Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Nella primavera del 1845, Engels raggiunge l’amico a Bruxelles e le linee di fondo del materialismo storico sono

ormai chiare a Marx, che nel frattempo ha approfondito lo studio degli economisti e dei socialisti e, nel marzo 45, ha già

fissato i punti essenziali del suo distacco da Feuerbach con le .

XI TESI

La teoria materialistica dello sviluppo storico è per Marx, nello stesso tempo, una teoria scientifica della rivoluzione

nel mondo moderno: la società borghese è strutturalmente fondata sull’antagonismo tra capitale e lavoro; la società

socialista non può essere il frutto di riforme sociali illuminate ma nascerà dalla socializzazione dei mezzi di produzione

come sbocco obbligato della lotta di classe rivoluzionaria.

Già a Parigi, nel 44, frequenta le riunioni degli operai francesi. Nell’estate del 45, Marx ed Engels, durante un

soggiorno in Inghilterra, incontrano alcuni cartisti inglesi e operai tedeschi emigrati. Engels ha appena terminato “La

situazione della classe operaia in Inghilterra”, frutto del precedente soggiorno di 21 mesi nel quale ha stretto contatti

diretti con gli operai inglesi e ha vagliato attentamente le inchieste ufficiali sulle fabbriche.

Nella primavera del 46, Marx lavora a Bruxelles per la creazione di comitati di corrispondenza che avrebbero

dovuto mettere in contatto i socialisti tedeschi con i socialisti francesi e inglesi, stringere rapporti organizzativi tra i

diversi gruppi rivoluzionari e provocare un confronto critico tra le diverse concezioni socialiste in essi presenti.

Nell’anno successivo, Marx e il comitato di corrispondenza di Bruxelles si affiliano alla più importante organizzazione

di lavoratori tedeschi emigrati, la “Lega dei Giusti”.

Il primo articolo del nuovo statuto afferma che “scopo della lega è l’abbattimento della borghesia, il dominio del

proletariato, la liquidazione della vecchia società borghese e la fondazione di una nuova società senza classi e senza

proprietà privata”. Nel secondo congresso, tenuto a Londra nel novembre del 47, Marx ed Engels hanno l’incarico di

redigere i principi teorici e il programma pratico del partito: nasce il ,

MANIFESTO DEL PARTITO COMUNISTA

pubblicato a Londra, in lingua tedesca, nel febbraio del 1848.

Negli anni 46-47, Marx conduce due battaglie: la prima contro le posizioni utopistiche e settarie diffuse nella Lega

dalla frazione guidata da Weitling; la seconda, di più ampia portata, ripresa poi all’epoca della prima Internazionale,

contro il riformismo di Proudhon. Per Marx il sistema capitalistico è fondato sullo sfruttamento: la società borghese è

l’ultima forma di uno sviluppo storico millenario in cui le forze produttive sono cresciute all’interno di rapporti sociali

antagonistici. Come le società antiche si reggevano sulla schiavitù e non avrebbe avuto senso volerle “migliorare”

togliendo il loro fondamento sociale, così la società borghese si fonda sulla moderna schiavitù del lavoro salariato; ma

abolire il lavoro salariato significa abolire la società borghese e questo è possibile solo se il “lato cattivo” si sviluppa in

rivoluzione comunista.

La questione della rivoluzione si pone, per Marx ed Engels, in modo diverso a seconda del grado di sviluppo diverso

della classe operaia nei vari paesi. Il Manifesto terminava affermando che i comunisti non formano una setta ma l’ala

avanzata del movimento che spinge verso la dissoluzione della vecchia società.

Il modello teorico del processo rivoluzionario era desunto dall’esperienza delle rivoluzioni borghesi del XVII e

XVIII secolo, soprattutto da quella francese.

Il 1° giugno 1848 fondarono la Nuova Gazzetta renana, quotidiano democratico che fu pubblicato a colonia sotto la

direzione di Marx fino al maggio 1849. La borghesia tedesca, secondo Marx, era “senza fiducia in se stessa né nel

popolo… rivoluzionaria rispetto ai conservatori e conservatrice rispetto ai rivoluzionari”. La Nuova Gazzetta renana si

distanziò sempre più dal partito borghese-democratico, rivolgendosi direttamente alle associazioni operaie.

Nel 1851 il governo prussiano riesce a venire in possesso dei documenti segreti della Lega e a imbastire un processo

pubblicitario, ricco di false testimonianze, che si conclude nel 52 con la condanna di 11 membri della Lega a parecchi


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

4

PESO

41.26 KB

AUTORE

Valetudo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dell'educazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Valetudo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della filosofia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Cingoli Mario.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della filosofia

Riassunto esame Storia della Filosofia, prof. Cingoli, libro consigliato Manoscritti Economico-filosofici del 1844, Marx
Appunto
Storia della filosofia - parte istituzionale
Appunto
Storia della filosofia - Kant
Appunto
Storia della filosofia - Cartesio
Appunto