Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

finirà per non crederci più, nasce in lui avversione per il cristianesimo e smette di comunicarsi. Durham

non può stare senza di lui.

Segna la divisione tra in termine di STILI COGNITIVI (p.61)

 Clive: attitudine di dubbio e dotato (comprende la letteratura) – gli consiglia di leggere

o il Convito, tranquillo e ordinato nella testa. acutezza

Maurice: rozzo, intorpidito, docilità, falsità

o

8 p. 78-83 tornato a casa racconta del suo nuovo amico, ma una mancata attenzione da parte delle

donne, gli fa sorgere irritazione per loro, mai provata prima. Inoltre non si preoccupano del suo ateismo.

Londra non esige l’osservanza del cristianesimo.

Episodio di Gladys Olcott. Ragazza ospitata e ritenuta deliziosa. Maurice inizia a farle la corte, ma un

giorno le fa molti complimenti e la infastidisce. Le prende la mano e lei prova ribrezzo, è il contatto di un

cadavere. Trova una scusa e parte. Maurice va a trovare l’ex socio di suo padre e dopo gi studi vuole

entrare nella ditta.

Lei percepisce la sua mancanza di convinzione

 

Elemento di DETERMINAZIONE: vuole entrare nella ditta PREDETERMINAZIONE che

 investe il personaggio, riguardante la sua professione e la sua appartenenza sociale.

9 83-87 ritornati in università, Maurice e Durham hanno un momento sentimentale, che però viene

interrotto. Durham gli dice che lo ama e Maurice rimane atterrito e scandalizzato.

Maurice gli dice che sono entrambi INGLESI, cime se le leggi non potessero permettere

 l’esistenza dell’omosessuale

10 p.87-90 Maurice soffre molto. Riceve un biglietto da Durham in cui gli chiede di fare finta di nulla.

Avendo amici in comune continuano a incontrarsi. Una notte, Maurice ha una crisi suicida, che passa e lui

realizza che ama gli uomini.

11 p. 90-95 Maurice è diventato uomo. Idealismo e brutalità si erano uniti a comporre l’amore. Soffre ma

prova anche trionfo. Decide di parlare con Durham che lo evita. Finalmente riesce a restare solo con lui e

gli dice di amarlo. Ma Durham lo respinge. Maurice entra dalla finestra.

Seconda parte

12 p. 99-105 Clive da ragazzo non aveva sofferto di confusione. Profondamente religioso pensa

che Dio l’abbia messo alla prova. A 16 anni arriva un esaurimento nervoso, durante la convalescenza si

innamora di un uomo sposato. Si sente dannato. Riesce a controllare il corpo, ma l’anima disturba le sue

preghiere. Studioso, trova in Fedro la spiegazione della sua malattia. È costretto ad abbandonare il

cristianesimo, cerca nelle scritture un appoggio ma l’interpretazione della chiesa è contro di lui, quindi si

rifugia nei classici. A 18 anni è padrone di sé, all’ascetismo si sostituisce l’armonia. Incontra Rasley ma

non gradisce la sua compagnia. Incontra Hall, grezzo e stupido di bell’aspetto, gli piace. All’inizio pensa

che Hall sia interessato solo alle donne ma poi Hall assume un’espressione nuova e curiosa. Una volta

sicuro che Hallo lo ami, gli dichiara il suo amore. Le parole di rifiuto lo mortificano e Clive inizia a

odiare se stesso. Poi però Hall gli confessa di amarlo. Maurice entra dalla finestra…sogno?

13 p. 105-110 Clive e Maurice fanno una gita in motocicletta che però si guasta. Clive considera la

giornata ordinaria anche se l’unica che avessero mai passato in quel modo.

14 p. 110-112 Maurice viene sospeso per aver saltato le lezioni e non si è fermato quando il

preside l’ha richiamato. Durhma invece non viene punito. Clive pensa che non rivedrà più Maurice a

Cambridge perché quello è il suo ultimo semestre. Ripensa al side-car, diventa il simbolo della loro

unione, lì erano davvero vicini, unità predicata da Platone. Quando il treno di Hall scompare, torna in

camera e scrive una lettera di disperazione e gliela manda. Maurice riceve la lettera e ha la prima

esplosione di rabbia contro il mondo.

15 p. 112-118 Hall sente che è stato espulso ingiustamente ed è maleducato con sua madre. Le

donne lamentano la scomparsa della bicicletta più che l’espulsione. In un momento di collasso pensa che

ha passato con Clive solo 1 giorno in giro invece di stare davvero insieme, ma in futuro lo avrebbe

considerato un giorno perfetto. Si scambia molte lettere con Clive ed emerge una tensione emotiva. Clive

lo va a trovare e decidono di scriversi più di rado, solo quando ce n’è bisogno. Maurice va a parlare al

vicino, dr Barry (decisione della madre). Barry gli dice che ha fatto bene a lasciare l’università perché non

era adatta a lui. Un gentiluomo avrebbe chiesto scusa ma lui non l’ha fatto. Maurice esce dicendo che

spera di parlare francamente come lui un giorno. Le donne lo trovano cambiato dopo l’incontro con dr

Barry. 16 p. 119-129 I Durham abitano in una zona remota dell’Inghilterra vicino a Somerset. Maurice va

a trovare Clive, trova la madre di Clive meno sincera del figlio e capisce perché Clive la disprezza.

Incomprensione su Cambridge: Maurice non ha chiesto scusa pensando che Clive non sarebbe tornato

l’anno successivo e Clive ha detto alla madre che vuole tornare – la commedia degli errori. Maurice si

convince a chiedere scusa in ritardo. Clive pensa che il demonio sia Maurice perché l’ha risvegliato dal

suo stato di dormiveglia. Si sono svegliati a vicenda. Si confessano che si trovano belli a vicenda e

passano un momento di perfezione.

17 p. 129-133 Maurice ha guadagnato il rispetto dei Durham e la madre di Clive gli parla e gli

chiede se crede sia una buona idea che Clive torni a Cambridge, lui ché è destinato ad ereditare Penge a

viaggiare in America e nelle colonie e ad avere figli. Maurice pensa che è più bello che l’amore finisca là

dove è iniziato, non sembra servono figli, ma il pensiero di essere sterile grava su di lui.

18p. 134-135 Per due anni sono felici, affettuosi e coerenti. La felicità consisteva nello stare

insieme, due anime imperfette rasentano la perfezione. Esteriormente come gli altri uomini, erano

accettati dalla società. Dopo l’ultimo anno a Cambridge, viaggiano in Italia poi Clive diventa avvocato e

Maurice lavora in un ufficio. 

“nati sotto quella stella”= legata all’omosessualità relazione che risulta PERMANENTE.

19 p. 135-138 Nonostante le loro famiglie siano di diversi ceti sociali, si intendono. In realtà la

signora Durham vuole trovare una moglie per Clive e pensa che Ada Hall sia una buona candidata (più

sciocca di Kitty ma più ricca). Quando Pippa chiede a Clive se si sposerà lui risponde No a bruciapelo. Le

giornate di Maurice sono regolari, tutti i giorni va a lavoro poi gioca a bridge. Solo il mercoledì sera e il

weekend li passa sempre da Clive.

20 p. 139-146 Clive prende l’influenza e guarisce, passa del tempo a casa di Maurice e una sera a

cena si sente male e sviene, il dottore dice che non è nulla di grave, solo una ricaduta, ma a Maurice

sembra qualcosa di peggiore. Maurice lo aiuta e sente di amarlo ancora di più ora che Clive è debole e

senza dignità. Clive preferisce avere un'infermiera. Sembra apatico e non accorgrsi di nulla.

21 p.146-154 Clive si riprende e trasferisce a Penge. Decide di andare in Grecia. Clive fa

osservazioni maligne, ma Maurice non si lascia offendere, vuole continuare a indagare e capire cosa

succede a Clive. È preoccupato ma felice di essere forte (fisicamente per entrambi).

22 p.154-155 Clive in Grecia scrive una lettera a Maurice dicendo che anche se contro la sua

volontà, ora è normale.

23 p. 155-156 Maurice gli chiede di tornare indietro, è in ansia. Clive strappa la lettera, non lo ama

più. 24 p. 156-159 Tramite la malattia lui è cambiato. Aveva notato che l’infermiera era carina e gli

faceva piacere che le donne ricambiassero i suoi sguardi, quando gli uomini lo ignorano. Ha iniziato a

trovare Maurice ripugnante, certo che l’amore è morto, lo infastidisce.

25 p. 159-172 Clive torna dalla Grecia e va a casa di Maurice per dargli delle spiegazioni. In casa

Maurice non c’è. Quando arriva Ada, Clive capisce che lei promette pace, il compromesso tra memoria e

desiderio, ciò che può riconciliare presente e passato. Maurice arriva e non crede che Clive sia cambiato,

in lui ci deve essere solo confusione. Ma Clive ammette che crede di amare Ada. In cuor suo, Clive sa che

Ada non è la sua donna definitiva, ma una di passaggio.

Terza parte

26 p. 175-179Maurice pensa che Clive tornerà e inizia a sorvegliare Ada, la quale è triste. Maurice

l’accusa di aver corrotto Clive e Ada si sente colpevole. In seguito Maurice capirà di essere stato

mascalzone. Le dice che non sono più amici per colpa sua e Ada risponde che tanto lui è sempre stato

cattivo. Maurice capisce che le sorelle non gli vogliono bene e che lui ha fallito anche in famiglia.

Maurice non trova nessuna consolazione, non sa autocommiserarsi, non è intellettuale né religioso e in

poche ore ritorna nell’abisso in cui si era trovato da ragazzo. Poi riprende la sua routine ed è fiero del suo

autocontrollo, poi però rimpiange di non avere urlato quando ne aveva la forza, anche se ci sarebbe

andato di mezzo lui, ormai della famiglia e della società non gli importa più nulla. Incomincia a vedere

Clive in sogno e inizia a sentirsi morto. La solitudine lo rende abietto e infelice. Inizia a pensare al

suicidio se non fosse che suo nonno muore in seguito a malattia. Continua a scambiare lettere con Clive

che gli ripete che è meglio se non si vedono.

27 p.180-184 Suo nonno era sempre stato un uomo d’affari, si dedicò alla lettura e ciò gli

trasformò il carattere. Dice a Maurice di essere buono e di seguire la sua luce interiore, l’anima. Ma

Maurice non pensa di averla, la sua luce si è spenta, non ha nessuno, solo sa mandare conta. Non c’è

motivo di vivere, tuttavia ha l’impressione di doverlo fare.

28 p. 184-188 Maurice camba, ma non si può parlare di conversione. Continua a vivere infelice e

solo. Acquista nuove abitudini: puntualità, urbanità, patriottismo, cavalleria, si imporre un’autodisciplina

severa. Ada si sta per sposare con Chapman e Maurice le chiede di perdonarlo per il suo comportamento

ma Ada lo tratta freddamente: Maurice le aveva troncato quell’amore sul nascere. Maurice cerca di

risolvere la sua situazione con Kitty, le paga la retta della scuola ma anche lei lo sdegna. Maurice è tenuto

in minor considerazione dalla famiglia e ciò non gli sfugge. Maurice si arruola nella milizia militare e

spende meno soldi per darne in beneficenza. Non lo fa perché qualcuno lo osserva, nessuno lo fa, ma sta

dimostrando come poco possa bastare all’anima per sussistere.

29 p. 188-194 Una domenica a colazione la signora Hall annuncia che Clive sta per sposarsi con

Lady Anne Woods, di famiglia nobile che il ragazzo aveva incontrato in Grecia. La notizia scombussola

Maurice, che va a svegliare il nipote del dr Barry, Dicky il quale diventa il nuovo desiderio di Maurice. È

il ragazzo che avrebbe dovuto sorvegliare a Sunnington ma si rifiutò, ora la passione era tanta che

Maurice pensa di avere la crisi della sua vita.

30 p. 194-199 Prese Dicky per un secondo Clive, ma le fiamme si spensero con la stessa rapidità

con cui si accesero. Maurice pensa alla lussuria e si ripromette di soggiogarla. Riceve una chiamata da

Clive che lo invita a parlare con la sua promessa, e lo invita a Penge. Maurice dice che ci andrà ad agosto,

quando sarà più libero. Poi investe dei soldi per la promessa di Clive e si reca a comprare un regalo di

nozze. Mentre paga, si sente un cittadino tranquillo, onorato ma la domenica prima era stato sull’orlo di

aggredire un ragazzo…

31 199-205 Su un treno Maurice tira un pugno ad un signore anziano e nella vecchiaia del signore

vede la propria. Non ha ucciso la lussuria, anche se si tiene lontana dai giovani continua a pensarci e

decide di andare dal Dr Barry, l’unico di cui si possa fidare. All’inizio il Dr Barry pensa che sia impotente

poi quando capisce il motivo, gli dice che è una tentazione del diavolo. Maurice pensa sia una malattia e

vuole guarire perché non sopporta più la sua solitudine.

32 p. 206-209 Il verdetto del Dr Barry è di natura teologica, quel medico tenuto tanto in

considerazione, per lui aveva solo decretato “corbellerie”. Dopo un concerto di Caikovski, incontra il

signor Rasley che gli dice che l’artista si era innamorato del nipote così Maurice compra la sua biografia,

ma lo aiuta solo ad andare in senso contrario. Poi decide che può fare ricorso all’ipnotismo.

33 p. 209-212 Per gratitudine, Clive vuole aiutare Maurice, che lo aveva aiutato nella sua

evoluzione fino a renderlo degno di Anne e del suo amore. Ad Anne non aveva detto nulla di Maurice

perché l’episodio di Maurice non si frapponeva tra di loro, bensì Anne si frappone tra lui e l’episodio. Il

loro matrimonio è sobrio e delicato.

34 p. 213-222 In agosto, Maurice arriva a Penge. Clive non è a casa, ma lo accoglia Anne. Le

presenta il signor Borenius, il nuovo rettore della parrocchia e parlano della campagna elettorale di Clive

e dei poveri. Secondo Maurice i poveri non vogliono la loro pietà e sono una minaccia pubblica. Clive il

giorno dopo torna, è diventato un autentico signorotto di campagna. Dopo il pranzo Maurice decide di

ripartire da zero. Maurice manda un telegramma al signor Jones per un appuntamento.

35 p. 222-227 Clive sente che la visita di Maurice è stata un fallimento. Maurice gli dice che spera

di sposarsi e Clive ne è contento, gli dice che il matrimonio è la cosa più straordinaria e gli bacia la mano

per fargli capire che non dimentica il passato, anche se non ne devono più parlare. Ma l’essere stati idioti

in passato ha permesso loro di trovare maturità e intimità. Solo in camera, Maurice scrive e gli sembra

che qualcuno alle sue spalle l’osservi o che non sia lui a scrivere. Da quando è lì gli sembra di essere un

fascio di voci.

36 p. 227-236 Maurice vuole una donna che lo salvaguardi socialmente e che gli dia figli. Non

pensa a quella come a una gioia, va dal sig Jones per trovare quiete. Il sig Jones gli dice che la sua

malattia è omosessualità congenita e che può guaritlo con l’ipnotismo ma che non sempre è un successo.

Lui accetta. Il sig Jones lo fa cadere in Trance e gli chiede se la signorina Edna May (nel ritratto) sia

bella; per Maurice è un signore e no, non è attraente, a lui piacciono i capelli corti. Poi piange e quando si

risveglia dice al medico che ha fatto un sogno in cui gli sembra di vedere un viso che gli dice che questo è

il suo amico. Il sig Jones pensa che lui sia accessbile alle suggestioni. Maurice decide di tornare a Penge.

37 p. 236-248 Storia di Scudder che non è stato cresimato, che ha rifiutato la mancia di Maurice di

5 scellini ma non quella di London (marito di Pippa, sorella di Clive) di 10 scellini. Emigrerà in

Argentina. Scopriamo che la ragazza che gli piace è la signorina Tonks (amica della sorella Kitty,

compagna di scuola). Maurice ha paura di aver taciuto qualcosa al dr Jones ma non sa cosa. Sogna, si

affaccia alla finestra e urla Vieni! A chi urla? Qualcuno arriva “è me che aveva chiamato signore?”

Quarta parte

38 p.251-254 è Scudder, il suo nome è Alec. Quando Maurice era arrivato a Penge, l’aveva visto

che si baciava con 2 ragazze. Alec dice che l’aveva guardato con dolcezza e rabbia insieme. Dormono

insieme. Poi è come se nulla fosse mai stato.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

9

PESO

129.98 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in civiltà e lingue straniere moderne
SSD:
Università: Parma - Unipr
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Valentinaligabue di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Critica e teoria della letteratura e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Parma - Unipr o del prof Iacoli Giulio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Critica e teoria della letteratura

Riassunto esame Teoria della letteratura, prof. Iacoli, libro consigliato La volontà di sapere, Foucault
Appunto
Riassunto esame Teoria della Letteratura, prof. Iacoli, libro consigliato L'immoralista, Andrè Gide
Appunto
Riassunto esame Teoria della Letteratura, prof. Iacoli, libro consigliato Teoria della letteratura, Culler
Appunto
Riassunto per l'esame di Teoria della Letteratura, prof. Iacoli, libro consigliato I turbamenti del giovane Torless, Robert Musil
Appunto