Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1856: Erminia va via da casa, accompagnata da un amico di famiglia e

si trasferisce a casa di uno zio paterno a Venezia. Erminia dopo essersi

convertita al cattolicesimo, sposa Arnaldo. Di quegli anni, Erminia

ricorda solo il dolore che causò ai genitori, anche se la riconciliazione

avvenne dopo il primo mese di matrimonio.

Perché dolore? In quell’epoca era ancora forte il concetto di tradizione,

soprattutto nei ceti borghesi e aristocratici, dove erano i genitori a

decidere il matrimonio dei figli, a scapito del valore dei sentimenti, ma

per stipulare un contratto matrimoniale.

Erminia prova dolore e imbarazzo perché non costituisce un esempio di

ragazza che le altre possono seguire.

Anche Arnaldo deve sfidare divieti e convenzioni sociali. I neo sposi

vanno a vivere a Castelfranco dalla prima suocera di Arnaldo (diventerà

una figura materna fondamentale per Erminia).

Rispettivamente negli anni 1857, 1860 e 1863 dà alla luce tre figli: Gino,

Guido e Teresita (nonostante gli inizi della tubercolosi).

1859: Armistizio di Villafranca= segna l’inizio per i patrioti del Veneto alla

lotta di resistenza. Aumenta la sorveglianza da parte delle forze militari e

la censura colpisce l’attività intellettuale, ma Erminia con il cognato

Clemente continuano la loro attività.

Erminia si impegna moltissimo nel collaborare col marito per costruire

anche il comitato “di congiurati veneti di vari paesi” (infatti visitano tante

città).

Mentre Arnaldo sapeva di essere sorvegliato e si lasciava vedere tutto il

giorno al caffè e al passeggio, Erminia scriveva le occulte

corrispondenze.

In questo periodo viene arrestato Clemente (fratello di Arnaldo) a

Venezia nel 1862 con una condanna di sedici anni di detenzione.

Nel 1863 Arnaldo pensa a come far evadere il fratello; anche Arnaldo

viene interrogato per essere il “principi dei ribelli” e per aver progettato

l’evasione del fratello. Ottiene il passaporto e va a vivere a Firenze,

esilio volontario non da clandestino.

Erminia si preoccupa per le difficoltà economiche che la famiglia

avrebbe dovuto sopportare, viste le intenzioni del marito. Erminia prova

il doloroso distacco e decide di rimanere con i figli a Castelfranco. Ella è

in stato d’ansia continuo. Arnaldo aveva deciso, sotto suggerimento

dell’amico Luciano Beretta, di comprare varie case finché Firenze non

sarebbe diventata capitale (e quindi finché le case non aumentassero il

loro valore).

Erminia è consapevole dell’inesperienza del marito, e glielo dice

facendo leva sulle responsabilità di padre.

Nel 2864 decide di lasciare Castelfranco e si trasferisce prima a Rovigo

dai suoi e poi a Padova dove rivede lo zio Benedetto. Per 6 anni vive a

Firenze per causa politica e riflessione sul matrimonio.

Arnaldo perde la sua fame di poeta. Nel 1867 muore Clemente per

l’aggravarsi dei suoi disturbi neurologici.

Investire sulle case va bene fino fino a quando la capitale passa da

Firenze a Roma. In seguito a ciò Arnaldo non ha più capitali da investire.

Erminia cerca di dare una svolta positiva alla loro situazione economia

(Arnaldo è depresso). Erminia comincia una VITA IN UN ALTRO MODO.

CAP 3) Preliminario: moderno alfabeto educativo

Il dissesto finanziario della famiglia viene “recuperato” da CESARE

CORRENTI (intellettuale, attività politica comincia nel 1848 elaborando il

Manifesto delle 5 giornate di Milano; nel 1876 aderisce alla sinistra con

Agostino De Pretis successivamente senatore).

Erminia lo chiama il “Cellini della letteratura”: reciproca sintonia per la

letteratura, poesia e visione politica. Correnti è come se svolgesse il

ruolo di Tutor.

1870: le chiede di far parte della giuria per il concorso rivolto agli

studenti meritevoli. Successivamente la nomina ISPETTRICE PER LE

SCUOLE E I COLLEGGI FEMMINILI E MASCHILI DI NAPOLI E

PROVINCIA.

Lo spirito risorgimentale è ben presente nelle riforme educative da

attuare. Correnti è consapevole che l’unità di un popolo si sarebbe

formata solo con una lingua comune e dei valori condivisi (più che con

l’unione geografica).

Per questo motivo sceglie delle letterate di lingua italiana, tra cui

Erminia, e non esclusivamente toscane, con sentimenti e valori

risorgimentali. Queste letterate dovevano fotografare la “realtà

educativa”, specialmente in quegli ex stati che avevano vissuto meno gli

effetti illuministici nell’istituzione scolastica (Stato della Chiesa e Regno

Borbonico).

Appunti per questo Erminia viene mandata a Napoli e data la situazione

economica della famiglia, ella accetta, nonostante non sia facile lasciare

il nucleo familiare già ridotto perché, mentre Teresita rimane con

Arnaldo, Guido e Gino proseguono gli studi nel Veneto.

Intuisce che questo incarico è un punto di partenza. Il soggiorno

napoletano è racchiuso in 5 lettere che Erminia invia alla Gazzetta

D’Italia (allora c’era l’usanza, che molti letterati non giornalisti

scrivessero alle gazzette del tempo).

1° lettera= sottolinea che l’insegnamento letterario è assai ristretto. Il

futuro delle fanciulle non deve seguire il DESTINO DI NASCITA (<< le

donne sono state sempre educate, ma non istruite>>). E’ inusuale che al

tempo Erminia distinguesse l’istruzione dall’educazione, riferendosi al

destino femminile.

Occorreva ampliare gli orizzonti culturali delle donne borghesi, retribuire

in modo adeguato l’attività lavorativa del ceto popolare, per restituire, in

particolare alle donne, DIGNITA’ SOCIALE.

2° lettera= riformulare i contenuti scolastici secondo i nuovi valori

risorgimentali e ampliare le possibilità lavorative delle giovani orfane

(ricamo, disegno, sartoria, canto).

3° lettera= Erminia sottolinea quanto il CAMBIAMENTO

DELL’ISTRUZIONE sia difficile e quanto POCO sia conosciuta la realtà

sociale del paese. Erminia è una convinta sostenitrice delle cause

unitarie.

4°-5° lettera= descrive le bellezze naturali di Napoli, le origini greco-

romane dei luoghi, l’amore degli abitanti per il “natio loco”.

Nel 1871 data la sua bravura, le offrono svariati lavori. Ella accetta

qualche settimana dopo uno di questi, diventando ISPETTRICE DEGLI

ISTITUTI FEMMINI DI ISTRUZIONE E CARITA’ DELLA PROVINCIA DI

ROMA (dove insegnerà alle future maestre).

Erminia sceglie Roma nonostante Arnaldo non sia d’accordo per il suo

stato di salute. Ella sceglie Roma perché economicamente più

conveniente ma soprattutto perché per la prima volta le veniva offerta la

possibilità di insegnare.

Erminia è decisa a garantire ai figli sicurezza economica (Valore della

libertà personale e autonomia economia della persona). Non vi è alcuna

critica al comportamento immaturo di Arnaldo, probabilmente perché

non era ancora stato messo in discussione il sistema sociale patriarcale.

Erminia da questo momento inizia a dare INCONSAPEVOLMENTE una

testimonianza di approccio didattico del tutto innovativo, che avrà effetti

di lunga durata.

Esordisce con spontaneità e sincerità: si “mette a nudo” parlando

1. di sé, dei MOTIVI POLITICI della sua posizione e della sua

INESPERIENZA. 1° elemento del progetto educativo: ella vuole

riuscire a instaurare un clima di reciproca conoscenza, altrimenti

non si possono sviluppare sentimenti condivisi.

Per Erminia le donne si debbono emancipare dalla miseria e dalla

2. ignoranza. Bisogna sottolineare che le donne a quel tempo non

erano consapevoli di svolgere un ruolo politico. Infatti per le culture

del tempo era inaccettabile che le donne si occupassero di

questioni politiche o che volessero svolgere attività politica (così

sarà fino al secondo dopoguerra).

Mettere in guardia le allieve della scarsa considerazione che

3. riceveranno se andranno a vivere in piccoli villaggi ancora arretrati.

Parla anche di IGIENE PERSONALE e di GALATEO (forse perché

4. non ritiene separate l’educazione dall’istruzione, e quindi vede

nella scuola elementare un luogo di civilizzazione).

Suggerisce di prestare attenzione non solo alle “prime della

5. classe” ma anche a quelle che hanno una intelligenza timida, torda

e ristretta, così da riconoscere le effettive capacità di ciascuna

allieva. Innovazione data dalla SENSIBILITA’ anche psicologica per

le insegnanti.

Guardare all’ambito familiare come luogo privilegiato della

6. formazione.

Cercare di lavorare per guadagnare, senza pensare che

7. quest’azione sia indecorosa per la famiglia di appartenenza.

Nel 1871 Erminia comincia a scrivere il suo diario.


ACQUISTATO

8 volte

PAGINE

11

PESO

25.30 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dell'educazione
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher simone.vellucci.5 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della pedagogia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Leuzzi Maria Cristina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della pedagogia

Storia della pedagogia - Leggere Lolita a Teheran
Appunto
Storia della pedagogia - Franco e Piero Calamandrei
Appunto
Educazione sentimentale, Storia della pedagogia
Appunto
Emilio o dell'educazione, Storia della pedagogia
Appunto