Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Semiotica 1ª lezione

Semiotica dottrina che studia sistemi e processi della significazione, scienza dei segni,

definizione in senso lato, definizione superata. È una scienza, una disciplina scientifica molto

giovane, si è sviluppata a partire dagli anni ’60. Lo studio dei segni comunque è presente già da

epoche remote (V°/VI° sec. A.C. grammatica in sanscrito di Panini)

Funzione metalinguistica il linguaggio verbale umano è l’unico linguaggio che ha la funzione di

parlare di se stesso

I termini tecnici sono di due tipi:

1) Neologismi parole nuove create ad hoc per un tipo di linguaggio (morfema, fonema) (già la

parola semiotica è un neologismo)

2) Usi tecnici di un termine preesistente

La parola segno vuol dire indice di qualcosa, un indizio, un indice (in termini scientifici)

La parola semiotica è strettamente legata alla parola segno: in greco segno si scriveva sema,

semeion (da qui si forma la parola semiotica)

Una distinzione è la semeiotica che in medicina studia i segni, i sintomi delle malattie

Concetto di segno: si basa sulla definizione di triangolo semiotico che è uno schema attraverso il

quale i semiologi descrivono e definiscono il concetto di segno:

Significato

Significante referente

Significante e referente non hanno nessun collegamento, ecco perché è tratteggiato, a parte le parole

onomatopeiche (es. mucca deriva in qualche modo dal verso)

Ferdinando de Saussure intuì che il segno linguistico poteva essere bifacciale, cioè poteva essere

significato e significante. Creò così la semiologia che altro non è che la semiotica (semiologia è più

per i francesi). Saussure per primo la teorizzò come una scienza che ricomprendeva lo studio di tutti

i linguaggi. 

Semiotica strutturale improntata sugli studi di Saussure

Semiotica generativa improntata sugli studi di Noam Ciompski che rivisita il modo di concepire

(americano) e di analizzare la linguistica

Il segno linguistico (triangolo) è formato da significato e significante

es. la parola cane

kane “cane”

 

la voce, la pronuncia, il suono ciò che a noi viene in mente

è il significante è il significato

Il triangolo è stato creato, elaborato e ampliato con il concetto di referente a partire dall’idea di

Saussure da Ogden e Richard.

Significante e significato fanno parte della realtà linguistica.

Il referente appartiene alla realtà extralinguistica (sono tutti cani in generale al di fuori dell’idea di

cane che abbiamo nel cervello).

Lo studio del significato all’interno della linguistica occupa una disciplina chiamata semantica.

La dicotomia (espressione e contenuto) è la stessa cosa per dire che il segno è formato da significato

e significante, è usata per i linguaggi non verbali (esempio le api…).

Esempio: 

italiano: bosco/legno/legna per noi le tre parole possono essere ricondotte ad un

solo significato “il legno” pur non essendo sinonimi e non avendo perciò lo

stesso significante

una

francese: bois sola parola per tutte

tedesco: wald (bosco) / hole (legno)

Per i semiologi il segno può rappresentare tutto, tutto può significare qualcosa.

Cosa si intende per comunicazione?

Comunicazione in senso lato: qualunque passaggio di informazione

• Comunicazione in senso stretto: è l’intenzione di trasmettere l’informazione

Schema: a) Comunicazione in senso stretto (non solo il nostro linguaggio ma anche quello dei

+ forte sordomuti o degli animali): 1 emittente intenzionale e 1 ricevente intenzionale

b) Passaggio di informazione: 1 emittente non intenzionale e 1 ricevente intenzionale (o

codice interpretante) ad es. le orme degli animali, le posture del corpo

c) Formulazione di inferenze: non c’è nessun emittente ma c’è l’interpretante es. un

- forte oggetto culturale (oggetto prodotto dalla cultura umana) che produce una serie di

inferenze ossia deduzioni (in termine poco tecnico)

Codice sistema di associazione tra l’ordine dell’espressione e quello dei contenuti

È’ + forte tanto minori sono le ambiguità ed è perciò + complicato

E’ – forte tanto maggiori sono le ambiguità nel momento della codifica

Codifica associare il contenuto all’espressione

Decodifica dissociare il contenuto dall’espressione

Tipi di segni: 

indici motivati naturalmente, non intenzionali (es. starnuto)

• 

segnali motivati naturalmente, usati intenzionalmente (es. sbadiglio finto volontario o

• fuoco acceso per segnalare la sua presenza)

icone motivati analogicamente e intenzionali cioè basati su una similarità di forma tra ad

• es. i disegni, le registrazioni su nastri, parole onomatopeiche, cartine geografiche

simboli motivati culturalmente e intenzionali es. il colore nero per il lutto, il rosso del

• semaforo, colombi col ramoscello di ulivo, le bandiere

segni non motivati (o arbitrari) e intenzionali es. suono del telefono, molti segnali stradali

il segno è distinto dal codice, ma all’interno di esso assume diversi significati

esempio: può essere quello della toilette o quello del segnale stradale

 

Fatti segnici sono i modi in cui vengono impiegati i segni. Si distinguono in:

comunicazione in senso stretto (umananaturaleverbale o non verbalei gesti volontari)

• 

(animale) verbale non vuol dire orale ma che si avvale delle parole

passaggio di informazioni

• formulazioni di inferenze

Si chiama Codice Secondario il codice che ha come contenuto l’espressione di un altro codice.

Esempio: la scrittura C A N E ogni singola lettera ha come contenuto il suono.

Semiotica 2ª lezione

Lingua naturale applicazione concreta della facoltà di sviluppare un linguaggio

Linguaggio facoltà innata astratta propria degli esseri umani di poter sviluppare un codice lingua

naturale

In semiotica:

ling linguistico

• 

ling. non linguistico arte, architettura, cinema, natura, animali

• 

Segno deriva dal romano “signum” che in origine significava “tacca” (segno, grafico, concreto,

es. tacca per i pastori incidevano sul bastone per contare le pecore) e dal greco dhyaman che

significa “idea” che si traduce in sema.

Sistemi numerici: 

posizionale le cifre cambiano valore a seconda della posizione, sistema di civiltà

• agricolo-pastorale non sviluppata, IV, sistema romano è posizionale (es. la nostra

numerazione derivante da quella araba, dal latino signum segno: origine da un aspetto

concreto, dal greco idea sema, origine da un aspetto astratto);

addizionale ogni elemento mantiene lo stesso valore numerico indipendentemente dalla

• posizione, proprio di civiltà che hanno sviluppato uno studio della civiltà

Le cifre del sistema numerico romano sono strettamente legate al signum (es. I, V, X)

Inferenza è un genus (genere) che comprende tutte le deduzioni e induzioni

Inferenza deduzione

 induzione

Genus Species

 

genere specie

 

Fatto fatti (in senso stretto) qualunque evento nel quale la legge ricorre, effetti giuridici

 

atti giuridici riconnessi a manifestazioni di volontà

 la differenza tra i due va in questa direzione

 es. compravendita, testamento

esempio:

fatto giuridico (preso in considerazione dalla legge) comprende: atti (manifestazioni della volontà,

es. un qualunque contratto) e fatti in senso stretto (se una parte di terreno si stacca e giunge nella

proprietà di un soggetto diventa di sua proprietà – è un’avulsione).

Avulsione evento naturale con effetti giuridici, qualcosa che mi permette di conoscere o che mi

fa ordinare mentalmente le conoscenze.

Ragionamento procedimento conoscitivo

Semiotica si interessa del contenuto del ragionamento

Peirce ha usato un nuovo termine abduzione per indicare nuovo tipo di inferenza

Deduzione processo conoscitivo, si parte dal presupposto che

 le affermazioni siano vere (es. tutti gli uomini sono mortali,

Inferenza Socrate è un uomo, Socrate è mortale)

 

Abduzioni introdotto da Peirce, dal latino

 

Induzione partiamo da particolare ed estrapoliamo qualcosa di molto

più grande, (per es. il libro cade, la penna cadetutti i corpi

cadonoperò dovremmo farli cadere tutti) aggiungiamo

tipico

molto di più per arrivare a qualcosa di generale della

logica e della metafisica in settori aristotelici

Nel ‘600grandi dubbi di porre premessein senso assoluto

Per Galileobisognava aumentare numero esperimenti tipo

Esempio di ragionamento deduttivo: 

a) “Tutti gli uomini sono mortali” premessa maggiore, constatazione generica molto ampia

b) “Socrate è un uomo” premessa minore

c) “Socrate è mortale conclusione

Peircestudioso americano, di famiglia media, non conobbe Saussure, fondò la scuola dei segni

che chiamò semiotica; non insegnò mai in università e non appartiene al mondo

accademico100.000 pag. da lui manoscritte conosciute con altri scritti a posteriori. Muore nel

1914 come Saussure. Elaborò il concetto di semiotica quasi parallelamente a Saussure che si occupò

prevalentemente di struttura linguistica. Capì che le lingue erano fondate su sistemi di segni.

Lingua descrive e formalizza fenomeni

Linguistica scienza più generale che studia tutti i codicidisegni esistenti, non solo linguistici.

Saussure apparteneva a una famiglia calvinista che scappò dalla Francia. Morì nel 1914. I suoi

antenati, famiglia di illustri scienziati, fecero molte scoperte nel campo delle scienze naturali (anche

mineralogia, scalato Monte Bianco)

Deduzione procedimento analitico tipico della tradizione aristotelica, dal generale al particolare

 

La premessa major, generale regola (es. teologia premesse assolute)

La premessa minore caso, premessa su base di osservazioni empiriche (specificato), su base di

questo troviamo risultato

Esempio di deduzione per Peirce: 

a) “tutti i fagioli di questo sacco sono bianchi” regola Premessa dati Il sacco contiene

b) “questi fagioli vengono da questo sacco” caso empirici solo fagioli bianchi

c) “questi fagioli sono bianchi” risultato

procedimento

Induzione sintetico, osservazione particolare, da particolare a generale

La regola generale è la conclusione

Mai certezza assoluta

Esempio: 

a) “la matita cade” osservazione particolare

b) “l’uomo cade”

c) “tutti i corpi cadono”

con induzione c’è incertezza su veridicità della conclusione

Esempio per Peirce: 

a) “questi fagioli sono bianchi” regola 

b) “questi fagioli vengono da questo sacco” caso

c) “tutti i fagioli di questo sacco sono bianchi” risultato

si da generalizzazione, non da certezza assoluta

Tanto più rappresentativo è il campione tanto più forte è l’induzione

Si basa su operazioni empiriche

Il primo ad indicare l’importanza dell’Induzione fu Galileo (esperimenti scientifici) che diceva che

a partire dai dati minori si possono creare delle certezze

Abduzione si conosce la regola

Esempio per Peirce: Non c’è collegamento logico

a) tutti i fagioli di questo sacco sono bianchi generale (promessa major)

b) questi fagioli sono bianchi Sono portato a supporre

c) questi fagioli vengono da questo sacco ma ultralogico

Mi faccio una mia idea senza

statistiche

non c’è stretto collegamento logico, statistico, ma è legato più che altro all’immaginazione

Per Peirce quando interpretiamo un testo nel suo complesso facciamo ricorso ad una serie di

conoscenze (enciclopediche) che va ben oltre il significato stretto. La seriosi non avviene

esclusivamente per ragionamento deduttivo (analitico) o per ragionamento induttivo (sintetico) ma

anche con abduzione (ciò che è basato su suggestioni che derivano dall’esperienza personale,

interpretazione che va oltre la logica)

La conoscenza avviene mediante una serie di inferenze.

Le più logiche sono: induzioni

deduzioni

La meno logica: abduzione

Vi è differenza tra logica e ragionevolezza (implicazione convenzionale).

 

Testo la sua definizione si è ampliata contiene/comprende ogni oggetto reale

Studi dell’interpretazione. Triangolo della semiotica di Peirce:

Interpretante

(no soggetto che interpreta ma quello che si produce

nella mente del soggettono soggetto ma oggetto mentale)

Segno Oggetto

(in senso stretto, qualsiasi cosa percettibile, soggetta ad interpretazione) (ciò a cui rimanda il segno percepibile o non, esiste

indipendentemente a prescindere dal segno)

Interpretante qualcosa che si produce nella mente del soggetto ricevente

Per Peirce il segno è diverso da quello di Saussure, in quanto ritiene che non sia bifacciale, non

arbitrale e non convenzionale.

Pierce arriva quindi a sostenere che non vi è arbitrarietà (sì per Saussure).

Per Peirce all’interno del soggetto sviluppa una serie di significati personali che vanno ben oltre il

riferimento all’oggetto reale, che non possono essere ricondotti a un puro fenomeno sociale (come

per Saussure). Esempio: il suono Kane ha un significato personale soggettivo. Peirce da spazio

all’interpretazione personale del segno.

Per Saussure vi è bipolarità; è frutto di una convenzione, es. Kane è un oggetto reale, è immotivato

(arbitrario) e il linguaggio è un fenomeno sociale.

Saussure studio del linguaggio. Linguistica doveva avere più ampio respiro.

Lingue concretizzazioni.

Saussure fa linguistica però insieme a semiotica.

Semiosi o processo semiotico idea che si sviluppa del soggetto interpretante che collega/associa

segno a oggetto.  

Interpretante stesso è un segno segno precedente.

Bifaccialità/biplanarietà del segno linguistico sembra non essere presente

 

anche se segno può sembrare espressione

oggetto contenuto

Segno per Saussure qualcosa di immotivato. 

Per Peirce il segno sentito dal soggetto come qualcosa di strettamente motivato sviluppo

significato molto personale, qualsiasi cosa che sia percepibile

Esempio: parola, simbolo, movimento involontario a seconda del tipo di segno si inserisce in un

diverso tipo di comunicazione.

Per Peirce l’oggetto esiste indipendentemente dal segno. Il segno diventa tale se associato

all’oggetto attraverso l’interpretante (è il processo di semiosi o significazione).

Per Peirce l’interpretante è un segno che interpreta un segno precedente.

La lingua per Saussure convenzione della società.

 

La lingua per Peirce non è vero che per tutti è la stessa cosa es. kane per questo formato

metafore connesse a percezioni da spazio a interpretazione individuale per cui no arbitrarietà, ma

soggettivo.

Semantica studio del significato

Es. cane ha per tutti un significato denotativo riconosciuto universalmente

 

e un significato connotativi per aspetti individuali

 

Genus parente (cugino, fratello, mamma) rapporto di significato tra le parole (es. parente e

mamma nessuna connessione al suono

 

collegamento solo per significato per semantica

Per Peirce i significati sono connotativi (personali) e denotativi (comuni)

(super) 

Iperonimi (genus) esempio animale di cane

Iponimi (species) esempio cane di animale

Atto semiotico (di semiosi o di interpretazione) nella lettura di un testo si sviluppano una serie di

interpretazioni

 atto 

S lettura testo semiotico lettore ricava il significato del testo

 

sussegue inferenza che porta a interpretazione 

con l’interpretazione di un testo letterario o non, mettiamo il testo al centro dell’analisi si

 

ottengono tre moduli da questa analisi ragionamento si hanno i rimandi (o richiami):

1. Intratestuali già dette/ veramente dette/ implicite-esplicite (richiami nel testo)

2. Extratestuali quello che si deve sapere per esperienza comune, in riferimento

al mondo esterno, conoscenza di normale cultura (es. vulcano ci si aspetta che

erutterà, uomo con coltello che ucciderà) (richiami a conoscenze comuni)


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

12

PESO

178.02 KB

AUTORE

Menzo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Semiotica
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Menzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Semiotica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Insubria Como Varese - Uninsubria o del prof Facchetti Giulio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Semiotica

Riassunto esame Semiotica, prof. Facchetti, libro consigliato Manuale di Semiotica, Volli
Appunto
Semiotica in nuce - introduzione
Dispensa
Semiotica - domande esame semiotica
Appunto
Semiotica - dispense corso semiotica
Appunto