Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

riassunto fitch:

primi capitoli vertono sulla funzionalità degli edifici e sulla estetica: alcuni edifici quali le sale chirurgiche

ospedaliere non possono minimamente essere organizzate solo al fine di dargli una valenza estetica, deve

essere funzionale al cento per cento.

inoltre un edificio va pensato in ogni suo minimo particolare in quanto i due terzi degli incidenti mondiali

avvengono all interno delle mura di casa, e avvengono per un mal funzionamento dell edificio dovuto a sua

volta a una mala progettazione (scale, cucina, bagni progettati male) e quindi questo deve essere

prevenuto in fase di progettazione di un edificio.

un altro contributo negativo che danno gli edifici oltre agli incidenti sono il contributo a creare malattie,

meno evidente di una caduta dalle scale ma comunque un fatto da curare. nessuno dei nostri 5 sensi puo

permetterci di comprendere la complessità dell edificio ed è per questo che poi avvengono gli incidenti.

la miglioria dal punto di vista dei sanitari nell' 800 a portato alla scomparsa o diminuzione di alcune

malattie ma se ne sono create di nuove (smog,ecc) .

l' architetto pero nn è responsabile dello smog atmosferico, dell arredamento non sicuro dell' edificio ecc,

dell autostrada che scorre di fianco all edificio; legalmente è vincolato ma moralmente deve sapersi

distinguere dagli altri architetti progettando architetture che rispondano al meglio a tutte queste minacce.

per quanto riguarda l habitat termico che ci circonda l uomo è in grado attraverso l omeostasi di regolare la

temperatura corporea in base a quella esterna, oltre a ciò si ha anche lo stress termico dovuto a

preoccupazioni finanziarie, di lavoro, di salute ecc ecc... compito dell' architettura non puo essere quello di

smorzare completamente questi stress ma quello di cercare di alleviarli il piu possibile.

compito dell' architettura non è solamente di eliminare le condizioni termiche estreme, ma anche fornire

gli ambienti termici ottimali per l' intera gamma della vita moderna.

oramai il rendimento meccanico degli impianti di riscaldamento e condizionamento permette di rendere l

edificio perfettamente termostabile a livelli dell omeostasi umana.

nella termoregolazione, il progetto dell' involucro edilizio è altrettanto importante al problema degli

impianti.

per quanto riguarda l' aria stiamo immettendo nell' atmosfera una quantità di inquinamento elevatissima,

nonostante non esista il termine aria pura e non è mai esistito, perchè nell aria sono sempre presenti

batteri muffe spore. con le prime industrie addirittura i fumi delle ciminiere sono stati considerati elemento

architettonico.

l' architettonon puo intervenire sull' inquinamento,anche se è lui stesso con i propri edifici il responsabile

della maggior parte dell inquinamento, potra solo cercare di riportare le giuste condizioni atmosferiche all

interno dell' edificio, potrà intervenire solo in caso di grandi progetti a scala urbanistica o regionale.

un altro problema che molto spesso viene trascurato è quello sensoriale olfattivo che dovrebbe invece

essere considerato come gli altri sensi visivi e uditivi ecc...puo dare molti problemi ad esempio un intera

fabbrica puo inquinare un intera città dal punto di vista degli odori.

altro fattore importante su cui intervenire è quello visivo, in particolare della luce naturale e artificiale all

interno degli edifici. compito dell ingegnere elettrico è quella di posizionare le giuste sorgenti luminose, ma

esso considera molto poco le sorgenti di luce naturali, sarà compito del progettista creare le giuste sorgenti

luminose naturali a protezione anche della privacy oltre che dall abbagliamento.

un edificio ben illuminato non è detto che abbia anche un comfort visivo adeguato.

i vetri possono essere protetti dall irradiazione solare tramite brise soleil, protetti dalla privacy con vetri

opachi esternamente e trasparenti internamente, inoltre esistono vetri che diventano piu o meno opachi a

seconda della quantità di radiazione solare che arriva su di essi.

il tipo di illuminazione artificiale varia a seconda del tipo di destiazione d' uso che avrà quel particolare

luogo (teatro, cinema, esposizione, parco divertimenti...)

cè uno studio anche sulla luce negli esterni, che puo essere pura illuminazione spettacolare (acropoli di

atene) o funzionale per l illuminazione di strade,anche se a volte puo essere piacevole se vista dall alto e

poi non illumina bene o con cartelli luminosi che stressano chi abita in quel luogo e distraggono gli

automobilisti.

l' udito è importante tanto quanto la vista, anch esso non viene percepito nella totalità delle sue frequenze

come la vista e nel campo dell architettura viene misurato come unità di misura sociale e non fisica perchè

per chi non vorrà ascoltare quel particolare suono sara per lui un disturbo e nn potra evitare di riceverlo.

oggi il silenzio è simbolo di qualità architettonica anche se non è sempre stato cosi (nell 800 il rumore delle

acciaierie e fabbriche era ben accolto perche simbolo di progresso).

i rumori che disturbano nel sonno, che magari arrivano dall esterno possono causare danni psicofisiologici

all individio, fino ad un totale deterioramento del corpo.

riassunto germanà:

tra gli strumenti dell' architettura responsabile, un posto di primo piano spetta certamente al concetto di

sistema, per la potenzialità e per l' utilita di applicazione. sia nell ambito delle attività di nuova costruzione

che in quelle sul costruito, la visione sistematica fornisce un valido ausilio per affrontare la complessità dell

edificio, con riguardo alle pluralità delle sue componenti ed alle relazioni con il contesto.

tale concetto puo essere utilizzato come mezzo per controllare la progettazione di un nuovo edificio.

viene definito sistema un oggetto di studio che, pur essendo costituito da diversi elementi reciprocamente

interconnessi e interagenti tra loro o con l' ambiente esterno, reagisce e evolve come un tutto, con proprie

leggi generali. per qualunque tipo di sistema, è importante comprendere la natura dei legami che esistono

tra le diverse componenti e che conferiscono sostanza a quella che è stata definita struttura del sistema.

il sistema edilizio si trattera di un sistema aperto (che interagiscono con altri sistemi), continuo(che non

possiedono alcuno stato circosrivibile ) e in larga misura determinato ( con una successione prorammata di

stati).

ogni costruzione rispecchia la particolare logica costruttiva che l ha prodotta. i procedimenti costruttivi piu

diffusi nel xx secolo, caratterizzati dalla distinzione delle strutture dal resto dell edificio, hanno facilitato l'

applicazione del concetto di sistema.

gli elementi e le unità spaziali individuano il sistema ambientale o spaziale dell' edificio, che puo essere

analizzato con riferimento ai suoi aspetti geometrici e dimensionali. il sistema ambientale viene analizzato

dividendolo in spazi elementari ovvero in parti di spazio adatte ad accogliere, per dimensioni, forma e

condizioni ambientali lo svolgimento di una o piu attività.

il sistema tecnologico, che comprende gli aspetti materiali, tecnici e strutturali dell edificio, è l' insieme

strutturato delle attività tecnologiche, che si identificano con un raggruppamento di funzioni, compatibili

tecnologicamente, necessarie per l' ottenimento di prestazioni ambientali. il sistema tecnologico si articola

in classi di unità tecnologiche caratterizzate da precise funzioni prevalenti (struttura portante, chiusura,

partizione esterna...) ogni classe si divide in unità tecnologiche: (chiusura verticale, chiusura orizzontale

inferiore, superiore...).

Intenzioni in architettura, Christian Norberg Schulz:

le prime forme di costruzione furono un portato del bisogno di protezione e che gli aspetti fisici, come

quelli sociali e culturali, si unificarono in tale esigenza.

L' effetto delle prime capanne fu di proteggere da un ambiente fisico instabile e pericoloso nonchè di offire

sicurezza essendo un espressione visiva del gruppo. si crea cosi un controllo dell' ambiente, tale controllo

puo avere vari aspetti: il piu elementare è la creazione di un clima artificiale che ci protegge da pioggia,

vento,...

un altro aspetto puo essere quello della partecipazione agli edifici alle azioni umane.

infine l architettura puo anche rappresentari oggetti culturali come concezioni religiose, filosofiche...

il controllo fisico è l aspetto del compito edilizio che si comprende meglio: l' acustica, l' illuminazione, il

riscaldamento e l' aria condizionata costituiscono ormai specializzazioni che sono competenza dell'

architetto. il controllo fisico va cosi distinto in : clima, suono, odori, cose (polvere, fumo, insetti,

radioattività).

questi fattori riguardano il rapporto tra l edificio e il luogo in cui esso sorge.

per quanto riguarda la cornice funzionale un edificio è determinato dalle azioni che hanno luogo entro le

sue mura. un certo numero di persone deve fare qualcosa ed ha bisogno di una cornice architettonica

pratica per le sue azioni.

ogni azione esige un certo spazio, talvolta questo spazio deve essere accuratamente misurato (campo da

tennis) altre volte puo variare. la forma dell' edificio è quindi determinata in funzione della funzione che ci

si svolge all interno.

oggi le esigenze funzionali di ciascuna famiglia / ente variano col tempo, per questo si è cercato di

sviluppare cornici architettoniche flessibili ove il numero e le misure degli spazi possono mutare a piacere.

la distribuzione geografica degli edifici è dovuta a particolari fattori:gli esseri umani vogliono dividersi per

sfruttare le ricchezze della terra, e riunirsi per realizzare l' integrazione con il progresso.

per quanto riguarda l ambiente sociale, quando si definisce il compito edilizio, l aspetto della situazione

sociale va considerato. lo scopo sociale di un edificio puo essere l espressione di un rango, ceto, di una

collettività o istituzione, mentre un insieme di edifici puo rappresentare il sistema sociale come una

collettivita.

è importante rappresentare anche esternamente l' ambiente sociale che si ritrova all interno dell edificio

(come la torre che stava a rappresentare la potenza del nobile). oggi vengono fatti tentativi per

rappresentare istituzioni mostrando la struttura funzionale.

per quanto riguarda la simbolizzazione culturale, l' architettura stessa è un oggetto culturale; è un prodotto

dell' uomo che è utile alle attività collettive.

nel secolo scorso l' architettura si allontanò dalla simbolizzazione culturale. le forme significative del

passato furono svalutate, la cupola e il frontone servirono a nobilitare musei, banche,... mentre la vetrata

istoriata veniva introdotta nella residenza privata. solo in tempi recenti è stata avvertita nuovamente l'

esigenza di una simbolizzazione culturale, perche ci rendiamo conto che l' architettura moderna ha bisogno

di questa dimensione per creare un ambiente significativo.

quindi la maggior parte dei compiti edilizi comprende tutte e quattro le dimensioni che abbiamo introdotto.

il controllo fisico è collegato a particolari funzioni, mentre queste a loro volta sono determinate da

condizioni sociali che presuppongono l' esistenza di oggetti culturali.

DIRETTIVA EUROPEA 31/2010/UE: edificio a energia quasi zero: edificio ad altissima prestazione energetica,

il fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo dovrebbe essere coperto in misura molto significativa da

energia da fonti rinnovabili, compresa l' energia da fonti rinnovabili prodotta in loco o nelle vicinanze.

ISOLE DI CALORE: in estate riducono il confort ambientale, l' installazione dei condizionatori, visti come

unica soluzione al problema, generano condizioni ambientali ancora peggiori.

La EFDB (energy performance building directive) si pone l' obiettivo di promuovere il miglioramento del

rendimento energetico degli edifici nella comunità, tenendo conto delle condizioni locali e climatiche

esterne, nonchè delle prescrizioni per quanto riguarda il clima degli ambienti interni e l' efficacia sotto il

profitto dei costi. l' EFDB contiene : (DIRETTIVA 2002-91-CE)

- un quadro generale di una metodologia per il calcolo del rendimento energetico integrato degli edifici

-l' applicazione di requisiti minimi in materia di rendimento energetico degli edifici di nuova costruzione

- l' applicazione dei requisiti minimi in materia di rendimento energetico degli edifici esistenti di grande

metratura sottoposti a importanti ristrutturazioni

-la certificazione energetica degli edifici

- ispezione periodica delle caldaie e dei sistemi di condizionamento d' aria negli edifici.

entro il 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere a energia quasi zero. gli

edifici di nuova costruzione occupati da enti pubblici e di proprietà di questi ultimi dovranno rispettare gli

stessi criteri a partire dal 31 dicembre 2018.

DECRETO 311/06: per tutte le categorie di edifici è obbligatorio l' utilizzo di fonti rinnovabili per la

produzione di energia termica ed elettrica. l' impianto di produzione di energia termica deve essere

progettato e realizzato in modo da coprire almeno il 50% del fabbisogno annuo di energia primaria richiesta

per la produzione di acqua calda sanitaria con l' utilizzo delle predette fonti di energia. tale limite è ridotto

del 20% per gli edifici situati nei centri storici.


ACQUISTATO

5 volte

PAGINE

10

PESO

211.63 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in architettura ambientale (MILANO - PIACENZA)
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher barber-polimi di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sistemi e tecniche per il controllo ambientale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico di Milano - Polimi o del prof Fontana Carlotta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sistemi e tecniche per il controllo ambientale

Sistemi e tecniche per il controllo ambientale - Appunti
Appunto
Acustica ambientale - esercitazione
Esercitazione
Riassunto esame Strumenti e Tecniche per il Controllo Ambientale, prof. Fontana, libro consigliato Dalla Caverna alla Casa Ecologica di Butera
Appunto
Esercizi: Esercitazione di Fisica Tecnica
Esercitazione