Francia e

di Spagna

? 1509: l’esercito veneziano fu duramente sconfitto da quello francese

? papa tolse la scomunica contro la Repubblica veneziana; si ritirò dalla lega e ne promise un’altra: Lega Santa,

contro la Francia, di cui temeva la strapotenza, riuscendo ad attirare la Spagna, l’Inghilterra e gli svizzeri

(1511)

? 1512: ritorno a Firenza dei De’Medici; occupazione di Milano da parte di truppe svizzere. Francia di

riappacifica anche con Venezia che promise il proprio aiuto contro gli svizzeri

? 1515 nuovo re francese Francesco I, si mette a preparare una nuova spedizione in Italia; ad agosto passò le

alpi; 13-14 settembre si svolse lo scontro decisivo con i fanti svizzeri vittoria di Francesco I

? 1516 Pace di Noyon: tra Francia (Milano) e Spagna (Regno di Napoli) che consolidava l’equilibrio momen-

taneo nella penisola italiana, ma non durerà a lungo

1.3 Carlo V: il sogno di una monarchia universale

? alla morte di Ferdinando il cattolico (1516), il nipote di Carlo d’Asburgo ereditò la corona di Spagna

? candidatura di Carlo per la dignità imperiale si contrappose quella di Francesco I appoggiata a nche dal

pontefice Leone X Carlo fu eletto all’unanimità della Dieta riunitasi a Francoforte il il 27 giugno 1519:

Carlo V

? cresciuto a Bruxelles ha subito influssi erasmiani; il suo precettore diventerà il futuro papa Adriano VI

? idea Imperiale, intesa come dovere di guidare la cristianità, di mantenerla unita nella giustizia e nella fede

? cammino di Carlo fu pieno di ostacoli:

· nel soggiorno triennale in Spagna (1517-20) aveva scatenato la nobiltà locale: imparò ad avere maggiore

rispetto per l’orgoglio dei suoi sidditi spagnoli

· soggiornò in Spagna per un totale di 16 anni sui suoi 40 di regno

7

1.4 Asburgo contro Volois: la ripresa della guerra in Italia

? La Germania di Carlo V aveva da risolvere il problema luterano: dopo il 1520 la sua attenzione fu assorbita

dalla questioni italiane la pace non poteva durare.

? La Francia invece doveva cercare di rompere l’accerchiamento asburgico: politicamente pensava fosse giusto

di strappare all’avversario il Milanese e la Borgogna.

? Milano dovette essere evacuata dai francese dalla primavera del 1521 e la situazione si fece ancora più difficile

con l’elezione del nuovo papa Adriano VI (1522-23) e con il passaggio al campo imperiale di Enrico VII e

della Repubblica di Venezia.

? Francesco I riuscı̀ a mettere insieme un’esercito di 30.00 uomini nell’autunno del 1524, rientrò a Milano e

mise sotto assedio Pavia. Ma gli Asburgo, con nuovi rinforzi dalla Germania, sconfissero nuovamente i francesi

(23-24 febbraio 1525) imprigionando Francesco I

? Per riavere la sua libertà il re francese fu costretto a firmare l’oneroso (gennaio 1526),

Trattato di Madrid

rinunciando per sempre al Milanese, cosa che non fu mantenuta

? Nel Maggio 1526 a Cognac fu fondata una nuova lega difensiva tra la Francia, il nuovo papa Clemente VII

(un altro Medici), Firenze e la Repubblica di Venezia; mentre i turchi, alleati con Francesco I, avanzavano

verso l’Ungheria

? I francesi però tardarono ad intervenire in Italia e nel 1527 lanzichenecchi (protestanti), al servizio di Carlo

V, discesero la penisola senza incontrare resistenza. Ai primi di maggio i lanzichenecchi entrarono a Roma e

la sottoposero a un orribile saccheggio, mentre il pontefice trovava rifugio a Castel Sant’Angelo, dove rimase

per diversi mesi in stato d’assedio

? quest’azione venne vista come Giudizio di Dio sulla Chiesa corrotta

? I fiorentini approfittarno della situazione per sollevarsi contro la signoria Medici e ristabilire un governo

repubblicano. Maturarono cosı̀ anche le condizioni per la sospensione delle ostilità, desiderata anche da Carlo

V a causa delle difficoltà finanziarie e del riacutizzarsi del pericolo ottomano

? Carlo firmò nel giugno 1529 con il pontefice la e a luglio si riconciliò anche con

Pace di Barcellona

Francesco I a Cambrais: Francesco poté tenersi la Borgogna, a doveva rinunciare ai domini italiani. A Milano

fu insediato Francesco II Sforza; alla sua morte il ducato sarebbe stato riunito ai domini imperiali

? Carlo V venne incoronato imperatore, ultima volta che venne celebrata questa cerimonia medievale, e ottenne

dal pontefice un vago impegno alla convocazione un Concilio che avrebbe dovuto sanare lo scisma religioso e

procedere alla riforma della Chiesa; in cambio Clemente VII ebbe l’appoggio delle armi imperiali per riportare

i Medici a Firenze: la resistenza capitolò nell’agosto 1530

? Carlo V intanto stava anche affrontando due battaglie: nel Mediterraneo contro i turchi e in Germania contro

i protestanti. Nello stesso tempo Francesco I cerò di riaccendere la guerra in Italia e nei Paesi Bassi, ma le

ostilità ebbero termine con la riconferma della situazione esistente

1.5 L’espansione della potenza ottomana

? L’impero ottomano prende il nome dalla dinastia turca degli Osmanili o Ottomani, fondata al principio del

XIV secolo da Osman I

? Il territorio si ampliò a dismisura, sia in Asia minore, che nei Balcani Meridionali; nel 1453 poi Costantinopoli

cadde nelle mani di Maometto II che nel fece la capitale e venne ribattezzata Isanbul dall’Impero Ottomano

? L’Ipero venne contrasto a oriente fin dagli inizi del XVI secolo dalla ricostruzione dell’Impero Persiano a

opera della dinastia Safaviale, gli Sciiti. Assicurandosi le spalle a oriente Selim I rivolse la sua attenzione al

Mediterraneo e nel giro di due anni (1516-17) sottomise la Siria e l’Egitto, che erano molto importanti da due

punti di vista: 8

1. dal punto di vista economico: porti spezie e sete orientali che arrivavano dal Golfo Persico e dal Mar

Rosso

2. dal punto di vista morale e religioso: dall’Egitto dipendevano le città sacre come la Medina e la Mecca

⇒ Il sultano di Costantinopoli diventava cosı̀ il capo riconosciuto di tutto l’Islam sunnita

? L’avanzata dei turchi nel Balcani riprese nel 1626, quando Solimano il Magnifico risalı̀ il Danubio

penetrando in profondità nel territorio ungherese. Il giovane re d’Ungheria e Boemia, Luigi II, fu sconfitto

e ucciso nell’agosto 1526 a Mohàcs

? Il 10 settembre Solimano entra a Buda e decide di farne uno Stato vassalllo; i turchi poi arrivarono fino alle

mura di Vienna (1529), ma fallirono e Solimano fu convinto a conludere la pace con Ferdinando. Ferdinando

era il fratello piccolo do Carlo V, il quale governava i domini ereditari asburgico

? La minaccia ottomana nel Mediterraneo non era però meno grave, che era un teatro di audaci scorrerie dei

pirati barbareschi e in particolare Kahyr-al-Din, detto “Barbarossa”, che riesce a conquistare Tunisi nel

1534. Carl V riesce però a riconquistarla nel 1535

? Solimano il Magnifico estese ancora i propri domini fino allo Yemen e Aden: intorno al 1530 gli abitanti

erano oltre 30 milioni, la maggior parte cristiani o ebrei, ma c’era una pacifica convivenza tra le razze e le

religioni diverse ed era una caratteristica della civiltà islamica (anche se i non musulmani dovevano pagare

una tassa speciale)

? Il contributo dei sudditi cristiano fu fondamentale al rafforzamento del regime musulmano attraverso il sistema

detto devshirme,la temutissima fanteria ottomana

? Gli aspetti arbitrari e dispotici del sistema del governo ottomani, troppo spesso ingigantiti dalle fonti occiden-

tali, non incidevano sulla vita della massa dei sudditi: non esisteva la servitù della gleba e il prelievo operato

sui contadini dai timori e dallo Stato non era eccessivamente gravoso

1.6 Guerre ed eserciti tra Medioevo ed età moderna

Le falangi svizzere erano inservibili per gli attacchi alle fortezza, cosı̀ il Gran Capitano Còrdoba, spagnolo, mise

a punto uno schieramento più flessibile. Questa nuova formazione avrebbe dominato le guerre in Europa fino alla

battaglia di Rocroi nel 1643.

Le pesanti armature di ferro e la lancia furono sostituite gradualmente da un armamento più leggero comprendente

sciabole e pistole. Questa evoluzione militare si può considerare insieme cause ed effetto di più profondi mutamenti

nella società e nello Stato. L’ascesa della fanteria e dell’artiglieria ad armi decisive per vincere le battaglie manifes-

tava la nuova potenza finanziaria e accentrata sullo Stato rinascimentale e rilegava a un ruolo necessario l’apparato

della nobiltà.

2 I nuovi orizzonti geografici (Cap. 7)

2.1 Le conoscenze geografiche alla fine del Medioevo: l’Africa nera

? I rapporti europei con altri continenti erano sostanzialmente limitati a scambi economici e culturali tra le

varie sponde del Mediterraneo

? I viaggi verso l’oriente erano frequenti all’epoca di Marco Polo (XIII-XIV secolo), ma si erano fatti molti più

§Cina

difficili con l’avvento della dinastia Ming in (1368) e con l’espansione della potenza ottomana

? Le nozioni geografiche del primo rinascimento erano, per quanto riguardava gli altri continenti, vaghe e

imprecise →

? Si era oramai imposta la concezione sferica della terra (Tolomeo, II secolo dC) Il blocco formato dai 3

continenti (Europa, Asia, Africa) era collocato in tutto l’emisfero settentrionale e dell’esistenza delle Americhe

o dell’Oceania non si aveva nessuna idea. Questi errori incoraggiarono i viaggi di esplorazione dei portoghesi

e di Colombo, che pensavano che ci fossero un sacco di ricchezze nelle Indie

9

? Africa Nera: La popolazione era distribuita irregolarmente tra zone di notevole densità (fascia magrebina,

bacino del Nilo, sud del Sahara, Sudan) e aree quasi disabitate o desertiche. L’economia si era sviluppata

anche il modo molto diverso:

· centro-sud: vivevano ancora di caccia e raccolta dei frutti

· in altre parti invece venivano praticati anche l’allevamento, l’agricoltura e la produzione dei tessuti,

ceramiche, utensili di legno e metallo

? Con la penetrazione araba ci fu un’espansione dei traffici interni e con l’Europa e l’Asia e anche una fioritura,

tra il XIV e XVI secolo, di formazioni statali complesse. Lungo tutta la costa orientale si era sviluppata

una serie di città-stato di impronta araba, la cui prosperità era legata ai traffici con tutti i paesi dell’Asia

meridionale, dal Mar Rosso all’Indonesia

2.2 Civiltà precolombiane in America

? Nel continente americano la civiltà più evolute si sviluppano negli altopiani dell’America centrale e lungo la

catena delle Ande nell’America meridionale.

? In queste zone era praticata un’agricoltura sedentaria e l’allevamento aveva meno importanza; venivano svolta

numerose attività artigianali e le opere pubbliche (canali irrigatori, strade) erano imponenti enormi piramidi

a gradinoni dei Maya e degli Aztechi

? Quando gli spagnoli giunsero in America la civiltà dei Maya era in declino da tempo (fiorita tra l’attuale

Guatemala e lo Yucatàn)

? L’eredità spirituale era però stata raccolta da nuove popolazione guerriere provenienti da nord e stanziatesi

nel territorio del Messico centrale

? Tra il XV e XVI secolo gli Aztechi estesero il proprio potere da un’oceano all’altro e da nord a sud fino

allo Yucatàn. Al tempo dell’invasione spagnola, nel 1519, l’impero azteco contava 25 milioni di abitanti ed

era ancora in espansione

? La religione azteca era ipreniata sull’idea di precarietà dell’ordine cosmico, continuamente minacciato da

catastrofi naturali e dalla collera degli dei Dio Sole veniva alimentato con l’offerta del sangue umano

? Impero Incas: Si trovava lungo la cordigliera delle Ande e la costa del Pacifico e si era costituito in-

torno a Cuzco, una città posta a 3500m d’altezza, nell’attuale Perù meridionale. La società era rigidamente

stratificata:

1. L’Inca, il sovrano,era come un semidio, ed era dotato di attribuzioni politiche, religiose e militari

2. l’aristocrazia era composta dall’originaria nobiltà inca e dai figli dei capi delle tribù sottomesse

3. ayllu era la comunità contadin

? Accanto alla divinità solare (Inti), gli Incas adoravano il creatore del mondo (Viracocha), di cui di attendeva

il ritorno. Per questo ruolo verranno in seguito identificati gli spagnoli di Pizzorro. Meno frequenti e meno

importanti erano invece i sacrifici umani, mentre l’organizzazione statale era molto solida.

2.3 I viaggi di esplorazione e di scoperta

? Nel XV secolo ci fu l’esplorazione per Nuovi Mondi

? Questo ruolo lo ebbe soprattutto il Portogallo, data la sua posizione favorevole, l’alleanza con il ceto

mercantile e marinaresco e l’interesse all’esplorazione delle coste occidentali africane 1 →

? Il principe della case reale, Enrico detto il Navigatore (1394-1460), inventò le Caravelle strumento adatto

per la navigazione oceanica

1 di origne portoghese (viaggi di Colombo e Vasco da Gama) era un veliero di piccole dimensioni, con lo scafo arrotondato, la poppa

quadra, un timone posteriore e vele sia triangolari, che quadre; questi accorgimenti erano atti ad aumentare la velocità e la manovrabilità

10

? L’uso della bussola ad ago magnetico e strumenti per misurare la latitudine in base alla posizione degli astri

sono stati anche innovazione molto utili

2.4 Spezie e cannoni: l’impero marittimo dei portoghesi

? Portogallo: Concentrò gli sforzi nello sfruttamento a fini commerciali della via marittima verso le Indie

orientali

→ impossibile la conquista e la colonizzazione di vasti territori

? Il tentativo più serio di bloccare l’espansione portoghese fu compiunto dal sovrano mamelucco dell’Egitto

→ Stroncato dai portoghesi a Diu nel Febbraio 1509

? Nuove conquiste: Nell’isola di Ceylon nelle Molucche

? La Cina concesse l’apertura di un emporio a Macao

? Giappone: Visitato regolarmente da mercanti e missionari portoghesi

? I profitti del traffico di spezie arricchivano solo in parte il Portogallo

? I portoghesi non riuscirono mai ad impadronirsi di Aden e di chiudere il Mar Rosso

→ Conquista ottomana dell’Egitto: spezie e altri prodotti orientali entrano in Europa e si arrivò a una specie

di spartizione del mercato europeo tra Venezia e i portoghesi con gli alleati

2.5 Le imprese dei conquistadores spagnoli

? Presenza europea nel Nuovo Mondo 25 anni dopo la scoperta, si limitò nelle isole caraibiche e alla ricerca

dell’oro spietato sfruttamento degli indigeni 2

? 1517: Esplorazione della terraferma attraversi i conquistadores

? 1519: Hernan Cortes partı̀ da Cuba e dalle coste messicane dello Yucatan e procedette verso il centro

dell’Impero Azteco

→ fu ben accolto dal sovrano Montezuma II →

? Cortes lo imprigionò e lo obbligò a pagare un riscatto poco dopo gli spagnoli furono costretti a ritirarsi

? Ricevuti i rinforzi, Cortes tornò nella capitale, la occupò e la distrusse

? Sulle rovine venne costruita una nuova città a modello spagnolo attualmente Città del Messico

? 15 Ottobre 1522: Cortes venne eletto nuovo governatore e capitano supremo della Nuova Spagna da Carlo

V →

? 1531: Pizarro e Almagro mosservo verso il sud di Panama attratti da un regno dalla favoloso ricchezza

Perù →

? 1544: Fine dell’Impero Inca vicereame spagnolo del Perù

? 1532: Edificazione della capitale Lima →

? Inca: Erano terrorizati dalle armi da fuoco e traumatizzati dal fatto che gli Dei gli avessere abbandonati

sfacelo di un universo religioso e culturale

Lo stato d’animo fu tra le cause del rapido e catastrofico declino delle popolazioni indigene in America Latina

oltre a:

· spietato sfruttamento degli Indios

· malattie sconosciute portate dagli spagnoli

· degradazione dell’ambiente

2 soldati spagfnoli che attraversarono l’oceano e mossero alla conquista di grandi regni e immense estensioni del territorio

11

2.6 La colonizzazione spagnola del Nuovo Mondo

? 1500: La colonizzazione si estese si verso nord (California, Florida) sia nel continente sudamericano

→ l’unico limite erano le foreste amazzonica e le bellicosità delle tribù →

? Immigrazione europea e gli schiavi africani portano allo sviluppo del meticcio unione di uomini e donne di

razze diverse

? Strumenti di colonizzazione:

· Fondazione di nuove città

3

· L’encomienda

? Gli encomenderos erano tenuti a proteggere questi nuovi vassalli e a convertirli al cattolicesio

? L’encomienda divenne lo strumento di uno sfruttamento indiscriminato del lavoro indigeno

? Amministrazione: Due vicereami erano divisi in province

? Spagna: Opera di controllo della società coloniale e di moderazione dei molteplici soprusi che la caratteriz-

zavano nuove leggi promulgate da Carlo V (1542)

? Rapida estinzione delle popolazioni indigene necessaria l’importazione degli schiavi neri dall’Africa

? La manodopera per l’estrazione dei minerali, lo scavo delle gallerie e dei pozzi fu fornito dagli Indios

2.7 Le ripercussioni in Europa →

? Causa principale della “rivoluzione dei prezzi” afflusso dei metalli preziosi dalle Americhe

? Oggi si ritiene che il fattore determinante sia stato piuttosto l’incremento demografico

? I metalli presiosi furono usati per pagare l’importazione delle merci da Oriente

? vengono delineati i contorni di un’economia mondiale

? Apliamento delle coscenze geografiche e scientifiche

? Superamento di quella visione razzista ed etnocentrica che si era radicata nel vecchio continente

3 I nuovi orizzonti spirituali: Rinascimento e Riforma (Cap. 8)

3.1 La civiltà del Rinascimento italiano

? I decenni delle invasioni straniere portano alla massima fioritura del Rinascimento italiano

? Rinascimento: Ritorno ai modelli classici nella filosofia, politica, letteratura e arte nuovo e positivo

atteggiamento dell’uomo verso la natura e l’uomo posto al centro dell’universo

? Il Rinascimento include l’Umanesimo gli umanisti si dedicano principalmente alla riscoperta delle opere

antiche latine e greche

? Osservazione della natura di basa sempre più spesso su un’analisi attenta alla realtà

? Vicende diplomatiche e militari furono uno stimolo per la riflessione politica e storiografica

? Macchiavelli fondò la nuova scienza della politica fondata sull’esaltazione dei modelli classici

3 assegnazione a un conquistador di una cricoscrizione territoriale al cui interno essi avevano ditirro di esigere tributi e prestazioni di

lavoro dagli indigeni 12

3.2 Aspettative e tensioni religiose alla fine del Medioevo: Erasmo da Rotterdam

6

? La cultura rinascimentale era impreniata di valori laici e terreni = dispute dottrinali e teologiche

? Esigenza di una riforma della Chiesa che la riportasse alla purezza e alla povertà delle origini

? Origini del movimento “Protestante”: volontà umanisticha di risabilire l’autenticità del messaggoi cristiano

attraverso lo studio diretto dei testi sacri

? Thomas More Utopia: società immaginaria basta sull’amore tra gli uomini e sulla comunione dei beni

? Erasmo da Rotterdam:

· convento agostiniano, che lasciò per conseguire i suoi studi

· conosceva i classici e il latino

· delineò il quadro di una morale che conciliava le influenze del mondo classico con l’insegnamento di Cristo

· →

edizione critica del testo greco e latino del Nuovo Testamento base per la traduzione di Luther in

tedesco

3.3 La riforma luterana

? Martin Luther.

· 1438 nasce a Eisleben

· 1501: giurisprudenza a Erfurt

· →

1505: decide di farsi monaco profonda crisi interiore

· →

1507: ordinato sacerdote studi teologici

· 1513: insegnamento teologico a Wittemberg

· 1515-16: corso sull’Epistola ai Romani di San Paolo

→ giustizia divina andava intesa com guistificazione, come il dono della grazia offerto al peccatore che

riconosca la propria indegnità e si affidi alla sua misericordia

· la natura umana per lui è intrinsecamente malvagia

· →

il giusto farà sicuramente il bene conseguenza della sua grazia, non la causa

Pessimismo sulla natura umana

· nuovo significato della Sacra Scrittura: doveva essere letta e spiegata senza tenere conto delle interpre-

tazioni ufficiali

· principi della teologia luterana

∗ sola fide

∗ sola scriptura

· la rivelazione del contenuto dei testi sacri, cancellava il magistero della Chiesa in materia teologica

· → dottrina della giustificazione ne annulla la funzione di intermediario tra l’uomo e Dio

· Dei 7 sacramenti se ne salvano solo 2: Battesimo e Eucarestia

3.4 La rottura con Roma e le ripercussioni in Germania

? Esitenza di un tesoro di meriti accumulati dalla vergine e dai santi, al quale la

Teoria delle indulgenze:

Chiesa poteva attingere per rimettere le pene ai peccatori pentiti e anche per abbreviare le pene del purgatorio

? 31 Ottobre 1517: Luther inviò ad Alberto von Hohenzollern 95 Tesi

? 95 Tesi: Vi era stigmatizziato il traffico delle indulgenze e negata la facoltà del pontefice di rimettere le pene

13

? Luther voleva solo avviare un dibattito accademico, invece le tesi furono stampate e riscossero grande successo

in Germania

? Giugno 1520: Leone X emana la bolla Exurge Domine: venivano lasciato a Luther 60 giorni per ritrattare

prima della scomunica

→ alla fine dell’anno L. bruciò la bolla insieme ai libri di diritto canonico

? Primi mesi del 1521: Scomunica

? Giugno 1519: Carlo V aveva promesso a Federico il Saggio che avrebbe permesso L. di giustificarsi alla sua

presenza

→ memorabile incontro 17/18 Aprile 1521 alla Dieta imperiale di Worms

? L. venne bandito dall’Impero

Editto di Worms:

→ Wartburg, traduzione del Nuovo Testamento in tedesco

3.5 Le correnti radicali della Riforma. La guerra dei contadini

? 1520: I seguaci di L. iniziarono ad aizzare le folle

→ riforma sociale e religiosa erano strettamente congiunte da questi predicatori

? 1525: Thomas Muentzer si pose alla testa di una sollevazione popolare e diede vita ad un governo cittadino

basato sull’uguaglianza e la comunione dei beni

? 1525: Memmingen, 12 Articoli

? Le violenze e i saccheggi indussero i principi ad armarsi per stroncare il movimento

? T.M. vene catturato e messo a morte dopo atroci torture

? Repressione durissima la condanna della ribellione era coerente con la visione ancora medievale che lutero

aveva dell’autorità dei principi

3.6 La conlusione dei conflitti in Germania

? Carlo V riprende gli sforzi per risolvere la questione luterana

? 1530: Dieta di Augsburg

→ Filippo Melatone scriva una professione di fede a cui aderı̀ la maggior parte della città e dei principi

riformati

? Carlo V intimò ai protestanti di sottomettersi

→ I protestanti crearono un’alleanza difensiva Lega di Smacalda, Dicembre 1530

? 1541: A Regensburg l’ultimo tentativo di conciliazione compromesso tra cattolici e protestanti, che fallisce:

i negziati lasciano il posto alle armi

? 1547: Vittoria schiacciante di Carlo V sulla a Muehlberg riuscı̀ a porre termine al

Lega di Smacalda

conflitto

? Re di Francia, Enrico II allacciò i contatti con i protestanti tedeschi e i turchi per sucitare difficoltà algi

Asburgo

? Autunno 1551: Accordo segreto tra Enrico II e i principi protestanti

→ appoggio diplomatico e militare ai principi in cambio dell’acquisizione dei vescovati Metz, Toul e Verdun

? 25 Settembre 1555: venne riconosciuta la Germania in due diverse fedi religiose

Augsburger Frieden

1. nella imperiali era ammessa la convivenza di entrambe

14

2. i principi territoriali potevano imporre la loro fede ai sudditi, in caso di dissenso erano obbligati ad

emigrare

? Questo porta anche alla scissione religiosa della Germania + grave indebolimento dell’autorità imperiale

? 1555-56: Spartizione dell’impero di Carlo V tra

· →

Ferdinando (fratello) diventa Imperatore del Sacro Romano Impero + re di Boemia e Ungheria

· →

Filippo II (figlio) Spagnia con tutte le colonie, Paesi Bassi, Franca contea, Regno di Napoli, Sicilia

e Sardegna e il Ducato di Milano

? 21 Settembre 1558: Carlo muore in Spagna

3.7 La diffusione europea del protestantesimo. La Riforma in Inghilterra

? Ginevra: Accademia per la formazione di pastori fede intransigente ed eroica, pronta al martirio e alla

ribellione per affermare la gloria di Dio →

? Francia, Paesi Bassi, Inghilterra e Europa orientale aree europee interessate al colonialismo + scoppi

rivoluzionari

? 1528: Erico VIII Tudor chiede al potefice l’annullamento del suo matrimonio con Caterina d’Aragon

→ Clemente non si sente di accogliere la richiesta

? 1529: Enrico VIII convoca un parlamento e ottenne l’annullamento del matrimonio e anche la rottura di tutti

i vincoli di dipendenza da Roma →

? 1534: Approvazione dell’Atto della Chiesa d’Inghliterra la dottrina e la struttura

di supremazia

gerarchica della Chiesa non furono toccate

? Thomas Cromwell: artefice dello scisma anglicano e segretario di Enrico VIII

· riordinamento del Consiglio

· →

rafforzamento dell’apparato amministrativo cade in disgrazia

? 1540 Cromwell fu accusato di tradimento e giustiziato →

? La vera riforma religiosa ci fu durante il breve regno di Edward VI dottrina calvinista si diffuse largamente

in Inghilterra

? Maria Tudor:

· succedette a Edoardo

· si spsò con Filippo II di Sapgna

· →

cercò di riportare la fede cattolica in Inghilterra inliggendo condanne a morte ai protestanti Bloody

Mary

? Dopo la morte di Mary, la Chiesa ancglicana assumerà una forma definitva, separata da Roma e soggetta

all’autorità del sovrano →

? Anche in Scozia il calvinismo diventa la religione dominante John Knox

? Paesi scandinavi: Religione di stato diventa il luteranesimo intensi contatti culturali e commerciali con

la Germania

? 1521: Nobiltà Suedes elesse a proprio capo Gustav Vasa 4

→ 1523 si fece proclamare re: staccamento dell’Unione Kalmor

4 dal 1397 Danimarca, Svezia e Norvegia sotto la supremazia del re danese

15

? 1544 Svezia diventa ufficialmente paese luterano

→ la corona venne dichiarata ereditaria della dinastia Vasa (anche per la Finnlandia che era sotto il re svedese)

? Danimarca: Trasformazione degli ordinamenti ecclesiastici: Friedrich von Holsten suo figlio Cristian III

proclama 1536 luteranesimo unica religione di stato

? La stessa riforma ci fu anche in Norvegia e Islanda che erano suddite della corona danese

4 La Controriforma e l’Italia del tardo Cinquecento (Cap. 9)

4.1 Speranze e propositi di rinnovamento religioso

? Controriforma (fine XVIII secolo, Germania)

? Riforma cattolica (autonomia e spontaneità)

? Riforma cattolica distinta fra esame di coscienza della Chiesa cattolica alla luce dell’ideale di vita cattolico,

e affermazione di sé compiuta dalla Chiesa cattolica contro il Protestantesimo (cronologicamente è una fase

successiva, caratterizzata da un atteggiamento dogmatico e repressivo) Evangelismo - Controriforma.

? Le istanze di rinnovamento religioso furono avvertite anche in Italia, dove c’erano diversi stimoli in questa

direzione:

· circolavano ampiamente le opere di Erasmo, che venivano lette spesso in chiave luterana, cioè di alter-

nativa globale al complesso di dogmi e istituzioni in cui si identificava la religione tradizionale.

· Ondata di profezie e attese apocalittiche, alimentate dai predicatori (vedi Savonarola a Firenze) e dalle

sofferenze delle uerre d’Italia

· L’anticlericalismo diffuso negli strati sia colti che popolari: critica alle preoccupazionimondane e svalu-

tazione delle pratiche esteriori di devozione (per es culto ai santi e alle reliquie); accento sulle massime

evangeliche

· La suggestione esercitata da alcune figure ecclesiastiche e laiche dall’intensa spiritualità (cardinale Gas-

paro Contarini, 1483-1542; Gian Matteo Giberti vescovo di Verona, Juan de Valdés, 1490-1541, a Napoli,

intellettuale misticista, Reginald Pole, 1500-1558 in Inghilterra

· Oratorı̂ del divino amore, preghiera e opere di carità

? Paolo III Farnese alimenta le speranze di un’iniziativa dall’alto per la Riforma della Chiesa (sollecitata

anche da Carlo V): nomina cardinali diversi esponenti delle correnti riformatirici: Contarini, Giberti, Pole;

? 1536: Istituisce una commissione, presieduta da Contarini per studiare i mali della Chiesa: ne esce il De

emendanda Ecclesia, 1537, che però rimane ineseguito

? Manifesta la volontà di indire un concilio ecumenico

? Il convocato a Mantova nel 1537, riesce a riunirsi solo nel 1545: infatti Paolo III voleva assicurarsene

Concilio,

lo stretto controllo: lo procrastina e lo indice a Trento nel 1542, ma a causa della riapertura delle ostilità fra

Carlo V e Francia, il Concilio si riunisce solo nel 1545

4.2 Nuovi ordini religiosi

? Questo fervore si espresse anche nella nascita di nuovi ordini regolari o nella riforma dei vecchi:

1. ordine dei cappuccini, 1528, nuovo ramo dei francescani; alla povertà uniscono l’assistenza spirituale

e materiale.

2. Teatini, barbaniti, somaschi: formazione del clero, evangelizzazione, insegnamento, assistenza a

malati e orfani;

3. Orsoline 1535 di Angela Merici. 16

4. Compagnia di Gesù fondata da Ignazio di Loyola, esponente degli hidalgos, con vocazione delle armi

e spirito di crociata, consacra la sua vita alla liberazione della terra Santa e al servizio alla Chiesa.

? 1540: Approvazione di Paolo III della Compagnia: milizia scelta al servizio del papa e della Controriforma;

castità, povertà, obbedienza, fedeltà assoluta al pontefice. Esercizi spirituali del 1548: disciplina, energia,

abnegazione.

? Le case professe non detenevano beni, ma i collegi avevano i loro benefattori: la formazione delle classi dirigenti

codificata nella ratio studiorum (classici, emulazione fra studenti, severa disciplina) è un obiettivo primario

? Attività missionaria anche in Asia e Giappone

4.3 Il concilio di Trento

? 1541 Ratisbona: Fallisce l’ultimo tentativo di riconciliazione nonostante la buona volontà di Contarini e

Melantone

? 1542 o dell’Inquisizione (GianPietro Carafa, futuro Paolo IV)

Congregazione del Santo Uffizio,

? Bernardino Ochino, generale dei cappuccini, fugge a Ginevra

? Per i protestanti italiani le alternative erano il nicodemismo e l’esilio volontario. Forti spostamenti verso

Ginevra e Svizzera, o, se troppo soffocanti, verso Inghilterra ed Europa orientale. Lelio e Fausto Sozzini

NB

(Socini), antitrinitari, procristianesimo tollerante e ragionevole, vivo nell’ombra fino all’Illuminismo

? 1542: Convocazione Concilio, ma per guerre Carlo V vs Francia 1545 Concilio di Trento:

→4 cardinali (di cui 3 legati papali), 4 arcivescovi, 21 vescovi + teologi senza diritto di voto, e generali degli

ordini regolari

? Priorità alla discussione dei punti dogmatici più controversi (e non alla questioni disciplinari, come avrebbe

voluto Carlo V): effetti del peccato originale (cancellati dal battesimo!), principio di giustificazione per sola

fide (eretico!)

? 1547 Peste, trasferito a Bologna; il nuovo papa Giulio III lo riconvoca nel 1551 a Trento; 1552 interrotto

ancora da Carlo V vs Francia

? Paolo IV Carafa lo sospende, in quanto ostile al Concilio; estende i poteri dell’Inquisizione, sottopone a

processo alcuni dei maggiori esponenti del partito riformatore (Pole e Morone), 1559 promulga l’Indice dei

libri proibiti (compreso Erasmo) ⇒

? Pio IV Medici (1559-65) rilancia il concilio e lo conclude nel 1563

· rafforzamento del carattere monarchico della Chiesa cattolica: superiorità del papa al Concilio e sua

discrezionalità nell’applicarne le deliberazioni

· valore delle buone opere ai fini della salvezza

· tradizione della Chiesa è fonte di verità, accanto alle scritture

· natura dei sacramenti (eucarestia: trasformazione reale; e ordine: aura sacrale del sacerdote)

· esistenza purgatorio

· validità indulgenze

· legittimità del culto a Santi e Madonna

· istituzione di seminari

· divieto cumulo cariche

· obbligo di risiedere nella propria diocesi e di visitarla tutta ogni due anni, tenendo scrupolosamente

registri di battesimi, matrimoni, sepolture 17

4.4 La Chiesa e il papato nella seconda metà del Cinquecento

? Nuova compattezza cattolica e durezza contro protestantesimo e spinte eterodosse; affermazione di volontà di

dominio spirituale, politico e sociale

? Pio V Ghislieri 1566-72:

· 1561 massacro di valdesi in Calabria

· 1568 ripubblica la medievale In Coena Domini: oltranzismo del potere papale sui sovrani temporali

· 1570 scomunica Elisabetta I

· 1571 Contribuisce alla vittoria di Lepanto

? Gregorio XIII 1572-85 prosegue l’indirizzo; riforma il calendario

? Sisto V 1585-1590:

· uovo impulso all’attività missionaria e alla controriforma in Europa centro-settentrionale (Polonia)

· Riorganizzazione della Curia romana: 70 cardinali, 15 congregazioni cardinalizie (9 per la Chiesa univer-

sale e 6 per affari interni dello Stato pontificio): il Collegio cardinalizio non è più un limite all’autorità

delpontefice, ma un suo strumento.

· Lotta al brigantaggio

? Clemente III 1592-1605:

· Lotta al brigantaggio

· Ridotte le autonomie delle città suddite e delle residue signorie feudali

· 1598 annessa Ferrara (estinti gli Este)

· abbellimento dell’Urbe: costruzione cupola San Pietro

? Avvento di vescovi e arcivescovi animati da grande zelo e carica riformatrice:

1538-1584 Carlo Borromeo: vita austera, riorganizzazione e moralizzazione del clero, seminari e sinodi

diocesani, lotta intransigente antieretica, giurisdizione ecclesiastica vale sopra istituzioni assistenziali anche

laiche, autorità religiosa dentro la vita dei fedeli;insofferenza ai limiti imposti al proprio potere: gesti clamorosi

col governatore dello Stato di Milano NB: Penetrazione capillare nei settori della popolazione grazie ai nuovi

ordini regolari, anche se sopravvivono pratiche devozionali arcaiche (preghiere ai defunti, processioni per la

pioggia): le masse non comprendevano la liturgia in latino: avevano spesso una religiosità intensa, ma ingenua

e povera di contenuti morali.

4.5 L’egemonia spagnola in Italia

? Gli interlocutori principali del potere sovrano, laddove non lo detenevano essi stessi, come a Venezia, Genova,

Lucca, erano i ceti nobiliari, che si stavano riqualificando grazie ad una trattatistica che insisteva sui caratteri

ereditari, di sangue, di onore

? Nel Mezzogiorno e nelle isole spadroneggiava una nobiltà feudale, mentre al centro-nord si erano sviluppate

le civiltà comunali, per cui il ceto nobile era un patriziato urbano di origine mercantile, e il suo status

si identificava con l’accesso esclusivo ai seggi del consiglio cittadino; fra 500 e 600 anche questi gruppi di

allontanarono sempre più dai traffici e dalle attività produttive, acquisendo una mentalità più simile a quella

dell’antica nobiltà e allo stampo spagnolo

? 1559 tra Francia e Spagna: sancisce egemonia spagnola in Italia fino al XVIII

Pace di Cateau-Cambresis

secolo: Regni di Napoli, Sicilia, Sardegna, Ducato di Milano, tato dei Presidi (Talamone, Orbetello, Argen-

tario); al re si riconosceva la suprema autorità legislativa, il diritto-dovere della difesa, del prelievo delle risorse

necessarie; la facoltà di applicare e interpretare leggi e riscuotere, ripartire le imposte erano prerogative degli

organi locali. C’erano vicerè che cambiano ogni 3 anni a Napoli, Palermo, Cagliari, un governatore a Milano

e i comandanti dell’esercito provenienti dalla nobiltà spagnola

18

? Magistrature finanziarie e giudiziarie venivano da elementi indigeni con lunghe cariche, appoggiati a Madrid

dal Consiglio d’Italia, composto da Reggenti tratti da magistrature locali. Il baronaggio si appoggiava al

Parlamento, che si riuniva per approvare i donativi al monarca e amministrava Napoli

? Il governo spagnolo riuscı̀ a indebolire il peso sociale della feudalità, limitandone le ingiustizie

? 1545 Carlo V ordina il catasto Toscana: Medici a Firenze grazie alla Spagna; 1532 riforma costituzionale

sovrappone alle antiche magistrature repubblicane il Consiglio dei Duecento e il Consiglio dei Quarantotto

(Senato)

? Cosimo I (1537-74) sviluppa il regime in senso assolutistico: governa attraverso i propri segretari, di origine

modesta, e dal 1545 tramite un nuovo consiglio di carattere informale, grazie alla “Pratica segreta”

? Annette Siena 1557, che mantenne le proprie leggi e sitituzioni Francesco I e Ferdinando II fanno nascere

e sviluppare il porto di Livorno

? Stato sabaudo: ricostituito sotto Emanuele filiberto 1553-80 alla pace di Cateau-Cambrésis. Trasferisce

la capitale al di qua delle Alpi, a Torino, sopprime autonomie locali e istituisce una Camera dei Conti, per

centralizzare il controllo finanziario

? Carlo Emanuele I 1580-1630 tenta delle avventure espansionistiche, fallisce nel conquistare Ginevra, ma

acquista il Marchesato di Saluzzo

? Genova 1575: Gravi disordini fra nobiltà vecchia e nuova: nobili vecchi abbandonano la città e gli strati

popolari pretesero sgravi fiscali a favore delle arti dalla nobiltà nuova. 1576 non più elezione a sorteggio

e ricomposizione del ceto dei “magnifici” (nobili), ma stratificazione orizzontale basata sui diversi livelli di

ricchezza, invece delle precedenti alleanze verticali; ciò va di pari passo con la crisi delle attività manifatturiere

e della dipendenza economica genovese dalla Spagna

? Venezia indipendente; contrapposizione fra patrizi (con cariche pubbliche) e “cittadini originari” (professioni

liberali, cancellerie e segreterie). Aumenta la nobiltà e quindi si differenziano molto nobili ricchi e nobili

poveri. Rafforzamento dei nobili ricchi tramite il Consiglio dei Dieci (vs il Senato) e istituzione di un organo

di alta polizia, i tre Inquisitori di Stato

? 1583: L’opposizione dei giovani nobili poveri restituisce i suoi vecchi poteri al Senato e fa adottare una politica

estera indipendente dalla Spagna e dalla Chiesa

5 L’Europa nell’età di Filippo II (Cap. 10)

5.1 Filippo II e i regni iberici

? 1555-56 Carlo V abdica a favore del fratello Ferdinando e del figlio Filippo:

Ferdinando I 1555-1564: titolo imperiale + stati ereditari asburgici + Boemia e Ungheria

Filippo II 1556- : Spagna + colonie americane + Regni di Napoli, Sicilia e Sardegna, Ducato di Milano

? NB: possedeva la Castiglia (enorme potenziale demografico e militare), controllava le aree più ricche e ur-

banizzate d’Europa, era appoggiato dai banchieri di Genova e Anversa, e disponeva del forte flusso di metalli

preziosi proveniente dall’America. →

? Enrico II (1547-1559, morte accidentale), tenta la sorte delle armi sconfitto a San Quintino

? Deve firmare nel 1559 la Assicurava alla Spagna l’Italia, la Franca Contea e

Pace di Cateau-Cambrésis:

i Paesi Bassi

? Inoltre la Francia era notevolmente indebolita dalle lotte religiose, e ad Enrico succedettero una serie di

sovrani incapaci o minori

? Filippo II eredita da Carlo V 19

· la totale dedizione al regno

· la preoccupazione di rendere ai sudditi una giustizia imparziale

· il senso di una missione da compiere di cui avrebbe dovuto rendere conto a Dio

? Nato ed educato a Valladolid, si sentiva profondamente castigliano

· gravità del portamento

· austerità del costume

· concezione esclusiva e gelosa del potere, senza deleghe

· religiosità intensa ma angusta e intollerante

? Nel 1558 morı̀ Maria Tudor, seconda moglie di Filippo, spegnendo il sogno di ricondurre l’Inghilterra al

cattolicesimo

? Era convinzione corrente che l’unità religiosa fosse la condizione sine qua non dell’unità politica, per cui per

l’imposizione dell’ortodossia prese le prime misure di rilievo nel suo regno:

· 1558-1560 proibiti viaggi all’estero degli studenti e l’introduzione

Rafforzamento dell’Inquisizione:

dei libri stranieri

· condanne a morte delle comunità protestanti scoperte

· 1568 persecuzione dei moriscos

· crisi dell’industria serica, in cui erano impiegati = rivolta dei moriscos

→ i sopravvissuti furono deportati al nord della Castiglia, da cui vennero definitivamente espulsi nel 1609

? Tuttavia si dimostrò spesso indocile nei confronti della Santa Sede: per esempio pubblicò i decreti del Concilio

con due anni di ritado, e con la riserva che la loro applicazione non doveva ledere le prerogative

di Trento

regie

? Inoltre l’intransigenza religiosa rispondeva perfettamente ad un’aspirazione del popolo castigliano, eredità

5

della Reconquista

? La sede della corte fu trasferita Madrid, al centro della Spagna

→ dall’Escorial, metà palazzo e metà monastero, Filippo dirigeva tutte le pratiche del regno con grande

lentezza burocratica 6

? Questo accentramento = centralismo delle monarchie assolute dei secoli XVII e XVIII:

→ Filippo rimase fedele alla concezione di Carlo V per la quale ogni Paese doveva mantenere i propri

ordinamenti e le proprie individualità, ed essere uniti solo nella figura del sovrano

? Estese e perfezionò il sistema dei Consigli:

· Consiglio di Stato (politica estera)

· Consiglio dell’Inquisizione

· Cosiglio di Azienda (finanze)

· vi erano anche Consigli preposti a diversi complessi territoriali in cui sedevano rappresentanti dei Paesi

interessati

· inoltre le magistrature locali avevano forti autonomie

? 1580 si estingue la dinastia degli Aviz: il Portogallo e i suoi possedimenti coloniali vengono annessi alla corona

spagnol

Esso mantenne la sua forma di governo e le sue leggi, sotto un nuovo Consiglio formato solo da Portoghesi

5 in cui la limpidezza della fede corrispondeva alla limpieza de sangre

20


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

37

PESO

290.78 KB

AUTORE

Ely90h

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame del professor Del Zanna di Storia moderna,basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Storia moderna di Carlo Capra, Edizione 2004 . Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti: monarchie e imperi tra XV e XVI secolo (Cap. 6), i regni di Fancia, Spagna, Inghilterra e l’Impero germanico, la prima fase delle guerre d’Italia, Carlo V: il sogno di una monarchia universale.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze linguistiche (BRESCIA - MILANO)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Ely90h di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia moderna e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Del Zanna Giorgio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze linguistiche (brescia - milano)

Geopolitica - atlante geopolitico mondiale  - Appunti
Appunto
Teologia 2 - Appunti
Appunto
Riassunto esame Teologia, prof. Maggioni, libro consigliato Un tesoro in vasi di coccio, Maggioni
Appunto
Riassunto esame Teologia 1, prof. Stercal, libro consigliato Introduzione alla Bibbia, P. Grelot
Appunto