Che materia stai cercando?

Spiegazione chiara e completa delle visioni di Dennett, Edelman, Searle, Damasio

Appunti di Intelligenza artificiale basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Ghislandi dell’università degli Studi di Trento - Unitn, facoltà di Scienze cognitive, Corso di laurea in scienze e tecniche di psicologia cognitiva . Scarica il file in formato PDF!

Esame di Intelligenza artificiale docente Prof. P. Ghislandi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

DENNETT il provocatorio

filosofo americano

E' che si occupa di mene e coscienza. E' professore

all’University of California e alla Tufts University e al Center for Cognitive

Science. Si forma a Oxford e Hardward, dov’erano presenti anche Quine e

Ryle e dove viene influenzato dall’empirismo logico, classico e

comportamentismo e dove impara ad avere una prospettiva rigorosamente

scientifica. E' originale, brillante, radicale e dalle posizioni estreme, ragion

per cui viene molto criticato.

Nonostante egli si riconosca come filosofo, specifica di essere lontano dallo

stereotipo del filosofo come persona isolata, “in poltrona”, non risolutivo,

che si comporta da “genitore” che non vuole abbandonare i figli (teorie)

impedendone la crescita. Mentre Dennett si crede più un pensatore di altri

tempi. Usa le “pompe intuitive”, cioè delle “pompe idrauliche” per riparare i buchi nell’acqua fatti

dalla filosofia nel tempo. Si tratta di metafore, descrizioni, modelli, strumenti per la mente.

intelligenza artificiale,

Studia neuroscienze, linguistica, informatica, psicologia e che sostiene

fermamente. Secondo lui mente e coscienza sono questione di programmi per calcolatori, che la

mente si possa comprendere in termini di calcolo. Minsky di conseguenza lo dichiara “il nostro

miglior filosofo” mentre Searle, totalmente avverso, pensa abbia addirittura una qualche

patologia. Grazie ai calcolatori e alla IA, Dennett vuole sconfiggere il problema dell’humunculus.

Ogni cosa si può scomporre in parti, sostituibili da macchine, si può comprendere il mondo

interno, riducendolo in parti meccaniche, materiali. Risolve così il dualismo di Cartesio, non esiste

la res cogitans, solo la res extensa: il dualismo si risolve nel materialismo. Risolti gli aspetti

meccanici e tecnologici si risolvono pure i problemi su coscienza e soggettività. Non esiste alcun

hard-problem, ma solo un soft-problem.

Siamo macchine sofisticate, complesse. Secondo il filosofo la gente è spesso contraria a questa

opinione perchè pensano alle macchine in modo troppo semplicistico, come se ci riferisse ad un

“tostapane” come egli esemplifica, ma con il medesimo tono afferma che in effetti non ci

possiamo innamorare di lavatrici, ma di macchine sofisticate, magari somiglianti a Michelle

Pfeiffer, sì.

Scrive Kinds of Mins(97), in cui parla della natura della mente, di coscienza e dell’attribuzione di

stati mentali ad altri esseri, rovesciando per altro le tesi di Aristotele sull’anima, che secondo

Dennett non esiste nemmeno. Se non siamo sicuri di avere noi stessi una coscienza come

possiamo attribuirla ad altri? E se gli altri fossero degli “zombie incoscienti” (da libro)? Addirittura

parla di oscurantismo. La coscienza non è indagabile nè osservabile, così come neppure lo sono i

qualia. Questi per lui non esistono perché il termine non esiste, è artificioso e non tecnico. Si ha

bisogno di definizioni oggettive e scientifiche. Non importa l’esistenza o l’inesistenza id un

fenomeno, importa una descrizione scientifica e oggettiva, in quanto abbiamo bisogno di

chiarezza e non di verità assolute. I concetti a cui si riferisce il termine “qualia” invece potrebbero

anche esistere. Parla di questa questione in Consciousness Explained (92). Riguardo al concetto

di sofferenza egli rimanda ad un tipo di frustrazione in cui le proprie intenzioni vengono vanificate.

Emozioni e sensibilità sono per lui importanti e complesse; apprezza molto il lavoro di Damasio a

riguardo in quanto scientifico, provvisto di casi clinici a sostegno delle sue ipotesi e in quanto egli

sia riuscito ad elaborare una Teoria scientifica dell’emotività.

Dennett prende una prospettiva diversa invece per quanto riguarda i casi di personalità multipla,

in questi casi afferma si necessiti di una prospettiva umana, non metafisica. L’aspetto strano di

questo disturbo non è il disturbo stesso, ma lo sono le cause abominevoli, cioè abusi in età

precoce. Questo disturbo mostra scissione, fuga in personalità “più forti”, bisogno di ridefinizione

di sè, e questo mette in crisi, a sostegno delle tesi di Dennett, l’unicità e essenzialità della

coscienza e della soggettività. Citando l’aneddoto riguardante la sua governante domestica

incontrata ad un evento lavorativo, Dennett parla della memoria statica dipendente, grazie a cui il

cervello mantiene separate le parti.

Un altro argomento trattato dal filosofo riguarda il fatto che tanti fenomeni vengono spiegati

tramite concetti che non fanno parte della loro natura, eppure vengono comunque spiegati

(solidità, liquidità…). Dennett si chiede perchè la coscienza invece debba sempre essere

considerata l’eccezione, un qualcosa di inspiegabile, misterioso. Secondo lui, un fenomeno può

essere straordinario sì, ma non incomprensibile. C'è differenza tra l’essere misterioso e l’essere

straordinario. Il filosofo si ritiene così conservatore e tradizionalista, con sorpresa dei suoi critici,

sostiene che non ci sia bisogno di alcuna rivoluzione o ridefinizione dei fatti, perde non ci sono

fenomeni da svelare.


PAGINE

4

PESO

146.53 KB

AUTORE

30elodee

PUBBLICATO

6 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche di psicologia cognitiva (ROVERETO)
SSD:
Università: Trento - Unitn
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher 30elodee di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Intelligenza artificiale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Trento - Unitn o del prof Ghislandi Patrizia Maria Margherita.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale, libro consigliato Cervelli che parlano
Appunto
Spiegazione chiara e completa su Searle
Appunto
Spiegazione chiara e completa su Damasio a proposito di IA
Appunto
Spiegazione chiara e completa dell'opinione di Carli sull'IA
Appunto