Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Per trasferire dei beni bisognava usare la traditio per beni nec mancipi mentre per i beni mancipi

serviva il mancipium o l’in iure cessio. Usucapione 1 anno per gli oggetti 2 per la terra

Mancipatio – negozio solenne con il quale si scambiavano beni mancipi contro prezzo, andava

celebrato davanti a 5 testimoni + un portatore di una bilancia sulla quale si pesava il bronzo che

chi voleva comprare dava in cambio della cosa da comprare.

In iure cessio – Applicazione della vindicatio, veniva portato il bene o una parte simbolica davanti

al magistrato chi doveva acquistare toccava con la verghetta il bene e asseriva che era suo chi

vendeva taceva e faceva un passo indietro. L’in iure cessio si utilzzava anche per trasferire

l’eredità ad altri e per l’adozione.

Testamento: esisteva quello calatis comitiis cioè davanti al comizio radunato dinnanzi ai pontefici

che si compiva 2 volte l’anno, in questo caso il testatore assumeva un erede estraneo alla famiglia

che avrebbe ereditato i beni alla morte del testatore. Il testamento in procintu di cui sappiamo poco

e sarebbe stato fatto davanti all’esercito schierato prima di attaccare battaglia e si pensi che

conteneva solo disposizioni a cose singole.

Successione + importante è la Mancipatio familiae con la quale si assumeva un unico erede al

quale spettava la parte + grande di eredità chiamato familiae emptor che alla morte del testatore

avrebbe diviso l’eredità per gli altri eredi; veniva celbrato con l’atto dell’eas et libram.

Nuncupatio – Testatore che enunciava in pubblico le sue volontà oppure dichiarava di aver scritto

le volontà su tavole cerate chiuse.

Ci sono 5 legis actiones ; legis actio sacramenti, legis actioper iudicis arbitrative postulationem, la

legis actio per condictionem, legis actio per manus iniectionem e la legis actio per pignoris

capionem.

Legi actio sacramenti è caratterizzata dal sacramentum cioè la scommessa di una somma di

denaro che il soccombente avrebbe dovuto pagare all’erario pubblico. La multa variava o in 50 o in

500 assi in base se il bene contestato valeva + o – di 1000 assi e se si discuteva della libertà di

una persona erano sempre 50 assi. Se si trattava di un bene mobile (IN REM) veniva portato

davanti al pretore e le parti facevano la vindicta (festuca), il pretore gli diceva di lasciare il bene e

iniziava lo scambio di battute solenni, il bene veniva affidato temporaneamente a chi fornisse dei

garanti per il bene e per i frutti ricavati da esso, dopo di che si procedeva alla verifica dei

sacramenti cioè quelli che risultavano + conformi al diritto in base ai quali si emanava la sentenza.

Legis actio per iudicis arbitrive postulationem – il processo riguardava la tutela dei rapporti

obbligatori nascenti da contratto, l’attore dichiarava che il convenuto gli doveva un qualche credito

mentre il convenuto negava, l’attore allora chiedeva l’assegnazione di un giudice ; con questo

processo si evitava di pagare la multa sacramenti.

Legis actio per manus inictionem si applicava al convenuto condannato che non eseguiva la

sentenza . Passati 30 giorni dalla sentenza di condanna il creditore dopo aver pronunciato una

formula solenne poneva la mano addosso al debitore assoggettandolo per la cifra che gli doveva

e quindi aquisiva tutti i diritti che spettavano al creditore, quale tenerlo prigioniero fino a che

qualcuno non lo avesse riscattato oppure venderlo come schiavo fino ad ucciderlo.

Legis actio per pignoris capionem – si poteva compiere anche non di fronte al magistrato, nei

giorni nefasti, e perfino in assenza del convenuto. Si suppone che il creditore si rifacesse sul

pegno, trattenendolo per sé oppure vendendolo per soddisfarsi sul ricavato.


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

4

PESO

18.45 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti contenenti definizioni riguardanti la Storia del diritto privato romano. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: fatto, atto, negozio giuridico, elementi essenziali, elementi accidentali, annullabilità, nullità, obbligazione, naturalia negotii.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del Diritto Privato Romano e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Fascione Lorenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia del diritto privato romano

Storia del diritto privato romano - Appunti
Appunto
Riassunto esame storia del diritto privato romano, prof. Mannino, libro consigliato Introduzione alla storia del diritto privato dei romani, Mannino
Appunto
Decadenza delle legis actiones, Pugliese
Appunto
Riassunto esame diritto amministrativo, prof. Napolitano, libro consigliato La logica del diritto amministrativo, Napolitano
Appunto