Che materia stai cercando?

Storia della filosofia M-Z – Metodo Appunti scolastici Premium

Appunti di Storia della filosofia M-Z – Metodo.
Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: II parte del discorso sul metodo, Le regole del metodo - spiegazione, Il criterio della verità è soggettivo, dipende dal soggetto, 3. regola della sintesi, ecc.

Esame di Storia della filosofia docente Prof. S. Romeo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Lezione 12 marzo 2008

II parte del discorso sul metodo

Le regole del metodo - spiegazione:

1. regola dell’evidenza: è vero solo ciò che appare tale nel proprio spirito, che non sta (più,

rispetto altre filosofie precedenti) all’esterno, perché la verità è dentro ciascuno di noi: nasce

con Cartesio il soggetto moderno, “luogo”della verità. Dividiamo la I regola del metodo in 2

parti:

a – il criterio della verità è l’evidenza

b – non si deve accogliere ciò che si presenta alla mente a meno che non sia chiaro (*puro, l

uminoso, vista interiore dello spirito) e distinto (*che ha confini netti).

Il criterio della verità è soggettivo, dipende dal soggetto.

2. regola dell’analisi: il fondamento della scienza moderna: dividere problemi complessi in

piccole parti, elementi semplici di base (metodo usato allora in geometria). Problema

(sollevato dalla filosofia dell’800 e del ‘900): l’illusione della semplificazione è vana: la

realtà è complessa, la scomposizione comporta astrazioni, non ci spiega la realtà ma la

riduce, facendo perdere la sua propria connotazione che è la complessità.

3. regola della sintesi: una volta scomposta la realtà bisogna ricomporla per vedere come si

ricollegano le asserzioni complesse [secondo le critiche dei filosofi successivi: non si può

più risalire alla complessità iniziale]. I singoli pezzi devono essere ricomposti in modo

ordinato: l’ordine tramiti il quale vengono sistemati non è l’ordine naturale, bensì l’ordine

della nostra mente. La mente, infatti, secondo Cartesio, “decide” come devono essere

“pensate” natura e realtà. Kant allo stesso modo sostiene come la “scienza sia l’ordine della

nostra mente”. Questo è l’ordine della conoscenza, non dell’essere.

4. (è una regola accessoria) regola dell’enumerazione: dopo le regole 2 e 3 dobbiamo

controllare di aver agito bene, di aver rispettato i gradi.

Il Metodo, per Cartesio, può e deve essere applicato a tutte le scienze. Deriva dal modello

matematico e fonda quello filosofico-metafisico, la cui priorità è costituita dall’esistenza di Dio

come garante supremo.

Ma non è facile utilizzare il Metodo: si deve abituare ed esercitare la mente per avere buoni risultati,

secondo il modello lineare, che consente di rappresentare e ricordare più facilmente le regole.

Cartesio tramite questo metodo risolve alcuni problemi matematici fino ad allora rimasti in sospeso,

ma, afferma, non perché sia bravo lui, piuttosto perché ha usato un buon metodo. Cartesio si

propone di stabilire i principi della filosofia.

III parte del discorso sul metodo

Prima di trattare la filosofia (IV parte), Cartesio sente la necessità (anche a causa della cautela che

vuole prestare, vista la fine che ha fatto Galileo) si passa a parlare della morale, detta provvisoria

perché in attesa di una definitiva, su cui si potranno/dovranno successivamente fondare la filosofia e

la metafisica. Cercherà la filosofia con il procedimento del dubbio che colpirà ogni cosa, che

sospenderà le opinioni, i principi e le verità. Ma questo dubbio non potrà insinuarsi nella “pratica”

delle cose, vale a dire nelle nostre azioni: non si può smettere di vivere, di decidere o agire, in attesa

della verità!

L’agire ci è dettato dalla morale. In attesa della costruzione della morale definitiva, ci atteniamo a

quella provvisoria che consta di 3 o 4 massime. È necessario attenervisi per non mettere in crisi la

morale religiosa, i costumi della società.

Possiamo definire queste massime come conformiste e conservatorie.


PAGINE

2

PESO

11.10 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2005-2006

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della filosofia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Romeo Sergio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della filosofia

Storia della filosofia – Aristotele
Dispensa
Storia della filosofia M-Z – Meditazioni metafisiche
Appunto
Storia della filosofia – Croce
Appunto
Storia della filosofia – Fedone
Appunto