Che materia stai cercando?

Riassunto esame Sociologia e politiche delle migrazioni, prof. Agustoni, libro consigliato la sfida delle migrazioni, Cesareo Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di Sociologia e politiche delle migrazioni, basato sullo studio autonomo del testo consigliato: 'La sfida delle migrazioni' di Cesareo, dell'università degli Studi Gabriele D'Annunzio - Unich. Gli argomenti trattati sono l'immigrazione e le politiche da adottare.

Esame di Sociologia e politiche delle migrazioni docente Prof. A. Agustoni

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

6. È possibile distinguere tra diversi tipi di migranti e migrazioni:

 Volontarie (causate da esigenze economiche e dalla volontà di migliorare la propria

posizione sociale) e forzate (causate non per propria scelta, ma spinti d ragioni

impellenti, spesso quando a rischio è la loro stessa vita); nella seconda categoria

rientrano i richiedenti asilo e i rifugiati;

 Temporanee o permanenti;

 Regolari o irregolari;

2. LE MIGRAZIONI COME PROCESSO

Alcuni Paesi europei, come l’Italia, che fino agli anni Ottanta erano considerati Paesi di

emigrazione, dagli inizi degli anni Novanta sono diventati Paesi di immigrazione, configurandosi

oggi sia come Paesi di emigrazione che di immigrazione. Alcuni Paesi, invece, si configurano

solo come luoghi di transito.

Le cause di questa trasformazione sono da ricercarsi principalmente nel processo di

globalizzazione.

Le teorie che spiegano le migrazioni sono:

1. (espulsione-attrazione) o : spingono le persone a partire

PUSH-PULL TEORIA NEOCLASSICA

dal proprio Paese di origine per raggiungere i Paesi di approdo, ritenuti in grado di offrire

push:

migliori opportunità di vita; fattori repressione politica, povertà, scarsità di occasioni

pull:

lavorative; fattori libertà politica, domanda di manodopera, opportunità di mobilità sociale;

 critiche: teoria applicabile solo alle migrazioni provenienti da Paesi poveri e dirette a

Paesi ricchi; non è in grado di spiegare la traiettoria delle migrazioni (perché si sceglie

un determinato Paese piuttosto che un altro);

2. : sarebbero fattori istituzionali, di genere e razziali

TEORIA DUALE DEL MERCATO DEL LAVORO

a determinare la stratificazione della forza-lavoro; ad occupare posizioni di prestigio sarebbero

per lo più gli uomini appartenenti al gruppo etnico di maggioranza;

3. le migrazioni sono intese come spostamenti di

TEORIA DEL SISTEMA DEL MONDO:

manodopera a basso costo attivati dai Paesi capitalisti più ricchi a scapito di quelli meno

sviluppati e periferici;

 critiche: non è in grado di spiegare le difficoltà e gli insuccessi che i Paesi di

destinazione riscontrano nella gestione dei flussi migratori;

4. : le migrazioni sono la conseguenza

TEORIE DEI SISTEMI E DELLE RETI MIGRATORIE

dell’interazione tra:

 : ossia, politiche del mercato globale, rapporti tra Stati, ecc.;

MACROSTRUTTURE

 ossia, reti sociali informali create dai singoli migranti nel proprio

MICROSTRUTTURE:

percorso migratorio;

 organizzazioni reperiscono risorse umane per le migrazioni; a volte

MESOSTRUTTURE:

viene svolta legalmente, altre volte viene svolta da organizzazioni criminali;

I Paesi di destinazione devono provvedere ad attuare politiche di integrazione dei migranti, che

al contempo assicuri sia il riconoscimento delle differenze culturali, sia il mantenimento di un

sufficiente grado di coesione sociale all’interno delle società di accoglienza.

orientamento della cultura

Il fattore che maggiormente influenza questo processo è l’

maggioritaria, che può configurarsi come:

1. : la disponibilità ad accogliere il migrante è subordinata al fatto che costui

ASSIMILAZIONISTA

accetti di adeguarsi alla cultura prevalente; pluralismo culturale

: presenta una duplice versione: (i valori e i modelli di

2. PLURALISTA

comportamento propri di una cultura minoritaria sono accettati nella misura in cui essi

multiculturalismo

rimangono confinati nella sfera privata), (se la cultura minoritaria può

manifestarsi pubblicamente a seguito di un riconoscimento formale);

2 acculturalista,

L’atteggiamento dei migranti può essere definito se sono disposti ad acquisire

rifiuto,

almeno in buona parte i modelli culturali del Paese di approdo, o di se intendono

conservare le proprie tradizioni e la propria cultura.

È rilevante il nesso tra mobilità sociale e immigrazione, infatti il grado di integrazione aumenta

nella misura in cui migliora lo status socio-economico degli immigrati.

3. UN BREVE EXCURSUS STORICO

L’emigrazione italiana presenta delle peculiarità:

 ha preso avvio in un momento successivo rispetto a quello delle popolazioni

anglosassoni e tedesche, ma ha raggiunto in breve tempo dimensioni rilevanti;

 ha registrato il suo apice tra il 1900 e il 1914, periodo di notevole espansione

economica italiana;

Tra le due guerre mondiali si è verificato un declino dei flussi, sia perché i Paesi di destinazione

attivarono meccanismi di restrizione dei flussi, sia perché gli stessi Paesi di emigrazione

tentarono di arrestare l’esodo dei propri connazionali.

Per quanto riguarda le migrazioni interne, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, contestualmente al

boom economico del Nord-Ovest, molti migranti si trasferirono in Lombardia, Piemonte e

Liguria, attratti dalle opportunità occupazionali offerte dalle industrie presenti in queste regioni.

mito della modernità,

Chi migrò in quegli anni era attratto dal cosiddetto ossia migrò sia per

migliorare la propria posizione economica, ma anche perché considerava la località di

destinazione come caratterizzata da una società migliore e più moderna rispetto alla propria.

Pian piano l’Italia si trasforma da Paese di migrazione a Paese di immigrazione.

La prima immigrazione di massa si ebbe nel 1991. Era caratterizzata da albanesi che, dopo la

caduta del regime comunista nel 1990 e la successiva crisi economica che colpì il Paese,

decisero di spostarsi in massa verso Paesi che prospettavano un futuro migliore.

La crescita dei flussi migratori verso il nostro Paese ha comportato l’adozione di specifici

provvedimenti legislativi:

1. finalizzata a regolamentare l’immigrazione soprattutto sotto il profilo

LEGGE n.943 del 1986

lavorativo; conteneva alcuni principi generali quali la parità dei diritti tra lavoratori italiani e

stranieri, accesso ai servizi sociali e sanitari, salvaguardia dell’identità culturale e

regolamentazione del ricongiungimento familiare;

2. – introduce le regole di ingresso e di soggiorno degli

LEGGE n.39 del 1990 LEGGE MARTELLI

stranieri, il diritto di asilo e il riconoscimento dei diritti fondamentali della persona e del

lavoratore;

3. disciplina la programmazione dei flussi di

LEGGE n.40 del 1998 LEGGE TURCO-NAPOLITANO –

ingresso, le modalità per ottenere la carta di soggiorno, la tutela della famiglia e

dell’integrazione scolastica, introduce norme per il contrasto dell’immigrazione clandestina

(anche tramite l’introduzione dei Centri di Permanenza Temporanea);

CPT –

4. LEGGE n.189 del 2002 LEGGE BOSSI-FINI;

5. tutti i cittadini stranieri di età superiore ai 16 anni

LEGGE n.94 del 2009 PACCHETTO SICUREZZA –

che presentano domanda di permesso di soggiorno devono stipulare un Accordo con lo Stato

italiano, ossia deve frequentare un corso di italiano entro tre mesi dal suo arrivo e acquisire una

conoscenza base della lingua italiana entro due anni; egli deve garantire l’adempimento

dell’obbligo di istruzione per i figli minori e aderire alla Carta dei valori della cittadinanza e

dell’integrazione, impegnandosi a rispettarne i principi;

4. COME CAMBIANO I FLUSSI MIGRATORI

Attualmente, rispetto al passato, il viaggio intrapreso dal migrante è di sola andata e con una

prospettiva di tipo familiare.

Questo aspetto è affermato da vari aspetti:

 – determina radicamento degli stranieri nel sistema economico e

IMPRENDITORIA ETNICA

produttivo della società ed è riconducibile all’avvio e alla gestione di imprese individuali;

3


PAGINE

6

PESO

66.50 KB

AUTORE

BobsK

PUBBLICATO

3 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in sociologia
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BobsK di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sociologia e politiche delle migrazioni e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Gabriele D'Annunzio - Unich o del prof Agustoni Alfredo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sociologia e politiche delle migrazioni

Riassunto esame Sociologia e politiche delle migrazioni, prof. Agustoni, libro consigliato Tutto quello che non vi hanno mai detto sull'immigrazione, Allievi, Dalla Zuanna
Appunto
Storia economica Max Weber
Appunto
Riassunto esame Sociologia della Violenza, prof. Cifaldi, libro consigliato La devianza come sociologia, Cipolla
Appunto
Sociologia generale 1
Appunto