Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Sfogliando attentamente il libro, si scoprono alcune foto che ritraggono Rem: foto

studiate per dare l’immagine di un architetto mondiale, in dialogo con architetti e

culture extraeuropei. Anni 2000 esce un altro libro di Koolhaas: “Mutations”.

A differenza di altri architetti, Koolhaas non svela mai se sia egli stesso l’artefice della

sua fama o se siano stati i mass media a divulgare la sua immagine. Sta di fatto che i

connotati del suo viso, così come quelli del suo look semplice, ci sono ben chiari.

FRANK OWEN GEHRY: l’architetto iconoclasta

Frank Owen Gehry nasce a Toronto nel 1929, e nel 1947 si trasferisce con la famiglia

Los Angeles, in California. La giovinezza di Gehry e i primi anni della sua formazione

sono stati caratterizzati da una serie di crisi riguardanti la sua identità politica, storica,

architettonica. Dopo la delusione avuta dall’esperienza ad Harvard, Gehry tornava a

Los Angeles ed entrava nello studi di Victor Gruen, in cui trovò molti più stimoli. Nel

1961 Gehry parte per l’Europa alla ricerca dei segreti celati dalle architetture europee.

Colpito dalle ultime opere di Le Corbusier, nel 1962 Gehry torna a Los Angeles e apre

uno studio di architetuttura. Le architetture di Gehry, rispecchiavano la personalità di

un uomo tormentato, che non ha ancora raggiunto un equilibrio interiore. G. inizia una

lunga psicoterapia che lo avrebbe aiutato a guardare oltre le convenzioni, a scoprire il

suo genio creativo, a capire come sfidare il mondo intero. Nel 1976 si sposa e nel 1978

completa la casa che i due avevano comprato e che era destinata a diventare il

manifesto della sua singolare creatività. Gehry vuole stupire, sovvertire le regole,

far notare la sua diversità. La costruzione della sua casa aveva innescato il giusto

meccanismo per rendere pubblica la sua creatività; ha cominciato a varare progetti di

nuove residenze, shopping centre, strutture per parcheggi. Da questo momento in poi,

la sua capacità di ideare delle forme del tutto personali e immediatamente

riconoscibili sarebbe diventata la sua carta vincente.

Si presenta vestito in modo buffo, l’attenzione è rivolta a quello strano e ingombrante

abbigliamento..un abbigliamento carico di ironia nei confronti della storia

dell’architettura. Un’aria impassibile, uno sguardo serio e fisso, la sua espressione

sembra voler sottolineare che non si tratta di una semplice sfilata di carnevale: si

tratta di liberare il mondo dalla prigionia delle convenzioni. Combatte contro la

banalità del quotidiano, contro tutto ciò che è già stato visto, tagliando ogni legame

con quella tradizione architettonica che impedisce la libera espressività.

Partecipa anche a delle performance teatrali: “Il corso del coltello”, messa in scena a

Venezia nel 1985 : tutto il mondo deve vedere la drammaticità e il tormento che ha

condotto il grande artista alla scoperta del proprio entusiasmo creativo; i capelli

spettinati, lo sguardo sofferente, tutto sottolinea lo stato d’animo e il tormento di

Frank Gehry.

Il potenziale artista che era in Gehry, prende il sopravvento, esce dal bozzolo che si

era costruito prima della metamorfosi per poter finalmente prendere il volo. In

occasione dell’assegnazione del Pritzker Prize nel 1989, dopo la premiazione, giacca e

cravatta gli conferiscono un’aria seria e distinta, gli occhi gli brillano di gioia, il viso è

più rilassato e compare finalmente un luminoso sorriso. Il genio disadattato è

finalmente accolto tra i premiati architetti.

Ormai Gehry è sulla cresta dell’onda; sta cercando con la sua architettura di liberarci

dall’ordinarietà: “l’architettura tende a mutare la propria natura: si sottrae all’uso e si

offre come spettacolo”.

Oggi Frank, si pone come imprenditore oltre che come artista

FRANK LLOYD WRIGHT alla conquista dell’immagine

Frank scrive “Un’autobiografia”. Un’autobiografia è un’autoesaltazione; da ogni

episodio descritto Frank non esce mai sconfitto. Pone i fatti sempre mettendo in luce

aspetti positivi e vittorie: in effetti di insuccessi non se ne trovano. Il vero tentativo del

maestro americano è quello di arrivare a dettare “la Verità”, verità che lui ricava dalla

Natura e da Dio, rispetto ai quali lui si pone come intermediario con l’Umanità.


ACQUISTATO

5 volte

PAGINE

3

PESO

48.23 KB

AUTORE

arytre

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in culture e tecniche della moda (RIMINI)
SSD:
Docente: Tolic Ines
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher arytre di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'architettura contemporanea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Tolic Ines.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia dell'architettura contemporanea

Storia dell'architettura contemporanea - Appunti
Appunto
Storia dell'architettura contemporanea - Appunti
Appunto
Appunti di storia del design e dell architettura I
Appunto
Riassunto chimica delle fibre tessili
Appunto