Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Napoleone; Robespierre era un monarchico e la repubblica giacobina era un assolutismo

pentarchico. L'unico esito della rivoluzione francese era stato l'universalizzazione del ceto medio.

Dalla rivoluzione europea non si poteva trarre nessuna conclusione costruttiva, Bakunin, per Herzen

era un nichilista che si era lasciato sedurre dal pietrograndismo di Necaev, il nichilismo non aveva

forgiato nuovi principi ma aveva trasformato le idee in nulla.

Tkacev condusse la necaevscina all'estremo sostenendo che la rivoluzione è un atto di violenza di

una minoranza nell'interesse della maggioranza. La minoranza non poteva indugiare nell'attesa che

la maggioranza divenisse autocosciente: alla minoranza spetta il compito di imporre la coscienza

rivoluzionaria alla maggioranza. Tkacev era convinto che nella Russia autocratica la forza era

concentrata nel potere dello Stato; un autentica rivoluzione poteva inverarsi solo con la conquista

del potere governativo. Il partito rivoluzionario poi ricomparirà negli anni tra il 1905 e il 1917,

ponendo molti dubbi sulla strada da prendere per la rivoluzione russa.

LO SCENARIO DEL POTERE SOVIETICO

In una conferenza tenuta a Zurigo il 22 gennaio del 1917, Lenin affermava che l'uragano

rivoluzionario del 1905 era solo il prologo di una prossima rivoluzione europea. Tale rivoluzione si

sarebbe caratterizzata come una guerra civile che avrebbe liberato l'umanità dal capitalismo. Solo la

guerra civile e la mobilitazione permanente del movimento rivoluzionario continentale, avrebbe

potuto scuotere la Russia e l'Europa dalla guerra imperialista.

Secondo Weber, il fine della rivoluzione russa sembra condurre a un colpo di Stato che sarebbe

stato realizzato o dai bolscevichi e dai social-rivoluzionari, o da un geniale carismatico come

Napoleone o Washington. La Russia sembrava avviarsi o verso la dittatura rivoluzionaria o verso la

dittatura militare. La rivoluzione russa non poteva essere paragonata a quella francese perché non

attribuiva un valore sacro alla proprietà, un genio come Napoleone avrebbe potuto creare una nuova

Russia fondata sulla piccola proprietà contadina, intraprendendo uno sviluppo europeo.

Petr Stolypin, varò una riforma agraria che doveva realizzare la ricostruzione del mondo rurale e

che fu attuata dal 1906 al 1911: la riforma contemplava lo scioglimento della comune contadina e la

creazione di un ceto di agricoltori indipendenti e solidi economicamente. Alla rivoluzione Stolypin

contrapponeva l'idea di Grande Russia, riuscendo ad ottenere il consenso del liberalismo patriottico

degli ottobristi e del partito constituzional-democratico. Stolypin, secondo Weber, aveva sconfitto

l'opposizione democratica, risvegliando il nazionalismo della Grande Russia. Per alcuni come Pipes

egli era il migliore statista della storia della Russia imperiale, per altri aveva la caratteristica dello

zar. Per Lenin invece, era la guida della controrivoluzione e il protagonista del colpo di Stato del

giugno del 1907 che aveva imposto lo scioglimento della Duma con un pretesto: il parlamento non

aveva accettato la richiesta di togliere l'immunità a sedici deputati socialdemocratici. La rivoluzione

del 1905 e la controrivoluzione di Stolypin per Lenin attestavano che c'era una dittatura e non più

un'autocrazia, una sorta di bonapartismo agrario. Stolypin aveva instaurato la dittatura dei

proprietari terrieri e della borghesia che era l'ultima politica possibile per mantenere la burocrazia.

2. La controversia sulla dittatura del proletariato

Nel 1852, Marx formulava il concetto di dittatura del proletariato inserendolo nel contesto della

storia della lotta di classe al tempo del dominio della classe borghese e del capitale. La lotta di

classe avrebbe dovuto sfociare nella dittatura del proletariato che avrebbe abolito tutte le classi e

portare alla società senza classi. La dittatura del proletariato doveva rovesciare la dittatura della

borghesia, quest'ultima ha il controllo dello Stato in quanto detiene i mezzi di produzione. Il

proletariato deve imporre il proprio controllo sullo Stato, al fine di realizzare la trasformazione dalla

produzione capitalistica alla società comunista.

In Russia l'espressione dittatura del proletariato fu concepita da Plechanov, come supremazia di

una classe particolare che può disporre dell'organizzazione forzata della società. Per Plechanov, non

andava confusa con l'azione violenta, non implicava lo stato d'assedio e poteva coesistere con le

attività parlamentari e legali.

Il menscevico Martynov, afferma che Lenin era favorevole alla conquista del potere e alla dittatura,

lo etichettava come un giacobino ortodosso. La dittatura rivoluzionaria non implicava lo stato

d'assedio contro la vecchia dittatura e l'elevazione della rivoluzione a legge temporanea. Al centro

della diatriba tra menscevichi e bolscevichi c'era la questione della dittatura: Lenin elaborava l'idea

della conquista del potere per mano militare, forgiata da Cenysevskij e da Tkacev, dall'altra parte

concepiva il bolscevismo come un oltrepassamento del radicalismo borghese giacobino e come

affermazione di una dittatura. Quest'ultima poteva essere instaurata solo in base al potere personale

di un capo. Diversamente da Marx, Lenin affermava che si poteva passare dall'autocrazia alla

dittatura del proletariato senza passare attraverso la fase del capitalismo borghese. Lenin in un suo

opuscolo “Due tattiche della socialdemocrazia nella rivoluzione democratica” negava di essere un

giacobinista ortodosso, insistendo sul fatto che il giacobinismo francese era diverso dalla

rivoluzione russa, quest'ultima aveva metodi d'azioni diversi e conformi al partito operaio. I

bolscevichi volevano elevare la piccola borghesia rivoluzionaria e i contadini al potere, a tal fine la

dittatura avrebbe dovuto necessariamente poggiare sulla forza armata, sull'insurrezione e

sull'armamento delle masse.

3. La dittatura democratico-populista di Kerenskij e la dittatura nazionale di Kornilov

La rivoluzione del febbraio del 1917, da una parte confermava la tesi di Martynov sulla possibilità

di molte opzioni dittatoriali e dall'altra confermava la tesi di Lenin sulla dittatura del proletariato

some rovesciamento del governo provvisorio. Con Kerenskij si affermò il culto del capo del popolo

(vozd naroda) come simbolo della democrazia creato dall'intelligencija populistica patriottica. Dopo

la rivoluzione d'ottobre, il bolscevismo si appropriò di tale culto che assunse le sembianze di Lenin.

La dittatura nazionale apparve con il comandante supremo generale Kornilov. Egli voleva imporre

la legge marziale e affidare il potere nelle mani del comandante supremo. Al fine di reprimere

l'ammutinamento del comandante supremo, Kerenskij assunse pieni poteri ergendosi a capo

carismatico della rivoluzione. La sconfitta della democrazia russa, secondo Kerenskij doveva essere

attribuita alla comparsa dello spettro della dittatura militare di Kornilov. La scrittrice Zinaida

Gippius, esponente dell'intelligencija che aiutò a forgiare il culto di Kerenskij, era convinta che la

rivoluzione si sarebbe potuta arginare con un triumvirato con Kerenskij, Kornilov e Savinkov( ex

terrorista social-rivoluzionario che partecipò alla guerra civile dalla parte dei bianchi). Tale

triumvirato non si è formato per colpa di Kerenskij che apparve come un “autocrate pazzo”.

La rivoluzione bolscevica aveva inaugurato una feroce guerra civile mondiale che contrapponeva i

rossi ai bianchi. Quest'ultimi erano guidati dall'idea della dittatura nazionale incarnata da Kornilov

che morì nel 1918. Lenin dopo il suo rientro in Russia nell'aprile del 1917, venne visto come colui

che predicava la pace nella guerra imperialista e prometteva la salvezza della Russia attraverso la

spietata guerra civile.

4. La dittatura bolscevica: la polemica tra Lenin e Kautsky

In “Stato e rivoluzione” Lenin afferma che la rivoluzione violenta era la prima fonte di

legittimazione della dittatura del proletariato, quale periodo di transizione dal capitalismo al

comunismo che necessitava di una macchina di repressione per l'epurazione dei capitalisti. In “La

dittatura del proletariato” Kautsky affermava che essa era l'antitesi della Comune di Parigi. Per

Marx la dittatura del proletariato era una sorta di democrazia pura, in quanto essa doveva essere la

maggioranza, i bolscevichi invece erano una minoranza blanquista che aveva conquistato il potere.

Kaustky contrapponeva al metodo dittatoriale dei bolscevichi, il metodo democratico, perché la

rivoluzione proletaria era l'antitesi della guerra civile. I bolscevichi invece avevano instaurato una

dittatura napoleonica e un sistema di guerra civile permanente che era incompatibile con la

costituzione del socialismo. Con la statalizzazione dell'economia e della società e con il culto della

violenza, secondo Kautsky, i bolscevichi avevano elaborato una nuova teoria della dittatura del

proletariato diversa da quella di Marx e che volevano estendere in tutta Europa.

Lenin si scagliò contro il suo accusatore, imponendo la preminenza del bolscevismo nella dottrina

marxista e affermando che la dittatura del proletariato non era una forma di governo, ma la

distruzione violenta dello Stato borghese.

Secondo Trockij, la dittatura del proletariato doveva essere garantita e consolidata con il terrore,

non a caso il vanto della dittatura era la CEKA, l'apparato repressivo del potere rivoluzionario e del

terrore rosso. Secondo Struve, nella rivoluzione russa aveva prevalso il concetto di classe come

unità psichico-sociale e la lotta di classe era stata trasformata in propaganda. L'appartenenza al

proletariato non era collettiva ma individuale; lo stesso Lenin apparteneva al proletariato perché se

lo era imposto psicologicamente. Il nemico di classe, per Struve, era determinato in base a un

criterio psicologico e non economico di classe, l'indistinta avversione contro i borghesi. Il nemico di

classe era definito in base alle passioni distruttrici scatenate dagli interessi individuali. In base alla

concezione soggettiva e psicologica della classe, il socialismo avrebbe potuto incarnarsi in un

singolo uomo che si attribuiva l'identità di superproletario e assumeva in sé il destino del

socialismo.

5. La monocrazia di Stalin

Il socialismo in un solo uomo si realizzò con l'avvento al potere di Stalin, per il quale la dittatura del

proletariato era sinonimo di monocrazia del proletariato, perché a dirigere l'alleanza con i contadini

era il proletariato. La dittatura, per Stalin, era il potere basato sulla forza e il partito non era il

dittatore, ma il maestro e la guida del proletariato. All'inizio degli anni Trenta la monocrazia del

proletariato si identificò con il culto del capo. Per Stalin, la rivoluzione bolscevica inaugurava una

nuova epoca della storia mondiale: da una parte essa non era il continuo di quella francese perché

voleva abolire l'ordine capitalista europeo; dall'altra parte essa non era la insensata rivolta russa di

Pugacev. Berdjaev sosteneva che la Terza Internazionale era la realizzazione della Terza Roma.

Lo stalinismo all'epoca del socialismo in un solo paese non poteva essere una specie di fascismo

russo, non può essere visto come una prospettiva del nazional-bolscevismo e del totalitarismo

nazionalistico, in quanto il bolscevismo non divenne mai nazionale, ma rimase sempre una sorta di

internazionalismo nazionalista. L'esperienza totalitaria non può essere racchiusa né nella guerra

civile e né nella dittatura totalitaria; essa è definita come una nuova forma di autocrazia e una forma

di governo altamente dinamica, o nel caso dell'Urss di Stalin, come una perpetuazione del

dispotismo orientale e dell'asiatismo. Il Grande terrore fu l'espressione dalla massima potenza della

monocrazia anomica con un'estensione fino allo sterminio di massa, della categoria etichettata come

nemico del popolo. L'anno 1937 fu il peggiore, milioni di uomini furono deportati nei Gulag per

l'epurazione sociale. La distruzione della cerchia famigliare, per Stalin, avrebbe creato una nuova

amalgama sociale devota al Capo-Dittatore. Lo statalismo compulsivo, secondo Sokorin, era stato

introdotto da Nicola II per far fronte alla prima guerra mondiale. Aveva trasformato lo Stato in un

Chiesa, nella quale si inculcava, attraverso il terrore e la propaganda, il culto della religione politica

del marxismo-leninismo. Il proletario era assurto al potere nella persona del partito comunista,

incarnata dall'egoarchia di Stalin: tale monocrazia era indispensabile per la costruzione del

socialismo in un paese accerchiato da Stati capitalisti.

Il sistema staliniano era basato su due temi antitetici: nel lungo periodo era orientato verso la

massimizzazione del sistema economico sovietico basato sulla regolarizzazione e pianificazione;

dall'altra il culto del Capo era un fattore che distruggeva l'organizzazione burocratica.

6. Dalla dittatura del proletariato alla dittatura della nomenklatura.

Nel 1961, al XX Congresso del Pcus, Chruscev varò il nuovo programma del partito nel quale si

decretava l'abbandono della dittatura del proletariato, che aveva compiuto la sua missione storica:

l'Urss era oramai lo stato socialista di tutto il popolo. Ordinava di rimuovere la salma di Stalin dal

Mausoleo e riconfermava il culto di Lenin e l'utopia della distinzione dello Stato, quale compiuto

inveramento nella storia del comunismo. La destituzione di Chruscev nel 1964 era la conseguenza

della rivolta della nomenklatura. Quest'ultima è una oligarchia di partito che si autoproclamava

potere del popolo. La rivolta della nomenklatura era guidata da Suvlov, l'erede di Stalin che dal

1953 al 1982 fu il custode dell'ideologia e il segretario generale del Pcus. Egli pronunciò il discorso

contro il culto della personalità di Chruscev.

7. Gorbacev e la demokratura socialista

La dittatura della nomenklatura avrebbe dovuto essere rovesciata dalla perestroika; nel 1987, nel

discorso tenuto in occasione del 70° anniversario della rivoluzione d'Ottobre, Gorbacev sosteneva

che l'autentico retaggio del 1917 non era la dittatura ma la democrazia socialista. Nel rivendicare il

retaggio democratico della glasnost (libertà di espressione), Gorbacev ha sostenuto che la

perestroika è stata la terza epoca più significativa dall'esperimento sovietico, dopo il 1917 e la

Grande Guerra Patriottica. La perestroika e la glasnost avrebbero dovuto garantire un'evoluzione

social-democratica del sistema e l'Urss sarebbe stata preservata come federazione decentrata.

Sebbene sono state definite come katastrojka, per Gorbacev, esse hanno vinto perché hanno imposto

il processo di democratizzazione del sistema sovietico. La perestrojka ha seguito un indirizzo neo-

kaantiano, formalizzando il linguaggio dei diritti umani e dei principi universali. Con la perestrojka

aveva fatto emergere la contraddizione della rivoluzione dall'alto: da una parte Gorbacev sosteneva

l'idea dell'autogoverno socialista del popolo, dall'altra però era fermamente convinto di un profondo

cambiamento all'interno del partito. La frattura tra democrazia e socialismo ha condotto alla

dittatura totalitaria basata sul culto della personalità di Stalin e sul predominio della nomenklatura:

il modello sovietico era totalitario ma non socialista. L'insuccesso della perestrojka è dovuto alle

frammentazioni interne al partito democratico che nel 1917 avevano fatto cadere il regime di

Kerenskij.

LO SCENARIO POST-SOVIETICO: La verticale del potere, la dittatura della legge e il Solus

Rex

In Russia, la transizione alla democrazia ha radici negli anni della perestrojka ed è scaturita da una

rivoluzione delle elites in rivolta con l'ideocrazia sovietica e la dittatura della nomenklatura. Dopo

la dissoluzione dell'Urss c'è stato il fallimento della leadership di transizione creata da El'cin. Il suo

regime si è caratterizzato come bolscevismo di mercato e fondato su una criminale sregolatezza

dell'economia. Le riforme fondamentali non erano state realizzate e la Costituzione del 12 dicembre

del 1993, pur garantendo la libertà di espressione e di informazione, la costituzione prevede la

restrizione dei diritti e delle libertà in caso di stato di emergenza. Il bolscevismo di mercato si è

orientato verso una costruzione verticale del potere.

Putin appare sia come un icona simbolo dell'unità dello Stato russo e sia come un populista

irregolare e marziale. Egli proviene dalla cerchia dei siloviki (uomini dell'apparato militare) ed è

stato cooptato nella sfera del potere per restaurare quello Stato forte e accentrato. Putin avrebbe

dovuto sottrarre il popolo all'apatia e alla alienazione dal potere, mobilitandolo con quel progetto di

Grande Russia formulato da Struve e da Stolypin. Il 4 settembre del 2004, aveva lanciato un

appello al popolo: la mobilitazione della nazione di fronte al pericolo comune avrebbe dovuto

essere un caposaldo essenziale nella “guerra totale” per difendere l'integrità territoriale dello Stato

contro il secessionismo ceceno. Il nuovo corso inaugurato nel 2004, dimostra che l'allenaza tra

siloviki e le forze populiste si è rinsaldata ulteriormente e che Putin continua a incarnare quella

rivolta delle masse contro l'oligarchia e contro l'umiliazione subita sia dal crollo della grande

potenza sovietica, sia dalla guerra in Cecenia.

Dopo i risultati delle elezioni per la Duma del 4 dicembre del 2011, Surkov ha affermato che tali

elezioni hanno posto fine al culto di Russia Unita, il partito del potere, con un netto crollo del 15%

dei voti. Russia Unita è espressione di una sorta di centrismo conservatore e nazionalista garante

della prosperità, della stabilità e della sovranità della Russia. Tra il 2003 e il 2011 il partito ha avuto

un dominio quasi incontrastato, ma nelle elezioni del 2011 l'opposizione ha rivolto pesanti accuse al

partito Russia Unita, sfociando in nuove manifestazioni di piazza avvenute in dicembre presso

molte città russe. Secondo Surkov, tale dominio incontrastato del partito è destinato all'immobilità e

alla stagnazione, con l'istituzione della verticale del potere è necessario dare maggiore

rappresentanza ai ceti urbani scontenti. Surkov viene considerato il burattinaio che ha

monopolizzato il sistema politico russo e i mass media; è stato il creatore di tutti quei partiti minori

creati intorno al partito del potere. L'unica opposizioni importante in Russia è quella di Zjuganov


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

9

PESO

84.50 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche e relazioni internazionali (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher sciencespolitics di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'Europa orientale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Valle Roberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia dell'europa orientale

Riassunto esame storia dell'Europa Orientale, prof. Valle, libro consigliato Genealogia della Russofobia
Appunto
Geografia generale - Riassunto esame, prof. Boria
Appunto
Riassunto esame dell'esame di Storia del Risorgimento, docente Falco, libro consigliato: "Il Risorgimento e l’unificazione dell’Italia", Beales, Biagini
Appunto
Moti del 1848 e Unità d'Italia - Sabbatucci, Vidotto
Appunto