Che materia stai cercando?

Riassunto esame storia greca

Riassunto esame Storia Greca, prof. Ruberto, libro consigliato Bearzot Appunti basato su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Ruberto, dell'universitàò degli Studi di Bari - Uniba, facoltà di lettere e filosofia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Storia greca docente Prof. A. Ruberto

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LE GUERRE PERSIANE

559a.C = Persiano Ciro il Grande, Alcmenidi.

fondazione dell’Impero da parte di degli

Medi Persiani Babilonia

Prevedeva l’unione di e e si estendeva fino a (allora dominata dagli

Assiri).

546 a.C= Libia (allora Creso,

conquista della governata da dominatore delle città greche

dell’Asia Minore) tutti furono resi sudditi proprio quando si sviluppò la filosofia.

539 a.C Palestina.

= conquista della

525 a.C Cambise,

= il figlio maggiore di Ciro, dopo aver conquistato l’Egitto non lascia

Dario, per rivendicare il

discendenza e lotta contro che si attribuiva il nome degli Alcmenidi

diritto al trono.

522 a.C Dario I

= sale sul trono persiano

satrapie satrapo

Dario organizzò l’Impero in (province), ciascuna amministrata da un

tributi leva

(governatore) che riscuoteva i (sotto Dario più gravosi) e chiamava i sudditi alla

militare.

500 a.C = Istico, Mileto Asia Minore

governatore di e fu chiamato dal re e lasciò l’incarico, che

Aristagora, satrapo di Sardi l’isola di Nasso

passò al genero che suggerì al di conquistare

(unica ancora indipendente) ma la spedizione fallì e temendo le conseguenze Aristagora depose la

rivolta degli Ioni i persiani. (Fonte Erodoto, anti-

tirannide e andò a capitanare la contro

tirannico e dalla Persica di Ctesia di Cnido)

499-494 a.C = Rivolta città ioniche Asia Minore, Aristagora Persia

in scatenata da contro la

stretta finanziaria gravosa sui sudditi per “l’ansia di libertà”.

per la e

494 a.C = distruzione di Mileto Persiani, istituzione di

da parte dei deposizione della tirannide e

governi antitirannici, a scacchiera Ippodamio

la città fu ricostruita da

499 a.C = Aristagora Grecia

chiede aiuto alla portando con sé una tavola di bronzo con su incisa

Ecateo di Mileto.

una carta geografica, elaborata da Cercò di convincerli parlando della

condizione di schiavitù popolo “sangue del loro sangue”.

di un Il discorso convinse solo

Atene 20 navi (pur non essendo ancora una potenza navale). Aristagora

che mandò ne

5 Ioni Pianura del

ottenne altre dall’Eretria, indebitata con gli per aver riconquistato insieme la

Lepanto. Sardi

La coalizione arrivò fino a e le 2 città richiesero indietro le navi, inutilmente.

497 a.C = Cipro, Caria Ellesponto, Dario

Riscossa persiana, riconquistate ed cominciò una

spedizione punitiva nei riguardi dell’Eretria.

491-490 a.C = Prima Spedizione Persiana, Dati Artaferne Ippia

guidata dai generali ed e da

Persia).

(l’ex tiranno ateniese ritiratosi in Gli obiettivi erano:

1) Conquista di Nasso Persiani

da parte dei

2) Conquista dell’Eretria (uomini massacrati o passati a fil di spada)

3) Conquista di Atene Dario resa città greche,

= mandò la a tutte le le uniche che rifiutarono e

Sparta Atene.

uccisero gli araldi furono e

490 a.C = i Persiani Demo di Maratona

dall’Eubea, sbarcano nel con circa 20.000 uomini,

Ippia Pisistrato). Erodoto

guidati da (vi erano ancora uomini fedeli al padre Secondo Ippia voleva

Milziade, Chersoneso tracico.

riottenere la tirannide senza aver fatto i conti con tiranno del Milziade

La battaglia durava da giorni, gli strateghi comandavano a turno, ma solo grazie a

Callimaco alla vittoria Atene

l’arconte polemarco diede l’ordine di attaccare portando a

Maratona Milziade

(maratonomachi furono i combattenti nella battaglia). era stato suddito di

Dario I 514 a.C Falero, Persiani

fino al e le sue conoscenze furono utili anche a dove i volevano

Milziade Maratona a ranghi

vendicarsi, ma rientrò velocemente da e li sconfisse in battaglia

serrati.

486-485 a.C = Serse Dario, spedizione per terra e per mare fini

succedette a che intentò una a

espansionistici.

481 a.C = Seconda Spedizione Persiana Grecia

contro la

Salito al potere Serse finanziò alcune opere:

1) monte Athos: Mardonio, Serse,

Scavò alle pendici del generale di forse suo cugino, aveva

Serse

fatto naufragio anni prima a causa delle forti correnti marine e quindi progetta di far

di Acte,

costruire un canale tagliato nell’Istmo abbastanza grande da permettere l’accesso di

1.700.000 fanti, 80.000 cavalieri e 1207 navi da guerra.

2) Ponte sull’Ellesponto: per far passare barche legate tra loro con corde di papiro e lino.

L’esercito persiano marciò verso la Macedonia e scese fino in Tessaglia con flotta parallela.

Serse mandò per “chiedere acqua e terra” (formula tipica di resa) a tutte le città greche tranne a

Sparta ed Atene e tutte le città della Grecia centrale si arresero.

Intanto i Beozi radunarono il Congresso Panellenico di Corinto e si decise che:

Le πόλεις dovevano combattere unite

1) (συμμαχία) e decidere un comandante per la battaglia

in mare (Euridiade) e uno per la battaglia via terra (Leonida)

Pacificare tutti i conflitti

2) che sarebbero ripresi dopo la sperata vittoria

Richiamo di tutti gli esuli

3) (serviva anche il loro aiuto per combattere il nemico comune)

483 a.C = scoperto un nuovo filone di miniere d’argento nel Laurion, necessario per le

ricchezze statali. E vi è uno scontro tra:

-Aristide = conservatore, distribuire il denaro tra i più poveri tenersi buono il

voleva (solo x

popolo)

-Temistocle = democratico, finanziare una flotta far fronte ai

voleva usare il denaro per per

problemi Egina.

derivanti dallo scontro ad

Temistocle vinse LEGGE NAVALE armare Atene con 200 navi

e creò la (usare fondi per e

pagare i rematori, i Teti, cittadini di nessuna rilevanza sociopolitica)

Aristide ostracizzato

fu (Plutarco racconta che dovette scrivere il suo stesso nome su un coccio

per aiutare un uomo che non sapeva scrivere ad esprimere la sua volontà).

481 a.C = Sardi Corinto

le truppe si riunirono a e decisero di muovere resistenza verso in

Atene, Sparta Corinto, LEGA PANELLENICA

accordo con e che formarono la (giuravano di

pagare la decima Delfi Greci Persiani, deporre le reciproche

a per i che si erano arresi ai di

ostilità, mandare esploratori in Asia ambasciatori Siracusa, Argo, Corcira Creta

di e a e per

assicurarsi l’unità completa):

Argo neutrale, per le perdite militari demografiche

rimase giustificandosi e

Gelone di Siracusa contrastare i Cartaginesi in Sicilia

rifiutò perché impegnato a

Creta neutrale Delfi

rimase per consiglio di

Corcira equipaggiò 60 navi senza farle partire

si tenne fuori,

Si rinunciò a difendere la Tessaglia per la sua posizione ambigua.

480 a.C = per vantaggi territoriali Termopili

si decise di attaccare alle (nome preso dalle fonti di

Tessaglia Grecia centrale, via terra.

acqua calda) al confine tra e 4000 opliti difendevano

Capo Artemisio Eubea) via mare

A (costa settentrionale vi era la difensiva con 324 navi.

πόλις mandò un contingente, Persiani Leonida

Ogni ma con l’avvicinarsi dei li mandò via

300 Spartani, 700 Tespiesi, un contingente tebano.

lasciando con se

Focesi Efialte di Trakis

I conoscevano il passaggio lasciato sguarnito e (Tessaglia) svelò il

3 giorni di battaglia:

passaggio ai Persiani e dopo

Leonida i 300 furono Persiani l’Attica Focide

e accerchiati dai e massacrati: fu saccheggiata, la

ateniese Trezene, Egina Salamina

distrutta, la popolazione fu trasferita a e (vi era la Boulè).

Temistocle Salamina, Serse Tessaglia

Intanto vinse a ma non arresosi lascia 300.000 uomini in

Mardonio.

con

479 a.C = Mardonio l’Attica Spartani

invade che viene di nuovo evacuata mentre gli guidati da

Pausania Corinto.

(reggente in nome del figlio minorenne di Leonida) si stanziarono a

Persiani Greci Platea

Nello stesso anno 300.000 contro 11.000 perdono a (Beozia) e muore

Mardonio. Inoltre via mare c’è la vittoria a Capo Micale.

478 a.C = Sesto, ultima base persiana Santippo, ateniese.

conquista di grazie a stratega

πεντηκονταετία (478 - 431 a.C)-> Definizione di Tucidide. 50 anni tra guerre Persiane e del

Peloponneso

- Inizia a diffondersi il concetto di Barbaro e di libertà da esso, eppure la pace non fu mai

realmente dichiarata.

- Sparta e Atene decidono se punire i greci arresisi ai Persiani: Sparta propose di privarli della

cittadinanza, ma ciò sarebbe significato trasferirli dall’Asia Minore alla Grecia centrale. Alla

fine si decise invece di assediare Tebe.

- Dopo la vittoria di Platea, Pausania liberò Cipro e Bisanzio (tutto l’Egeo), ma la γερουσία non

vide bene il gesto per la lontananza da Sparta e Peloponneso—> Pausania viene richiamato

a Sparta con accusa di µετιςµόσ (trattatativa di matrimonio, Tucidide riporta una lettera scritta

da Serse con fonte ignota)—>Pausania fu murato vivo (la madre pose la prima pietra).

478 a.C - Fondazione della LEGA DELIO-ATTICA

- Una συµµαχια che Atene strinse con le isole dell’Asia Minore e la Regione degli Stretti

(Calcide, Tessaglia) in funzione anti-persiana, organizzata da Aristide che contribuì con 460

talenti per le spese.

- Si potevano sia fornire armi, contingenti navali che denaro(φόρος), il tesoro veniva poi

custodito a Delfi, nel santuario di Apollo. Fu successivamente traferito ad Atene e la dracma si

diffuse a macchia d’olio.

- Le città governate da filodemocratici e filoellenici potevano ricorrere a giudizio per redimere

le causa intentate alla città.

- Non si poteva uscire dalla lega una volta entrati, pena l’abbattimento delle mura e la

consegna della flotta (significava rendere la città vulnerabile). Inoltre, si perdeva la propria

autonomia, condividendo integralmente la politica ateniese ed entrando nella κληρουχία

(colonia ateniese al di fuori dell’Attica, la terra era divisa equamente tra i coloni militari armati

che potevano mantenere la loro cittadinanza ateniese).

- Anni dopo entrò in conflitto con la lega del Peloponneso, che intralciava gli affari.

- Cimone, figlio di Milziade fu sostenitore della lega delio attica, aristocratico e abile stretega.

Dovette pagare un’ammenda per il padre, caduto in disgrazia. Nonostante tutto, si distinse per

aver mantenuto il governo ateniese per 20 anni e per le sue imprese:

• 476- 475 a.C = presa di Eione, resa dell’isola di Sciro in κληρουχία e spedizione in Eubea.

• 465 a.C = domata la rivolta a Taso, che chiese aiuto a Sparta (negato per problemi interni).

• 470 - 465 a.C = vittoria dell’Eurimedonte: si vuole continuare la guerra contro la Persia

nonostante l’egemonia ateniese si stesse deteriorando e si crearono due opinioni opposte:

TEMISTOCLE

CIMONE

Necessità storica della lega delio-attica e della Necessità storica della lega delio-attica e della

continuazione della battaglia. continuazione della battaglia.

Sparta nemica naturale di Atene

Convivenza pacifica tra Sparta e Atene: un Viene ostracizzato nel 471-470 a.C ed esiliato

oracolo gli rivelò che l’egemonia ateniese sarebbe prima ad Argo e poi in Persia

stata zoppa senza l’aiuto di Sparta nel continente.

La proposta viene accolta in occasione della

Terza Guerra Messenica (i Messeni si ribellano

Itone):Atene

approfittando del terremoto ad

avevano il dovere di soccorrere le alleate (Sparta

compresa).

Arrivati ad Itone non si intraprese nessuna azione decisiva e gli Spartani licenziarono gli

Ateniesi per timore che la loro tendenza democratica istigasse ulteriormente la contrapposizione

tra Sparta e Messeni.

• 461 a.C = Cimone viene ostracizzato e l’alleanza tra Sparta e Atene sciolta. Atene diventa

potenza continentale della Grecia centrale

• 462-461 a.C = Atene appoggia Megara contro Corinto e occupa militarmente i porti di

Megara: Atene non si fa problemi ad intervenire contro le città della lega del Peloponneso

• 459 - 457 a.C = costruite lunghe mura (proteggevano ulteriormente da assedi) colleganti

Atene e Porto del Pireo (fonte principale di rifornimento)

• 457 a.C = Atene interviene nella Seconda Guerra Sacra

La Prima Guerra Sacra è datata 582-581 a.C e segnò l’egemonia della Tessaglia su chi

apparteneva alle anfizionee delfiche, le popolazioni assoggettate assunsero lo statuto di perieci.

Bisogna ricordare che molti popoli della Grecia sono stati federali, confederazioni di città

appartenenti ad un’istituzione sovrapolitica detta Κοινόν (Beoti, Tessali) e Έθνος (Etoli,

popolazioni periferiche), che decidevano la politica estera e prevedevano l’egemonia di una

città su tutte (Beozia = Tebe// Tessaglia = alternanza Farsalo, Fere, Crannone). Famiglie

ricche governavano altre città (es. Alevadi). In questo periodo vengono istituiti i giochi pitici in

onore di Apollo.

La Seconda Guerra Sacra prevedeva lo scontro tra l’Argolide sostenuta da Sparta e Argo

(sempre stata antispartana per leghe interne, cercò di creare un’azione contro Sparta ma fallì),

Tessaglia e Focide sostenute da Atene.

457 a.C = Battaglia di Tanagra vinta da Sparta (i Tessali abbandonarono all’improvviso)

(pochi mesi dopo)Battaglia di Enofita vinta da Atene che s’impose come potenza marittima

…………………….continentale

Si definì che Delfi passasse non sotto il controllo dell’Argolide (che perse oracolo, santuario e

potenza) ma sotto quello dei Focesi. L’alleata spartana Egina consegnò la flotta e le mura furono

abbattute (conclusione del contenzioso contro Egina a causa della legge navale di Temistocle

pacificato forzatamente dalla lega di Corinto nel 481 a.C).

446 a.C = Battaglia di Coronea: vero termine dello scontro continentale tra Greci

1)Riformulazione della costituzione beota in stato federale alleato con Sparta

2)Formulata la Pace Trentennale tra Sparta e Atene:

Condizioni - Consegna di Megara da parte di Atene (avrebbe tenuto Egina, per controllo Egeo)

- Libero commercio tra blocchi di alleati di Sparta e quelli di Atene

- Divieto di embargo di un alleato a quello opposto

- Tutte le città potevano aderire ad una o all’altra fazione (i neutrali non correvano

correvano pericolo ma erano invitati a decidere)

- Arbitrato internazionale (es. se c’era un contenzioso tra Sesto della Lega Delio

……………attica e Megara della Lega del Peloponneso si poteva ricorrere all’istituto

……………dell’arbitrato internazionale, ovvero una terza città che dirimeva la questione e

……………pronunciava una sentenza che avrebbe determinato la legittimità dell’accusa).

Dall’altra parte si apre un fronte in Egitto

465 a.C = morte di Serse, al trono succede il figlio Artaserse (degli Achemenidi)

463 a.C = l’Egitto si ribella ad Artaserse e trova un capo in Inaros, principe libico e faraone della

XXVI dinastia e si dichiara indipendente.

462-61 a.C = Atene appoggia la rivolta e manda forza navali contro la Persia.

Pochi mesi dopo→ Disfatta di Prosopitide (spedizione fallimentare):

1) Il tesoro fu trasferito da Delo ad Atene

2)451 a.C= ritorno di Cimone dall’esilio, combatte sulle acque di Cipro contro la

Persia e muore (tuttavia la stretegia risulta vincente)

3)449-448 a.C= Pace di Callia tra Persia e Atene (non si sa se sia davvero

avvenuta, la riporta Diodoro riassunta, ma non Tucidide), prevedeva:

- I Persiani non avrebbero più mandato forze militari aldilà della penisola

anatolica (Turchia) confine che liberava i Greci d’Asia Minore.

- Atene non sarebbe più intervenuta nelle faccende persiane.

- Scioglimento della Lega delio attica (non avvenne poiché nel 441/440 a.C. ci

fu la punizione di Samo per defezione, questo svelò lo scopo egemonico della

lega)

Efialte 461 a.C

OBIETTIVO SOLUZIONE

-

Non democratizzare Atene Restaurare le antiche funzioni dell’Areopago

per non andare contro e

aristocratici Areopago.

ad e tagliare gli incarichi impropri

-

ritorno all’antico atto politico Ridurre l’Areopago a tribunale per i delitti di

Questo è un non sangue organo di controllo della dignità

e

le leggi furono distrutte.

realistico poiché degli arconti

conoscere la

Egli non dimostrò nulla, dichiarò di - Privazione per gli ex arconti delle tante

storia politico istituzionale ateniese precedente al funzioni giudiziarie, ridistribuite all’Eliea: ora

480 a.C. (dichiarazione non verificabile) potevano decidere solo sugli omicidi e

perdevano il controllo della vita pubblica ateniese

La riforma fu celebrata nell’Orestea di Eschilo (lode dell’Areopago che giudicava Oreste).

Ma fu anche criticata, tanto da portare all’assassinio di Efialte e all’ascesa di Pericle.

Età Periclea 460 - 430 a.C

- Figlio di Santippo (stratego aristocratico durante la presa di Sesto) e di Agariste (si diceva

che durante la gravidanza avesse sognato di partorire un leone).

- Tucidide riporta che diede massima gloria ad Atene. Il popolo era totalmente assuefatto dal

migliore tra i cittadini (non era una vera democrazia ma il suo dominio sugli altri)

- Più volte eletto stratego (carica elettiva) quindi aveva saputo esercitare bene il potere.

- Si affermò l’importanza di istruzione, formazione e ars oratoria della quale Pericle era

esperto: si diffuse la Sofistica, diffusa da insegnanti itineranti che dimostravano la relatività di

tutto e come il contrario di tutto potesse essere dimostrato tramite la retorica.

- Si diceva che alcuni filosofi prendessero parte al circolo pericleo (come Anassagora) e che

Aspasia di Mileto (moglie di Pericle) fosse intimamente legata ai sofisti.

- Il suo più famoso oppositore fu Tucidide di Melesia, aristocratico caduto nell’ombra.

PROVVEDIMENTO RISULTATO

AMBITO Volontà di affermazione di Inattuabile per la pace

Atene potenza egemonica

come Trentennale. Ciò fu un

POLITICA INTERNA Grecia Lega delio della

in attraverso la presupposto per l’inizio

attica Sparta guerra del Peloponneso

a danno di Impossibile agire senza seguire

Atteggiamento imperialistico la volontà di Atene. Quasi tutti

POLITICA ESTERA alleati tutti alleati

nei confronti degli e di gli non pagavano più in

i Greci. contingenti navali tributi

ma in a

454 a.C

parte dal

457 - 458 a.C→Accesso ad

Arcontato anche per i Zeugiti:

massima

svuotata di senso la

RIFORMA POLITICA Estensione politica

magistratura consiglio

e il

dell’Areopago, un tempo riservati

alle cariche più alte.

451 - 450 a.C→Legge sulla

c i t t a d i n a n z a : - Restrinzione cittadinanza

p i e n o d i r i t t o

RIFORMA SOCIALE - Nascita dei Meteci

cittadino riservato solo ai figli

entrambi di genitori ateniesi

Retribuzione delle cariche Democrazia reale e radicale:

pubbliche r e a l m e n t e l a

(introduzione del s i c o n s e n t e

Misthos partecipazione politica a tutti

“stipendio”):

dracma 6 oboli) Bouleuta

Considera (1 = (es.non si può fare il se

Bouleuti(decidono ciò di cui si i propri figli muoiono di fame, se

• oboli

può discutere)→5 al giorno invece parte della vita che verso

RIFORMA ECONOMICA Arconti(magistrature maggiori)→4

• πόλις

alla viene retribuita posso

oboli al giorno fare il Bouleuta anche se si

Eliasti(dell’Eliea)→2 oboli al

• Teti).

appartiene al ceto dei

giorno δῆμος,

Il ormai ristretto, ha il co -

Ceto medio

(non facevano politica,

• mando della città.

dovevano guadagnarsi il pane)→1

obolo al giorno

La presa di denaro dal tesoro

della Lega azioni Fioritura culturale

fu utilizzata per (si dice che

RIFORMA URBANISTICA E urbanistiche con i migliori permise l’ingresso a teatro

CULTURALE Callicratide

architetti (Ectino, e gratuito)

Fidia) costruzione delle mura

e

CAUSE DELLA GUERRA DEL PELOPONNESO (fonte: Tucidide)

1) Necessità storica dell’evento: i due blocchi erano ormai troppo forti e non potevano che

scontrarsi (causa generale)

2) Provocazione di Pericle verso Sparta (Sparta non avrebbe mai attaccato per prima) con:

Conflitto per Corcira (Corfù): Corcira aveva fondato una colonia nell’Illiria (costa sud

orientale dell’Adriatico) Epidamno, ma Corcira stessa era già una colonia di Corinto.

Nel 435 a.C avviene un colpo di stato ad Epidamno→i democratici esiliano il precedente

governo oligarchico→gli oligarchi chiedono aiuto agli Illiri (pirati) e a Corcira→Corcira nega

l’aiuto→gli Epidamni si rivolgono a Corinto che invia coloni e guarnigioni→Corcira chiede agli

Epidamni di scacciare i Corinzi ma rifiutano→GUERRA TRA CORCIRA E CORINTO

Corinto aveva una flotta ponderosa e abile, Corcira era sempre stata neutrale, adesso

promette guarnigioni, flotte e testadi (poste per le vie occidentali) ad Atene: Atene inizialmente

tentenna essendo Corcira nella Lega del Peloponneso, poi decide di instaurare un’alleanza

difensiva (no attacco, solo difesa in caso di aggressioni) detta ἐπιµαχία.

Nel 433 a.C Corinto vince a Sibota contro la flotta di Corcira, alla quale Atene manda aiuto.

Corinto non poteva rispondere all’attacco di Atene per rischio di violare la Pace Trentennale,

così Atene impedì la distruzione di Corcira, ma incrinò i rapporti tra Corinto e la sua colonia.

Conflitto di Potidea (432 a.C): Potidea era una colonia corinzia della penisola calcidica

che aveva conservato legami con la madrepatria: ogni anno Corinto inviava lì i suoi

Epidemiurghi (capi di Stato). Potidea però era membro della Lega delio attica, quindi

soggetta ad Atene. In quell’anno Atene impose a Potidea di non accogliere più gli

Epidemiurghi, cingendola d’assedio, culminato nel 429 a.C con la presa di Potidea e

l’ennesimo disturbo a Corinto (che denunciò il tutto al consiglio della Lega del Peloponneso a

Sparta senza essere ascoltata) e alle sue colonie.

Conflitto per Megara (fine 432 a.C): Megara fu accusata di aver coltivato in terre sacre e di

aver accolto fuggitivi. Così Atene impose a tutti i membri della Lega di non commerciare

con Megara in quanto essendo sacrilega esportava prodotti sacrileghi. In questo modo si

violò una delle clausole della Pace Trentennale→ Sparta impone di togliere l’embargo a

Megara→Pericle si rifiuta→Dichiarazione di guerra pronunciata ma non immediatamente

attuata (si aspetta l’attacco dei Tebani a Platea nel 431 a.C)

FASI DELLA GUERRA DEL PELOPONNESO

1) Fase Archidamica dal 431 a.C (attacco dei Tebani a Platea) al 421 a.C (pace di Nicia)

Prende il nome da Archidamio I, re di Sparta: potenza di terra, dal mare accorrevano

Corinto e la piccola flotta di Megara. La strategia spartana prevedeva l’invasione dell’Attica

(ogni anno l’esercito peloponnesiaco occupava militarmente la χωρα attica).

MA Atene aveva le lunghe mura e Pericle decise che i cittadini dovessero risiedere entro

esse. Con l’evasione dalle campagne e la concentrazione del popolo in città i rifornimenti

erano garantiti dal mare→nel 430 a.C. una nave di rifornimenti dall’Etiopia portò con sé un

virus che scatenò la Peste, descritta insieme a tutti i sintomi e alle trasformazioni di Atene da

Tucidide in stile medico, diffusosi grazie alla scuola di Ippocrate sull’isola di Cos: secondo

Ippocrate la medicina non era legata al culto di Asclepio, ma curabile con l’esposizione

all’azione dei serpenti e c’era un collegamento tra i mali che pativa una persona e i sintomi che

emergevano

Conseguenze: Pericle non fu rieletto stratego perché gli fu attribuita la colpa di tutto.

Morirono i figli Santippo e Paralo e nel 429 a.C li raggiunse anche lui, colpito dalla peste.

Cleone, artigiano d’estrazione popolare, fu nominato capo della fazione democratica (che

voleva continuare la guerra), contrapposto a Nicia della fazione aristocratica (per la pace).

427 a.C: 1) Platea distrutta da Tebe, i pochi sopravvissuti furono accolti ad Atene e ottennero

cittadinanza.

2) Atene ottiene la vittoria a Mitilene (Lesbo).

3)Si decide di aprire un fronte occidentale in Sicilia contro Reggio e Leontini (colonie

ioniche), temendo che Siracusa (colonia dorica di Corinto) appoggiasse il Peloponneso.

425 a.C: flotta inviata da Atene e guidata da Demostene soccorse gli Ateniesi che erano in

Sicilia, ma una tempesta la trascinò a Pilo (Messenia, Peloponneso). Gli Spartiati pensavano

di ottoner vittoria essendo tutti armati sulla flotta e occuparono l’isola di Sfacteria (di fronte a

Pilo) nel caso di un’ipotetica fuga di Atene, ma gli Ateniesi ebbero la meglio nello scontro e

trassero prigionieri 120 spartiati sull’isola→Sparta chiede la pace→ Cleone rifiuta→Sparta

apre il fronte in Tracia, dove Pericle tentò di fondare Anfipoli nel 437 a.C.→Sparta si reca in

Tracia per disturbare gli interessi economici di Atene in quanto Tracia = grano e Atene non ne

produceva molto.

424 a.C: 1)Congresso di Gela→le città siciliote contendenti si rappacificarono dopo aver

ascoltato le parole del siracusano Ermocrate, che le mise in guardia dall’espansionismo

ateniese e sottolinenando che i problemi della Sicilia erano ben risolvibili senza Atene.

2)Brasida, generale spartano, attacca Anfipoli in un punto d’appoggio per il cibo. Tucidide

combatte come stretego. Atene reagisce inviando Cleone.

422 a.C: Cleone e Brasida muoiono nella Battaglia di Anfipoli

421 a.C: Atene si rassegna e firma la Pace di Nicia

-Pace di 50 anni tra Sparta e Atene

-Stipulazione di un’alleanza bilaterale

-Restituzione di Anfipoli e Panatto da parte di Sparta e Atene

-Restituzione dei 120 prigionieri di Pilo e dell’isola di Citera a Sparta

2)Fase Intermedia/ di “Guerra fredda” (420-413 a.C)

-Corinto non fu soddisfatta della pace e gli accordi sulle restituzioni territoriali non furono

davvero rispettati e si avvertì la difficoltà che Atene subiva nel ricevere rifornimenti dalla Tracia.

-Ad Atene emerge Alcibiade (degli Alcmeonidi) che fu sotto custodia di Pericle, educato dai

Sofisti e probabilmente allievo di Socrate. Volendo porsi a capo della fazione democratica,

voleva proseguire la guerra contro Sparta e cercò di creare una coalizione antispartana che

mettesse insieme le antiche nemiche di Sparta (Argo, Mantinea, Elide e Atene), Corinto decise

di non partecipare.

418 a.C: Battaglia di Mantinea tra Sparta e Peloponneso contro Coalizione Spartana.

La coalizione perse ma non considerò lo scontro come violazione della Pace di Nicia, Alcibiade

rischiò di essere ostracizzato, ma fu salvato dall’inimicizia che si covava nei confronti di Iperbolo,

l’ultimo ostracizzato ateniese.

416 a.C: aggredita da Atene l’isola di Melo, di stirpe dorica. I Meli speravano un aiuto da Sparta

per la comune stirpe, ma ciò non avvenne. Emerge la Legge del più forte analizzata da Gorgia.

Individuato un documento epigrafico “La lista dei tributari ateniesi”, elenco dei partecipanti

alla Lega delio attica e dei tributi versati. Melo risultava tra i tributari dal 420 a.C., Tucidide

invece ci dice che era neutrale, la verità è che aveva invece gli stessi nemici e amici di Atene e

quindi l’attacco è dovuto alla sistemazione di un problema interno alla Lega. Questo spiega

anche il mancato intervento di Sparta (fazione opposta). Canfora ci invita a non credere a tutto ciò

che dice Tucidide, in questo caso voleva criticare l’imperialismo ateniese (si ricorda che nel 424

lui perse Anfipoli e voleva che Atene si fermasse).

415 - 413 a.C: Spedizione in Sicilia per la ricchezza delle città siciliote + antico interesse per

l’occidente (es. fondazione di Thuri)

415 a.C: Segesta era in conflitto con Siracusa e Selinunte e chiede aiuto ad Atene in cambio di

ricchezze e Alcibiade favorì l’appoggio (criticato da Nicia). Si decise per la spedizione e la notte

prima di essa furono mutilati i genitali delle statue del dio Ermete (Mutilazione delle

Erme=colonnine con testa e genitali del dio).

Alcibiade fu accusato del gesto, ma si dichiarò innocente e chiese un processo che fu rimandato.

Partì comunque a capo della spedizione insieme a Nicia e Lamaco (3 strateghi)→ giunsero nella

piana di Catania, lì una nave salaminia esorta Alcibiade a tornare in patria per il processo contro

di lui, lui promette di tornare ma riesce ad arrivare a Thuri e a disperdere le sue tracce, in patria

viene condannato a morte per contumacia, ma poi si reca in esilio a Sparta.

Durante la spedizione in Sicilia vi furono delle iniziali vittorie:

-Siracusa fu aggredita dagli Ateniesi

-Viene conquistato il promontorio delle Epipole

-Sparta invia un contingente in supporto di Siracusa sotto la guida del generale Gilippo

-Gli Spartani cominciano a prevalere sugli Ateniesi

-Lamaco muore

-Flotta ateniese distrutta

-Tutti sono resi prigionieri

-Nicia e Demostene vengono decapitati→Forte crisi finanziaria ad Atene→Difficoltà di rifornimento

3) Fase Deceleica (413 - 404 a.C)→ forse raccontate da Tucidide

-Prende il nome dalla fortezza di Decelea (confine di Atene, utile ai rifornimenti) poi occupata da

Sparta su suggerimento di Alcibiade, consapevole della sua importanza strategica. Da uomo

esuberante Alcibiade fu poi cacciato da Sparta e accolto dal satrapo di Sarti Tissaferne.

-La guerra portò Sparta a necessità di denaro e nel 413-410 a.C si aprirono delle trattative con

Dario II, re di Persia: Sparta offrì i Greci d’Asia Minore e le città alleate di Atene al di là

dell’Egeo in cambio di aiuti economici (che mai arrivarono)

-Ad Atene si verifica un colpo di Stato: gli oligarchi al potere fecero trattative di pace con

Sparta, che il re spartano non accettò immaginando che Atene non sarebbe rimasta un’oligarchia.

-Nel 410 a.C. si restaura la democrazia clistenica e torna al potere il partito guerrafondaio.

Resistenza a Samo.

-Nel 408 a.C Alcibiade viene rieletto stratego ad Atene e la sua condanna a morte cancellata.

-In Asia Ciro il Giovane (figlio minore di Dario II), legato a Lisandro di Sparta per vincoli di

ospitalità (vincolo profondissimo e stabile che poteva rivelarsi utile a fini politici ed economici).

Lisandro era stato nominato Navarco (comandante della flotta) da Sparta per dirigere operazione

in Asia Minore→I due amici si incontrano e nel 408 a.C si concretizza il finanziamento della

Persia verso Sparta.

-Nel 406 a.C Lisandro ritornò in patria concluso l’anno di Navarcato (non rinnovabile)

-Nel 407 a.C avviene la Battaglia di Nozio, diminuiscono i soldi di Sparta e Atene reagisce con la

Battaglia di Arginuse (vicino Lesbo): è la più grande vittoria di Atene in questa guerra

nonostante le numerose vittime (strateghi accusati di non aver recuperato i corpi e vengono

condannati a morte nonostante l’opposizione di illustri come Socrate)

-Nel 405 a.C Lisandro viene di nuovo inviato accanto al Navacro, tornarono i finanziamenti dalla

Persia→si combatte la Battaglia di Egospotami→Vince Sparta e distrugge la flotta ateniese

-Nel 404 a.C Teramene fa in modo che Atene accetti le durissime condizioni di pace e Atene

crolla per fame (non ha più né flotte né rifornimenti):

1)Abbatte le mura

2)Consegna tutte le navi eccetto 12 (numero irrisorio)→ viene sciolta la Lega delio attica

3)Richiamo in patria degli esuli

4)Firma del trattato di alleanza con Sparta (accettare di essere governata da un regime

filospartano)

Dopo la guerra del Peloponneso

Dopo le trattative di Teramene, Atene fu consegnata a Lisandro a durissime condizioni

412 a.C: rivolgimenti costituzionali ad Atene

411 a.C: Atene da Democrazia diventa Oligarchia con un colpo di Stato di Alcibiade (allora

esule presso Tissaferne).

Alcibiade aveva suggerito a degli Ateniesi ancorati a Samo di andare ad Atene per negoziare il

suo ritorno in patria poiché solo lui avrebbe potuto procurare ad Atene un rapporto privilegiato con

la Persia, essendo amico del satrapo Tissaferne.

Uno degli Ateniesi si chiamava Pisandro e fu lui a convincere Atene a mandare un’ambasceria

presso Tissaferne(trattative fallite). Piasandro in realtà lo fece per seminare idee sulle quali

discutere in assemblea, le stesse che decretarono il colpo di Stato grazie a Pisandro, Antifonte e

Teramene.

Essi fanno in modo che l’assemblea:

Abolisca il Misthos (stipendio): dovevano governare coloro che potevano difendere la città,

gli Opliti→tolto il potere ai Teti (propaganda antidemocratica)→i ricchi opliti non

necessitavano di nessun stipendio

Abolisca il reato di illegalità (γραφὴ παρανόµων): prima chi in assemblea proponeva

un’azione al limite della legge veniva processato o esiliato, ora non più

Riduca il numero di cittadini e “togliesse il diritto a tutti”: ora max.5000 potevano essere

cittadini e i posti erano occupati dai più abbienti e rientranti in una lista stilata dal Consiglio

scelto per cooptazione (chiamata diretta=mi piaci, ti chiamo, fai ciò che voglio).

Venivano nominati 5 Proedri (primi capaci di sedere sullo scranno) che dovevano individuare

ognuno 100 persone, tra le 100 ognuna ne doveva nominare 3. Sciolto il consiglio dei 500.

Consiglio dei 300+100= Consiglio dei 400→ diventa la nuova βουλή, che aveva per slogan:

-la πάτριος πολιτεία:dicevano di conoscere la costituzione più antica, quella soloniana (voce

infondata)

-la guerra era colpa del δῆµος: bisognava togliere la Democrazia per raggiungere la pace

con il re spartano Agide (che non si fidò di loro)

411-410 a.C: a Samo si rifugiano tutti i cittadini ateniesi che si ritenevano esautorati delle loro

funzioni→ Antigoverno Ateniese, movimento di protesta guidato da Trasibulo e l’oplita Trasillo.

In realtà i due, anche se definitisi democratici, erano in contatto con i 400 per far tornare Alcibiade

ad Atene (sollecitò anche loro, democratici per riprendersi lo strategato). Si prevedeva che i 500

ritornassero al governo e i cittadini alle loro funzioni.

In questo momento Teramene compie il primo voltafaccia, da essere artefice del colpo di Stato

comincia a trattare con i democratici di Samo→sciolto il governo dei 400

411 a.C: con una sortita prende potere il consiglio dei 5000 voluto da Trasibulo e Trasillo: era

Settembre e i 400 avevano perso l’Eubea per i rifornimenti contro Sparta. Secondo Tucidide

questo consiglio fu l’unico a dare veramente pieno potere a 5000 persone, ciò dimostra che

Tucidide non era democratico.

410a.C: nuovo colpo di Stato a Febbraio→ ripristino Democrazia

404 a.C: Vittoria di Lisandro (forse per trattative con Atene o direttamente)→Instaurazione del

governo dei 30 Tiranni: altra forma di governo oligarchico, 30 membri rielaborarono la

costituzione ateniese e governarono per 1 anno con appoggio militare (guarnigione di Spartani a

presidio della città con Teramene in prima linea, detto dagli storici antichi “banderuola”).

Individuarono 3000 cittadini e gli altri, rimasti senza diritti furono esuli a Megara, Argo e Tebe

(città scontenta alla fine della guerra, voleva Atene rasa al suolo ai tempi, ora vede invece che è

Sparta a perseguire i suoi interessi e ora accoglie esuli ateniesi della fama di Trasibulo).

Fu un periodo di confische, condanne a morte, bere cicuta nei confronti dei più ricchi: i meteci

più ricchi furono privati della cittadinanza, del diritto di proprietà e dei beni per rimpinguare le casse

vuote dello Stato.

403 a.C: gli esiliati sferrano un attacco a file guidato da Trasillo che si rivelò vincente.

A Munichia si ripresero il Pireo→Sparta sbaragliata

In questo periodo si verificò lo scontro tra Crizia e Teramene (vedeva in Crizia la degenerazione

del governo dei 30) e fu condannato a bere la cicuta (si dice brindò alla salute di Crizia)

403-402 a.C: Democrazia restaurata sotto l’Arcontato di Euclide.

399 a.C: Socrate fu accusato di corruzione giovanile e di onori presso altri dei, MA AVVENNE

SOTTO LA DEMOCRAZIA NON SOTTO IL GOVERNO DEI 30 COME SI PENSA! Fu

probabilmente maestro di Crizia e fu condannato da Anito e Meleto

IL QUARTO SECOLO

404-356 a.C: AUTONOMIA LIBERTÀ)

Slogan politico= (quello dell’unione panellenica era la

Fu dovuto dal decreto di Aristotele (non il filosofo) del 378 a.C che fondò una lega basata su:

- AUTONOMIA→ non subire ingerenze politiche, giudiziarie, militari e istituzionali da esterni

- AUTONOMIA → nessuna occupazione o ambasciata esterna nella città

- AUTONOMIA → non ricorrere in appello ad altre città per questioni della propria

404-371 a.C: Sparta Grecia

divenne egemone in con questo slogan, ma nonostante lo

Lisandro:

pronunciasse non era autonoma per pare che non fosse uno spartiate canonico ma un

motace (padre spartano e e donna libera) e aveva comportamenti diversi (gli spartiati dovranno

tutti uguali), Monumento dei Navarchi

essere arrivò a erigere culti sulla sua vita e il per

Atene

celebrare la vittoria su del quale lui era artefice (quando lo era tutta la città).

re Agide II Pausania

Il vedeva in lui un secondo (pedina impazzita con una visione geopolitica

Lisandro

estranea): minacciava di compromettere l’ordine spartano e fu murato vivo. fu l’unico

Armosti

però a gestire bene la situazione geopolitica attraverso gli (guarnigioni militari guidate

dall'Armosta, controllore dell’ordine pubblico)→non ci si poteva limitare a guardare il

Peloponneso Sparta visione egemonica Atene oltre l’Egeo).

(ora aveva ereditato la di mirante

Atene 404 a.C Armosta spartano Trierarchia

nel era governata da un e da una (i 30 di Atene, è

Decarchia filospartana).

capitato anche di 10 con la

Lisandro Sparta

fece governare da un gruppo di 10 massimo di 30 Armosti. Inoltre introdusse la

moneta spartana esclusivamente per finanziamento pubblico del tesoro statale in oro e argento

Sparta

(tesaurizzazione della ricchezza pubblica)→ tutto il mondo la usava e si adeguò.

Sparta

In questo periodo a si allarga la cittadinanza per far entrare persone differenti, in questo

modo dovette gestire cose al di fuori del suo ordine.

401 a.C: Dario II, Artaserse Ciro il Giovane,

muore di diritto il trono spettava ad ma come sua

Persiano)

madre, non fu d’accordo (portava il nome del fondatore dell’Impero e scoppiò una

guerra fratricida. Ciro mercenari greci dell’Asia Minore

ottenne aiuto dai (combattevano per

Spartani

soldi quando la milizia cittadina era insufficiente). Vi erano anche mercenari per il

Ciro Ciro.

semplice motivo di appoggiare volontariamente per ricambiare il favore finanziario di

Atene, Senofonte.

Ne mandarono anche da tra cui

401 a.C: Disafatta di Cunassa, Ciro Ciro

nonostante l’esercito di stesse risultando vincente,

10.000 soldati Grecia, Senofonte

morì per mano del fratello e i tornarono in secondo guidati da

Katabasi

lui stesso verso il mare (Anabasi, sarebbe dato che scendevano, ma metaforicamente

una risalita poiché l’esercito era preda del nemico in una terra ostile).

Sparta Ciro, Persia

anche se velatamente aveva appoggiato adesso che la era governata da

Artaserse Persia, inviare tre spedizioni

si ritrovò in serie difficoltà diplomatiche con la decise di

in Asia recuperare i Greci d’Asia Minore:

per

400 a.C: Tibrone Tissaferne Caria)

1) spedizione al comando di vs (satrapo di

399-397 a.C: Dercillida Farnabazo Frigia)

2) spedizione al comando di vs (satrapo di

396-394 a.C: Agesilao Titrauste Artaserse)

3) spedizione al comando di vs (gran Visir di

396-395 a.C Guerra di Corinto Sparta).

la (insofferenza per la pressione di

Casus Belli: Focesi Locresi

1) Confronto tra e Guerre Sacre

2) Popoli greci incontrati durante le

Locresi Tebe Sparta)

3) appoggiati da (aiutata da

Coalizione antispartana Atene, Argo, Tebe, Corinto denaro

4) con inizialmente finanziata con

persiano.

Fonti: Elleniche (Senofonte Ossirinco) Egitto,

e quelle di rinvenute di recente in non si mettono

solo d’accordo sul nome del satrapo finanziatore (che però eseguiva la volontà del re).

395 a.C: Battaglia di Aliarco in Beozia→ Lisandro→sconfitta Spartana

morte di

394 a.C: Battaglia navale di Cnido Greci Conone

vinta dai guidati da (uno degli Ateniesi finiti

esuli lontano negli anni dei disastri istituzionali, erano anni che non guardava una nave ateniese,

finora aveva lavorato come ammiraglio della flotta persiana).

393 a.C: Persia le mura di Atene→Atene

arrivano i soldi della e vengono ricostruite torna

Ificrate Corinto:

veramente autonoma. Intanto riporta vittorie nei dintorni di fu il primo a vincere

solo con l’assalto dei peltasti (soldati armati alla leggere con fionda, arco e giavellotto).

392 a.C: Grecia Sparta, Greci

nuove lunghe trattative tra e che promise di non toccare più i

d’Asia Minore lega greca

e in cambio promise di far sciogliere qualunque che con l’egemonia

metteva a rischio entrambe le parti.

387-86 a.C: fine guerra di Corinto

386 a.C: Pace di Antalcida=Pace del re=κοινὴ εἰρήνη, del re,

fu un’imposizione nel testo

integrale viene riportato “Al Gran re sembra opportuno…a chi violi la pace del Gran re che si

impegna a portare guerra per terra e per mare con navi e con ricchezze (con tutta la sua potenza)”

Tutti accettarono di:

Persia città greche d’Asia, Cipro Clazomene, Lemno,

-Dare alla tutte le comprese e escluse

Imbro Sciro.

e di tutti i Greci

-Autonomia del continente, piccoli e grandi indistintamente, cioè senza

supremazia l’una dall’altra (dividit et impera)

Lega Peloponneso, Sparta

-L’unica in piedi era quella del costituita da accordi bilaterali tra e

ciascun alleato.

Lega Beotica

-La ebbe dei problemi perché non rispettava affatto l’autonomia; in alcune funzioni

Tebe Peloppida Epaminonda,

si sostituiva di fatto agli altri. ed capi di Stato tebani chiesero di

Beoti→contenzioso Agesilao

firmare a nome dei con che si oppose perché dovevano firmare

Tebe Tebe Sparta→Tebe

solo a nome di e poi le altre città avrebbero firmato→Conflitto tra e

Lega Beotica. Sparta Tebe

rettificò subito la pace e si sciolse la divenne gendarme di poiché

unica città militarmente forte per sé stessa e a capo di una lega militare anche solo

πόλεις.

numericamente superiore a quelle delle altre

382 a.C: Sparta Cadmea, Tebe, Leonziade

occupa ἄστυ di grazie al filospartano che aprì le

Febida: Tebani Atene Peloppida

porte allo spartano alcuni andarono in esilio ad come ed

Epaminonda, che non potevano tollerare l’occupazione.

Olinto

Nello stesso anno attaccano (Calcide)

379 a.C: Sfodria Pireo Ateniesi. Atene

tentativo fallito di di attaccare il respinto dagli inoltre,

esuli tebani.

avendo le nuove mura, accolse gli

378 a.C: Atene Seconda Lega Navale Ateniese principio di

si pone a capo della che rispetta il

autonomia antispartani. Cos, Rodi, Chio,

ridefinito dichiaratamente a fini Alleate furono

Bisanzio Tebe,

e fu un’alleanza difensiva che man mano radunò quasi tutti i Greci delle isole e

delle coste. Si poneva:

-Nessun φόρος da pagare ma ciascuno si impegnava autonomamente a fornire un contributo

volontario (σευταξις) per la presente forza militare.

-Tutte le decisioni erano prese nel Sinedrio, Atene, Atene

consiglio che si riuniva ad nel quale

non partecipava ma proponeva le cose da votare e comandava le operazioni militari in guerra.

Ovviamente anche questa Lega sotto aveva fini egemonici che

357-55 a.C: Guerra degli Alleati = guerra sociale a seguito della quale alcuni defezionarono dalla

Chio Bisanzio.

lega e non vi tornarono più come e

La guerra d’indipendenza Atene 338 a.C

fu lo strumento di potere militare di fino al con la

Battaglia di Cheronea.

Sviluppo dei rapporti tra Tebe e Sparta

379 a.C Lega Beotica Tebe

rifondata la che prevedeva l’assemblea generale di ma il diritto di

πόλις

cittadinanza esteso ai cittadini meno abbienti. Inoltre i poteri erano tutti accentrati sulla

cebana Sparta.

e ciò era insopportabile per

377 a.C: Agesilao Beozia

si reca in e sferra un attacco fallimentare

376 a.C: vittoria di Atene Cabria l’isola di Nasso

guidata da presso

Tebe Sparta Tebe

I rapporti tra e si inaspriscono tanto che decide di espellere tutti i presidi

spartani città beotiche.

dalle

375 a.C vittoria Tebe Tegira

di a pace Sparta, Tebe Atene,

Nello stesso anno durante un congresso si intavola una tra e una

principio di autonomia,

replica della pace comune risottoscritta richiamando il ma che di fatto

l’egemonia di Atene sui mari. Atene

sanciva La pace viene immediatamente rotta e comincia a

Tebe,

temere che continua a condurre piccole azioni che potrebbero far venir meno la pace.

373 a.C: Tebe distrugge Platea, Lega Beotica.

una delle poche città beotiche non aderenti alla

libertà panellenica, Zeus Eleucterio

La battaglia divenne simbolo della sancita dall’altare di

Guerre Persiane.

(Libero) costruito dopo le Il monumento fu attaccato: significava

metaforicamente attaccare la città alleata di Atene che aveva dato cittadinanza ai pochi

sopravvissuti.

Atene Tebe solidamente antispartana

quindi comprende che aveva cominciato una politica

Seconda Lega navale Ateniese

dopo la fondazione della e che era per giunta molto pericolosa

perché rischiava di stravolgere l’equilibrio continentale e mettere in discussione la sua egemonia

sui mari. Isocrate tutta la Grecia Sparta)

È il periodo in cui teorizza un’alleanza di (con a capo contro la

Persia.

371 a.C: secondo trattato di pace a Sparta κοινὴ εἰρήνη)

(seconda replica della e si prevede il

autonomia tutte le città+scioglimento

ritiro degli armosti in tutte le città→concessione reale di a

forze navali terresti Tebe solo

di tutte le e che potrebbero farlo→L’unica che lo viola è (giura per

Beoti, 386!)

i esattamente come avvenne nel

Persia Greci

Adesso però la ha seri problemi interni e non può essere richiamata dai per

Artaserse 373 a.C

rispettare la clausola, ha problemi con l’Egitto, che perse definitivamente nel

371 a.C→ Battaglia di Leutra Sparta Tebe: 700 Spartiati,

a campo aperto tra e combattono ne

400

muoiono e costituiscono il cuore della cittadinanza degli spartiati→Sparta crolla come forza

(crollo egemonico, sociale,

militare.→Totale negazione del mito dell’invincibilità spartana

economico)→ crisi demografica

ci sarebbero volute una generazione e mezza per colmare la

Spartiati, Iloti?).

(Sparta non esiste senza altrimenti chi li controlla gli

Tebani battaglione sacro:

I vinsero con il un rinforzo dell’ala sinistra degli opliti che durante

l’avanzata doveva sfondare obliquamente, andando a spezzare l’ala destra (il fianco lasciato

Tebani

scoperto). I studiarono lo schieramento spartano poiché un loro condottiero era stato

Sparta

prigioniero a e aveva visto come combattevano e si allenavano insieme. Il nome del

battaglione deriva dal fatto che si addestrasse giorno per giorno con l’intento di combattere

insieme fianco a fianco, la manovra era un po’ suicida per l’obliquità.

371-70 a.C: congresso di pace pace di Aristotele Tebe)

riproposto il e la (sussiste di fatto

Egemonia tebana

371-370a.C: Battaglia di Leutra→ Egemonia tebana

inizio Epaminonda Pelopida

I principali fautori di essa furono gli ideatori del battaglione sacro: e , detti

Beotarchi Pelopida, Elleniche Senofonte)

(Plutarco ha scritto vita di una fonte insieme alle di

che portavano avanti strategie parallele:

1.Epaminonda Peloponneso (eccezionale militarmente)

si occupava del

2.Pelopida Grecia centro-settentrionale (eccezionale in diplomazia)

si occupava della

Sparta, Tebe

Per indebolire ancora crea azioni di disturbo nei luoghi di espansione ed egemonia

spartana e si allea con:

-Argo: Sparta, Lega del Peloponneso

eterna nemica di mai entrata nella e alcuni affermano che

Lega.

Sparta non l’avesse mai distrutta perché dava senso alla

-Elide: Olimpia, Elei.

città che ospita il santuario di abitata dagli

-Arcadia: Arcadi, Sparta non riuscì mai a dominare.

popolata dagli regione su cui In conflitto

Tegea.

con

369 a.C: Epaminonda Peloponneso Messene,

invade il e con l’appoggio degli alleati fonda

Messenia Messeni Sparta) Megalopoli,

capitale della (così i non appartengono più a e capitale

Sparta

dell’Arcadia, attorno alla quale si crea un sinecismo (cosa che aveva sempre cercato di

Spartani

evitare lasciando sparse le città arcadi). Gli erano talmente deboli da non reagire contro

Messene, Tebe Peloponneso.

ora è che decide avendo sottratto anche il controllo del

Pelopida Tessaglia 4

espande gli interessi in (Nord della Beozia, stato federale) costituita da

Fere Larissa

potenti città che si contendevano l’egemonia. e erano le più durature, altrimenti

Farsalo. Alessandro di Fere Alevadi di Larissa

c’era però si scontra contro gli (la Tessaglia era

Tagi

governata da capi di stato detti “lett. Egemonia della regione”).

Pelopida Alebadi.

viene inviato per dirimere questo scontro diplomaticamente, su richiesta degli

Pelopida Macedonia,

Contemporaneamente era stato mandato a dirigere questioni dinastiche in

368 a.C

regno a nord che nel litigava su chi dovesse essere l’erede al trono. Pelopida per

Tebe Filippo,

garantire la risoluzione portò con sé a un illustre ostaggio, un figlio minore, che

Tebe

visse a a seguito di questa azione.

Pelopida Alessandro di Fere

Nello stesso anno aveva inizialmente ottenuto che non attaccasse

Larissa, ma poi fu imprigionato dallo stesso.

367 a.C: Epaminonda libera Pelopida

367 a.C: Pelopida Persia

ambasceria di in per chiedere finanziamenti e il riconoscimento delle

Megalopoli Messene

città di e in cambio del disarmo della flotta ateniese e la volontà di

Messene Persia

assumere la tutela della pace comune (se non è riconosciuta dalla si rischia

Grecia.

l’attacco spartano). Gli accordi non furono ratificati in Circolano una serie di aneddoti su

Pelopida Persia, Pelopida

in si diceva che non era sicuro che avrebbe vinto perché

Persia Sparta

contemporaneamente si era recato in anche il re di e fino all’ultimo non era chiaro

Artaserse

se avrebbe scelto di appoggiare l’uno o l’altro, si diceva ancora che chiunque so

re di Persia προσκύνησις

recasse davanti al doveva recargli omaggio, cioè il (prostarsi al re e

Grecia

mandargli un bacio senza guardarlo negli occhi, in era un gesto rivolto alla divinità), si dice

Ismeria

che avesse fatto cadere un anello per poi raccoglierlo come prova della sua grecità (di

fatto non si era inchinato)

Persia Tebe

La alla fine concesse finanziamenti a che li usò per rifornire la flotta, l’unica cosa che

Atene. 100

serviva per assicurarsi davvero l’egemonia contro Si costruisce così una flotta di navi

Cos, Rodi, Bisanzio Chio.

e forma alleanze con e

Epaminonda Peloponneso,

continua le spedizioni nel ma poiché si stavano creando problemi

Armosti.

inviò gli

366 a.C:Tebe comincia ad avere seri problemi a mantenere l’egemonia costruita con difficoltà e

Sparta

copia

364 a.C: Pelopida Tessaglia, Cinocefale

muore in a durante la battaglia che stava combattendo

Alessandro di Fere

contro

Epaminonda Mantinea, Sparta

resta solo, città arcadica, stava scegliendo di allearsi con

362 a.C: Mantinea, Epaminonda

durante l’ennesima spedizione anispartana a muore mentre

vinceva→ vanifica l’azione

Nessuno poteva succedere i due abili capi e l’egemonia cebana finì

Egemonia macedone

Filippo II

Guidata da

Macedonia Greci

Finora la era ai margini della storia greca: i la definivano barbara anche se la

Temenidi Argo,

famiglia reale macedone (Argeadi, simbolo stella) era dei originari di inoltre alcuni

Macedoni Olimpia Greci,

avevano partecipato ai giochi di (lì partecipavano solo i quindi lo

erano). solo un regno con un trono,

Non aveva città stato ma era al quale si accedeva per acclamazione

Argeadi.

da parte del popolo in armi (aristocratici) e solo se discendenti dagli nobiltà primus

Il re non sempre era l’erede del re morto, doveva essere acclamato dalla come

inter pares Pelopida).

(spesso si necessitava di arbitri come

360-59 a.C: Filippo, Aminta,

reggente per conto del nipote minorenne sale al trono (essendo

terzo genito poteva capitare in una lotta fratricida)

Tebani, Filippo

Quando era in ostaggio dei aveva studiato molto, in particolare il combattimento

tebano→ riforma l’esercito macedone:

- battaglione sacro

Introduce

- Sarissa (lancia lunga che offriva più possibilità di offendere il nemico senza danni, creata da

alberi unicamente macedoni e senza che si spezzasse nel mezzo)

- Corpi di fanteria leggera Ificrate)

(visti solo con

Decide che a corte venissero educati tutti i giovani figli delle famiglie nobili (aveva studiato l’unità

Alessandro.

spartana e voleva rafforzare i rapporti interpersonali), tra loro vi era

l’assestamento dei confini settentrionali:

La prova fu vengono fatti ragionare molti popoli

Peoni). Tracia Anfipoli Filippo Atene

confinanti bellicosi e pericolosi (Traci e In c’era e dice ad

Macedoni.

che se ne vogliono il possesso devono obbedire ai

358 a.C: Parmenione, Illiri

suo generale, scatena l’attacco contro gli e conquista la regina

Olimpiade Filippo II Epiro) Alessandro

che sposerà (alleanza con dalla loro unione nascerà

Magno.


PAGINE

31

PESO

545.72 KB

AUTORE

heiwa

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Storia greca
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Bari - Uniba
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher heiwa di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia greca e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bari - Uniba o del prof Ruberto Antonella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia greca

Riassunto esame Storia greca, prof. Cagnazzi, libro consigliato Storia greca, Braccesi
Appunto
Riassunto esame storia greca, prof. Ruberto, libro consigliato Prime lezione di storia greca, Canfora
Appunto
Riassunto esame letteratura latina, docente Dimundo Ciccarelli Santelia, libro consigliato Storia letteraria di Roma, Fedeli
Appunto
Riassunto esame Letteratura Italiana I, prof. Di Staso, libro consigliato I tre libri di letteratura Origini_Seicento, Santagata, Carotti, Casadei, Tavoni
Appunto