Che materia stai cercando?

Riassunto pedagogia generale, prof. Loro, libro consigliato Animare l'educazione

Riassunto dell'esame di pedagogia generale del professor Daniele Loro basato su appunti personali presi a lezione e studio del testo consigliato dal professore Animare l'educazione, dell'università degli Studi di Verona - Univr. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Pedagogia generale docente Prof. D. Loro

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Diversi ambiti hanno mostrato l'importanza del gioco; dal punto di vista pedagogico

è fonte di sviluppo e utile strumento per l'educazione: aiuta a comprendere come

funzionan le cose, stimola la socializzazione, soddisfa i bisogni di partecipazione

1. alla vita comunitaria , 2. all'elaborazione delle decisioni, 3.

(g. di collaborazione)

alla gestione , 4. alla verifica (

(senso di responsabilità) g. di narrazione personale).

La gestione e la riuscita dei giochi dipende molto dal modo di progettarli. Gli educatori

devon far loro il senso del gioco: lo sviluppo armonico e complessivo della persona.

LA LUDODIVERSITÀ

I giochi sono lo specchio della cultura:

- Il gioco riflette i modelli culturali della società in cui viene giocato.

- Ogni cultura incoraggia i giochi più compatibili coi valori/norme che intende

promuovere.

Proporre giochi non omologati= promuovere uno stile di vita plurale, vario e

dinamico, un relativismo e un'autocritica culturale che arricchiscono. Occor

valorizzare la ludodiversità dei giochi tradizionali.

I materiali

Anche gli oggetti di gioco sono legati alla cultura.

I giochi trad. si fondono col paesaggio, sono ecocompatibili; quelli nuovi modificano

il territorio.

I materiali dei giochi tradizionali sono bastoni, foglie, conchiglie, scampoli di stoffa,

sassolini.. oggi i giochi sono in plastica, danno la stessa sensazione tattile, colori

simili... (omologazione). Relazioni e tematiche

- I giochi posson esser competitivi, collaborativi o paradossali. I giochi collaborativi

(cordicelle, g. ritmici di mano) e paradossali (corpo sparso); si stan perdendo.

- Le tematiche evocano situazioni e metafore della vita del proprio tempo; il gioco è

utile per riflessioni su tematiche importanti. Il metodo di riflessione che usa il gioco

si chiama “ludosofia”.

DINAMICHE DI GIOCO NEI PROCESSI FORMATIVI

Duplice movimento: si gioca con la vita seria e si immette serietà nei giochi.

Il gioco è serio perchè contiene sempre un senso e spesso una finalità. Introduce

però una distanza dalla realtà quotidiana, allenta la presa sul reale. Grazie a

queste carat. permette:

di ridefinire il nostro rapporto col mondo (interviene sulla rappresentazione

– della realtà)

Il gioco dà spazio a invenzione e creatività: abitudine e ovvio vengon contrastati, i

propri copioni ripetitivi, rotti, e ricaviamo uno sguardo nuovo di noi e del mondo. Si

possono prospettare vie di superamento della problematicità svincolandole dagli

impedimenti considerati immodificabili. Giocare è formulare altre ipotesi di vita,

una diversa modalità di essere nel mondo con gli altri.

di sperimentare ruoli e relazioni inusuali (non sperimentati nella vita, per

– paura).

Il gioco consente di uscire dall'isolamento e, allentandosi rigidità e inibizioni, può

offrire agli altri una nuova immagine di noi e viceversa; il gioco può quindi

migliorare e sanare le relazioni LA PITTURA

L'ARTE VISIVA

L'arte come luogo trasgressivo dell'errore

Ogni sistema di segni da un lato tende ad assumere regole e forme precise (il

linguaggio si organizza in una lingua, la pittura in canoni..); dall'altro manifesta

vitalità attraverso trasgresioni e ridefinizioni.

Ogni linguaggio non va presentato come assoluto; va data una possibilità di

trasgressione creativa e libertà interpretativa.

Il simbolo

- Il simbolo è un'evidenza storica: per esser tale, deve esser visibile, evidente

indipendentemente dal valore simbolico. L'evidenza può esser propria dell'oggetto o

creata (piedistallo).

- Il simbolo è sempre aperto alla possibilità di significare ancora.

E' limitativo attribuire a un simbolo il significato datogli da una cultura in un

.

contesto (Nike di Samotracia) Forse proprio per queste limitazioni arte visiva e poesia

non trovano interesse e comprensione.

Una riduzione funzionale può essere utile ma non va spacciata per conoscenza oggettiva.

Processi logici e analogici

Il nostro pensiero ha caratteristiche logiche e analogiche. I processi logici seguono

una linea inferenziale lineare, obbligata; quelli analogici son trasversali riguardan

associazioni, metafore...

I linguaggi dovrebbero assecondarle entrambe. L'arte lo fa (esempi delle

avanguardie artistiche).

Un modello di conoscenza basato solo sul discorso razionale/ argomentativo non è

bastevole.

La metafora facilita la comprensione di descriz. logiche; non è solo una figura linguistica

ma un modo di pensar, una caratteristica propria del linguaggio. Essa è trasgressione

rispetto al modo consolidato di dire qualcosa.

Contesto

Costruiamo rappresentazioni attraverso una negoziazione fra un io, l'oggetto della

conoscenza e il contesto. L'esperienza del singolo non è distinguibile dal contesto.

Dimensione relazionale della conosc. illustrata da Picasso in opere in rappresentazioni non

immobili in tempo e spazio, ma vissute.

Legame parole-immagini

Immagini e parole sono colegate. Oggi però le parole associate alle immagini sono

più di carattere descrittivo-didascalico. Lo spazio interpretativo viene così ridotto.

Proposta: Laboratorio dell'Impertinenza

Impertinenza intesa come tradire norma/normalità; Controprocedura utile a contrastar

l'eccessivo conformismo.

Si discutono opere di artisti impertinenti e si prova a far come loro. Gioco: Scegliere

(

oggetti di uso comune e trasformali, dando loro nuove norme cerchione dello

pneumatico-yoyo di Polifemo).

DISEGNO PITTURA STRUMENTI RELAZIONE

E COME DI E

CONOSCENZA SÈ

DI

- L'esigenza di creare è onnipresente, come gioco e possibilità di esplorare realtà

diverse.

- L'ansia da foglio bianco è superata con serendipità o espedienti dello scarabocchio e della

macchia di colore.

- Si può esplorare il mondo infantile, con una regressione volontaria e autentica per

reimparare l'espressione creativa infantile.

- I sentimenti interiori si traducon in un opera che è autoritratto di contenuto

emotivo/narrativo LA MUSICA

LA MUSICA COME STRUMENTO DI CRESCITA E SVILUPPO

Lo sviluppo sonoro inizia nel periodo prenatale, fortemente influenzato dalla voce


PAGINE

5

PESO

21.39 KB

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dell'educazione
SSD:
Università: Verona - Univr
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher DorotyLisa di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Verona - Univr o del prof Loro Daniele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze dell'educazione

Riassunto esame Teorie e tecniche dell'educazione, prof. Mazzoni, libro consigliato La pratica dell'aver cura, Mortari
Appunto
Riassunto esame Psicologia dello Sviluppo, prof. Lavelli, libro consigliato Intersoggettività
Appunto
Riassunto esame Antropologia culturale, prof. Tosi, libro consigliato Islam. Lo sviluppo religioso in Marocco e in Indonesia di Geertz
Appunto
Riassunto esame Psicologia dello Sviluppo, prof. Lavelli, libro consigliato Psicologia dell'Apprendimento e dell'Istruzione, Mason
Appunto