Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Shakespeare al cinema: Un Amleto di Meno di Carmelo Bene, La distruzione del solenne.

Oggi metter in scena i classici: Shakespeare, Marlowe vuol dire cadere nell’equivoco. Il sogno di mezza estate, Romeo

e Giulietta sono stati teatro e perciò non lo saranno più.

Carmelo Bene mette in scena infatti un saggio critico di Shakespeare.

Tutto ciò è un’operazione critica che inizia dall’Amleto per proseguire con altri drammi.

Ci sono stati diverse versioni teatrali del capolavoro shakespeariano, un film Un Amleto di meno del 1973, delle

edizioni radiofoniche e televisive dopo l’Amleto del 1961 del Teatro Laboratorio di Roma.

Perché proprio Amleto? Perché il personaggio di Amleto è il modello dell’eroe tragico moderno ed è il riassunto di

pratiche teatrali e di significati drammatici che la tradizione ha tenuto e istituzionalizzato in qualità di linguaggio

scenico e di valore totale della rappresentazione teatrale.

Amleto è anche il primo personaggio drammatico che ha, come asserisce James, una “prodigiosa consapevolezza” che

causa il dubbio e blocca l’azione; tuttavia è il segno di una nuova sensibilità non collegata più all’ordine

dell’istintualità e della barbarie.

In Laforgue questa consapevolezza diventa sapere comprendere la sua inadeguatezza in una funzione ed in un teatro

reso rigido dalle illimitate repliche del medesimo copione dal quale cerca di scappare per essere autore degli

avvenimenti teatrali.

Tramite l'Amleto di Laforgue passano tutte le versioni teatrali dopo la versione del Teatro Laboratorio e la versione

cinematografica che ora analizziamo.

In Amleto cinematografico di Carmelo Bene (Un Amleto di meno, 1973), si mette in evidenza in una veloce sequenza

l’approccio regale (tra nuda regine Gertrude e il padre Amleto che ha un elmo da vichingo ed una corazza pungente di

punte), l’oscena uccisione di un fratello e l'auto incoronazione di Claudio sotto lo sguardo quasi condiscendente di

Amleto.

La rappresentazione cinematografica di Amleto Bene ha urlo altissimo che si toglie dal dovere di vendetta fra le

sequenze abbandonate a monotone del flusso della marea.

Infatti quando scorrono i titoli di testa, Amleto si è liberato già della pietà filiale; s’innamora di Kate e decide con lei di

mettersi in viaggio da Elsinore per cercare il successo.

La frammentazione è coerente, la maniere espressive dell’artista sono rinnovate in una pratica di una regia che usa la

macchina da presa con la medesime capacità delle sue sequenze teatrali più importanti.

E’ un Amleto costituito dall’utilizzo della camera, del montaggio veloce, della frammentazione rigorosa.

E’ un flusso di immagini e colori che a pezzi di dissolvono nella luminosità del bianco per ritornare nella tonalità dei

volti, dei costumi, degli accessori di scena.

La ricerca formale, sul piano filmico, diventa nell’Amleto di meno ricerca dell’indifferenza delle relazioni, dei rapporti

prestabiliti nei contenuti e nelle forme.

Si tratta di una “teatralizzazione più profonda del teatro medesimo” e di una rottura degli schemi linguistici tradizionali

dello spettacolo cinematografico con le medesime modalità realizzate in teatro.

L’Amleto cinematografico è un saggio critico sul personaggio shakespeariano tramite gli strumenti in “dissoluzione”

del cinema. Questa è un’operazione che si serve delle medesime citazioni testuali delle versioni teatrali e di una

traduzione in quel momento di moda come la traduzione di Lodovico che mette in risalto in una scena il retorico

formalismo della recitazione assente del re.

Grande analizza Edipo, Amleto, Carmelo che vivono la scena come uno spazio dell’inconscio ridisegnato,

dell’opposizione del linguaggio e dell’esistenza.

Le frammentazioni delle immagini e delle sequenze è cercare da parte del Soggetto di togliersi all’identificazione

dell’Io e con la realtà.

Nel mondo in cui la frammentazione delle immagini cerca di corrompere i canoni linguistici cinematografici, così

anche la “contaminazione dei generi, stili, materiali teatrali ed extra teatrali e la citazione di materiali drammaturgici

eterogenei cercano di disfare la compattezza del testo, distruggerne l’identità socio-culturale; dirigendosi verso un

melodramma d’attore che diviene tragedia sospesa del personaggio e parodia dell’Ego, sostenuta, ingrandita esaltando

l’attore che diviene soggetto-eroe di una vicenda artistica.

L’edizione cinematografia come l’edizione teatrale diventa un passaggio sovente dallo sberleffo alla malinconia, una

fabbrica dell’assurdo e che evolve come nelle riduzioni teatrali.

Amleto non vuole portare alle conseguenze estranee l’azione di vendetta, la concretizzazione del suo sogno di artista.


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

2

PESO

30.50 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze dell'Educazione e della Formazione
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher erica.depasquale di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del teatro e dello spettacolo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Niccolò Cusano - Unicusano o del prof Bartalotta Gianfranco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze dell'educazione e della formazione

Inglese, regole e ragioni per l’uso - Le teorie a base semantica funzionalista
Appunto
Apprendimento cooperativo
Appunto
Metodologie educative e tecniche didattiche per la storia del mondo antico - Appunti
Appunto
Apprendimento cooperativo e collaborativo - Confronto
Appunto