Che materia stai cercando?

Sanità pubblica – Calendario vaccinazioni Appunti scolastici Premium

Appunti di Sanità pubblicaCalendario vaccinazioni. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Il calendario delle vaccinazioni per l'età evolutiva, Piano Sanitario Nazionale 2003-2005, il vaccino antipolio orale vivo attenuato (OPV) tipo Sabin,... Vedi di più

Esame di Sanità pubblica docente Prof. G. Vermiglio

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

3. Vaccino pneumococcico coniugato eptavalente: programmi di ricerca attiva e vaccinazione dei

soggetti a rischio elevato; per gli altri soggetti vaccinazione in base a specifici programmi

regionali

4. E’ possibile la co-somministrazione al 13° mese della prima dose del vaccino MPR e della terza

dose dei vaccini DTaP, IPV, HB e Hib

5. MPR2: seconda dose ovvero dose di recupero (Piano nazionale di eliminazione del morbillo e della

rosolia congenita - G. U. s. g. n. 297 – suppl. ord. N. 195 del 23/12/03)

6. Vaccino meningococcico C coniugato: programmi di ricerca attiva e vaccinazione dei soggetti a

rischio elevato; per gli altri soggetti vaccinazione in base a specifici programmi regionali

7. Varicella: limitatamente alle Regioni con programmi vaccinali specifici in grado di garantire

coperture superiori all’80%

8. Varicella: programmi di ricerca attiva e vaccinazione degli adolescenti con anamnesi negativa per

varicella

Le vaccinazioni obbligatorie

In Italia sono obbligatorie per tutti i nuovi nati le vaccinazioni contro difterite, tetano, poliomielite,

epatite virale B.

L’ultimo caso di difterite in età pediatrica in Italia (peraltro in una bambina non vaccinata) risale al 1991

e da diversi decenni non si registrano casi di tetano in età pediatrica o adolescenziale; inoltre, l’incidenza

dell’epatite virale B ha subito, dal 1991 ad oggi, una riduzione superiore all’80% nei gruppi di età

destinatari dell’intervento vaccinale (0-14 e 15-24 anni).

Difterite

Il vaccino antidifterico è costituito da anatossina difterica, cioè dalla tossina originaria resa innocua

mediante procedimenti chimici che conservano però la sua capacità di stimolare la produzione di anticorpi

protettivi. Il calendario vaccinale, in vigore dal 1999 prevede tre dosi nel primo anno di vita (al 3°, 5° e

12° mese), seguite da due richiami rispettivamente a 5-6 anni, e tra 11 e 15 anni. Ulteriori richiami sono

raccomandati a cadenza decennale.

I vaccini contro la difterite sono disponibili in formulazione pediatrica e per adulti. La formulazione

pediatrica è utilizzata per il ciclo primario ed i richiami fino a 6 anni di età.

La formulazione per adulti ha un ridotto contenuto di anatossina rispetto a quella pediatrica e viene

utilizzata per le dosi di richiamo oltre i 6 anni e per la vaccinazione di adolescenti e adulti.

La vaccinazione antidifterica, a ciclo ultimato, conferisce una protezione pressoché totale.

La durata della protezione nel tempo è molto lunga ed è ulteriormente garantita dall'esecuzione dei

richiami.

Tetano

Il vaccino antitetanico è costituito da anatossina tetanica, cioè dalla tossina originaria resa innocua

mediante procedimenti chimici che conservano però la sua capacità di stimolare la produzione di anticorpi

protettivi.

Il calendario vaccinale è lo stesso della difterite. Il ciclo di base è costituito da tre dosi di vaccino, da

praticare entro il primo anno di vita del bambino (al 3°, 5° e 12° mese). Una dose di richiamo (associata

con le componenti contro la difterite e la pertosse - DTaP) viene eseguita nel 6° anno e un’altra a 14 anni

(tetano, difterite a ridotto contenuto di anatossina e pertosse - Tdap).

Come per la difterite, dal 1998 ad oggi sono stati introdotti in commercio numerosi prodotti combinati ad

altri componenti, in cui l’anatossina tetanica è associata, oltre che ai vaccini antidifterico ed antipertosse

acellulare, anche all’anti Haemophilus influenzae b (Hib), all'antipolio (IPV) e all'antiepatite B (vaccino

esavalente).

La vaccinazione antitetanica, a ciclo di base ultimato, conferisce una protezione pressoché totale:

efficacia del 100%.

La durata della protezione nel tempo è molto lunga, almeno 10 anni, ed è ulteriormente garantita

dall'esecuzione dei richiami.

Poliomielite

Nel 1999 il calendario vaccinale basato sulla sola somministrazione di vaccino antipolio orale (OPV) è

stato sostituito da una schedula sequenziale, che prevedeva la somministrazione di due dosi di vaccino

antipolio inattivato (IPV), seguite da due dosi di OPV.

In concomitanza con la certificazione dell’eradicazione della polio dalla Regione Europea dell’OMS,

avvenuta nel giugno 2002, nell’agosto di quello stesso anno è stato adottato definitivamente un

calendario basato sulla somministrazione esclusiva di IPV.

La modalità di somministrazione resta invariata per quanto riguarda le prime 3 dosi nel primo anno di

vita. Per il richiamo occorre fare una distinzione Per i bambini nati dal 1 gennaio 2004 in poi il richiamo

va praticato tra il 5° e il 6° anno di vita (e comunque, non prima che siano trascorsi 12 mesi dalla


PAGINE

4

PESO

36.45 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Sanità pubblicaCalendario vaccinazioni. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Il calendario delle vaccinazioni per l'età evolutiva, Piano Sanitario Nazionale 2003-2005, il vaccino antipolio orale vivo attenuato (OPV) tipo Sabin, ecc.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - 6 anni)
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sanità pubblica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Vermiglio Giuseppe.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sanità pubblica

Sanità pubblica – Infezioni ospedaliere
Appunto
Sanità pubblica – Management
Appunto
Sanità pubblica – Definizione
Appunto
Sanità pubblica – Conservazione alimenti
Appunto