Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

SONNO NELL’ANZIANO

Anche nell’invecchiamento ci sono modificazioni che richiamano caratteristiche di quelle che abbiamo visto

nel primo sviluppo, ma ovviamente hanno un significato diverso.

L’invecchiamento va a influenzare:

1)modificazioni struttura interna e organizzazione del sonno

2)modificazioni della distribuzione del sonno nelle 24h

3)va a peggiorare la qualità del sonno, intesa sia in termini oggettivi che soggettivi

Le modificazioni riguardano anche le caratteristiche dell’attività elettrica cerebrale e le possiamo trovare

anche durante la veglia. Ad esempio possiamo trovare l’attività “delta transitoria benigna” che è un attività

lenta rilevata nella regione temporale sinistra. L’1% del tracciato superati i 60 anni può mostrare questa

attività lenta.

Se il soggetto è in veglia rilassata(ritmo alfa 8-12 HZ), diminuisce la frequenza ma anche l’ampiezza.

Inoltre diminuisce la ripartizione spaziale della produzione di questa attività elettrica cerebrale. Ad esempio

sappiamo che il ritmo alfa è soprattutto prodotto dalle regioni occipitali, questa differenziazione spaziale del

giovane adulto, inizia un po’ a sgretolarsi nell’anziano. Se osserviamo i risultati degli studi che hanno usato

i PE vediamo che soprattutto nelle componenti tardive appare un ritardo e una diminuzione dell’ampiezza.

C’è quindi una modificazione globale dell’attività elettrica cerebrale che riguarda sia la veglia che il sonno.

Modificazioni del sonno

All’interno del sonno NREM ci sono modificazioni:

della qualità: meno fusi e complessi k nello stadio 2. Quindi morfologia di stadio2 più povera, pur

rimanendo l’attività theta;

 della quantità: sebbene questa morfologia sia più povera, lo stadio 2 aumenta nell’anziano, come anche

lo stadio 1. Vuol dire che produce più sonno leggero rispetto al giovane adulto.

Altre modificazioni riguardano lo stadio 3-4 (sonno a onde lente), sono modificazioni diverse a seconda del

criterio che utilizzo per identificare questo tipo di sonno.

Sapete che le onde delta hanno criteri di ampiezza e di frequenza (hanno ampiezza superiore ai 75mV e

frequenza compresa tra gli 0,5 e i 3 Hz).

Se si utilizza l’ampiezza e la frequenza, nell’anziano ottengo una quantità inferiore di sonno a onde lente

rispetto al giovane adulto,

Altri ricercatori, hanno evidenziato che in realtà le modificazioni del SWS non fossero tanto nella capacità di

produrre questo tipo di sonno ma di produrre onde lente sufficientemente ampie. Infatti se vado ad

applicare solo il criterio della frequenza per identificare il sonno ad onde lente non osservo alcuna

differenza quantitativa del sonno a onde lente. La principale modificazione riguarda L’AMPIEZZA delle

onde lente.

Distribuzione degli stati nel corso della notte

Il sonno a onde lente è concentrato nella prima parte dell’episodio e va a diminuire nella seconda,

nell’anziano viene invece distribuito in modo più uniforme. Non c’è differenziazione tra prima e seconda

parte del sonno.

Questa modificazione ha fatto ipotizzare che nel soggetto anziano sia:

A)alterato il processo S correlato al sonno a onde lente. A questa riduzione di SWS potrebbe anche

esser correlato il numero maggiore dei risvegli (soprattutto durante la prima parte della notte).

Ma questa prima ipotesi sembra sbagliata: sono stati fatti anche studi in cui è stato chiesto di dormire il

pomeriggio, cioè attenuare il processo S, effettivamente quando i soggetti dormono il pomeriggio

diminuisce il SWS di notte.

B)oppure questa diminuzione di sonno a onde lente potrebbe derivare dalla riduzione del soggetto

anziano di produrre onde di elevata ampiezza, e di sostenere un certo stato comportamentale a

lungo.

Un’ipotesi più probabile è che il soggetto anziano presenti una relativa inconsistenza del SNC che si

traduce nell’incapacità di mantenere per tempo prolungato le stesse attività. Quindi anche il fatto che ci sia

un frequente passaggio da uno stato di sonno all’altro (INCERTEZZA FUNZIONALE ).

Recentemente è stato pubblicato uno studio in cui sono stati analizzati gli episodi di sonno di soggetti

anziani di età compresa tra i 65 e 85 anni, confrontati con giovani adulti di età tra 22 e 32 anni per vedere


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

4

PESO

27.52 KB

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher JulieDeCorrencon di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia del sonno e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Giganti Fiorenza.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia del sonno

Psicologia del sonno: Neurochimica
Appunto
Psicologia del sonno: Memoria
Appunto
Domande Tipiche Esame
Esercitazione
Psicologia del sonno: Fisiologia
Appunto