Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

dell’ispirazione religiosa che pervase quei tempi. Adolfo Bartoli, un erudito italiano

raffigurava lo storico medievale come un monaco. La tipica storiografia medievale

era una narrazione divisa in 3 parti : la prima ricorda la creazione dell’uomo e le

vicende del passato, la seconda le vicende dell’epoca più vicine all’autore, la terza

predice la fine dei tempi,essa viene definita “storia universale”ovvero un resoconto

del misterioso progetto divino,poiché la cultura medievale interpretava la storia in

rapporto alle verità della fede, anche se il realtà in quei tempi la storiografia aveva

le stesse funzioni di oggi, e spesso nei resoconti vi sono scritti avvenimenti e

spiegazioni delle circostanze,per questo motivo non è più possibile considerare

questi testi come semplici repertori inaffidabili, poiché al loro interno vi sono

dottrine,idee sentimenti e attitudini mentali che costituiscono aspetti essenziali

della cultura di quei tempi.

_ Autori,forme,pubblico

Le opere storiche nonostante le invasioni,non smisero di essere prodotte,ma rimasero

nelle mani di ceti eminenti delle società romane; questi cronisti continuarono a usare i

metodi diffusi nella tarda antichità oppure la storiografia cristiana nata al tempo di

Costantino. Eusebio di Cesare, tentò di sintetizzare tutta la storia

dell’antichità,scrivendo la “Cronografia” cercando di armonizzare le differenze tra i

popoli e affrontando il problema del sistema di calcolo del tempo. L’importanza della

storia nell’educazione cristiana fu sancita da San’t Agostino,che si serviva della storia

per dimostrare la gloria del cristianesimo e la sua diffusione. La cultura

medievale,eredito e si ispirò alle “storie “ di Orosio,come le “storie dei franchi” di

Gregorio di Tours. Nell’età barbarica la storiografia non ecclesiastica fu prodotta per

fini amministrativi,effettuando registrazioni cronologiche i “fasti” segnando gli eventi

importanti anno per anno. Nel VII sec la scrittura si sposta nei monasteri

benedettini,che rimarranno i principale centri di produzione storiografici. Nel medioevo

i monasteri erano importanti centri economici e politici,importanti centri scolastici e

intellettuale ,fondati e protetti da re o nobili famiglie, esempi di storiografia

benedettina sono “Storia ecclesiastica del popolo degli angli” del monaco Beda,

“Storia dei Longobardi “ scritta a Montecassino da Paolo Diacono (700), un altro

monaco Winduchino Corvey narrò la storia della famiglia degli ottoni (900); sempre nel

VII in alcuni monasteri franchi,fu avviato l’uso di registrare le notevoli vicende

contemporanee anno per anno le “tabulae paschales” cioè calendari liturgici con su

scritto il giorno della Pasqua partendo la cronologia dalla nascita di Cristo,fu questo

l’inizio dell’annalistica medievale ( Nel 525 il monaco Dionigi Piccolo mise a punto un

sistema di conteggio degli anni che partiva dalla nascita di Cristo,usato ancora

oggi),che aveva lo scopo di documentari i fatti accaduti,Carlo Magno volle che un

resoconto annalistico delle vicende del regno fosse tenuto nella sua corte,per poter

documentare la sua grandezza ed il suo valore. Nel XI e XII sec, recuperò vigore la

cronaca universale,opere composte da monaci come Bernoldo di Costanza e Lamperto

di Hersfeld,essi si dedicarono aalla storia per cercare nel passato prove del ruolo che

le 2 istituzioni supreme (impero,papato) erano chiamate a svolgere nelle guida della

cristianità,poiché nelle storia dell’umanità redenta da Cristo una sola doveva essere la

chiesa,uno solo l’impero; per rendere credibile ciò fu usato il termine di “traslazione

dell’impero” con il quale s’intendeva dire che l’impero romano si era trasferito

nell’impero bizantino. LA riorganizzazione della conoscenza storica impegno altri

monaci e cronisti dell’epoca come Mariano scoto,che ridatò l’intera storia universale.

Nel XI sec la cultura progredì,la storiografia monastica recuperò i modelli storiografici

antichi, presentando i documenti correlati dai punti di vista che spiegavano il

significato dell’accaduto. La cronaca universale raggiunse la sua espressione migliore

con “storia delle due città” del vescovo Ottone,in cui espresse le preoccupazioni

religiose e in particolare lo scisma tra impero e Chiesa,inoltre descrisse l’apocalisse

come catastrofe prossima. Sempre nel XI e XII sec signorie militari,dinastie nobili e

principati regionali volevano qualificare e legittimare il loro potere attraverso la

narrazione di imprese compiute dai loro avi o loro stessi,fu così che iniziò la genealogia

e la biografia, i quali autori erano spesso monaci; fino ad allora le biografie erano state

redatte solo per Santi ed imperatori carolingi o sassoni, la più nota è “Vita di

Carlomagno” di Eginardo,un dotto vissuto alla corte dell’imperatore. Nel X sec la

biografia iniziò a prendere campo tra i normanni,principalmente per Riccardo I,il

conquistatore d’inghilterra e successivamente dei normanni in Sicilia, come Roberto il

Guiscardo che usarono le biografie a scopo politico. Nelle biografie l’ idea comune è

quella della fortuna. Nel XII e XII sec la storiografia si concentrò sulla formazione e

l’attività dei regni,il più importante fu il monastero di ST.Denis a Parigi,dove gli abati

raccolsero le biografie dei regnanti precedenti e stesero una compilazione unitaria

sulla storia di Francia, che fu tradotta in francese dal monaco Primate,permettendo

che l’opera fosse disponibile per un pubblico più ampio. Negli stessi secoli, le crociate

o i comuni italiani diedero origine produzioni distinte; gli autori di queste opere sono

laici, nelle crociate alcuni partecipanti del ceto feudale hanno scritto resoconti con

dettagliate annotazioni ed efficacia di sentimenti,questi testi hanno carattere

memorialistico; mentre la storiografia comunale nasce da 2 aspetti fondamentali :

ricordare con precisione la cronologia delle magistrature, e le imprese salienti del

comune; gli autori di queste memorie furono per lo più funzionari coinvolti nel governo

delle istituzioni, una figura di essi è del mercante genovese Caffaro di

Caschifellone,che ne 1152 presentò al comune di Genova i suoi annali, d ali altri lo

susseguirono. Un’altra componente della storiografia comune si trova nelle “lodi della

città” composizioni letterarie, che celebravano i pregi le tradizioni comunali. Dall XI

sec la composizione di opere storiche legate alle tradizioni divenne sempre più

compiuta, a Milano si scrisse della chiesa milanese, ,a Pisa si scrisse dei successi

militari nei porti musulmani, a Brescia in particolare Mosè dal Bromo scrisse sulla lega

lombarda; Nel duecento la storiografia cittadina,cronologico-istituzionale e quella

politico-ideologica si fusero dando luogo ad opere più complesse ,come gli “annalI” del

notaio piacentino Giovanni Codangelo, o i Gesta Florentinum del fiorentino senza

nome,tali testi avevano funzioni più disparate dalla propaganda politica all’uso privato

per la stessa famiglia, i testi venenro scritti ancora in altino,dalla seconda metà del

200 compaiono le prime opere in volgare,tra cui i primi vennero fatti a Firenze da

Ricordano Malespini con la “Historia Fiorentina” e anche da Dino Compagni e da

Giovanni Villani fiorentino e mercante. LE forme storiografiche del XII e XIII sec si

moltiplicarono negli anni e continuarono ad essere applicate nei vari paesi

europei,insieme anche ad un tipo di opere a carattere enciclopedico,di cui gli autori

per lo più monaci francescani e domenicani, volevano solo raccogliere e divulgare più

informazioni possibili con finalità eruditi che e didattiche, le opere di rilievo sono

“Specchio della storia” di Vincenzo Beauvis ,che sintetizzava la storia di diversi

popoli,dall’antichità fino al 1200 tra cui estratti del Corano.

_ Utilizzazione delle storie medievali

Nel periodo medievale restò sempre vivo l’interesse per la storia,nonostante le

avversità come il fondamentalismo religioso, e nonostante questo gli storici del tempo

riuscirono a valorizzare gli aspetti che ritenevano degni di nota, tanto che

l’interpretazione delle vicende non andò a deperimento dell’attendibilità della

fonte,poiché gli storici del tempo si impegnavano a ricercare le notizie assicurandosi

che esse provenissero da fonti ben informate e fedeli,tanto che spesso citano queste

fonti. Nei secoli centrali la circolazione di notizie divenne molto ampia:

pellegrini,monaci,ambasciatori,mercanti, viaggiavano e divulgavano informazioni;

accanto a queste testimonianze gli storici si servirono degli archivi civili ed

ecclesiastici. Non sempre gli storici del tempo riuscirono a procurare una gran quantità

d’informazioni o riuscirono a distinguere le notizie vere dalle false,tante volte si auto

fabbricavano pezze d’appoggio per confutare le loro teorie,accade molto nella

monastica benedettina quando per motivi politici si doveva difendere il monastero. La

critica storica moderna si impegna a distinguere le diverse componenti presente in

ogni testo medievale,ovvero personalità,condizione sociale,condizionamenti ideologici

dell’autore della fonte, un metodo complesso e raffinato simile a quello che si adopera

nell’analisi delle opere letterarie. I testi di stori medievali sono per lo più pubblicati in

grandi raccolte iniziate in diverse paesi europeo fin dal 600, ai giorni nostri vi sono

accademie che curano la pubblicazione dei testi ancora inediti e la riedizione

perfezionati di quelli gia pubblicati. La più ricca collezzione di fonti, di storia medievale

sono i “monumenta Germaniae historica” conta 38 volumi che raccolgono centinai di


ACQUISTATO

26 volte

PAGINE

11

PESO

68.38 KB

AUTORE

storia92

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Storia Medievale da 12 cfu della professoressa Benvenuti Anna, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente introduzione della storia medievale, Paolo Delogu . Gli argomenti trattati sono i seguenti: la storia medievale: un’epoca regnata dalla Teocrazia della Chiesa Cattolica, la storia dell’idea del Medioevo, l’età di mezzo nella cultura del 600.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in storia e tutela dei beni archeologici, artistici e librari
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher storia92 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia medievale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Benvenuti Anna.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia medievale

Riassunto dell'esame Storia Medievale, prof. Gagliardi e Salvestrini, manuali consigliati Alto e Basso Medioevo, Tabacco, Merlo (12 cfu)
Appunto
Riassunto esame Storia, prof. Benvenuti, libro consigliato Medioevo, Vitolo
Appunto
Il Medioevo, Vitolo - Sintesi capitoli 20-21-22-23
Appunto
Storia medievale - movimento comunale
Appunto