Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

STORIA DEL LIBRO MANOSCRITTO – 9 CFU

riassunto dispense prof. Sandra Macchiavello

Il codice è un unicum e non è mai prodotto in serie.

La codicologia ha come oggetto lo studio del libro manoscritto, principalmente in forma di codice,

attraverso l'osservazione archeologica della sua struttura: analizza la produzione libraria dell'età

tardoantica e medievale fino alla diffusione del libro a stampa. Osservazione archeologica significa

che si ricostruisce come un codice sia stato confezionato, come sia stato utilizzato e da quali mani

sia passato nel corso del tempo.

La codicologia può essere:

ausiliaria ad altre discipline

– archeologia del libro: componenti materiali e tecniche di lavorazione sono oggetto di

– interesse autonomo (rivista belga Scriptorium, Francois Masai e Leon Gilissen)

quantitativa: applicazione di metodi statistici

– laboratoriale: si avvale di misure strumentali e analisi fisico-chimiche

– restaurativa: l'Italia è all'avanguardia con l'Istituto Centrale per la patologia dl libro

– comparativa: comparazione di codici prodotti in diversi contesti geo-culturali

Il codice è un libro formato da fogli piegati in due (bifogli) e riuniti in fascicoli, cuciti mediante un

filo lungo la linea di piegatura.

Il libro è un aggregato portatile di elementi che presentano almeno una superficie piana su cui può

essere scritto un testo in maniera durevole.

Strumenti di lavoro:

cataloghi: informazioni di base

– repertori speciali: affrontano i singoli aspetti del codice

– repertori terminologici

– manuali

– riviste: Scriptorium, Codicologia, Scrittura e civiltà, La Gazette du livre medieval, Quinio

Supporto di scrittura

E' il materiale sul quale è stata tracciata la scrittura.

Supporti minerali: scrittura a sgraffio, con uno strumento appuntito.

– - Argilla e tavolette: la superficie può essere bagnata e riscritta un numero

infinito di volte finchè non viene cotta al forno. Vi si scriveva con una

canna di legno.

Ostraka (coccio, terracotta, supporti con superficie tondeggiante): costo

– basso alla portata di tutti. Vi si scriveva con calamo e inchiostro o

incidendo con punte di ferro

Rame, oro, bronzo e piombo: lavorazione a lamina sottile (Tavola di

– Cortona atto notarile in bronzo; Lamine di Pyrgi in oro; Disco di

Magliano in piombo con scrittura disposta a spirale contenente norme per

i sacrifici). Tabulae defixionum: lamine di piombo contenenti malefici. A

Roma le lamine di bronzo venivano usate per i diplomi militari, e Plinio

accenna anche a rotoli di metallo, che però non ci sono pervenuti. Anche

in Cina e in India si incidevano lamine metalliche.

Pietra: marmi, graniti, arenaria, calcare, porfido (Stele di Rosetta). Nel

– Mediterraneo sono testi con funzione pubblica. Il testo veniva inciso e

talvolta dipinto; talvolta vengono applicate lettere metalliche

Supporti organici: scrittura a inchiostro

– - Tessuti: in particolare, seta e lino (Mumma di Zagabria, un libro etrusco in

lino usato in seguito per fasciare una mummia egizia). Le fasce non si

arrotolano, ma si dispongono a soffietto.

Corteccia: ancora molto diffusa in Asia. Betulla, tiglio, aloe, pioppo, bambù

– Foglie: tra i supporti più antichi, ancora Plinio ne attesta l'uso. Dall'India

– vengono le foglie di palma. Vi si scrive con penne in legno o in metallo,

oppure incidendo con un ago.

Cuoio: uso antichissimo, già in Egitto. Nel tempo si otterrà la pergamena

– Altri materiali: gusci di conchiglia, valve, ossa umane (Maya), gusci di

– tartaruga, avorio

Tavolette: usate in età classica

– - Lignee: assicelle sottili di legno tenero (betulla od ontano), scritte a inchiostro

con calamo o pennello. Sono dette dealbatae quando la superficie è imbiancata e

coperta di righe di scrittura

Cerate: invenzione greca, su un telaio si versa gommalacca fusa di colore

– nero. La scrittura è a sgraffio, con uno stilo metallico

Libri di tavolette: dittici, trittici e polittici. Quando erano piccoli, usati per

– prendere appunti, si chiamavano pugillares.

Uso delle tavolette: dittici sigillati per corrispondenza epistolare. Trittici per

– documenti ufficiali

Papiro: la pianta era utilizzata per gli scopi più disparati (sandali, abiti, ceste, stuoie,

– cordami, reti, stoppini, imbarcazioni, vele, cibo, legna, medicina, imbalsamazione,

decorazione). Usato soprattutto per produzione documentaria sia pubblica che privata. Il

costo non era alto (prezzi, margini non utilizzati, possibilità di riutilizzo, spazzatura) e non

era una materiale troppo fragile (testi che circolano da centinaia di anni secondo fonti

letterarie, utilizzo per testi che si deteriorano). Si fabbrica scortecciando la pianta e

tagliandone il midollo nel senso della lunghezza. Le strisce vengono sovrapposte in due

strati, l'uno trasversale all'altro, che poi vengono battuti: la linfa funge da collante. Quindi si

rifilano i lati e si leviga il “foglio” con pietra pomice: è questo che determina la qualità del

papiro (hieratica per i testi sacri, liviana e claudiana più resistenti, amphiteatrica o fanniana

di media qualità, saitica più ruvida, taeneotica più dura e venduta a peso, emporetica

venduta per l'imballaggio delle merci). I papiri sono stati ritrovati in cumuli di immondizia

(kiman), corredi funerari, biblioteche, archivi, sarcofagi.

Pergamena: l'uso di pelli animali è antichissimo. Alla corte di Pergamo si raffinano le

– metodologie per la preparazione. Ha il sopravvento sul papiro agli inizi del IV secolo.

Proviene dallo strato intermedio della pelle di un animale (il derma).

- Fasi di lavorazione: scuoiatura, calcinatura (sgrassamento tramite immersione

in soluzione alcalina), depilazione, trazione su telaio (è qui che si differenzia dal

cuoio), scarnatura, essicamento, pomiciatura. Le fonti sono ricette medievali,

raffigurazioni iconografiche e le tecniche dei pergamenai moderni (la letteratura

rabbinica medievale riporta procedimenti diversi).

Regola di Gregory (1885): le due facce della pergamena non hanno le stesse

– caratteristiche. Le pagine affiancate presentano lo stesso lato della pergamena.

Difetti: linea della schiena, cimosa (bordo originario della pelle), scalfo (zona

– che circonda gli arti), specchi (ossa del bacino)

Spessore: si misura in micron. Tende a diminuire dopo il XII secolo. All'interno

– del singolo codice, si usano pergamene più spesse per le pagine miniate e per i

bifogli esterni (fascicolo come unità a se stante o facilità di chiusura)

Specie animali: si riconoscono con l'arrangiamento follicolare o con il DNA

Palinsesti: sovrapposizione di più scritture su uno stesso supporto.

– - Papiro: tramite lavaggio, oppure scrivendo sul verso (rotoli opistografi)

Pergamena: si riusa per risparmio, per motivi ideologici (volontà di distruzione di un

– testo) o perchè i testi avevano perduto valore (a seguito di riforme, leggi,

cambiamento della scrittura, lingua incomprensibile). Si assemblano anche fogli

ricavati da più manoscritti. Si abrade la pergamena con pietra pomice; dal XI secolo

si immergono nel latte e poi si strofinano con una spugna, quindi sono passati in

farina e levigati con la pietra pomice. Si riconoscono perchè i fori di rigatura non

combaciano con lo scritto presente o perchè non si rispetta la regola di Gregory. Lo

scritto precedente si può recuperare con reagenti chimici, raggi ultravioletti,

fotografia con fluorescenza e fotografia digitale.

Carta: compare in Cina nel I secolo, gli arabi la scoprono nel 751 da prigionieri di guerra

– cinesi. La prima cartiera araba sorge a Bagdad nel 794. Il documento più antico in Italia è

del 1109.

- Fabbricazione: si ottiene dagli stracci di lino e canapa, selezionati secondo qualità

e colore, sbiancati, fatti macerare, stracciati a mano, sfibrati con la pila a maglio (dal

XVII le macchine olandesi rendono la polpa più bianca e omogenea). La polpa viene

diluita in acqua nelle tine, dove viene immersa la forma (un telaio composto da un

reticolo vegetale). La forma viene fatta sgocciolare e il foglio prodotto viene messo

ad asciugare, poi pressato. Quindi si passa alla collatura (rende la carta meno

assorbente; si usano amido, gelatine di origine animale, colla di pesce) e alla

levigatura (con madreperla o agata). Si confezionavano quindi le risme (500 fogli in

20 quaderni).

Tipologie: - araba orientale: tra Iraq ed Egitto

– - araba occidentale: Magreb e Spagna musulmana, contiene lo zig zag, un

segno a forma di linea spezzata di cui non si conosce l'utilità o la causa

spagnola: come l'araba occidentale, ma a partire dal XIII secolo

– italiana: aspetto migliore dato dalla pila idraulica a magli multipli e da

– nuove sostanze di collatura. Quattro formati (imperiale per atlanti, reale

per libri giuridici e medici, mezzano e rezute, il più comune)

Carta moderna: Keller ottiene una pasta dalla sfibratura del legno nel 1844

Filigrana

E' un elemento accessorio. È un disegno ottenuto curvando o intrecciando un sottile filo metallico

(ottone) applicato a una delle due metà della forma con cui viene creata la carta. È un'invenzione

europea (probabilmente a Fabriano). All'inizio è nominativa, poi diventa iconografica e simbolica.

Serve come marchio di fabbrica e per distinguere carte di qualità diversa.

Forme librarie

Pothi: termine sanscrito che designa una forma di libro comune in Oriente, costituita da una

– serie di lamelle di legno o di foglie di palma sovrapposte e dotate di due cordicelle su cui

scorrono

Libro a ventaglio: le lamelle sono dotate di un unico foro all'estremità, in cui passa un anello

– Libro a soffietto: lunga banda di materiale piegato alternativamente in un senso e nell'altro.

– Si chiama anche libro linteo.

Libro a farfalla e libro a creste: insieme di fogli piegati in due verticalmente e uniti gli uni

– agli altri lungo la facciata esterna

Rotolo: il materiale per eccellenza è il papiro. È costituito dalla sovrapposizione di fogli

– incollati con una mistura di farina e aceto disponendo all'interno le fibre orizzontali. Veniva

venduto a misura. Poteva formarsi anche in un momento successivo (rotolo archivistico o

incollato). Il testo era scritto su colonne numerate separate da un intercolunnio (esistono

anche rotoli documentari scritti nel senso della lunghezza: si parla di trasversa carta). Il

nome dell'autore e il titolo dell'opera erano posti alla fine del rotolo, che veniva poi

arrotolato su se stesso o attorno a un bastoncino di legno o di osso detto omphalos o

umbilicus e conservato all'interno di un cilindro racchiuso poi in una fodera di pelle. La

scrittura era continua, cioè le parole non era divise fra loro. Si trovano segni distintivi quali

paragraphos, diplè, coronide (conclusione, spesso ornamentale). Sono detti opistografi i

rotoli scritti su entrambe le facciate: i testi sono sempre diversi fra loro.

Esistono anche rotoli di pergamena: in particolare gli Exultet, rotoli liturgici formati da più

fogli di pergamena cuciti tra loro e arricchiti di illustrazioni capovolte rispetto al testo.

Codice: è un'invenzione del mondo romano, derivata dalle tavolette lignee che vengono

– sostituite con fogli di pergamena. Si usa un inchiostro nerofumo lavabile. Il passaggio dal

rotolo al codice avviene nel IV secolo nel mondo romano e nel V secolo nel mondo greco. È

più comodo, più facile da produrre, contiene più scritto. Inoltre, ci sono ragioni sociali: il

rotolo era appannaggio delle classi più elevate. Il codice è in origine il libro della letteratura

cristiana (diverso ceto sociale), popolare e giuridica, destinata alle classi subalterne. Il

codice modifica il sistema di scrittura (disimpegna una delle due mani rendendo possibile

prendere appunti: scrivere mentre si legge!) e di lettura (panoramic-aspect del testo del

rotolo sostituito dalla lettura a spezzoni del codice.

Codice cristiano: il codice greco in pergamena è spesso quadrato, di formati

differenti, posto su due colonne (facilità di trovare i passi), con scrittura canonizzata

calligrafica (maiuscola biblica). Il codice latino crea invece una propria scrittura,

l'onciale.

Codice giuridico: in latino, aspira a una solennità sacrale. È quadrato, con larghi

margini, a due colonne, scritture scarsamente accurate. Il modello è cristiano

Codice oggetto: confezione di pergamena tinta di porpora, inchiostri per contrasto

d'oro e argento, rivestito di gemme. È condannato dai Padri della Chiesa, ma è il

cristianesimo a dare impulso alla produzione. Non sono destinati alla lettura

Il fascicolo: la struttura del codice

La struttura base del manoscritto non è la pagina ma il fascicolo composto da bifogli.

Il bifoglio è una superficie unica piegata lungo la linea centrale: ciascuna delle metà che si

compongono si chiama carta o foglio. Le facce di ogni carta si chiamano pagine.

Ogni fascicolo è individuato dal numero di bifogli che contiene: binione (non esiste), ternione,

quaternione (più comune), quinione, senione. Il quaternione è il più usato, ma in Italia si afferma il

quinione dal XIII secolo.

In papiro: il formato è stretto, perchè la piegatura non può coincidere con la giuntura. Inizialmente

è un fascicolo unico, composto o da una serie consistente di bifogli (ma i fogli centrali sporgono) o

da singoli bifogli messi l'uno sull'altro (ma difficile da legare).

In carta: si afferma il senione. Si trovano spesso dei rinforzi, chiamati fondelli, in pergamena o in

carta. Se i fascicoli sono protetti all'esterno da un bifoglio di pergamena si parla di manoscritti misti.

Ipotesi di Gilissen: due o più bifogli contigui possono in origine far parte di una stessa pelle. Si

operava una piegatura in-quarto o in-ottavo. L'ipotesi vale solo su codice tardo medievali francesi,

perchè il fascicolo può anche essere ottenuto con un'operazione di taglio. Nei manoscritti greci, le

posizioni degli scalfi sono incompatibili con l'ipotesi di Gilissen.

Irregolarità: Che risalgono alla fabbricazione del codice e non alterano il testo: asportazione di

fogli o bifogli (si vede dalla presenza del tallone), inserzione (per miniature), sostituzione

Incidentali: caduta, trasposizione, inversione

Unità codicologica: è un volume o una porzione di un volume risultante da un'attività unitaria dal

punto di vista del tempo, del luogo, della tecnica e delle circostanze dell'esecuzione. Il codice


ACQUISTATO

8 volte

PAGINE

9

PESO

26.17 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in storia
SSD:
Università: Genova - Unige
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher mercantediliquore di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del libro manoscritto e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Genova - Unige o del prof Macchiavello Sandra.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in storia

Riassunto esame Storia dell'America Latina, prof. Vangelista, libro consigliato Storia dell'America Latina Contemporanea, Zanatta
Appunto
Riassunto esame Metodologia della ricerca storica, prof. Cassata, libro consigliato Metodologia ricerca storica, Carr
Appunto
Riassunto esame Archivistica Generale, prof. Bologna, libro consigliato Storia dell'Archivistica Italiana, Lodolini
Appunto
Riassunto esame Storia e Forme del Documento, prof. Rovere, libro consigliato Genesi e Forme del Documento Medievale di Pratesi
Appunto